L'Opteron quad-core si presenta

AMD ha svelato nuovi dettagli su Barcelona, il suo futuro Opteron a quattro core che promette di migliorare drasticamente le performance dei software di virtualizzazione. Annunciati anche i primi PC Live!

San Jose (USA) – Mentre Intel si appresta a lanciare sul mercato la sua prima CPU quad-core , AMD offre un assaggio di ciò che sarà il primo Opteron a quattro core, chiamato in codice Barcelona .

AMD afferma che Barcelona, atteso sul mercato intorno alla metà del 2007, non si limiterà a prendere gli attuali Opteron dual-core e “moltiplicarli per due”, ma introdurrà una serie di novità tecnologiche tese ad incrementare ulteriormente il rapporto tra performance e consumi e migliorare sensibilmente le performance delle macchine virtuali.

Barcelona sarà il primo processore server di AMD a godere di un processo di produzione a 65 nanometri , di un path di esecuzione delle istruzioni estese a 128 bit, e di due controller di memoria indipendenti in grado di supportare moduli DDR2, DDR3 e Fully Buffer DIMM ( FB-DIMM ): questo ultimo tipo di memorie verranno però utilizzate solo più avanti nel tempo, probabilmente con l’arrivo della seconda generazione di Opteron quad-core.

Ciascun core del nuovo Opteron potrà disporre di 64 KB di cache L1, 512 KB di cache L2 e di 2 MB di cache L3 condivisa (che potrà essere anche più grande). Il chip estenderà poi la massima quantità di memoria RAM indirizzabile dall’attuale 1 terabyte a 256 terabyte : più che sufficiente per supportare anche i server di fascia più alta.

Per velocizzare la virtualizzazione , Barcelona supporterà alcune tecnologie destinate a ridurre gli accessi alla memoria e i cicli di clock tipicamente necessari per passare “il comando” del processore dal sistema operativo guest all’hypervisor, ossia il gestore di macchine virtuale.

Ieri AMD ha anche annunciato il lancio dei primi due PC, prodotti da Alienware e Dell, basati sulla propria piattaforma consumer Live! , rivale di Intel Viiv . Nello stesso tempo il chipmaker ha introdotto alcune estensioni a Live! , tra cui un software per la comunicazione video e voce, un servizio per il gioco online e un servizio Internet pensato per i più piccoli. Tutte e tre le applicazoni sono fornite da partner di AMD.

DigiTimes.com ha invece riportato un’indiscrezione secondo la quale AMD intende accelerare il passaggio verso la tecnologia a 65 nm : stando a Chartered Semiconductor , un grosso chipmaker taiwanese partner di AMD, entro la fine del prossimo anno il 90% della produzione di chip AMD sarà costituita da processori a 65 nm.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    quindi + DRM per Tutti
    Che bel futuro che ci aspetta..
    • Anonimo scrive:
      Re: quindi + DRM per Tutti
      - Scritto da:
      Che bel futuro che ci aspetta..vi aspetta o li aspetta...non ho nessuna intenzione di comprare quella schifezza DRMosa
  • danieleMM scrive:
    di già?? credevo lasciassero passare..
    ..un po' di tempo prima di creare il doppio chip...così la gente comprava un po' uno e un po' l'altro e poi RIcomprava quello doppio per risolvere le incompatibilità...inoltre mi aspettavo prima i soli lettori e POI i masterizzatori.. per catturare tutti quei consumatori che "non possono aspettare"..che abbiamo mandato in pensione i vampiri? @^mmm.. mah... secondo me si son sbagliati.. presto annunceranno che serve ancora tempo e seguiranno la trafila di cui sopra :)voi che dite?
    • Anonimo scrive:
      Re: di già?? credevo lasciassero passare
      troppo rischiso .la gente poteva decidere che si poteva andarre avanti benissimo senza l'HD e magari anche capire che il 'progresso' in reltà una presa per culo per spingerli a 'divertirsi' sempre di piu ' , cosi lavorano sempre di piu' senza farsi troppe domande sulla società in cui viviamo .
  • Anonimo scrive:
    Niente fanboy oggi?
    Ieri c'era un mezza guerra fra sostenitori di un formato e l'altro e oggi tutto tace. E' grazie al chipset pacificatore?
  • Anonimo scrive:
    Se ho ben capito...
    Il problema ora è al Sony che, nella sua licenza Blu-Ray, non consente di creare lettor/masterizzatori ibridi!
Chiudi i commenti