L'SMS che ti costa 15 euro

Lo denuncia ADUC, che parla di una nuova truffa via SMS che starebbe raggiungendo numerosi utenti italiani. Ecco di che si tratta
Lo denuncia ADUC, che parla di una nuova truffa via SMS che starebbe raggiungendo numerosi utenti italiani. Ecco di che si tratta

Firenze – Un SMS può costare 15 euro? Sì, dice ADUC, che in una nota inviata anche alla Polizia postale e all’Autorità TLC denuncia una nuova truffa telefonica ai danni degli utenti, una truffa dal sapore nigeriano e pure, per molti aspetti, del tutto italiana.

Tutto inizia da un SMS che viene spedito, errori di battitura compresi, agli utenti-obiettivo: “nella sua segreteria ci sono messaggi per te. Chiama da fisso al 899-707744, info e costi nella tuaSEGRETERIA.net”.

“È una delle tante segnalazioni che ci sono giunte – spiega ADUC – L’utente in questione non ha nessuna segreteria telefonica attivata, è stato facile ‘sgamarè la truffa, denunciare il tutto alla Polizia postale e segnalare l’accaduto al gestore telefonico”. Purtroppo non sempre è così, e l’incauto utente che telefonasse al numero indicato si troverebbe un addebito di “soli” 15 euro.

Cosa c’è dietro? “Il mittente dell’SMS – spiega ADUC – risulta essere il numero +2648-811900123, il prefisso è quello della Namibia, in Africa. Il numero a cui si invita a telefonare, invece, è italianissimo e concesso dal ministero delle Comunicazioni “.

Quindi abbiamo un soggetto che dall’estero invita a telefonare – ad un numero speciale italiano – un utente che non gli ha richiesto nessun servizio. “I risvolti illegittimi di questa operazione – sottolinea ADUC – sono due: l’invito ad usufruire di un servizio mai richiesto e la mancata autorizzazione del destinatario a ricevere l’SMS”.

“Materia per polizia postale e Authority della Privacy e delle Comunicazioni – conclude ADUC – a cui rivolgiamo un caloroso invito a scovare i responsabili e trovare rimedi prima che una nuova epidemia si diffonda”.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

17 06 2007
Link copiato negli appunti