Meltdown e Spectre: gragnola di patch

L'industria tecnologica continua ad affrontare l'emergenza dei nuovi "super-bug" annunciando un gran numero di patch a destra e a manca. Aggiornerà anche AMD, che prima si diceva immune, mentre Intel sperimenta riavvii eccessivi

Roma – A pochi giorni dall’annuncio pubblico sull’ esistenza di Meltdown e Spectre , le aziende produttrici continuano a fare i conti con una situazione piuttosto caoutica tra aggiornamenti rilasciati e annunciati, denunce di problemi post-patch e grafici che dimostrano l’impatto concreto – e oggettivamente devastante – sulle prestazioni dei chip x86 in ambito cloud e virtualizzazione.

Dopo le patch di Intel, alla fine anche AMD ha dovuto ammettere che i suoi processori sono affetti dalle due vulnerabilità di Spectre: la gravità del problema è minore rispetto a Meltdown, nondimeno Sunnyvale dice ora di essere al lavoro con Microsoft e i partner OEM per la distribuzione di bugfix a livello di sistema operativo e di microcodice da BIOS.

Nel mentre, sul fronte di Intel, in risposta alle polemiche di questi giorni il CEO Brian Krzanich – coinvolto in prima persona nella vicenda a causa del presunto scandalo delle azioni vendute dopo la scoperta del bug Meltdown – ha riaffermato l’impegno della corporation in difesa degli utenti e della sicurezza con una lettera aperta .

Intel deva fare i conti anche con i rapporti di alcuni utenti proprietari di CPU Core di quarta (Haswell) e quinta (Broadwell) generazione costretti, loro malgrado, a sperimentare riavvii e instabilità dopo l’installazione delle patch.

La corporation dice di essere al lavoro su ulteriori aggiornamenti – questa volta per il firmware UEFI – così come sono al lavoro sui nuovi firmware i produttori di schede madri Asus, Gigabyte ed MSI. In questo caso si parla di update destinati esclusivamente ai sistemi con CPU Core di sesta, settima e ottava generazione.


Meltdown e Spectre

Anche Oracle è pronta ad aggiornare i propri sistemi contro i super-bug, sebbene non lo ammetta (ancora) ufficialmente, mentre un esempio dell’impatto che le patch possono avere sulle prestazioni arriva da SolarWinds: la società specializzata in servizi di virtualizzazione (ospitati sui server di Amazon AWS) ha mostrato due grafici da cui si evince un aumento significativo dell’utilizzo delle CPU dopo l’installazione degli update.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ... scrive:
    niente come inXXXXud della papple...
    ...quando si tratta di sfonnare un router.
  • iolat scrive:
    si chiama
    MAMMUT.
  • bubba scrive:
    mdns e' un cancro
    non a caso i draft rfc li ha firmati papple...... mdns chiacchiera piu' di una vecchia dal parruchiere... anche quando la roba dovrebbe essere in sleep..
    • xte scrive:
      Re: mdns e' un cancro
      è vero, ma è anche vero che una tecnologia simile serve e ad oggi non abbiamo grandi alternative... È lo stesso per vCard/iCal ecc sono un XXXXXio ma sono anche quanto di meno peggio abbiamo oggi, per questo si sono diffuse.
  • ... scrive:
    ho il chromecast...
    ... e va benissimo, quando però arriva mia figlia dal lavoro con l' iphonne si inchioda tutto per colpa di quella XXXXX di inXXXXud.Una cloaca pazzesca.
    • ... scrive:
      Re: ho il chromecast...
      [img]http://static.nanopress.it/nanopress/fotogallery/1200X0/182139/certo-come-no.jpg[/img]
    • ... scrive:
      Re: ho il chromecast...
      - Scritto da: ...
      ... e va benissimo, quando però arriva mia figlia
      dal lavoroTua figlia? E da quando in qua le amebe hanno figlie?
    • .oOo. scrive:
      Re: ho il chromecast...
      - Scritto da: ...
      ... e va benissimo, quando però arriva mia figlia
      dal lavoro[img]http://m.memegen.com/mwzic3.jpg[/img]
    • Panda Assassino scrive:
      Re: ho il chromecast...
      - Scritto da: ...
      ... e va benissimo, quando però arriva mia figlia
      dal
      lavoro
      con l' iphonne si inchioda tutto per colpa di
      quella XXXXX di
      inXXXXud.Confermo, google drive è una schifezza.Su iPhone va meglio che su Android, ma scandaloso resta.Decisamente meglio Office 365, OneDrive e iWorks+iCloud.
    • coglione sei un coglione scrive:
      Re: ho il chromecast...
      - Scritto da: ...
      ... e va benissimo, quando però arriva mia figlia
      dal
      lavoro
      con l' iphonne si inchioda tutto per colpa di
      quella XXXXX di
      inXXXXud.

      Una cloaca pazzesca.Chi? La cloaca di tua figlia?
  • xte scrive:
    Ahem
    Ammettere semplicemente che aggiungere layers e far la torre di babele non è una buona cosa no eh?!Signori serve un X moderno, trasmissibile in rete come il vecchio Xorg, MA in una rete moderna, internet nella fattispecie, quindi con la sicurezza e la semplicità di ssh. Il resto è spazzatura workaround e il non-mi-ricord-come-si-chiama X di Android non è una risposta.
    • Barista scrive:
      Re: Ahem
      [img]http://www.notizie.it/wp-content/uploads/2016/10/cavo-ethernet-schermato-768x332.jpg[/img]
      • xte scrive:
        Re: Ahem
        La necessità di avere schermi remoti riguarda anche il cavo, essenzialmente oggi la possibilità di avere un X remoto serve ovunque, dall'assistenza desktop domestica alle conferenze e ad oggi non abbiamo soluzioni che non siano torri di babele o hack (Bomgar, TeamViewer, imPcRemote, AnyDesk ecc inclusi sino allo screen sharing di Jitsi e a WebEx) su ogni OS mainstream.
        • Barista scrive:
          Re: Ahem
          - Scritto da: xte
          La necessità di avere schermi remoti riguarda
          anche il cavo, essenzialmente oggi la possibilità
          di avere un X remoto serve ovunque,
          dall'assistenza desktop domestica alle conferenze
          e ad oggi non abbiamo soluzioni che non siano
          torri di babele o hack (Bomgar, TeamViewer,
          imPcRemote, AnyDesk ecc inclusi sino allo screen
          sharing di Jitsi e a WebEx) su ogni OS
          mainstream.non so dove devi portare il segnale (in Uganda?) ma una scheda video e' in grado di gestire tranquillamente 6 uscite video solo con i driver e un cavo cat 7 porta 10 Gb/s e ha una portata senza switch aggiuntivi di 100 metri, una soluzione video over ip con streaming audio/video fullhd/4k e' la piu' economica e flessibile e di fatto sta spopolando, non parlo di manutenzione remota pc dove va tutto bene
          • xte scrive:
            Re: Ahem
            Io parlo proprio di "manutenzione" remota perché se fai un X decente in tal senso ti va benissimo anche in lan e ad oggi non abbiamo nulla del genere.Continuiamo ad ammassare hack vari dall'uso locale alle soluzioni remote proprio per questa mancanza di fondo.PS cat7 con un permanent link di 100m dubito che potrai mai certificarlo...
          • Rest scrive:
            Re: Ahem
            - Scritto da: xte
            Io parlo proprio di "manutenzione" remota perché
            se fai un X decente in tal senso ti va benissimo
            anche in lan e ad oggi non abbiamo nulla del
            genere.
            Continuiamo ad ammassare hack vari dall'uso
            locale alle soluzioni remote proprio per questa
            mancanza di
            fondo.

            PS cat7 con un permanent link di 100m dubito che
            potrai mai
            certificarlo...AirPlay funziona.
          • Panda Assassino scrive:
            Re: Ahem

            AirPlay funziona.Non tutti hanno un mac, c'è gente che idolatra Google, webeti.
          • .oOo. .oOo. .oOo. .oOo..oOo. .oOo. .oOo. scrive:
            Re: Ahem
            chi
          • iolat scrive:
            Re: Ahem
            - Scritto da: .oOo. .oOo. .oOo. .oOo..oOo. .oOo. .oOo.
            chi MAMMUT.
          • xte scrive:
            Re: Ahem
            Anche Chromecast/Miracast/TV/AnyDesk/* funzionano, ma sono *tutti* hack costruiti su torri di babele tenute insieme con lo scotch.
          • coglione sei un coglione scrive:
            Re: Ahem
            - Scritto da: xte
            Anche Chromecast/Miracast/TV/AnyDesk/*
            funzionano, ma sono *tutti* hack costruiti su
            torri di babele tenute insieme con lo
            scotch.Io sapevo con lo sterco.
          • Izio01 scrive:
            Re: Ahem
            - Scritto da: Rest

            AirPlay funziona.Se è per questo, anche Chromecast funziona con la grande maggioranza dei router, mai avuto un problema.Allora secondo me è meglio investire i 70 euro di differenza in un router di buon livello, che offre una serie di vantaggi a tutti i dispositivi collegati, piuttosto che in un singolo prodotto con la mela, per ritrovarsi con un router che va in palla se gli chiedete troppi pacchetti.
          • coglione sei un coglione scrive:
            Re: Ahem
            - Scritto da: xte
            Io parlo proprio di "manutenzione" remota perché
            se fai un X decente in tal senso ti va benissimo
            anche in lan e ad oggi non abbiamo nulla del
            genere.
            Continuiamo ad ammassare hack vari dall'uso
            locale alle soluzioni remote proprio per questa
            mancanza di
            fondo.

            PS cat7 con un permanent link di 100m dubito che
            potrai mai
            certificarlo...A forcella comperi tutte le certificazioni che ti servono.
          • coglione sei un coglione scrive:
            Re: Ahem
            - Scritto da: Barista
            - Scritto da: xte

            La necessità di avere schermi remoti riguarda

            anche il cavo, essenzialmente oggi la
            possibilità

            di avere un X remoto serve ovunque,

            dall'assistenza desktop domestica alle
            conferenze

            e ad oggi non abbiamo soluzioni che non siano

            torri di babele o hack (Bomgar, TeamViewer,

            imPcRemote, AnyDesk ecc inclusi sino allo
            screen

            sharing di Jitsi e a WebEx) su ogni OS

            mainstream.

            non so dove devi portare il segnale (in Uganda?)E certo, ci sono tantissimissimi bambini senza 4k in Uganda. Già non hanno cibo, ma neanche il 4k gli vorresti dare?
Chiudi i commenti