Lumia 900, Nokia paga chi lo compra

Il debutto USA "sporcato" da un bug. Da Espoo decidono per la mossa ad effetto. A chi ha dato fiducia all'ammiraglia un rimborso che rende il telefono un acquisto a costo zero. Basterà?
Il debutto USA "sporcato" da un bug. Da Espoo decidono per la mossa ad effetto. A chi ha dato fiducia all'ammiraglia un rimborso che rende il telefono un acquisto a costo zero. Basterà?

Dopo la lunga rincorsa iniziata al CES di gennaio , finalmente l’ammiraglia Nokia della linea Windows Phone, il Lumia 900, è arrivato sugli scaffali statunitensi. Un debutto in grande stile, preceduto da una campagna pubblicitaria cattivella nei confronti di Apple e del resto della concorrenza, quasi a giustificare il ritardo con cui Espoo si lanciava nel fiorente mercato USA degli smartphone con un prodotto davvero all’altezza delle aspettative (peccato per le recensioni dai risultati controversi): sfortuna che, proprio al lancio, un piccolo bug software presente su alcuni esemplari del Lumia abbia complicato la vita ai possessori del nuovo telefono, costringendo Nokia a una manovra estrema per non rovinare l’immagine della sua nuova creatura.

È accaduto che alcuni Lumia 900 acquistati nei primi giorni dalla commercializzazione fossero affetti da un problema nella gestione della memoria : un bug software, che Nokia ha ammesso dipendere da lei e non da Microsoft (che produce l’OS montato, Windows Phone), che di fatto causa il progressivo malfunzionamento della rete cellulare dati fino alla disconnessione. Nessun problema per SMS e chiamate voce, ma impossibile navigare sulle moderne e velocissime reti LTE di AT&T. Una bella sfortuna, soprattutto perché il lancio è avvenuto a cavallo del weekend pasquale: chi, tra i primi acquirenti del Lumia 900, si è ritrovato col problema di connettività, ha dovuto attendere il lunedì successivo per andare in un negozio e tentare di venire a capo delle difficoltà.

Una soluzione al problema tra l’altro non banale: in principio si è sospettato delle SIM, visto che in alcuni casi la rimozione delle stesse e il successivo riavvio dei dispositivi senza sembrava garantire la sparizione del bug. Ma è stata la stessa Nokia ad attribuirsi la responsabilità del problema: il bug è software, è stata già sviluppata una patch che sarà applicata sui nuovi apparecchi in arrivo nei negozi e distribuita online a partire dal 16 aprile (via Zune). Chi è affetto dal problema, non tutti gli acquirenti di un Lumia 900, potranno andare in un negozio e scambiare il proprio terminale con uno funzionante: esemplari modificati per fra fronte al problema sono già disponibili nei punti vendita, e altri sono in viaggio.

Per non farsi mancare nulla, comunque, Espoo ha deciso anche di tentare la mossa spettacolare: tutti coloro che hanno acquistato o acquisteranno un Lumia 900 entro il 21 aprile , riceveranno uno sconto in bolletta pari a 100 dollari in segno di scusa ( ironizzando anche sulle compensazioni decise dalla concorrenza ). Considerato che il terminale si paga 99,99 dollari se abbinato a un contratto, ecco che Nokia ha di fatto trasformato per i primi clienti della sua ammiraglia la loro scelta in un acquisto a costo zero. I 100 dollari saranno scalati dalla prima bolletta, con l’azienda finlandese alla aggressiva ricerca di attenzione da parte dei consumatori così da riuscire a rilanciare le sue quote nell’importante mercato USA, imporre la presenza di Windows Phone, e dunque riguadagnare credibilità sul mercato nonostante gli annunci di conti più in rosso del previsto.

Luca Annunziata

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

12 04 2012
Link copiato negli appunti