Megaupload, il processo non s'ha da fare?

Un annullamento che avrebbe del clamoroso. Le autorità statunitensi non avrebbero la facoltà giuridica di incriminare il mega-impero del file hosting. Kim Dotcom attacca furente: hanno solo distrutto il nostro business

Roma – Tre mesi fa, il furioso raid scatenato dalle autorità statunitensi sul mega-impero del file hosting. Le accuse sono ormai note: attività di racket, riciclaggio di denaro, violazione su larga scala del copyright . I responsabili del cyberlocker Megaupload potrebbero finire per decenni dietro le sbarre. E invece no : tutto potrebbe rivelarsi una farsesca commedia degli errori .

Si scopre ora che l’atteso processo a Dotcom e soci potrebbe svanire nel nulla , con un annullamento che avrebbe davvero del clamoroso. A spiegarlo è stato il giudice statunitense Liam O ‘Grady, attualmente impegnato nell’analisi del caso relativo al delicato destino dei file appartenenti agli utenti della piattaforma con base a Hong Kong.

Le accuse contro i vertici di Megaupload sono certamente a sfondo criminoso, ma le autorità di Washington hanno davvero il potere giuridico di incriminare Dotcom e compagni? Che succede se gli agenti federali vogliono punire le attività di una società che risiede e opera all’estero? “Sinceramente – commenta – non sono sicuro che assisteremo mai ad un processo in questo caso”.

Parole dello stesso O ‘Grady, che ha poi fatto notare come gli Stati Uniti non abbiano il potere di processare un’azienda estera con capi d’accusa di stampo criminoso . Proprio perché le sue attività sono al di fuori dell’area giurisdizionale a stelle e strisce. La domanda sorge spontanea: possibile che nessuno ne fosse al corrente?

Sarebbe di certo il più vistoso tra gli errori procedurali già commessi nel periodo successivo al raid contro Megaupload. Un giudice neozelandese aveva già definito “nullo e invalido” il mandato per la perquisizione della casa di Kim Dotcom. Lo stesso founder ha rilasciato un’intervista furente alla redazione di TorrentFreak .

“Abbiamo già ricevuto una condanna a morte senza alcuna possibilità di ribattere in aula – ha spiegato Dotcom – Anche se saremo considerati non colpevoli, e lo saremo, i danni che abbiamo subito non potranno mai essere riparati”. Secondo Dotcom, gli Stati Uniti avrebbero semplicemente distrutto il business di un’azienda sgradita all’industria dell’entertainment .

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • hp fiasco scrive:
    ecco ... ora come si fa a fare flame?
    era tanto comodo il google patentse ora dovessi cercare un brevetto sugli angoli arrotondati ... integrandolo in google mi trovo infiniti flame contro apple, ma non trovo + il brevetto incriminato
    • OldDog scrive:
      Re: ecco ... ora come si fa a fare flame?
      - Scritto da: hp fiasco
      era tanto comodo il google patentHai provato usando l'acXXXXX a "www.google.com/patents" ?Io ho visto che fa un redirect a "http://www.google.com/?tbm=pts&hl=en" e nel campo di ricerca menziona espressamente "search patents".Un paio di prove mi hanno dato nei primi risultati risposte coerenti con i brevetti cercati, non inquinando la ricerca con altri argomenti.Prova a vedere se nel tuo caso ottieni quanto cerchi.
Chiudi i commenti