Mac OS è il più sicuro del reame?

Secondo una società di sicurezza l'OS di Apple è assai meno vulnerabile di Windows, ma Microsoft replica che la somma dei bug è sballata. Chiamato in causa anche Linux


Roma – La scorsa settimana l’azienda inglese Mi2g , specializzata in “gestione del rischio digitale”, ha pubblicato uno studio in cui proclamava che, fra Windows, Linux e MacOS, quest’ultima è la piattaforma più sicura. In particolare, dal rapporto emerge che di tutte le vulnerabilità riportate durante i primi 10 mesi di quest’anno, il 44% di esse affliggerebbe Windows, il 19% Linux e solo l’1,9% MacOS.

Secondo Mi2g la piattaforma di Apple sarebbe anche la meno vulnerabile alle aggressioni: di tutti gli attacchi registrati a partire dall’inizio dell’anno, quelli lanciati con successo contro MacOS rappresenterebbero infatti un esiguo 0,05%.

Questi numeri, però, non sembrano convincere affatto Microsoft. Mike Nash, vice presidente della Security Business Unit del big di Redmond, ha infatti controbattuto alle conclusioni di Mi2g sostenendo che l’azienda inglese si sarebbe limitata a “sommare fra loro le vulnerabilità annunciate dai vendor e le nuove vulnerabilità riportate dagli utenti”.

“Non c’è modo – ha detto Nash – per determinare se gli stessi problemi sono stati conteggiati più volte o se sono state erroneamente riportate delle vulnerabilità”.

Altri esperti di sicurezza sono concordi con Microsoft nel sostenere che in questo genere di conteggi la cautela è d’obbligo e che non è facile distinguere fra vulnerabilità del sistema operativo e del middleware, oppure valutare appieno la gravità delle stesse. Inoltre, secondo alcuni, bisogna sempre tener conto della diffusione sul mercato di una data piattaforma.

Mi2g si difende sostenendo che nel suo rapporto ha posto particolare attenzione alla selezione delle vulnerabilità accertate e all’eliminazione di eventuali doppioni. Per quanto riguarda il rapporto fra diffusione di un sistema operativo e numero di vulnerabilità, l’azienda inglese ha spiegato che MacOS rappresenta in ogni modo un’eccezione: nonostante, infatti, abbia una quota di mercato pari al 3%, gli attacchi portati con successo a questa piattaforma sono, il proporzione, assai inferiori a quelli che colpiscono Windows e Linux.

Mi2g per altro non precisa se nel conteggio delle vulnerabilità della piattaforma di Apple abbia compreso anche quelle di Mac OS X oppure si sia limitata a considerare solo Mac OS Classic. Alcuni esperti fanno notare che questa è una distinzione importante visto che al momento gli utenti di Mac OS X rappresentano solo una frazione (un milione a maggio 2002) rispetto al totale (circa 26 milioni) degli utenti Mac.

Alcuni sostengono infatti che con l’adozione, da parte di Mac OS X, di un cuore Unix, la stabilità del sistema sia senza dubbio aumentata ma, nell’egual tempo, sia cresciuta altresì l’esposizione di questo SO agli stessi attacchi e vulnerabilità che ogni anno interessano le piattaforme Unix-based come Linux, BSD e Solaris.

A mettere altra carne sul fuoco del dibattito arriva anche Chris Klaus, chief technology officer della nota società di sicurezza Internet Security Systems, che afferma come “Linux ha più o meno le stesse falle di sicurezza di Windows in termini di quanto spesso si vedono apparire nuove vulnerabilità”.

“Un enorme quantità di vulnerabilità stanno emergendo in Linux”, ha continuato Klaus. “Dato che è open source tutti possono contribuire a sviluppare il suo codice: non esiste un’autorità centrale che verifichi la sicurezza di ogni nuovo codice aggiunto”.

Klaus ritiene poi che sia una “leggenda” anche la presunta superiorità con cui il mondo open source riuscirebbe a correggere gli errori del software. “In realtà – ha detto l’esperto di ISS – ammesso che le patch escano con più prontezza, andare a cambiare il codice sorgente a patcharlo può essere ok per una macchina, ma questo metodo d’intervento diviene un problema quando dev’essere fatto si più vasta scala”.

Dan Kusnetzky, vice presidente della systems software research presso IDC, ha espresso la propria opinione con più diplomazia, limitandosi ad affermare che “comparare il numero di vulnerabilità fra piattaforme è interessante, ma poco utile”. Kusnetzky ritiene infatti che la sicurezza non è solo una questione di bug, ma anche di rapidità d’intervento, qualità del supporto, robustezza dell’architettura. In poche parole, valutare attraverso numeri e percentuali è sempre cosa difficile.

E dunque, qual è il sistema operativo più sicuro del reame?

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Perchè un titolo così forte?
    Solo un breve messaggio per dire una cosa. Era proprio necessario usare un titolo così "forte" per un argomento di tecnologia? Non voglio fare il bacchettone, ma con tutto quello che dobbiamo sentire ogni giorno, c'è proprio bisogno di titoli come questi anche qua, su uno dei miei siti preferiti su internet?Tutto qua, complimenti comunque per il lavoro che fate ogni giorno, siete una risorsa insostituibile per chi vuole tenersi informato sul mondo ICT.
    • Anonimo scrive:
      Re: Perchè un titolo così forte?
      imho è corretto "bagno di sangue". spesso si dice cosi' anche per argomenti tecnologici, quando per esempio un progetto porta via una marea di tempo...e imho sara' un vero bagno di sangue questo argomento, i produttori stanno facendo di nuovo l'errore fatto con il dvd standard, che portera' la gente a non comprare.
      • Anonimo scrive:
        Scusa la mia totale ignoranza...
        "Scorrera' sangue" sara' forse giusto, sara' forse sbagliato come titolo... ma PORCA PU##A@A DELLA MA###LA:IMHOKE KA##O VUOL DIRE IMHO? :))))))))))Grazie della eventuale delucidazione.Nel frattempo... AMHUKI!- Scritto da: Vertigo
        imho è corretto "bagno di sangue". spesso si
        dice cosi' anche per argomenti tecnologici,
        quando per esempio un progetto porta via una
        marea di tempo...
        e imho sara' un vero bagno di sangue questo
        argomento, i produttori stanno facendo di
        nuovo l'errore fatto con il dvd standard,
        che portera' la gente a non comprare.
        • Anonimo scrive:
          Re: Scusa la mia totale ignoranza...
          - Scritto da: IMHUKU
          "Scorrera' sangue" sara' forse giusto, sara'
          forse sbagliato come titolo... ma PORCA
          PU##A@A DELLA MA###LA:
          IMHO
          KE KA##O VUOL DIRE IMHO? :))))))))))Non buttare paranoia...Trattasi del solito acromimo ammaricano che dovrebbe significare "a mio modesto parere" (In My Humble Opinion... credo... ma su "humble" non ci scommetterei lo stipendio...)
          • Anonimo scrive:
            Re: Scusa la mia totale ignoranza...
            - Scritto da: Terra2
            (In My Humble Opinion... credo... ma su
            "humble" non ci scommetterei lo
            stipendio...)Si si, è humble.... Comunque anche io uso spesso quel termine riferendomi ad un progetto complicato o a cosa simili...ma volevo solo far notare che non era forse il piu' indicato per essere usato da un organo di informazione...tutto qua :-)
  • Anonimo scrive:
    io mi kiedo...
    ...quale sarà il limite della qualità che le major vorrano realmente offrire agli utenti finali?
    • Anonimo scrive:
      Re: io mi kiedo...
      Hai ragione... come non rimpiangere i vecchi tempi dei gracchianti 78 giri e delle rumorose pellicole superotto?Sono d'accordo con te: sarebbe stato meglio se le major si fossero fermate prima. Ascoltavamo musica di qualita' peggiore, ma non lo sapevamo.- Scritto da: boh
      ...quale sarà il limite della qualità che le
      major vorrano realmente offrire agli utenti
      finali?
  • Anonimo scrive:
    Due standard si contenderanno un mercato...
    "Due standard si contenderanno un mercato che non decolla..."... che non decolla proprio grazie al fatto che due standard se lo contendono!...HAAAAAAAAAAA HAHAH AHHHAHHHHAAHH HAHAHA HA!!Giro giro tondo...
  • Anonimo scrive:
    Possono anche succhiarmelo!
    Ho finito di scaricare da Kazaa la serie completa di Voyager... 178 puntate ... 24 GB, in DIVX basta 1 CD in uno qualunque dei loro standard per finocchi esosi!!! Se la mettano pure in culo tra di loro... vincerà di sicuro lo standard NON PROTETTO... :-)))(scusate! un piccolo sfogo...)
  • Anonimo scrive:
    Bene! Bene! Gli ci sta bene!
    Cosi` imparano a fregarsene degli standard..."te l'avevo detto io!"
    • Anonimo scrive:
      Re: Bene! Bene! Gli ci sta bene!
      Ma proprio non vogliono imparare la lezione?Sbagliare è grave ma perseverare è diabolico.Intanto continuo ad aspettare che si mettano daccordo su sto standard arrangiandomi col CD-RW, thièèè!!!Se non propongono masterizzatori DVD al prezzo di quelli per CD comprare una delle due versioni diventa un rischio, non mi sembra un gran affare acquistare un prodotto che potrebbe avere un futuro brevissimo (in caso di netta supremazia dello standard conccorrente).Per chi si ricorda la battaglia tra betamax e vhs.
      • Anonimo scrive:
        Re: Bene! Bene! Gli ci sta bene!
        Io credo che risolvero' comprando un modellocompatibile con entrambi i formati(sia R che RW).In queste situazioni e' la sola soluzionepraticabile.P.s. mi riferivo al DRU 500 della sony
      • Anonimo scrive:
        Re: Bene! Bene! Gli ci sta bene!
        Eh, si'...proprio vero.E vorrei anche sentire, chissa', l'opinione attuale sulla questione di quelli che un anno e mezzo fa su questo forum mi dettero dell'idiota perche` mettevo l'importanza degli standard davanti alla performance dei dispositivi...Meno male che, lentamente, ma si cresce...
  • Anonimo scrive:
    2 ore??
    "20 GB sono in ogni caso già sufficienti per registrare circa due ore di video in alta definizione."Suvvia, in DivX (o in qualunque altra implementeazione MP4) ce ne staranno _almeno_ 8 di ore!
    • Anonimo scrive:
      Re: 2 ore??
      - Scritto da: Zane
      "20 GB sono in ogni caso già sufficienti per
      registrare circa due ore di video in alta
      definizione."

      Suvvia, in DivX (o in qualunque altra
      implementeazione MP4) ce ne staranno
      _almeno_ 8 di ore!_Alta_definizione_, significa quindi molto superiore all'attuale dvd che ha un misero 720x576, possibilmente con tracce audio ad un bitrate superiore a quello attuale.Considera che per avere uno stream video di portata normale (sull'onda di un dvd) in mpeg4 serve un hardware molto più potente di quello usato attualmente in mpeg2.Saluti
    • Anonimo scrive:
      Re: 2 ore??
      ti ricordo che 'alta definizione' non è il formato PAL 768x576 25fr/sec 16 bit colore(grande vittoria per DVX riprodurlo su di un PC) ma 1250x568 50fr/sec a 64 bit colore che è un'altra cosa da riprodurre in real time......
      • Anonimo scrive:
        Re: 2 ore??
        - Scritto da: giò
        di un PC) ma 1250x568 50fr/sec a 64 bit
        colore che è un'altra cosa da riprodurre in64 Bit di colore???!!Cioè 18'446'744'073'709'551'616 colori?mi sembrano un po' tantini 18 miliardi di miliardi di colori... ^_-O ti riferivi all'audio?beh, comunque mi sembra tantino lo stesso come precisione audio...
        • Anonimo scrive:
          Re: 2 ore??
          Alta definizione puo' essere applicata anche ai "miseri" 720x576 a 25 fps, diminuendo notevolmente la compressione.Se tenete conto che ogni singolo fotogramma non compresso e' circa 1.2 Mb, siamo circa ad 1.8 Gb al minuto .... quindi ci si avvicinerebbe notevolmente al non compresso (sempre che poi l'hardware riesca a stare dietro al flusso di dati). Praticamente riusciremmo ad avere qualita' betacam su un "normale" DVD .... bhe non male direi.Sprawl
  • Anonimo scrive:
    Come? Cosa?
    cosa? Come? ... un altro DVD?quindi i miei film li devo gettare al secchio?
    • Anonimo scrive:
      Re: Come? Cosa?
      No, penso (spero) sarà retrocompatibile!
      • Anonimo scrive:
        Re: Come? Cosa?
        retrocompatibile si, ma riediteranno tutti i film in alta risoluzione, e chi resiste poi a non ricomprarli? o almeno a non ricomprare il film migliori, ilnoltre occorrera' anche ricomprare la tv, immagino, quelle di ora già col dvd sono alla frutta.
        • Anonimo scrive:
          Re: Come? Cosa?
          - Scritto da: iL lordo
          retrocompatibile si, ma riediteranno tutti i
          film in alta risoluzione, e chi resiste poi
          a non ricomprarli? o almeno a non ricomprare
          il film migliori, ilnoltre occorrera' anche
          ricomprare la tv, immagino, quelle di ora
          già col dvd sono alla frutta.rimanderemo indietro il vecchio dvd ai signori delle major di hollywood dicendo: ci avete bloccato il p2pci avete chiuso il pc (palladium). Ora ci cambiate questo dvd alla nuova versione , perche' abbiamo pagato .:-)
          • Anonimo scrive:
            Re: Come? Cosa?
            - Scritto da: samu


            - Scritto da: iL lordo

            retrocompatibile si, ma riediteranno
            tutti i

            film in alta risoluzione, e chi resiste
            poi

            a non ricomprarli? o almeno a non
            ricomprare

            il film migliori, ilnoltre occorrera'
            anche

            ricomprare la tv, immagino, quelle di ora

            già col dvd sono alla frutta.

            rimanderemo indietro il vecchio dvd ai
            signori delle major di hollywood dicendo: ci
            avete bloccato il p2p
            ci avete chiuso il pc (palladium). Ora ci
            cambiate questo dvd alla nuova versione ,
            perche' abbiamo pagato .
            :-)Risposta delle major: "*din-don* State aspettando di essere messi in contatto con l'interno desiderato, intanto apprezzerete lo spot del nuovo formato ad alta-risoluzione, che potrete avere SOLO pagando profumatamente e ingrassando i nostri conti correnti. Grazie... *CLIC*"
    • Anonimo scrive:
      Re: Come? Cosa?
      No, basta per un attimo fermarsi e dire: cosa mi è veramente indispensabile? Cosa è veramente necessario che io compri? Vedrai che ci sono molte altre cose più utili e gratificanti che avere un film nell'ultimo formato digitale disponibile. Ciao
Chiudi i commenti