Manhunt 2 pericoloso per gli adulti

Lo hanno rivisto al ribasso, rendendolo molto più innocuo, ma secondo la Commissione Censura britannica il titolo di Take Two Interactive è ancora pericoloso per gli adulti come per i bambini

Londra – La guardia stretta della censura britannica non si abbassa: il videogioco più controverso di questi mesi, Manhunt 2 , non può ancora trovare la via agli scaffali del Regno Unito. La Commissione Censura inglese ritiene infatti che il titolo, sebbene ritoccato per ridurne la violenza, sia ancora troppo cruento perché se ne possa autorizzare la distribuzione.

dal videogame Se negli Stati Uniti la versione ritoccata del gioco ha ottenuto il via libera per una diffusione limitata agli over17, nel Regno Unito la British Board of Film Classification , incaricata di valutare film e videogiochi, ha fatto sapere che “l’impatto delle revisioni sulle suggestioni ossianiche del gioco, o la natura del gameplay, sono del tutto insufficienti”.

Ciò che colpisce, e che colpisce anche i produttori di Manhunt 2, è il fatto che la Board ritenga il contenuto inadatto agli adulti , una posizione che incarna quella di Stato tutelare , di Stato padre-padrone tipico dei paesi mediterranei come l’Italia piuttosto che del Regno Unito. D’altra parte è quello il paese nel quale hanno fatto il giro delle prime pagine denunce sul tipo di quella madre secondo cui il figlio è divenuto omicida per colpa di Manhunt.

La suggestione è quindi fortissima e l’attenzione dei media tradizionalisti è alle stelle. In una nota, i produttori spiegano che “i cambiamenti necessari per poter pubblicare il videogioco nel Regno Unito sono inaccettabili e rappresentano un colpo duro ai videogame. La Board consente agli adulti di decidere da sé quando si parla di horror nei film, noi riteniamo che gli adulti dovrebbero poter scegliere da sé anche quando si parla di horror nei videogiochi, come in Manhunt 2”.

Come noto anche in Italia il videogioco è stato preso di mira per i suoi contenuti e proprio dal nostro paese è pervenuto nei mesi scorsi un appello alle industrie e alle autorità europee affinché titoli di questo tipo non solo non raggiungano i mercati ma, possibilmente, non vengano proprio prodotti. Naturalmente Manhunt 2 come molti altri videogiochi gira sulle reti di file sharing , dove chiunque può scaricarlo, in modo abusivo, magari sotto lo stimolo dell’enorme pubblicità derivatagli dalla censura, gioco che molti esperti considerano mediocre.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Inversione Bastiana scrive:
    album gratis
    con il mio gruppo, Inversione Bastiana, abbiamo pubblicato le nostre canzoni gratuitamente su internet, in c..o alle case discografiche!!!ScArIcAtE che non vi denunciamo!!!www.inversionebastiana.aponet.it
  • giovannielm o scrive:
    w p2p
    http://www.tgaserver.net
  • Ricky scrive:
    E' tutta illegalita'...
    Noi che sfruttiamo la grande rete per "condividere" sappiamo benissimo che non paghiamo quello che scarichiamo e quindi siamo nell'illegalita'.Chi vende audio/video usa cartelli e mette prezzi assurdi,sono anche loro nell'illegalita' ma a differenza nostra LORO possono permettersi di rendere tutto LEGALE.Quindi 2 pesi,sue misure.I cittadini sono DISEGUALI rispetto alla legge...rispetto alla Costituzione e via dicendo.Quindi...si combatte l'illegalita' con altra illegalita' e ci rimettiamo tutti.Pero' le major non tengono conto dell'indotto...non si sono MAI venduti tanti HD,mp3 player,connessioni a banda larga,pezzi aqggiuntivi e software per pc come da quando esiste il P2P.Il fatto che esista porta benessere a molta piu' gente che non se non esistesse...quindi il problema e' semmai renderlo efficace per far contenti tutti...e sembra che una via ci sia.Certo e' che le major non la vogliono intraprendere,perderebbero soldi per farli arrivare a molte piu' tasche che pero'...NON SONO LE LORO!Provate a pensarci...se compero un cd ho N brani di cui,se mi va' bene, meno della meta' mi piacera'.I brano sono NON COMPERSSI e su supporto molto piu' stabile nel tempo di un cd scrivibile.Se li compero tramite internet DEVO avere un tot di spese accessorie:Costo internet,costo supporto,costo transazione,costo masterizzazione,tempo perso e sopratutto BRANI CON QUALITA' "SIMILE" al cd ma in effetti assai distante.A meno di usare formati che non perdano alcuna informazione sulla forma d'onda originaria (e non e' certo il caso degli MP3).Come possono quantificare le reali perdite sti signori?!E come fanno a paragonare un brano cd con uno mp3?!non sono mica la stessa cosa...Sanno benissimo che su 100GB di mp3 in realta' una persona media ha 10 album di interesse e il resto RUMENTA messa li epr fare massa...E magari di quei 10 9 li ha messi lui in share perche' li avevi originali!Insomma...i conti non tornano e nemmeno la cattiveria con cui si cerca di reprimere il p2p.E IL FAMOSISSIMO BALZELLO AUMENTATO PURE NEL TEMPO!?L'EQUO COMPENSO"?! EQUO PER CHI?! e su tutto quello che capita a tiro...!Se ti ho gia' pagato l'equo...perche' rompi?Se ti hanno pagato anche milioni di persone che NON fanno P2P... perche' stressi?Non ti pare di aver rastrellato abbastanza?!INGIUSTAMENTE?Ci vorrebbe una proposta FORTE che NORMALIZZASSE tutte queste storture da AMBO LE PARTI...una volta per tutte.
    • detg fwf scrive:
      Re: E' tutta illegalita'...
      - Scritto da: Ricky
      Noi che sfruttiamo la grande rete per
      "condividere" sappiamo benissimo che non paghiamo
      quello che scarichiamo e quindi siamo
      nell'illegalita'.
      Chi vende audio/video usa cartelli e mette prezzi
      assurdi,sono anche loro nell'illegalita' ma a
      differenza nostra LORO possono permettersi di
      rendere tutto
      LEGALE.
      Quindi 2 pesi,sue misure.
      I cittadini sono DISEGUALI rispetto alla
      legge...rispetto alla Costituzione e via
      dicendo.
      Quindi...si combatte l'illegalita' con altra
      illegalita' e ci rimettiamo
      tutti.
      Pero' le major non tengono conto
      dell'indotto...non si sono MAI venduti tanti
      HD,mp3 player,connessioni a banda larga,pezzi
      aqggiuntivi e software per pc come da quando
      esiste il
      P2P.
      Il fatto che esista porta benessere a molta piu'
      gente che non se non esistesse...quindi il
      problema e' semmai renderlo efficace per far
      contenti tutti...e sembra che una via ci
      sia.
      Certo e' che le major non la vogliono
      intraprendere,perderebbero soldi per farli
      arrivare a molte piu' tasche che pero'...NON SONO
      LE
      LORO!
      Provate a pensarci...se compero un cd ho N brani
      di cui,se mi va' bene, meno della meta' mi
      piacera'.
      I brano sono NON COMPERSSI e su supporto molto
      piu' stabile nel tempo di un cd
      scrivibile.
      Se li compero tramite internet DEVO avere un tot
      di spese accessorie:Costo internet,costo
      supporto,costo transazione,costo
      masterizzazione,tempo perso e sopratutto BRANI
      CON QUALITA' "SIMILE" al cd ma in effetti assai
      distante.
      A meno di usare formati che non perdano alcuna
      informazione sulla forma d'onda originaria (e non
      e' certo il caso degli
      MP3).
      Come possono quantificare le reali perdite sti
      signori?!E come fanno a paragonare un brano cd
      con uno mp3?!non sono mica la stessa
      cosa...
      Sanno benissimo che su 100GB di mp3 in realta'
      una persona media ha 10 album di interesse e il
      resto RUMENTA messa li epr fare
      massa...
      E magari di quei 10 9 li ha messi lui in share
      perche' li avevi
      originali!
      Insomma...i conti non tornano e nemmeno la
      cattiveria con cui si cerca di reprimere il
      p2p.
      E IL FAMOSISSIMO BALZELLO AUMENTATO PURE NEL
      TEMPO!?L'EQUO COMPENSO"?! EQUO PER CHI?! e su
      tutto quello che capita a
      tiro...!
      Se ti ho gia' pagato l'equo...perche' rompi?Se ti
      hanno pagato anche milioni di persone che NON
      fanno P2P... perche' stressi?Non ti pare di aver
      rastrellato
      abbastanza?!INGIUSTAMENTE?
      Ci vorrebbe una proposta FORTE che NORMALIZZASSE
      tutte queste storture da AMBO LE PARTI...una
      volta per
      tutte.segnala abuso
  • lucio scrive:
    buona fortuna
    Un "in bocca al lupo" a Jammie perche' questa vicenda si concluda nel migliore dei modi. Lux
  • mythsmith scrive:
    Mi sono entrati i ladri in casa
    Con un portatile. Si sono seduti nel salotto (maledetti!) hanno acceso il marchingegno malefico, e si sono masterizzati un cd, per poi fuggire di gran fretta.Gli avvocati della RIAA ora vogliono che io paghi 9000 euro ogni brano del cd, perché tengo la porta di casa aperta e sono contrario ad ogni barriera tra me e gli altri esseri umani.La beffa è che gli avvocati mi hanno assicurato che se i ladri avessero rubato quel cd, e non copiato, ora non dovrei pagare 216000$ di multa, ma solo ricomprarmi il cd.
    • i controlli a campione scrive:
      Re: Mi sono entrati i ladri in casa
      - Scritto da: mythsmith
      Gli avvocati della RIAA ora vogliono che io paghi
      9000 euro ogni brano del cd, perché tengo la
      porta di casa aperta e sono contrario ad ogni
      barriera tra me e gli altri esseri
      umani.Sei direttamente responsabile di quello che c'è all'interno della tua abitazione e di quel che vi accade. Se hai un'assicurazione contro terzi e questa viene a sapere che lasci la porta di casa aperta (e disgraziatamente qualcuno si fa male),non paga neanche un centesimo e rescinde subito il contratto.

      La beffa è che gli avvocati mi hanno assicurato
      che se i ladri avessero rubato quel cd, e non
      copiato, ora non dovrei pagare 216000$ di multa,
      ma solo ricomprarmi il
      cd.Ma che avvocati d'egitto, se davvero avesti chiesto a un'avvocato ti avrebbe fatto notare da subito la mole di sciocchezze che dici.
      • mythsmith scrive:
        Re: Mi sono entrati i ladri in casa

        Sei direttamente responsabile di quello che c'è
        all'interno della tua abitazione e di quel che vi
        accade. Se hai un'assicurazione contro terzi e
        questa viene a sapere che lasci la porta di casa
        aperta (e disgraziatamente qualcuno si fa
        male),non paga neanche un centesimo e rescinde
        subito il
        contratto.Nulla era assicurato. E poi, non mi hanno mica rubato niente. Il cd è ancora lì: l'hanno solo copiato!E poi, in quale legge sta scritto che è obbligatorio avere serrature?
        Ma che avvocati d'egitto, se davvero avesti
        chiesto a un'avvocato ti avrebbe fatto notare da
        subito la mole di sciocchezze che
        dici.Uh, dici che se mi avessero pure rubato il cd, ora dovrei pagare comunque i 216000$ di multa?Certe leggi proprio non le capisco. Ma non sono avvocato: evidentemente è giusto così. Io sono responsabile di ciò che gli altri fanno a me, non ciascuno delle proprie azioni.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 09 ottobre 2007 13.36-----------------------------------------------------------
      • Quasi d'accordo scrive:
        Re: Mi sono entrati i ladri in casa
        - Scritto da: i controlli a campione
        - Scritto da: mythsmith


        Gli avvocati della RIAA ora vogliono che io
        paghi

        9000 euro ogni brano del cd, perché tengo la

        porta di casa aperta e sono contrario ad ogni

        barriera tra me e gli altri esseri

        umani.

        Sei direttamente responsabile di quello che c'è
        all'interno della tua abitazione e di quel che vi
        accade. Se hai un'assicurazione contro terzi e
        questa viene a sapere che lasci la porta di casa
        aperta (e disgraziatamente qualcuno si fa
        male),non paga neanche un centesimo e rescinde
        subito il
        contratto.
        Questa è una delle più grosse cavolate che abbia mai sentito... Se invito due amici per una cena e uno ammazza l'altro vado in galera io perchè SONO DIRETTAMENTE RESPONSABILE DI QUELLO CHE ACCADE IN CASA MIA (a sentire te ovviamente). Ti rendi conto dell'assurdità che hai detto? =))))))PS: l'assicurazione sulla casa copre eventuali danni a terzi derivanti da eventi imprevisti e involontari inerenti la tua casa e le sue suppellettili. Se uno entra in casa tua, anche invitato, anche con la serratura aperta, e commette volontariamente un reato, non sei tu a doverne pagare le conseguenze. A meno che, questo qualcuno non sia immaginario, e tu non venga accusato per il reato commesso. =)
        • i controlli a campione scrive:
          Re: Mi sono entrati i ladri in casa
          - Scritto da: Quasi d'accordo
          Questa è una delle più grosse cavolate che abbia
          mai sentito... Se invito due amici per una cena e
          uno ammazza l'altro vado in galera io perchè SONO
          DIRETTAMENTE RESPONSABILE DI QUELLO CHE ACCADE INUna persona con una volontà e un'oggetto inanimato sono due cose differenti.
          CASA MIA (a sentire te ovviamente). Ti rendi
          conto dell'assurdità che hai detto?
          =))))))L'assurdità la stai dicendo tu. Evidentemente non hai ben presente di cosa si sta parlando.
          PS: l'assicurazione sulla casa copre eventuali
          danni a terzi derivanti da eventi imprevisti e
          involontari inerenti la tua casa e le sue
          suppellettili. Se uno entra in casa tua, anche
          invitato, anche con la serratura aperta, e
          commette volontariamente un reato, non sei tu a
          doverne pagare le conseguenze. A meno che, questo
          qualcuno non sia immaginario, e tu non venga
          accusato per il reato commesso.
          =)Se tu lasci la porta aperta si può ipotizzare comunque il reato di violazione di domicilio per chi vi entra, ma se questo tizio si fa male, tu sei il responsabile. Poche storie.
          • mythsmith scrive:
            Re: Mi sono entrati i ladri in casa

            Se tu lasci la porta aperta si può ipotizzare
            comunque il reato di violazione di domicilio per
            chi vi entra, ma se questo tizio si fa male, tu
            sei il responsabile. Poche
            storie.Ma nel mio caso non si fa male nessuno. Il ladro entra, commette un reato (copia i cd) e se ne esce sano come un pesce.Eppure io devo pagare per un reato commesso da lui ... questa sì che è giustizia.
      • paprizio scrive:
        Re: Mi sono entrati i ladri in casa
        - Scritto da: i controlli a campione
        - Scritto da: mythsmith


        Gli avvocati della RIAA ora vogliono che io
        paghi

        9000 euro ogni brano del cd, perché tengo la

        porta di casa aperta e sono contrario ad ogni

        barriera tra me e gli altri esseri

        umani.

        Sei direttamente responsabile di quello che c'è
        all'interno della tua abitazione e di quel che vi
        accade. Se hai un'assicurazione contro terzi e
        questa viene a sapere che lasci la porta di casa
        aperta (e disgraziatamente qualcuno si fa
        male),non paga neanche un centesimo e rescinde
        subito il
        contratto.




        La beffa è che gli avvocati mi hanno assicurato

        che se i ladri avessero rubato quel cd, e non

        copiato, ora non dovrei pagare 216000$ di multa,

        ma solo ricomprarmi il

        cd.

        Ma che avvocati d'egitto, se davvero avesti
        chiesto a un'avvocato ti avrebbe fatto notare da
        subito la mole di sciocchezze che
        dici.eh te invece sei saggio e dici cose sensate. se casca un meteorite sulla terra, e il primo punto di contatto è la tua casa, te diventi responsabile della distruzione del pianeta. certo, se avesti chiesto a wilma de angelis ti avresse detto che sei mejo te.
        • i controlli a campione scrive:
          Re: Mi sono entrati i ladri in casa
          - Scritto da: paprizio
          eh te invece sei saggio e dici cose sensate. se
          casca un meteorite sulla terra, e il primo punto
          di contatto è la tua casa, te diventi
          responsabile della distruzione del pianeta.
          certo, se avesti chiesto a wilma de angelis ti
          avresse detto che sei mejo
          te.Ora capisco perchè ci sono tanti troll qua dentro, molti lo fanno per professione altri per vocazione naturale.
  • Kintik scrive:
    Le prove non esistono
    Questo è un processo farsa, fa acqua da tutte le partiSi era notato già l'altra volta http://punto-informatico.it/p.aspx?i=2081695 dove si dice che sul suo computer non esistano i files condivisi. L'accusa è del tutto debole.Una fantomatica società di sicurezza avrebbe non si sa come, nessuno cioè conosce l'esatto procedimento tecnico, rilevato un fanotmatico IP e una certa data/ora che il provider poi asserisce dopo mesi o anni di distanza essere della signora ...Certo come no, poi è arrivato Babbo Natale a distribuire doni a tutti i bambini del pianeta in 0,000002 sec x bimboBasti pensare che a un provider medio arriveranno 1 milione di contatti al giorno x 2 anni di log... = una marea di dati talmente enorme che è impossibile tecnicamente una prova tutt'altro che certa e attendibileQuell'IP poteva essere di chiunque, il procedimento tecnico di rilevazione fa ridere se non paura (a sto punto chiunque può essere accusato di qualunque cosa)Se non sono stati trovati materiali illegali a casa della tizia, non un cd,dvd,un floppino con mp3 come cavolo ha fatto una giuria a comminare una multa così alta ?
  • p2psicuro scrive:
    ANTSP2P e MUTE la soluzione definitiva
    non volete problemi con gente che va con gli ip e le date stampate su carta alla polizia dicendo di arrestare quel tizio che aveva quel ip?con quei 2 programmi anche se raccolgono ip e orari non possono dimostrare nullapoi sul metodo di raccolta di prove il caso della peppermint mi dice tutto che raccoglievano ip tramite una ditta EXTRACOMUNITARIA per non rispettare le leggi dell'europa
  • Nello Gala scrive:
    Open sourcE
    Sembra un paradosso...9000 $ per file, manco fosse lei la madre di tutti i p2p!Ma una cosa si nota...appena si parla di p2p subito qualcuno butta in mezzo l'open source...ma perché?Vero che sulle reti p2p si scaricano programmi open ma non è illegale...Accomunare i due fenomeni è da ignoranti e fa capire come dipendiamo da ciò che dicono i media...L'open source è un movimento che permette di vedere i sorgenti dei programmi, come la UE voleva per alcuni prog made MS, mediaplayer in primis...Ma fino a che ci sarà gente che vede nell'open source un male o peggio software gratuiti da scaricare il movimento non potrà progredire...La cosa buffa è che persino Bill Gates ha capito cos'è l'open source e ha stretto legami con aziende come Novell mentre noi utenti non capiamo la portata del movimento...Più leggo i treads dei vari forum più m rendo conto che difficilmente si può chiedere di usare software open come linux sui pc non tanto di casa, quanto della pubblica amministrazione...Siamo un popolino che se non troviamo explorer Ms non sappiamo neanche cosa farcene di un Pc!Ci meritiamo i vari software piwni di drm e simila e poi non ci lamentiamo se ci multano per aver scaricato anche solo una canzone dal mulo....
    • Ivan scrive:
      Re: Open sourcE
      - Scritto da: Nello Gala
      Siamo un popolino che se non troviamo explorer Ms
      non sappiamo neanche cosa farcene di un
      Pc!mamma mia che mega quotone !!
  • Obi Lan Kenoby scrive:
    Ho un'altro sospetto ...
    ... che la tipa sia stipendiata dalla RIAA. Se perdono, pagano se stessi - se vincono, creano un precedente legale chiave.Le tesi difensive della tipa, sono talmente puerili che non reggono di fronte alla carta velina: puo' sperare in una giuria compassionevole, questo si.
    • Ricky scrive:
      Re: Ho un'altro sospetto ...
      Macchiavellico.... :)Sono sempre stato scettico sull'intelligenza delle major,tutto quello che fanno va' solo CONTRO il futuro che si va' delineando.Ma questa volta potresti anche avere ragione,pur di non seguire i tempi e pur di potersi tenere tutto sotto le grinfie per dettare legge sarebbero disposti anche a simili accrocchi legali.Ma ora abbi paura!Perche' se non ci avevano pensato ADESSO leggendoti potrebbero avere l'illuminazione...e TU saresti la causa primaria di inenarrabili sofferenze per tutto il p2p... :)SHHHHSSHHHH, non diamo loro nuovi SPUNTI su cui lavorare...!
  • Diego scrive:
    Diversi Tribunali
    Mah, le vicende da tribunale negli USA sono decisamente diverse dalle nostre.L'equazione gravità - pena pecuniaria è spesso non gestita in relazione al danno effettivo quanto al messaggio che si vuole dare.Quando danno ad esempio risarcimenti di milioni di dollari alla famiglia di un morto per errori di un medico, o ai processi anni fa per le grandi sorelle del tabacco. Le giurie ed i giudici spingono per far passare un messaggio, a scapito a volte del singolo agnello sacrificale.E comunque ci sono posizioni indifendibili. Mettere materiale protetto da diritti d'autore nella directory condivisa da un p2p è un'azione premeditata e punibile. Non si può neanche fare appello all'ignoranza di come utilizzare un programma perchè non è una scusante.Noi che condividiamo musica o film lo facciamo sapendo di essere nell'illegale. Non dico che sbagliamo, non dico che sia giusto foraggiare le major, non dico che credo sul serio che la musica scaricata verrebbe comprata.Certo, le cassettine sono sempre esistite, e bisogna essere consapevoli che internet fa decisamente piu paura. Si possono avere molte ragioni ma ciò non toglie che una legge, seppur sbagliata, è sempre una legge e sopratutto negli USA l'impunibilità non è una chimera legislativa come qui da noi. Solidarietà alla signora.
    • ryoga scrive:
      Re: Diversi Tribunali
      - Scritto da: Diego
      Mah, le vicende da tribunale negli USA sono
      decisamente diverse dalle
      nostre.

      L'equazione gravità - pena pecuniaria è spesso
      non gestita in relazione al danno effettivo
      quanto al messaggio che si vuole
      dare.Quindi la condanna non e' proporzionale al danno, ma al messaggio che si vuol far arrivare in quel momento. Giusto?Esempio...oggi per un pluriomicida viene assegnata la pena di morte ( in alcuni stati), domani, potrebbe esser assegnata solo 1 settimana di galera?Bel sistema democrativo. Teniamocene alla larga. Li non si ribellano perche' ci sono molti soldi distribuiti su una popolazione ampia. Qui invece i soldi sono pochi e distribuiti in mano a poche famiglie. La situazione qui potrebbe essere catastrofica.( Soldi = Agi = Popolazione Calma . Pochi Soldi = No Agi = Ribellione se il popolo viene scontentato su molti fronti )
      sorelle del tabacco. Le giurie ed i giudici
      spingono per far passare un messaggio, a scapito
      a volte del singolo agnello
      sacrificale.Ripeto : Che schifo di sistema giudiziario.
      E comunque ci sono posizioni indifendibili.
      Mettere materiale protetto da diritti d'autore
      nella directory condivisa da un p2p è un'azione
      premeditata e punibile.Se voglio provare un prodotto e nei locali non viene distribuito o comunque non c'e' possibilità di provarlo, ( magari sono un disabile e non posso recarmi al negozio di cd per testare il prodotto ), posso scaricarlo da P2P. Purtroppo quando scarico, finisce SEMPRE in condivisione cio' che scarico, e quindi mi e' impossibile non porre in condivisione cio' che si sta scaricando.Quindi non e' PREMEDITATA.
      Non si può neanche fare
      appello all'ignoranza di come utilizzare un
      programma perchè non è una
      scusante.Mai nessuno ha fatto appello a questo.
      Noi che condividiamo musica o film lo facciamo
      sapendo di essere nell'illegale. Secondo te e' piu' illegale fare cartello ( ogni prodotto lo vendiamo a X euro, dove X euro e' pari ad un ricarico de 3000% del costo del prodotto ) o porre in condivisione ( quindi senza sottrarre nulla a nessuno e senza sottrarre _probabili_ guadagni a nessuno ) un file che forse non si comprerà ugualmente perche' e' troppo costoso per il motivo del cartello?
      Certo, le cassettine sono sempre esistite, e
      bisogna essere consapevoli che internet fa
      decisamente piu paura. Si possono avere molte
      ragioni ma ciò non toglie che una legge, seppur
      sbagliata, è sempre una legge e sopratutto negli
      USA l'impunibilità non è una chimera legislativa
      come qui da noi. la pirateria, come affermi tu, e' sempre esistita ed e' un danno fisiologico, non un danno effettivo.Chi vuole un prodotto "originale" ( quindi custodia, libretto, cd stampato -piuttosto di quello masterizzato- ), va comunque in negozio e ne acquista 1 copia. Tale copia, in futuro, potrebbe anche aumentare il proprio valore, mentre un cd "piratato", non si schioderà dal valore di un singolo cd vuoto.
      Solidarietà alla signora.E a tutti coloro che vengono perseguitati in nome del Dio Danaro.
    • mythsmith scrive:
      Re: Diversi Tribunali

      E comunque ci sono posizioni indifendibili.
      Mettere materiale protetto da diritti d'autore
      nella directory condivisa da un p2p è un'azione
      premeditata e punibile. Non si può neanche fare
      appello all'ignoranza di come utilizzare un
      programma perchè non è una
      scusante.Ti sembra così assurdo condividere le cose belle che si hanno? Se poi c'è chi viene e si prende ciò di cui non ha diritto, la legge dovrà prendersela con lui. Ad esempio, io potrei condividere la musica da casa in modo da poterla sempre recuperare dovunque mi trovi a velocità molto più elevata di quanto la mia banda in upload potrebbe mai permettermi, perché tanti altri fanno come me con gli stessi file e quindi scarico un po' da ciascuno. Se poi c'è chi abusa di questo meccanismo e scarica file di cui non possiede già i diritti, allora sono problemi tra LUI e la legge.Io non sono responsabile del cd che si copia un ladro che mi entra in casa.
    • Reolix scrive:
      Re: Diversi Tribunali
      - Scritto da: Diego
      Mah, le vicende da tribunale negli USA sono
      decisamente diverse dalle
      nostre.

      L'equazione gravità - pena pecuniaria è spesso
      non gestita in relazione al danno effettivo
      quanto al messaggio che si vuole
      dare.

      Quando danno ad esempio risarcimenti di milioni
      di dollari alla famiglia di un morto per errori
      di un medico, o ai processi anni fa per le grandi
      sorelle del tabacco. Le giurie ed i giudici
      spingono per far passare un messaggio, a scapito
      a volte del singolo agnello
      sacrificale.
      A parte l'esempio strampalato visto che i risarcimenti che citi implicano LA MORTE di persone, il che è tutto dire, cosa ti ricordano questi atteggiamenti? Quale periodo storico ti riporta in mente? Quale regime?
      E comunque ci sono posizioni indifendibili.
      Mettere materiale protetto da diritti d'autore
      nella directory condivisa da un p2p è un'azione
      premeditata e punibile. Non si può neanche fare
      appello all'ignoranza di come utilizzare un
      programma perchè non è una
      scusante.Certo, perchè parti dall'assioma che ledi il diritto dell'autore quando a questo non togli niente e ti darei perfino ragione se le compagnie e/o gli "artisti" fossero in perdita, ed in ogni caso questo NON E' diritto d'autore ma una legge trasformata ad uso e consumo di pochi solo e soltanto per stampare soldi infiniti (prima che mi si taccia di estremista o altro leggetevi il diritto d'autore originale e confrontate le differenze ed a cosa REALMENTE serviva)
      Noi che condividiamo musica o film lo facciamo
      sapendo di essere nell'illegale. Non dico che
      sbagliamo, non dico che sia giusto foraggiare le
      major, non dico che credo sul serio che la musica
      scaricata verrebbe
      comprata.
      Certo, le cassettine sono sempre esistite, e
      bisogna essere consapevoli che internet fa
      decisamente piu paura. Si possono avere molte
      ragioni ma ciò non toglie che una legge, seppur
      sbagliata, è sempre una legge e sopratutto negli
      USA l'impunibilità non è una chimera legislativa
      come qui da noi . Solidarietà alla
      signora.Se permetti, poso accettare molto però....se le leggi sono fatte sotto la spinta di buste traboccanti di soldi e non dietro "politica", che deve servire al benessere dei cittadini e non di corporazioni multimiliardarie in attivo, non hanno l'autorevolezza di essere seguite, non sono leggi, in quanto nate e partorite da conti correntihttp://consumerist.com/consumer/worst-company-in-america/contact-information-for-50-politicians-who-take-campaign-money-from-the-riaa-264638.phpè una parvenza di democrazia nascosta sotto le vesti di una sbandierata libertà portata in giro per il mondo....sai, l'interesse di molti è sopra quello di pochi (che si sono auto-attribuiti diritti non loro) ed in ogni caso perchè fare/modificare leggi quando tali leggi sono viste da milioni di persone come inappropriate se non oppressive? La risposta è sopra. Sono in torto? Pazienza, mi prenderò le mie responsabilità, solo che io osteggio il fatto che tu NON possa leggere o sentire musica i cui autori sono MORTI e che non prendono alcun compenso, tu no (ora arrivano i "beh, lì sono d'accordo, il copyright và cambiato...)
  • Nilok scrive:
    Violazione dei Diritti Umani
    Ave.O è possibile DIMOSTRARE che quei files sono stati "prelevati"...e non capisco come possa essere stata giudicata "colpevole" senza questa "prova al di là di ogni ragionevole dubbio"...oppure è una INDISCUTIBILE violazione dei Diritti Umani.http://it.youtube.com/watch?v=P8ggh-CRBGYA presto.Nilokhttp://informati.blog.tiscali.it/http://it.youtube.com/Nilok1959
  • m00f scrive:
    WE ARE WITH YOU !
    GL Jammie
  • nifft scrive:
    controproducente
    Nell'ipotesi che la causa venga persa, la vicenda giudiziaria fornirebbe propellente alle major per continuare la loro insensata battaglia.Nel caso in cui la causa venga vinta, ossia venga riconosciuta l'incapacità da parte di chi scarica file di valutare l'entita della condivisione, verrebbe automaticamente spostato l'obiettivo della contestazione sul meccanismo p2p tout court. Alla fine verrebbe messa sotto processo proprio la rete p2p.La cosa poi si estenderebbe anche in generale all'uso comune che si fa con internet, visto che quando postiamo documenti sul web non abbiamo (tipicamente) l'effettivo il controllo di chi verrà a consultare questi documenti. Ma se non siamo responsabili noi di questo controllo, sarà allora l'architettura aperta di internet ad essere messa sotto processo...
  • diego scrive:
    mamma jammie&altri
    Raga, quello che mi fa incazz... è che per 24 file che condivido devo pagare mille volte il prezzo che avrei pagato comprando il cd. Porca putanghera, se devo pagare anche gli avvocati della RIAA, con tutti i soldi che mi commissionano di multa non mi resta che andare a prostituirmi per il resto della mia vita.Io ritengo che sia eccessivo pagare una cifra del genere per un po di file condivisi.pensa te.. se quei soldi andassero alla riaa lo troverei un guadagno illecito da parte loro. Se quei soldi andassero alla casse dello stato lo riterrei una tassazione inaudita. Per far in modo che la RIAA non roMpesse le scatole in questo modo basterebbe fissare un massimo per ongi tipo di file che secondo la RIAA ho condiviso. NON TROVO GIUSTO DOVER PAGARE 24 FILE COME PER MILIARDI DI FILE CONDIVISI! MA NEANCHE SE RUBO 24 AUTO IN UN COLPO SOLO MI CAZZANO UNA AMMENDA DEL GENERE!!! Forse sarebbe ora che il popolo di internet si mettesse in moto chiedendo alla commissione europea di mettere un monte di multa per file condiviso. e' come se rubassi una caramella (xchè è questo il prezzo che pagherei, 99centesinmi) e dovessi pagare una molta pari alla lotteria italia.NON HO PAROLE. VOI???
    • cazzaro scrive:
      Re: mamma jammie&altri
      I produttori di caramelle, in genere, non sono grandi consumatori di cocaina.I produttori discografici si.E' ovvio che si tenda a favorire in modo così sfacciato l'industria dell'intrattenimento, altrimenti la catena si spezzerebbe.1) I padroni delle Major e il loro entourage consumano tonnelate di cocaina.2) I narcotrafficanti usano il denaro ricavato per corrompere i politici.3) I politici corrotti fanno le leggi per tutelare le Major.4) I giudici fanno rispettare le leggi dei politici corrotti.5) I dirigenti delle Major ricompensano i politici e i giudici con parte della loro cocaina e i narcotrafficanti con le "grazie" delle varie Cristina Aguilera, Rianna, Britney Spears.Così sono tutti felici e contenti.E 'sta scema vorrebbe turbare tutto questo?Per molto meno gli americani fanno le guerre...
  • nomecognome scrive:
    così spingeranno gli utenti a loggare
    così ti diranno che l'onere della prova è tuo e che se non hai i log allora si da per scontato che TUTTO IL MONDO ha letto o prelevato il contenuto da te messo a disposizione
  • Ricky scrive:
    ho un sospetto...
    Il mio sospetto e' che quella donna abbia alle spalle qualche gruppo di militanti anti RIAA che sovvenzionano l'avvocato per continuare la battaglia.SE,per un qualsiasi caso o congiunzione astrale favorevole,dovesse passare , avrebbero uno strumento mica da ridere per controbattere le major.Se fosse capitato a me,ome a tantissimi altri,avrei pagato pure prima di arrivare in tribunale anche perche' DOPO avrei perso e avrei dovuto pagare fino alla morte...non avendo certo i soldi per onorare il totalone.
    • Daniel Jackson scrive:
      Re: ho un sospetto...
      - Scritto da: Ricky
      Il mio sospetto e' che quella donna abbia alle
      spalle qualche gruppo di militanti anti RIAA che
      sovvenzionano l'avvocato per continuare la
      battaglia.Speriamo che sia così!
  • MeMedesimo scrive:
    ma che razza di avvocato
    cito da articolo:contestando la scelta del tribunale di primo grado di ritenere che mettere online delle canzoni significhi violare il diritto d'autore.beh... mettere online =
    mettere disponibili a tutti. la tutela del diritto di autore e' bello che andato.cioe' non e' che sono pro-riaa ci mancherebbe altro ma la tesi dell'avvocato fa acqua da tutte le parti
    • zoiba scrive:
      Re: ma che razza di avvocato
      mah non lo so quanto possa reggere la tesi dell'avvocato, mi pare che punti a differenziare il reato tra condivisione e tentata condivisione
      • Lassamo perde scrive:
        Re: ma che razza di avvocato
        - Scritto da: zoiba
        mah non lo so quanto possa reggere la tesi
        dell'avvocato, mi pare che punti a differenziare
        il reato tra condivisione e tentata
        condivisioneInfatti per me non è questo il punto su cui tentare una difesa. Perderanno anche in appello. Me sa che 'sto avvocato la paga la RIAA...
      • anonimo scrive:
        Re: ma che razza di avvocato
        - Scritto da: zoiba
        mah non lo so quanto possa reggere la tesi
        dell'avvocato, mi pare che punti a differenziare
        il reato tra condivisione e tentata
        condivisioneDeboluccia come tesi.
    • MisterEmme scrive:
      Re: ma che razza di avvocato
      (ho sbagliato a postare sorry)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 09 ottobre 2007 10.51-----------------------------------------------------------
    • Anonimo Torinese scrive:
      Re: ma che razza di avvocato
      - Scritto da: MeMedesimo
      beh... mettere online =
      mettere disponibili a
      tutti. Starei attento a dare per scontato che sia un reato. Facendo un parallelo un po forzato, ma non troppo, sarebbe come dire che se metto il rolex di un altro sul davanzale della finestra sono colpevole di furto, anche se nessuno lo ruba.Poi che la tesi difensiva sia deboluccia, non ci piove.
      • i controlli a campione scrive:
        Re: ma che razza di avvocato
        - Scritto da: Anonimo Torinese
        troppo, sarebbe come dire che se metto il rolex
        di un altro sul davanzale della finestra sono
        colpevole di furto, anche se nessuno lo
        ruba.In questo caso si profila il concorso in furto + tentato furto aggravato... roba da manette!
        • Anonimo Torinese scrive:
          Re: ma che razza di avvocato
          - Scritto da: i controlli a campione
          - Scritto da: Anonimo Torinese


          troppo, sarebbe come dire che se metto il rolex

          di un altro sul davanzale della finestra sono

          colpevole di furto, anche se nessuno lo

          ruba.

          In questo caso si profila il concorso in furto +
          tentato furto aggravato... roba da
          manette!A parte il fatto che non vedo quale sia l'aggravante, si deve prima dimostrare l'intento di commettere il delitto.
    • mario scrive:
      Re: ma che razza di avvocato
      - Scritto da: MeMedesimo
      cioe' non e' che sono pro-riaa ci mancherebbe
      altro ma la tesi dell'avvocato fa acqua da tutte
      le partihttp://www.youtube.com/watch?v=DTl8ALrf4aU
  • federico bellizia scrive:
    ma in che mondo vivono?
    ormai la rete è diventata una spiaggia affollataImmaginatevi per un momento che qualcuno vietasse l'uso dello stereo perchèt diffonde la musica agli altri e immaginate che tutti smettessero di condividere. Che accadrebbe? Avrebbe ancora senso una 4 mbits per uso domestico? Ma non sarebbe meno dispendioso pertutti mettere una 'tassa' che si attiva in presenza ditraffico p2p e viene devoluta ai distributori come già avvieneper le radio? Immaginate radio fastweb o radio infostrada. Di fatto è lo stesso concetto, mettono a disposizione un servizio. In bocca al lupo jammie
    • Simon e Garfunkel scrive:
      Re: ma in che mondo vivono?

      Che accadrebbe? Avrebbe ancora senso una 4 mbits
      per

      uso domestico? Ma non sarebbe meno dispendioso per
      tutti mettere una 'tassa' che si attiva in
      presenza
      di
      traffico p2p e viene devoluta ai distributoriMa le balle, io la musica che mi piace la compro online e il p2p lo uso 3 volte all'anno per scaricare materiale NON protetto da copyright "tradizionale".La 4mbit la voglio nonostante io non condivida NIENTE, se compro del software online O se scarico software free, io voglio 4mbit.Non e' il p2p il problema, il problema e' la condivisione di materiale protetto da copyright.W il p2p, abbasso il FURTO di opere protette da copyright.A me della riaa importa sega, che facciano quello che vogliono.Io sono in regola e per me possono pure introdurre la pena di morte
      • MisterEmme scrive:
        Re: ma in che mondo vivono?
        Sicuro di essere a posto?Hai pagato la RIAA per aver utilizzato un nickname protetto da copyright?;)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 09 ottobre 2007 10.51-----------------------------------------------------------
      • federico bellizia scrive:
        Re: ma in che mondo vivono?
        la pena di morte non risolve mai i problemi. Comunque sia 4 mbits sono molti per uso domestico. Il p2p l'ho spento anni fa perchè il tempo che avevo a disposizione era pochissimo. Ora ascolto le radio online dove trovo sempre la musica che mi piace e molti software hanno un corrispettivo opensource. Per bloccare il p2p bastano delle regole sugli apparati a monte (i famosi filtri). Se li vuoi togliere paghi 1 tassa. È una proposta per chi da servizi.
        • simon e garfunkel scrive:
          Re: ma in che mondo vivono?
          - Scritto da: federico bellizia
          la pena di morte non risolve mai i problemi.
          Comunque sia 4 mbits sono molti per uso
          domestico. Ma chi te l'ha detto che sono molti ?Io voglio, e pago, 4mbit. Voglio comprare la canzone sul mio store online preferito e aspettare al massimo 10 secondi per poi averla sul mio computer.Voglio comprare il film dal mio store online preferito e averlo sul mio computer nel piu' breve tempo possibile.Voglio scaricare iso di sistemi operativi free e/o musica creative commons a 4 mbit.Le patch del mio sistema operativo, software comprato online e quant'altro, piu' velocemente possibile.Anzi 4 mbit sono persino pochi
          Per bloccare il p2p
          bastano delle regole sugli apparati a monte (i
          famosi filtri). Ancora co sti filtri ? Io voglio full internet, compreso il p2p. Se gli altri usano il p2p per scaricare illegalmente materiale protetto da copyright non e' affar mio.
    • Re Kahr scrive:
      Re: ma in che mondo vivono?
      Se io sono un musicista, mi sono acquistato gli strumenti, ho studiato musica, ho tirato insieme una band e ci ho messo anima e corpo, e in ogni caso desidero condividere le mie canzoni sul p2p, per quale ragione le case distriutrici dovrebbero guadagnarci sopra?
      • mirkojax scrive:
        Re: ma in che mondo vivono?
        perche avrai firmato qualche contratto con qualche etichetta e loro distribuiscono la tua musica, non ti danno molto del guadagno ma facendo i loro interessi ti proteggono anche e ti pubblicizzano, se non vuoi essere sotto la sony e nessun'altra etichetta, non ci vai e distribuisci la musica gratis.
  • Michele scrive:
    Giudice e giudicante
    Le Major sono giudici e giudicanti, figuriamoci se non hanno "ammorbidito" la corte prima di una sentenza del genere. Oramai il loro modus operandi è venuto alla luce e tutti lo conoscono, comminare una multa del genere ad una donna sola, che non ha quasi nulla è come struprarla psicologicamente solo per farne un emblema della loro vittoria ma che con tutta probabilità li discrediterà ancor di più davanti agli occhi dell'opinione pubblica alias ex-compratori di CD e DVD.
    • bubba scrive:
      Re: Giudice e giudicante
      - Scritto da: Michele
      Le Major sono giudici e giudicanti, figuriamoci
      se non hanno "ammorbidito" la corte prima di una
      sentenza del genere. Oramai il loro modus
      operandi è venuto alla luce e tutti lo conoscono,
      comminare una multa del genere ad una donna sola,
      che non ha quasi nulla è come struprarla
      psicologicamente solo per farne un emblema della
      loro vittoria ma che con tutta probabilità li
      discrediterà ancor di più davanti agli occhi
      dell'opinione pubblica alias ex-compratori di CD
      e
      DVD.infatti fa bene a fare ricorso. questa potrebbe essere una gran bomba in faccia per le major (anche se certamente non e' troppo probabile). loro ovviamente la trovavano il perfetto capro espiatorio per "piegarne uno (davanti al mondo) per educarne 1000000".. ma potrebbe fare l'effetto opposto..
  • Fanfulla da Lodi scrive:
    E' stata scelta con un preciso scopo...
    Quello che interessa le major non è certo riscuotere i soldi, ma far passare un principio.Un principio che potrebbe anche essere giusto, quello della protezione del diritto d'autore, ma che nella sua attuale declinazione è talmente obsoleto che non si può far altro che dar ragione a questa tizia denunciata.Lei è stata sicuramente scelta ad hoc: pochi pochissimi files scaricati e condivisi, a testimoniare che "anche se scarichi poco, ti becchiamo lo stesso".La cosa ha un certo impatto, i mass downloader è gente che se ne frega, per profitto o per spirito di ribellione, e che pertanto non sono estirpabili. Ma tutti gli altri, quelli che hanno cento, duecento "opere", come le chiamano loro", si sentiranno molto di più in pericolo che se la RIAA avesse denunciato qualcuno che condividesse un milione di mp3.Bisogna evidentemente fare qualcosa. E questo qualcosa non è la difesa ad oltranza del p2p anche contro ogni logica, ma la sua valorizzazione come mezzo di scambio e di informazione.Bisogna stare nella legge, per quanto iniqua, e lavorare per cambiarla il prima possibile.Bisogna comprare con più oculatezza, e possibilmente online.Bisogna evitare di andare al cinema a 8 euro a biglietto.Bisogna supportare gli artisti che fanno vendita diretta.Bisogna supportare gli artisti che diramano le proprie opere via web.Bisogna cambiare la legge sul copyright.Certo che se poi anche 1 euro a canzone è troppo, allora non andiamo da nessuna parte.
    • kumitus scrive:
      Re: E' stata scelta con un preciso scopo...
      plonk
      • anonimo scrive:
        Re: E' stata scelta con un preciso scopo...
        - Scritto da: kumitus
        plonkOltre l'inutilità dello scrivere plonk in un forum (sui newsgroup il plonkaggio aveva scopo, qui no), dimostri solo la tua poca educazione.Si può condividere o non condividere il suo pensiero (io ad esempio trovo interessante come tema di discussione e difficilmente controargomentabile il discorso del target, pensato apposta per dissuadere gli utilizzatori normali più che i grossi sharer), ma scrivere plonk è solo da troll. In particolare dopo un messaggio lungo e argmentato.
        • kumitus scrive:
          Re: E' stata scelta con un preciso scopo...
          plonk plonk
          • interceptor scrive:
            Re: E' stata scelta con un preciso scopo...
            Si vabbè...Il "Plonk" non è quello che credi tuma la sua testa che tenta di mettersi in moto.Saluti
        • Manner scrive:
          Re: E' stata scelta con un preciso scopo...
          plink
        • Fanfulla da Lodi scrive:
          Re: E' stata scelta con un preciso scopo...
          Non mi capita spesso di ringraziare qualcuno, ma nel tuo caso lo faccio con piacere, sia per la tua risposta in mia vece al troll, ma sopratutto per aver dimostrato che esiste chi il cervello ce l'ha ben acceso!
    • fred scrive:
      Re: E' stata scelta con un preciso scopo...

      Bisogna stare nella legge, per quanto iniqua, e
      lavorare per cambiarla il prima
      possibile.Nel 1789 se in Francia si comportavano cosi' no nadavano da nessuna parte:potresti avere ragione ma quando si passa i lsegno non c'e' ragione che tenga e qui l'abbiamo passato da un pezzo:si prospetta guerra, per me sono solo parassiti sfruttatori e vanno debellati, non e' un problema di rispetto del diritto d'autore.
      • fred scrive:
        Re: E' stata scelta con un preciso scopo...
        Dimenticavo un passo:se non riusciamo oggi a liberarci da quest'industria ormai del tutto inutile nell'era delle comunicazioni allora non riusciremo nemmeno fra cinquant'anni a liberarci dell'industria del petrolio quando avremo l'energia pulita, ne' di quella automobilistica quando potremo teletrasportarci ne' di quella.........
        • Michele scrive:
          Re: E' stata scelta con un preciso scopo...
          Fino a poco tempo fa ci tenevano per le @@ visto che non avevamo altre fonti per ottenere musica che compare i loro carissimi CD ora che le parti si sono invertite sparano gli ultimi colpi. Ma le leggi non dovrebbero essere al servizio dei cittadini o sono i cittadini al servizio delle leggi? Scarichi uno o due mp3 ti pigli 250.000 euro di multa... ammazzi 4 ragazzi, ubriaco, irregolare in un paese straniero ti danno 6 anni di villeggiatura in un residence sul mare con tanto di cure disintossicanti dall'alcool e possibilità, tramite indultini vari, di uscire prima. Ma come stiamo messi? Urbani al posto di caxxeggiare su internet non poteva proporre leggi utili in altri campi? Ma no, lo so di chiedere troppo...
          • Gal Anonimo scrive:
            Re: E' stata scelta con un preciso scopo...
            Chi emette queste sentenze sicuramente non è un cretino che non si rende conto della ingiustizia. Secondo me tutto ciò non è solamente un puro caso. Quando si tratta delle mp3 lo scopo è chiaro, mi sembra più difficile capire quale interesse hanno nel mettere in libertà i malviventi comuni. Per proporci poi i microcip come una speranza di più ordine e sicurezza?
          • Ricky scrive:
            Re: E' stata scelta con un preciso scopo...
            Come dice Beppe Grillo ne hanno liberati 50.000 per liberarne uno (Previti) così nel mucchio non sembra...
        • L.Ian scrive:
          Re: E' stata scelta con un preciso scopo...
          scaricare è diverso da liberarsi di questo tipo di industria. Ci sono moltissimi modi di farlo.. ma mascherarsi dietro la lotta alle major quando l'unico scopo è fruire senza pagare è solo ipocrisia
          • Jayne Cobb scrive:
            Re: E' stata scelta con un preciso scopo...
            - Scritto da: L.Ian
            scaricare è diverso da liberarsi di questo tipo
            di industria. Il vero difetto di tutto questo discorso sta nella sproporzione tra il reato e la pena.Secondo me è una strategia fallimentare dal punto di vistadei detentori dei diritti.100 euro a brano fino ad un massimo di 2000 euro (magari meno per la prima volta) è una sanzione applicabile in massa e che potrebbe fare effetto.Minacciare irrealisticamente di mettere la gente in galeracome fanno da noi ti porta solo ad essere irriso...
            Ci sono moltissimi modi di farlo..
            ma mascherarsi dietro la lotta alle major quando
            l'unico scopo è fruire senza pagare è solo
            ipocrisiaParole sante.Per quanto riguarda la legge del copyright io sono controil prolungamento della durata del diritto d'autore, ma per il resto che chi produca un contenuto debba poterlo venderecome crede e a quanto crede è sacrosanto.
      • Fanfulla da Lodi scrive:
        Re: E' stata scelta con un preciso scopo...
        - Scritto da: fred

        Bisogna stare nella legge, per quanto iniqua, e

        lavorare per cambiarla il prima

        possibile.

        Nel 1789 se in Francia si comportavano cosi' no
        nadavano da nessuna
        parte:
        potresti avere ragione ma quando si passa i
        lsegno non c'e' ragione che tenga e qui l'abbiamo
        passato da un
        pezzo:
        si prospetta guerra, per me sono solo parassiti
        sfruttatori e vanno debellati, non e' un problema
        di rispetto del diritto
        d'autore.Fred io ti do ragione, ma vedi: quel tipo di guerre si originano e combattono -semplicisticamente- perchè vengono toccati i fabbisogni primi dell'uomo.In questo terzo millennio possiamo considerare la fruizione dell'arte come bisogno primario? non credo, e te lo dice uno che senza musica impazzirebbe.E poi sinceramente, se devo far convergere le mie energie in una lotta serrata, lo farei non per liberarmi delle major ma per una più equa distribuzione delle fonti energetiche... spostato quell'equilibrio vedrai che anche le major cadranno come le tessere di un domino.Anche perchè da qui a qualche lustro, il problema energetico diventerà sensibile e mi seccherebbe molto passare da un predominio (quello petrolifero) ad un altro.
        • Jayne Cobb scrive:
          Re: E' stata scelta con un preciso scopo...
          - Scritto da: Fanfulla da Lodi
          In questo terzo millennio possiamo considerare la
          fruizione dell'arte come bisogno primario? non
          credo, e te lo dice uno che senza musica
          impazzirebbe.Ma certamente!E le major cattive ci vogliono privare della musica aggratise, che poi tutti a insultarla dicendo che non valeniente e che gli artisti oggigiorno producono solo monnezzae che è per quello che i ciddi non vendono, salvo poiinalberarsi indignati quando qualcuno tenta di ostacolarelo scaricaggio dell'ultimo Hit di Christina Aguilera.Altro che quei pezzentoni che si sono ribellati solo perchèschiattavano di fame...
          • Fanfulla da Lodi scrive:
            Re: E' stata scelta con un preciso scopo...
            Non ho capito se stiamo dicendo la stessa cosa, o se tu stessi dicendo il contrario.?
          • Jayne Cobb scrive:
            Re: E' stata scelta con un preciso scopo...
            La stessa cosa :D
  • lucente scrive:
    giustizia fai da te...
    Ecco cos'è l'america:la riaa è libera di scorazzare per la rete alla ricerca di birbantelli che scaricano e condividono un po di musica; dopodichè si segna gli ip e senza uno straccio di prova concreta propone transazioni insensate.Se il "pirata" non aderisce lo porta in tribunale, sempre senza una prova reale quale sarebbe necessaria in uno stato di diritto (vabbè che li la parola "diritto" dubito seriamente che esista per i cittadini comuni... ma di sicuro esite per le lobbies di capitalisti.. ), distribuisce un po di mazzette a giudici, giuria & co. (tanto in giudizio leggi scritte da osservare non ce ne sono... salvo qualche principio... forse anche malsano..) e la spunta alla grande!! Ecco il vero volto della più grande "democrazia" del mondo!!
    • Fanfulla da Lodi scrive:
      Re: giustizia fai da te...
      Beh l'America non è solo questo.Sintetizzare un paese come quello in un micropost da 10 righe scritto da uno che sembra proprio non averci neanche mai messo piede fa tristezza, e fa molto "italietta".
      • fred scrive:
        Re: giustizia fai da te...
        Confermo;alemno 6-7 anni fa all'improvviso mi sono appassionato di storia contemporanea e attualita' e ho cominciato a seguire news e cercare documenti rendendomi conto che e' molto peggiore di uqel che possa sembra ma solo adesso la gente comincia ad accorgersene.Si puo' dire tranquillamente che dopo la seconda guerra mondiale hanno minato il mondo in lungo e in largo in migliaia di modi e una gran parte dei problemi internazionali sono di loro respinsabilita'.Se andate a studiare la storia dei vari paesi oggi nell'occhi del ciclone scoprireste che sono ridotti cosi' proprio a causa loro , es, Iran e iraq sarebbero rimasti sa sempre due paesi democratici.Attenzione al problema palestinese erroneamente attribuito a loro, l'origine di tutto in questo caso e' da attribuirsi agli inglesi nella prima guerra mondiale ma la storia e' lunga e mi e' impossibile spiegarla qui in 4 righe.
      • Santos-Dumont scrive:
        Re: giustizia fai da te...
        - Scritto da: Fanfulla da Lodi
        Beh l'America non è solo questo.USA, non "America", altrimenti ci offendiamo. 8)
        Sintetizzare un paese come quello in un micropost
        da 10 righe scritto da uno che sembra proprio non
        averci neanche mai messo piede fa tristezza, e fa
        molto
        "italietta".Ossia: su tutto ciò di cui non s'ha un esperienza di prima mano, non si può affermare nulla?A posto, siamo! (rotfl)
        • Fanfulla da Lodi scrive:
          Re: giustizia fai da te...
          - Scritto da: Santos-Dumont
          - Scritto da: Fanfulla da Lodi

          Beh l'America non è solo questo.

          USA, non "America", altrimenti ci offendiamo. 8)Giusto.

          Sintetizzare un paese come quello in un
          micropost

          da 10 righe scritto da uno che sembra proprio
          non

          averci neanche mai messo piede fa tristezza, e
          fa

          molto

          "italietta".

          Ossia: su tutto ciò di cui non s'ha un esperienza
          di prima mano, non si può affermare
          nulla?
          A posto, siamo! (rotfl)ahahahah va da se che non c'è bisogno di finire sotto un treno per sapere che sia nocivo!Poi però, ci sono altre cosette più sfumate che sarebbe meglio verificare in prima persona (come ho fatto io).Capace che ci si formi una idea più equilibrata rispetto a quella che possa emergere da qualche libro di storia o da qualche statistica.Questo spiega anche perchè chi le ricerche le fa sul serio poi vada a "toccare" con mano l'oggetto della propria ricerca.
      • dindondan scrive:
        Re: giustizia fai da te...
        - Scritto da: Fanfulla da Lodi
        Beh l'America non è solo questo.

        Sintetizzare un paese come quello in un micropost
        da 10 righe scritto da uno che sembra proprio non
        averci neanche mai messo piede fa tristezza, e fa
        molto
        "italietta".e' vero l'america e' anche quella che si e' inventata l'enhanced interrogation http://en.wikipedia.org/wiki/Enhanced_interrogation_techniquesroba, per la quale, al processo di norimberga un bel po di gente e' stata condannata a morte. ma si sa il tempo passa e le opinioni e le convinzioni cambiano.
      • m00f scrive:
        Re: giustizia fai da te...
        L'italieta è una colonia americana, giusto per mettere le cose in chiaro.
    • kongo scrive:
      Re: giustizia fai da te...

      Ecco il vero volto della più grande "democrazia"
      del
      mondo!!la piu' grande democrazia del mondo e' l'indiahttp://it.wikipedia.org/wiki/India
      • fred scrive:
        Re: giustizia fai da te...
        Oddio , anche loro perdono colpi sotto le pressioni delle corporation americane, ma forse non e' colpa loro, indubbiamente sono meglio di molti altri forse anche dsll'italia?Due esempi mi ricordo recenti come la legge sui brevetti che hanno approvato per poi pentirsi mentre in Eu veniva bloccata, nonche' la lotta ancora in corso per alcune medicine di cui gli americani reclamano i brevetti; per ora gli americani hanno la meglio ma la battalgia e tutt'ora in corso, e se andiamo a vedere indietro nel tempo vengno fuori i problemi (vedi anche infinita la contesa del Kashmire).
        • Michele scrive:
          Re: giustizia fai da te...
          Ognuno ha le sue, ma proprio noi italiani dovremmo stare zitti abbiamo innumerevoli organizzazioni criminali, politici condannati che ci comandano, leggi non fatte rispettare per paura di andare contro a pesone potenti mentre è più facile sparare sulla folla di poveracci.Siamo mica messi meglio di USA, India o Cina!
          • nifft scrive:
            Re: giustizia fai da te...
            - Scritto da: Michele
            Ognuno ha le sue, ma proprio noi italiani
            dovremmo stare zitti abbiamo innumerevoli
            organizzazioni criminali, politici condannati che
            ci comandano, leggi non fatte rispettare per
            paura di andare contro a pesone potenti mentre è
            più facile sparare sulla folla di
            poveracci.
            Siamo mica messi meglio di USA, India o Cina!Sicuramente, ma ci è andata da culo perché siamo in Europa...
          • ryoga scrive:
            Re: giustizia fai da te...
            - Scritto da: nifft
            Sicuramente, ma ci è andata da culo perché siamo
            in
            Europa...Ancora per poco...
          • lucente scrive:
            Re: giustizia fai da te...
            - Scritto da: Michele
            Ognuno ha le sue, ma proprio noi italiani
            dovremmo stare zitti abbiamo innumerevoli
            organizzazioni criminali, politici condannati che
            ci comandano, leggi non fatte rispettare per
            paura di andare contro a pesone potenti mentre è
            più facile sparare sulla folla di
            poveracci.
            Siamo mica messi meglio di USA, India o Cina!si anke noi non siamo messi bene ma almeno in italia non sbandieriamo ai 4 venti di essere la piu grande democrazia del mondo..
          • fred scrive:
            Re: giustizia fai da te...
            pero' almeno i nostri problemi non li esportiamo
    • soulista scrive:
      Re: giustizia fai da te...
      - Scritto da: lucente
      Ecco cos'è l'america:la riaa è libera di
      scorazzare per la rete alla ricerca di
      birbantelli che scaricano e condividono un po di
      musica; dopodichè si segna gli ip e senza uno
      straccio di prova concreta propone transazioni
      insensate.
      Se il "pirata" non aderisce lo porta in
      tribunale, sempre senza una prova reale quale
      sarebbe necessaria in uno stato di diritto (vabbè
      che li la parola "diritto" dubito seriamente che
      esista per i cittadini comuni... ma di sicuro
      esite per le lobbies di capitalisti.. ),
      distribuisce un po di mazzette a giudici, giuria
      & co. (tanto in giudizio leggi scritte da
      osservare non ce ne sono... salvo qualche
      principio... forse anche malsano..) e la spunta
      alla grande!!

      Ecco il vero volto della più grande "democrazia"
      del
      mondo!!é anche un paese in cui una TV di primo piano da spazio ad una donna che parla contro "i poteri"... qui in italia avrebbe avuto spazio solo in una tv regionale...
    • L.Ian scrive:
      Re: giustizia fai da te...
      Sicuramente è giusto cio' che dici, ma sarebbe altrettanto giusto e intellettualmente onesto assumersi la responsabilità di cio' che si fa.Ora.. non sarà il caso di questa sfortunata che per 24 file passa i guai, ma c'è gente che condivide e scarica gigabyte di roba.. L'errore è prendere una persona fondamentalmente innocente (24 file non sono nulla su..) a mo' di capro espiatorio per tutti i pirati della rete..Ma se domani dovessero beccare qualcuno dei "robin hood" che scaricano dai ricchi(le major) per donare ai poveri (loro stessi) sarei contento...Civiltà è senz'altro valutare le cose nella loro misura e cio' significa che punirti in modo cosi' eclatante per un file è moralmente sbagliato.. cosi' come lo è scaricare gb e gb illegalmente e nascondersi dietro il filo d'erba della "lotta alle case discografiche". Vuoi lottare? boicotta i loro prodotti. Invece da bravi disonesti si esce dalla porta per rientrare dalla finestra.
  • Alphonse Elric scrive:
    Sarebbe bello
    se la gente cominciasse ad organizzarsi, raccogliendo fondi per rendere queste crociate inutili.
    • Reolix scrive:
      Re: Sarebbe bello
      - Scritto da: Alphonse Elric
      se la gente cominciasse ad organizzarsi,
      raccogliendo fondi per rendere queste crociate
      inutili.Se la gente avesse la lucidità mentale di fare quello che dici non ci troveremmo in questa situazione A PRESCINDERE p)
  • kongo scrive:
    FRAGILI ILLUSIONI DI GHIACCIO
    Come si puo' pensare che un cittadino colpevole di infrazione di copyright, possa difendersi e sperare pure di farla franca, rovesciando la frittata.solo un amerIca, dove fin dall'infanzia i ragazzini credono che basta impegnarsi, che anche gli ultimi se hanno determinazione possono riuscirci, che a natale siamo tutti piu' buoni.FALSITA' DA FILMUCCOLI DI SERIE CLa strada e' una giungla, e la vita una lotta continua.STALLMANN, E I SUOI AVVOCATI OPENSOURC, HANNO SPINTO ALLA LOTTA SUICIDA QUESTA POVERA DONNA, UN AGNELLO SACRIFICALE CHE E' STATO INGANNATO DALLE PAROLE SUADENTI E CAREZZEVOLI DEL BARBONE IN INFRADITO. pOTEVA PAGARE 1000 DOLLARI, POTECVA CAVARSELA, INVECE NO. a SUON DI DOLLARI SONANTI, HA DOVUTO PAGARSI FIOR DI AVVOCATI, PER POI COSA?aVERE IL PATETICO SUPPORTO DI 4 RAGAZZINI? Mapperfavore.Non diamo spazio ai mediocri.
    • Fabrizio Mondo scrive:
      Re: FRAGILI ILLUSIONI DI GHIACCIO
      - Scritto da: kongo
      Non diamo spazio ai mediocri.Appunto... Cambia sito dove trollare! L'accettazione di qualcosa di sbagliato è un atteggiamento mafioso o di chi si guarda lucignolo in tv e ne parla agli amici. La donna ha coraggio, la ammiro.
      • kongo scrive:
        Re: FRAGILI ILLUSIONI DI GHIACCIO

        L'accettazione di qualcosa di sbagliato è un
        atteggiamento mafioso si mafioso, e' decidere di calpestare i diritti altrui. come quel motociclista che andava sulla pistaciclabile con la moto. Tecnicamente poteva farlo, era una strada asfaltata e percorribile con mezzi motorizzati. dal punto di vista legale no, perche' era una pista briservata ai ciclisti.STESSA COSA CON IL P2P, il fatto che si possano tecnicamente condividere file, non significa che sia etico farlo. IL FATTO CHE SIA UNA MADRE, NON CAMBIA NULLA. CI SONO FIOR DI CRIMINALI DONNE, con a carico la prole. NON E' UNA ATTENUANTE, SEMMAI un aggravante; far crescere i figli in un clima di disprezzo della democrazia.
        La donna ha coraggio, la ammiro.e' solo una povera illusa. Avrebbe potuto investire i suoi soldi in una spa. Almeno sarebbe stata piu' presentabile.
        • nec scrive:
          Re: FRAGILI ILLUSIONI DI GHIACCIO
          - Scritto da: kongo

          L'accettazione di qualcosa di sbagliato è un

          atteggiamento mafioso

          si mafioso, e' decidere di calpestare i diritti
          altrui. come quel motociclista che andava sulla
          pistaciclabile con la moto. Tecnicamente poteva
          farlo, era una strada asfaltata e percorribile
          con mezzi motorizzati. dal punto di vista legale
          no, perche' era una pista briservata ai
          ciclisti.

          STESSA COSA CON IL P2P, il fatto che si possano
          tecnicamente condividere file, non significa che
          sia etico farlo. IL FATTO CHE SIA UNA MADRE, NON
          CAMBIA NULLA.

          CI SONO FIOR DI CRIMINALI DONNE, con a carico la
          prole. NON E' UNA ATTENUANTE, SEMMAI un
          aggravante; far crescere i figli in un clima di
          disprezzo della
          democrazia.



          La donna ha coraggio, la ammiro.

          e' solo una povera illusa. Avrebbe potuto
          investire i suoi soldi in una spa. Almeno sarebbe
          stata piu'
          presentabile.don't feed the caps trolls
        • ESCLAMATION scrive:
          Re: FRAGILI ILLUSIONI DI GHIACCIO

          e' solo una povera illusa. Avrebbe potuto
          investire i suoi soldi in una spa. Almeno sarebbe
          stata piu'
          presentabile.(rotfl)
        • Ciccio Pasticcio scrive:
          Re: FRAGILI ILLUSIONI DI GHIACCIO
          - Scritto da: kongo

          L'accettazione di qualcosa di sbagliato è un

          atteggiamento mafioso

          si mafioso, e' decidere di calpestare i diritti
          altrui. come quel motociclista che andava sulla
          pistaciclabile con la moto. Tecnicamente poteva
          farlo, era una strada asfaltata e percorribile
          con mezzi motorizzati. dal punto di vista legale
          no, perche' era una pista briservata ai
          ciclisti.

          STESSA COSA CON IL P2P, il fatto che si possano
          tecnicamente condividere file, non significa che
          sia etico farlo. IL FATTO CHE SIA UNA MADRE, NON
          CAMBIA NULLA.Ammirevole esempio di "variatio", nel senso che nella stessa frase sei riuscito ad accostare costrutti che non hanno in comune una beneamata mazza... (rotfl)
      • danieleMM scrive:
        Re: FRAGILI ILLUSIONI DI GHIACCIO
        pare che anche la qualità dei troll stia peggiorandolascia perdere il modo migliore è ignorarli
    • ripkars scrive:
      Re: FRAGILI ILLUSIONI DI GHIACCIO
      Sarai di esempio a tutti coloro che posteranno commenti in questo spazio per capire cosa sia-il trollare-la mediocrità-il menefreghismo all'italiana-il non aver capito niente, ma proprio niente, sul significato di (hihi) "opensourc"-l'italiano/inglese correggiuto-la totale mancanza di netiquetteComplimenti, un post memorabile...
      • kongo scrive:
        Re: FRAGILI ILLUSIONI DI GHIACCIO
        - Scritto da: ripkars
        Sarai di esempio a tutti coloro che posteranno
        commenti in questo spazio per capire cosa
        sia
        -il trollarecerto certo, trollare ecquivale a dire le cose come non piace a te, bell esempio di dialogo e volonta di ascoltare.
        -la mediocritàOvviamente essendo incapace di dialogare e non avendo argomenti validi per controbattere la mia tesi, non ti rimane altro che insultare.
        -il menefreghismo all'italianapotrebbe essere anche rivolto nei tuoi confronti, LA LOGICA CHE TU DIFENDI E' QUELLA DEI SOLITI FURBI. Di quelli che usano la corsia di emergenza pe non fare le code, che superano costantemente i limiti di velocita'.Io sono dalla parte della legge, qui non si sta parlando di fair use, ma di condivisione. Le signorona qui ha sbagliato, e' inutile che la tiri per le lunghe, gli conviene comprarsi un biglietto per il messico.
        -il non aver capito niente, ma proprio niente,
        sul significato di (hihi) "opensourc"Quindi neghi di fronte ll'evidenza di come gli avvocati OPEN SOURC guidati da stallmann abbiano "pompato" la vicenda? E' pieno di blog
        -la totale mancanza di netiquettenon c'e' nessuna legge che mi vieta di scrivere tutto in maiuscolo, ma solo una convenzione inventata 10 anni fa o piu' sulle bbs. Roba passata, vecchia. Cmq leggendo attentamente le regole della netiquette; le tue tavole della legge scolpite nell'ipocrisia, scopro con mio piacere che e' vietato far notare ai propri interlocutori errori di sintassi, dovuti spesso alla velocita' discrittura.due pesi e due misure...proprio come con il p2p
        Complimenti, un post memorabile...tutto cio' che faccio lo e'
        • Anonymous scrive:
          Re: FRAGILI ILLUSIONI DI GHIACCIO

          non c'e' nessuna legge che mi vieta di scrivere
          tutto in maiuscolo, ma solo una convenzione
          inventata 10 anni fa o piu' sulle bbs. Roba
          passata, vecchia. Delle eresie che ho letto in questo forum, questa è la più bella di tutte. Il comportamento "Vecchio" = "Per forza di cose, sbagliato" è il tipico comportamento adottato da chi vuole, a tutti i costi, essere sulla cresta dell'onda. Quest'ultimo è uno dei fattori principali dell'Italiota di Professione, il quale, deve, a tutti i costi "Reinventare la ruota", altrimenti non riesce a dare un senso alla propria vita.Tengo a precisarti che, la decisione nel limitare l'uso dei CAPS è, in quanto, rende alquanto difficile la lettura. Anche se fosse stata una convenzione di 30 anni fà, così come ad allora, anche oggi i CAPS RENDONO ALQUANTO DIFFICILE LA LETTURA, oltre a rappresentare un significato ben preciso (cioè quello di urlare).Cmq leggendo attentamente le
          regole della netiquette; le tue tavole della
          legge scolpite nell'ipocrisia, scopro con mio
          piacere che e' vietato far notare ai propri
          interlocutori errori di sintassi, dovuti spesso
          alla velocita'
          discrittura.Così com'è bene che l'interlocutore si renda conto che il CAPS è attivo. Tale "nota" è stata fatta presente onde evitare che i troll festeggiassero ogni terzo post, aggrappandosi anche alle più assurde sciocchezuole, pur di far incazzare i partecipanti. Ma da questo, a far passare la cosa come "E' mio diritto scrivere come mi pare ed è da maleducati se me lo fai notare", ce ne passa. Su UseNet, se uno si comporta male, o è impossibile leggerlo, viene o plonkato o dimenticato (nessuno se lo guarda). Se vuoi far la stessa fine pure tu, continua così. Sei sulla buona strada.
        • AntiTroll scrive:
          Re: FRAGILI ILLUSIONI DI GHIACCIO
          - Scritto da: kongo
          certo certo, trollare ecquivale a dire le cose
          come non piace a te, bell esempio di dialogo e
          volonta di
          ascoltare.Ei Troll impara l'italiano anzi per te ITAGLIANO sarebbe bello , anzi per te FOSSE BELLO leggere equivale anzi no per te ACQUIVALE IGNORANTE!
        • uguccione500 scrive:
          Re: FRAGILI ILLUSIONI DI GHIACCIO
          ...CAMBIA SPACCIATORE!!!!!!!!
        • xxx scrive:
          Re: FRAGILI ILLUSIONI DI GHIACCIO
          SEI UN GRANDE.
    • Santos-Dumont scrive:
      Re: FRAGILI ILLUSIONI DI GHIACCIO
      - Scritto da: kongo
      Come si puo' pensare che un cittadino colpevole
      di infrazione di copyright, possa difendersi e
      sperare pure di farla franca, rovesciando la
      frittata.

      solo un amerIca, dove fin dall'infanzia i
      ragazzini credono che basta impegnarsi, che anche
      gli ultimi se hanno determinazione possono
      riuscirci, che a natale siamo tutti piu'
      buoni.

      FALSITA' DA FILMUCCOLI DI SERIE C

      La strada e' una giungla, e la vita una lotta
      continua.

      STALLMANN, E I SUOI AVVOCATI OPENSOURC, HANNO
      SPINTO ALLA LOTTA SUICIDA QUESTA POVERA DONNA, UN
      AGNELLO SACRIFICALE CHE E' STATO INGANNATO DALLE
      PAROLE SUADENTI E CAREZZEVOLI DEL BARBONE IN
      INFRADITO. pOTEVA PAGARE 1000 DOLLARI, POTECVA
      CAVARSELA, INVECE NO. a SUON DI DOLLARI SONANTI,
      HA DOVUTO PAGARSI FIOR DI AVVOCATI, PER POI
      COSA?

      aVERE IL PATETICO SUPPORTO DI 4 RAGAZZINI?
      Mapperfavore.

      Non diamo spazio ai mediocri.Allora vattene! (rotfl)
    • Ciccio Pasticcio scrive:
      Re: FRAGILI ILLUSIONI DI GHIACCIO

      Non diamo spazio ai mediocri.Allora dovevamo impedirti di postare...Probabilmente un'analisi un po' piu' oggettiva del fatto e delle implicazioni (anche sociali) dell'accaduto porterebbe ad una piu' chiara valutazione dei pericoli che aspettano noi cittadini se i baroni delle major riuscissero nel loro intento.Saluti
    • uguccione500 scrive:
      Re: FRAGILI ILLUSIONI DI GHIACCIO
      ...infatti, qui in Italia non serve fare i processi...tanto sappiamo tutti come va a finire: se per aver ammazzato 4 ragazzi mentre eri ubriaco e alla guida ti danno 6 anni con la condizionale IN UN RESIDENCE TUTTO PAGATO per aver messo 4 brani in condivisione non ti vengono neanche a cercare! ihihihih!!!!
    • Siamo oltre ormai scrive:
      Re: FRAGILI ILLUSIONI DI GHIACCIO
      se non dessimo spazio anche ai mediocri...come potresti scrivere tu qui?
    • zoiba scrive:
      Re: FRAGILI ILLUSIONI DI GHIACCIO
      kongo sei arrabbiato perché vedi minata la tua posizione di rendita? Il mondo cambia e cambiano anche i lavori, fattene una ragione.
    • Rocco Siffredi scrive:
      Re: FRAGILI ILLUSIONI DI GHIACCIO
      Ciao ragazzi qualcuno stava parlando di OPEN SORCa per caso?
  • Cobra Reale scrive:
    Buona fortuna, Jammie!
    Come da topic ;)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 09 ottobre 2007 00.17-----------------------------------------------------------
  • MeMedesimo scrive:
    primo
    ma una foto piu brutta non la potevate mettere?
Chiudi i commenti