LTE, segnale a rischio

Le reti di nuova generazione? Estremamente vulnerabili a operazioni di jamming a prezzo accessibile. Basta un laptop, un trasmettitore e una batteria e la rete cittadina finisce KO

Roma – I ricercatori del Virginia Tech hanno messo in evidenza una grave falla strutturale presente nel segnale LTE (long-term evolution), un tipo di trasmissione radio in via di diffusione in tutto il mondo con le reti wireless di nuova generazione: basta poco, dicono i ricercatori, per buttare giù il segnale con tanti saluti alle connessioni Internet e quelle di emergenza.

Le connessioni a banda ultra-larga LTE sono a rischio jamming, una pratica particolarmente diffusa soprattutto negli Stati Uniti per mettere a tacere le comunicazioni radio in caso di necessità – o di operazioni dalla dubbia legalità.
I ricercatori sostengono come basti un laptop, un trasmettitore dal costo tutto sommato accessibile (650 dollari) e una batteria – incluse quelle delle automobili – per mettere irrimediabilmente fuori gioco un ripetitore radio che fornisce il segnale a migliaia di persone. Con l’aggiunta di un amplificatore di segnale, inoltre, un malintenzionato potrebbe “distruggere” le trasmissioni LTE in un raggio di chilometri e chilometri.

Il problema, dicono i ricercatori del Virginia Tech, è la complessità del segnale LTE : una piccola parte delle trasmissioni è costituita da istruzioni di controllo e sincronizzazione e, se si mette fuori gioco quella parte, l’interno segnale finisce KO. E non solo questo: i ricercatori identificano ben otto possibili attacchi ad altrettanti sottosistemi del segnale LTE capaci di compromettere il funzionamento della rete.

La ricerca del Virginia Tech è stata comunicata alla National Telecommunications and Information Administration, organo federale che riferisce direttamente alla Casa Bianca e che avrebbe l’intenzione di adottare LTE come sistema per le trasmissioni di emergenza.

Come risolvere questa vulnerabilità strutturale del nuovo protocollo? Il problema non è di facile soluzione, dicono ancora i ricercatori, perché lo standard LTE è di pubblico dominio e perché alla base della sua progettazione non sono stati considerati con la dovuta accortezza i pericoli derivanti dal jamming selettivo dei singoli sottosistemi di trasmissione.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • colombo scrive:
    misura internet
    ma queste notizie sono vecchie come il cucco!!!!
  • ThEnOra scrive:
    Strumento legale, non strumento per...
    Le finalità di questo strumento mi sembrano evidenti: un test sulle prestazioni effettive del collegamento Internet, certificato e riconosciuto legalmente (dovrà quindi riportare una serie d'informazioni, ecc... no?).
  • vergognoso scrive:
    evviva la burocrazia
    " Per poter quindi procedere al download occorre: Registrarsi al sito inserendo i propri dati nell'apposito form Attivare la registrazione cliccando sullapposito link riportato nella mail di conferma registrazione Accedere all'Area Privata effettuando il login tramite i codici di acXXXXX forniti nella mail che avete ricevuto Scegliere il sistema operativo e procedere al download. Nella parte inferiore della vostra Area Privata troverete una stringa alfanumerica di 31 caratteri; si tratta del codice licenza che verrà richiesto in fase di installazione per portare a termine la procedura "FATE SCHIFO, se penso che venite pagati con soldi pubblici mi vien da vomitare.
    • vergognoso scrive:
      Re: evviva la burocrazia
      Nemmeno nella peggior bettola di internet ti devi registrare per poter scaricare. Si vede proprio che siamo italiani, sempre più schifato.
  • PIPPO INZAGHI scrive:
    PESSIMI
    NON FUNZIONA PROPRIO UNA MAZZA QUESTO PROGRAMMA
  • Rock scrive:
    Scopo?
    A parte i commenti sull'usabilità e i dati personali richiesti... che scopo ha tutto questo se non c'è una legge che tutela il consumatore?Un provider mi puo' vendere una linea 1Gb/s con 0 garantito... se la linea va a 20k/s cosa posso fare io?Facciamo una legge che preveda una garanzia di banda minima decente proporzionata alla banda massima offerta e poi vediamo
    • bubba scrive:
      Re: Scopo?
      - Scritto da: Rock
      A parte i commenti sull'usabilità e i dati
      personali richiesti... che scopo ha tutto questo
      se non c'è una legge che tutela il
      consumatore?

      Un provider mi puo' vendere una linea 1Gb/s con 0
      garantito... se la linea va a 20k/s cosa posso
      fare
      io?
      Facciamo una legge che preveda una garanzia di
      banda minima decente proporzionata alla banda
      massima offerta e poi
      vediamobeh veramente un corpus di norme esiste ( https://www.misurainternet.it/delibere.php ) ...certo e' un po alla legales-incasinato... e quelle piu interessanti ( tipo http://www.agcom.it/default.aspx?message=viewdocument&DocID=2717 ) sono "solo" delibere AGCOM. Pero' cmq hanno il loro peso.Sto "coso" serve proprio per dare una spinta in piu... tu misuri, e la misurazione e' uno strumento 'legalmente valido' da opporre all'ISP... e si presume che tu faccia sto ambaradan se l'ISP non ha rispettato la delibera agcom "che Dispone che gli operatori indichino nelle informazioni, con qualunque mezzo diffuse, la banda minima garantita per tutte le offerte Internet;". Fornito sto test certificato ,o ripristina i valori minimi o puoi rescindere il contratto.Certo si potrebbe fare MOLTO di meglio, per legnare l'isp in tempi meno elefantiaci e incasinati... pero' siamo in italia... :P
    • topo gigio scrive:
      Re: Scopo?
      Ma,io nn vorrei prendere un abbagglio:ma il minimo garantito in base alla banda scelta c'è di gi, se nn erro tipo telecom dice 2 e qualke mega su una 7 mega e 10 mega su una 20 o mi ricordo male?
  • TuttoaSaldo scrive:
    Canone rai
    Vogliono i vostri dati per farvi pagare il canone rai !!!:-D
  • tucumcari scrive:
    vergogna!
    1) la applicazione è fatta con soldi PUBBLICI mi pare corretto che sia pubblico (e quindi in sorgente) il codice che abbiamo pagato.2) non è affatto chiaro ne a cosa servano ne perchè servano i dati anagrafici personali.Sarebbe corretto che non ci si limitasse (sempre di sito pagato con soldi pubblici si tratta) alla solita informativa in "legalese" ma si spiegasse in termini chiari quali sono le finalità.In parole povere ripeto ...VERGOGNA!
    • google scrive:
      Re: vergogna!
      il codice http://code.google.com/p/nemesys-speedtest/
      • tucumcari scrive:
        Re: vergogna!
        - Scritto da: google
        il codice
        http://code.google.com/p/nemesys-speedtest/A parte che il codice in questione non funziona.... e quindi non è lo stesso...La questione resta la stessa perchè vogliono i miei (o i tuoi dati)?E per giunta senza dare spiegazioni ?
        • die666go scrive:
          Re: vergogna!
          codice? quale codice? non c'è nemmeno. nel downloads è vuoto.Posso ancora capire che il codice non sia libero, perchè altrimenti prolifererebbero tonnellate di programmi leggermente diversi e altrettanti siti del tipo miSSurainternet o simili con un prog simile ma che magari è un trojan o altro. Posso capirlo, dai.Ma la registrazione non esiste. E se si fossero degnati di metterlo su torrent? Ma è palese che la gente che fa ste cose internet lo usa solo per guardare fèisbuk.
  • serotonina scrive:
    terzo grado
    Per poter effettuare quel benedetto test di velocita' in maniera "certificata" oltre a scaricare l'applet (trojan) fornito dall'autorita ,occorre fornire:- Dati anagrafici completi del titolare della linea;- Stato di famiglia fino alle 5' generazione;- Due foto autenticate in carta da bollo;- La presenza di due testimoni attendibili che abbiano un provider differente dal tuo e che non siano mai stati clienti del tuo provider, inoltre i loro provider non devono essere gli stessi;- Un notaio e la sua segretaria;- Duplice copia del documento di identita in carta da bollo con autentica e fronte retro del codice fiscale "verde". Se hai la carta di identita elettronica non va bene, devi rifare tutto da capo.- Accettare trentasette clausole presenti nel registration form...Non mi credete? Andate qui e registratevi:https://www.misurainternet.it/registration_form.php
    • Etype scrive:
      Re: terzo grado
      - Scritto da: serotoninaE' fatta da burocrati che non ne capiscono una fava in favore delle compagnie telefoniche.
    • bubba scrive:
      Re: terzo grado
      - Scritto da: serotonina
      Per poter effettuare quel benedetto test di
      velocita' in maniera "certificata" oltre a
      scaricare l'applet (trojan) fornito dall'autorita
      ,occorre
      fornire:eh sei un po esagerato pero' :P cmq se non ti interessa ottenere il reXXXXX gratuito dall'isp ,non serve avere un test legalmente valido, e quindi non serve neanche dare una pletora di dati personali.
Chiudi i commenti