Londra si rimangia la supersorveglianza

Il Governo britannico non si aspettava una reazione del genere e decide di ritirare uno dei più contestati provvedimenti della sua storia. Sicurezza anzitutto
Il Governo britannico non si aspettava una reazione del genere e decide di ritirare uno dei più contestati provvedimenti della sua storia. Sicurezza anzitutto


Londra – Accesso alle informazioni private, alle email, alle registrazioni di telefonate da parte di enti locali, autorità e burocrazie provinciali e non solo da parte di organi di polizia e di sicurezza. Questo il profilo del decreto con cui il Governo inglese ha tentato di modificare le attuali normative sul monitoraggio delle comunicazioni private. Un decreto che ha suscitato allarme e indignazione ben al di fuori dei confini britannici.

Ma il Governo, proprio a causa della forte reazione alla proposta, ha annunciato di voler ritirare il decreto e venire incontro alle “modifiche spia”, come sono state definite le proposte del Governo dall’opposizione politica e dai gruppi che si battono per difendere quel che resta della privacy dei cittadini.

Va detto che da due anni il paese si è dotato del Regulation of Investigatory Powers Act, una legge vanamente contestata da tanti, che comunque consente alle diverse autorità di pubblica sicurezza di richiedere dati sul traffico internet, sulle email e sulle telefonate anche mobili ai diversi operatori qualora ritengano opportuno “tener d’occhio” un cittadino inglese…

Il Governo avrebbe voluto estendere questo potere anche agli enti locali, ad organizzazioni come i Vigili del Fuoco, le divisioni locali del ministero della Sanità e persino alla Food Standards Agency.

David Blunkett, Ministro dell’interno, ha ammesso di non aver messo in conto una tale opposizione: “Le proposte erano pensate per offrire protezione e regolamentare l’accesso ai dati. Il resto del mondo le ha interpretate completamente al contrario”. “Riteniamo – ha continuato – di averla spiegata male e dobbiamo tenere presenti i timori della gente. Se lo faremo meglio allora potremmo offrire protezione e privacy e colpire contestualmente il crimine organizzato”. Ma prima di riprovarci, ha concluso Blunkett, ci saranno ampie consultazioni parlamentari…

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

19 06 2002
Link copiato negli appunti