L'SMS si legge una parola alla volta

Problemi di lettura? I caratteri del display sono troppo piccoli? Un amico è un grafomane che costringe a perdere la vista sugli SMS? La soluzione c'è e non è buttare il telefonino


Roma – Per coloro a cui si incrociano le pupille nel leggere i minuscoli caratteri degli SMS, i ricercatori della Stanford University hanno trovato una soluzione: leggerli una parola alla volta.

La tecnica, che si chiama “RSVP” (Rapid Serial Visual Presentation), è adatta ai dispositivi con piccoli display: presenta il testo di un SMS a scatti di una frazione di secondo, ponendo una parola per volta al centro del display. Ciò avviene grazie al software BuddyBuzz , grazie al quale l’utente può impostare la velocità di scorrimento del testo in base alla propria velocità di lettura.

Ma coloro che leggono il testo mentalmente (e non ad alta voce) possono arrivare a leggere un migliaio di parole al minuto, impostandolo con una frequenza ancor più rapida.
Il tempo di presentazione di ogni parola è comunque proporzionato alla lunghezza (ossia al numero di lettere che la compongono), includendo pause in corrispondenza della punteggiatura.

I ricercatori hanno ammesso che la tecnica RSVP non è applicabile universalmente: ad esempio, “non è adatta per testi accademici”, secondo Dean Eckles.

L’idea che sta alla base del progetto non è una novità. Il concetto della tecnica RSVP risale agli anni ’70, ma solo recentemente ha raggiunto l’importanza di uno strumento per migliorare l’efficienza nella lettura.

Nel 2002, l’ Università Statale di Wichita ha tentato l’applicazione della medesima tecnica per migliorare la lettura dei testi su un PDA Palm, ma senza successo: gli utenti preferivano la lettura riga per riga.

A Stanfors, BuddyBuzz era nato come risultato di una ricerca, ma ora ne stanno studiando la possibilità di commercializzazione attraverso le aziende del settore: la crescente diffusione del telefono cellulare e dell’uso degli SMS sembrano costituire ora un appetibile target di mercato.

Yahoo e Google si sono già mossi in questa direzione, offrendo la possibilità di effettuare ricerche con gli SMS. Il portale indiano Rediff.com sta percorrendo percorsi analoghi per la presentazione di breaking news.

Anche i produttori di telefonia mobile hanno allo studio tecniche simili: Motorola ha recentemente presentato Screen3, per una lettura di testi scomposta in paragrafi, richiamati in successione sul display da un clic su un pulsante.

DB

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • acik scrive:
    Esiste ancora ???
    Io pensavo che fosse ormai un modello non piu' in produzione....L' ho preso quasi due anni fa. E da ormai 8 mesi e' in soffitta... (Purtroppo non funziona con le nuove SIM 128K di Vodafone)Beh, e' un buon telefono, la sua forza sono le dimensione minuscole.La sua debolezza e' la mancanza di: MMS, IRDA, BT, Suonerie scaricabili (standard) , sfondi scaricabili (standard), fotocamera ... e tutto cio' che i telefonini di oggi hanno....CIAO
Chiudi i commenti