Le password sono un segreto a metà

Un nuovo studio britannico conferma che le password scelte dagli utenti sono troppo ovvie e facilmente intuibili


Londra – Un nuovo studio porta nuovamente in superficie un problema di sempre: la poca sicurezza delle password elettroniche. Una carenza di sicurezza che non si deve tanto ai sistemi digitali quanto al fatto che gli utenti scelgono password troppo ovvie, al punto che possono essere facilmente “intuite” da terzi.

Secondo un rapporto appena presentato da CentralNIC , il registrar dei domini.uk britannici, nelle aziende britanniche gli operatori utilizzano password ovvie oppure sistemi che possono essere facilmente “craccati” da programmi ad hoc che si possono recuperare via internet.

Stando al sondaggio condotto da CentralNIC, quasi metà degli operatori utilizza come password il proprio nome o il proprio soprannome. Un terzo, invece, preferisce il nome dello sportivo o della star che più apprezza. Non solo, la maggioranza degli utenti non si renderebbe conto di quanto facile sia individuare le password, oppure utilizzare quei programmilli che consentono di portare in chiaro le password “occultate” da asterischi.

Micheal Sutton, ingegnere di sicurezza della iDefense, ritiene che i risultati non siano sorprendenti e che in alcuni casi si vada addirittura oltre: “C’è anche chi utilizza password da una lettera o nessuna password”. Per non parlare di chi scrive le proprie password su un bloc notes o su un file facilmente accessibile: tutti elementi che mettono a rischio privacy e sicurezza.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Plausibile relazione? Non mi sembrerebbe.
    Leggendo l'articolo, sembrerebbe che:- si tratta di una ipotesi, tutta da verificare- se l'ipotesi e' corretta, questo POTREBBE essere rilevante per lo sviluppo di tumori, chetuttavia non e' mai stato evidenziato in studi epidemiologici- Secondo gli autori, questo studio e' importante perche' permette di indirizzare ulteriori studiA questo punto degli studi, non mi sembra proprio che si possa parlare di una "Plausibile relazione tra tumore e cellulare".Personalmente detesto il cellulare, non lo uso ne' lo possiedo, mi guardo tutti gli articoli che escono sull'argomento, ma finora direi che non mi preoccupa. Non lo vieto a mio figlio. Gianni ComorettoCampi EM e salute: http://www.arcetri.astro.it/~comore/campiem.html
    • Anonimo scrive:
      Re: Plausibile relazione? Non mi sembrerebbe.
      non sai l'italiano?- Scritto da: Gianni Comoretto
      Leggendo l'articolo, sembrerebbe che:
      - si tratta di una ipotesi, tutta da
      verificare
      - se l'ipotesi e' corretta, questo POTREBBE
      essere rilevante per lo sviluppo di tumori,
      che
      tuttavia non e' mai stato evidenziato in
      studi epidemiologici
      - Secondo gli autori, questo studio e'
      importante perche' permette di indirizzare
      ulteriori studi

      A questo punto degli studi, non mi sembra
      proprio che si possa parlare di una
      "Plausibile relazione tra tumore e
      cellulare".

      Personalmente detesto il cellulare, non lo
      uso ne' lo possiedo, mi guardo tutti gli
      articoli che escono sull'argomento, ma
      finora direi che non mi preoccupa. Non lo
      vieto a mio figlio.

      Gianni Comoretto
      Campi EM e salute:
      http://www.arcetri.astro.it/~comore/campiem.h
    • Anonimo scrive:
      Re: Plausibile relazione? Non mi sembrerebbe.
      - Scritto da: Gianni Comoretto
      [CUT]
      tuttavia non e' mai stato evidenziato in
      studi epidemiologici...Purtroppo temo sia un po' prematuro parlare di studi epidemiologici... Ho il sospetto che la reale conseguenza all'esposizione di radiazioni si manifesterà solo tra qualche anno, ed allora sarà troppo tardi per fare qualsiasi cosa che non sia "trarre delle conclusioni".Ma prevenire non era meglio di curare?Del resto si sa, "il senno di poi è una scienza esatta".
  • Anonimo scrive:
    bah..io comunque...
    dalle 7 ore costanti al giorno di 2 anni fa ora ho diminuito drasticamente l'uso del cellulare.....mettiamo4 ore alla settimana di media???!!!! e voi quanto ci state?
    • Anonimo scrive:
      Re: bah..io comunque...
      io dopo 2 anni di utillizzo 1/2 ore al giorno dopo l'insorgere di parecchi mal di testa , mi sono preso uno col vivavoce incorporato ( un sagem poi mi pare ci siano anche gli alcatel) e ora lo uso solo 5/10 minuti al giorno con il vivavoce e di mal di testa non ce ne sono più stati, attenzione anche ai cordles però, quando mi capita di usarli, anche li poi se li uso troppo ho piccoli mal di tesa, sono anche quelli ad onde radio e consiglio di non usarli e di usare il telefono normale con i filesaluto tutti e pensateci beneciao- Scritto da: gia
      dalle 7 ore costanti al giorno di 2 anni fa
      ora ho diminuito drasticamente l'uso del
      cellulare.....mettiamo4 ore alla settimana
      di media???!!!! e voi quanto ci state?
      • Anonimo scrive:
        Re: bah..io comunque...
        Io l'ho usato 3 volte nell'arco di circa 35 anni,pero' per telefonate brevi.
        • Anonimo scrive:
          Re: bah..io comunque...
          - Scritto da: fox
          Io l'ho usato 3 volte nell'arco di circa 35
          anni,pero' per telefonate brevi.

          Ammettendo che l'ultima volta lo hai usato oggi, vuol dire che la prima volta lo hai usato nel 1966 o giu' di li ? Complimenti: in anteprima mondiale !!!! :-)P.S. comunque non e' che io lo usi molto di piu' ...
  • Anonimo scrive:
    perplessita'
    secondo voi nel paese in cui c'e' quasi un cellulare per abitante questa cosa potra' spaventare qualcuno???credo proprio di no...sinceramente io che ho sempre odiato il telefono, odio ancora di piu' il cell!...e mi sara' stato utile si e no 3-4 volte...meno male che almeno non lo pago...ne farei volentieri a meno!Spero comunque ch non sia vero niente...Ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: perplessita'
      beh... francamente a me certe notizie fanno un po' rabbrividire... e quello che mi spaventa di piu' e' pensare che dietro ci sono talmente tanti miliardi che sara' difficile fare una ricerca rapida sugli eventuali rischi...Personalmente, ancora una notizia del genere e metto il mio cellulare nel cassetto, per sempre. Credimi.- Scritto da: MaKs
      secondo voi nel paese in cui c'e' quasi un
      cellulare per abitante questa cosa potra'
      spaventare qualcuno???
      credo proprio di no...

      sinceramente io che ho sempre odiato il
      telefono, odio ancora di piu' il cell!...
      e mi sara' stato utile si e no 3-4 volte...
      meno male che almeno non lo pago...
      ne farei volentieri a meno!
      Spero comunque ch non sia vero niente...

      Ciao
Chiudi i commenti