Mercato, luci sui tablet, ombre sulla TV

Numerosi i terreni di sfida per le aziende ICT: RIM punta sui tablet, Philips perde con i televisori

Roma – Per il settore Information Comunication Technology si tratta di un periodo con luci ed ombre: perché anche trimestrali non del tutto positive sono accantonate in vista dell’avvento sul mercato di nuovi promettenti prodotti e aziende solitamente solide mostrano qualche crepa.

Il versante su cui l’attesa è più pressante è quello dei tablet, dove Apple pare aver segnato la strada da seguire ed è già alla seconda versione iPad e in attesa degli avversari.
RIM anche nell’ultima trimestrale ha segnato ottimi risultati: il trimestre che si è concluso il 26 febbraio ha significato per la canadese un reddito di 5,56 milioni di dollari per un profitto netto pari a 936 milioni di dollari statunitensi e una una crescita del 32 per cento rispetto all’anno scorso.
Tuttavia teme ora il prossimo quarto, per cui prevede una contrazione delle vendite di smartphone con conseguente contrazione dei profitti e scommette di poter reggere grazie all’esordio del suo tablet RIM PlayBook , che gli assicurerà un nuovo aspetto meno business e più social/fun (e che stringe la mano alla piattaforma Android).

Un’altra delle aziende attese nel settore dei tablet, il secondo più grande produttore di PC, Acer, si aspetta di segnare nella prossima trimestrale un meno 10 per cento rispetto al periodo fiscale precedente soprattutto per il calo di domanda di PC in Europa occidentale e USA .

Nel frattempo, per il prossimo trimestre, le previsioni di Philips segnano una perdita per quanto riguarda la divisione televisori : compresa tra i 100 e i 120 milioni di euro, corrisponderebbe quasi in toto ai 130 milioni persi complessivamente nel 2010. Responsabile del crollo, affermano, la dura concorrenza di Sony e Panasonic che ricorrendo a produttori cinesi sarebbero riuscite a tagliare i prezzi.
Le azioni Philips hanno ceduto in borsa 53 centesimi (meno 2,4 per cento).

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • bertoldino scrive:
    Curiosity NON ritornerà sulla Terra!!!
    "...raccogliere campioni di suolo da riportare indietro sulla Terra entro il 2014..." Sbagliato.Il rover Curiosity non ritornerà affatto indietro: invierà solo dati raccolti ed analizzati sul posto.Quello a cui ti riferisci è la missione Mars Simple Return (v. Wikipedia) che partirà non prima del 2018-2020. MSR sarà infatti provvisto di un Orbiter che stazionerà nell'orbita del pianeta rosso e che aggancerà e riporterà indietro un lander che, invece, atterrerà e preleverà campioni di suolo.Ah Maruccia Maruccia... per cortesia, non facciamo disinformazione o diamo dati sbagliati cosi palesemente.
    • pinco p scrive:
      Re: Curiosity NON ritornerà sulla Terra!!!
      Proprio a fare i pignoli bisognerebbe aggiungere che ci sono già 2 telecamere sul "mast", e quindi un 3D è possibile, ma che solo una è attualmente dotata di zoom e quindi al variare dell'ingrandimento si ottiene un effetto 3D strano.
    • Be&O scrive:
      Re: Curiosity NON ritornerà sulla Terra!!!
      ...che non ritorni è un fatto.......potrebbe anche non arrivare su marte..... (anonimo)
      • mah mah scrive:
        Re: Curiosity NON ritornerà sulla Terra!!!
        - Scritto da: Be&O
        ...che non ritorni è un fatto....
        ...potrebbe anche non arrivare su marte.....
        (anonimo)Già Dio non vuole che esploriamo il cielo giusto ? (a cuccia dio, dai non mordere..)
      • Funz scrive:
        Re: Curiosity NON ritornerà sulla Terra!!!
        - Scritto da: Be&O
        ...che non ritorni è un fatto....
        ...potrebbe anche non arrivare su marte.....
        (anonimo)Effettivamente le sonde per Marte sono perseguitate da una strana sfiga... metà delle volte falliscono totalmente, metà sono successi eclatanti ^^
        • Be&O scrive:
          Re: Curiosity NON ritornerà sulla Terra!!!
          Semplicemente c'è una variabile "Sconosciuta" della quale non si sa tenere conto, e se sfiga vuole il suo intervento può rendere inefficace la missione.
        • MegaJock scrive:
          Re: Curiosity NON ritornerà sulla Terra!!!
          - Scritto da: Funz
          - Scritto da: Be&O
          Effettivamente le sonde per Marte sono
          perseguitate da una strana sfiga... metà delle
          volte falliscono totalmente, metà sono successi
          eclatanti
          ^^Si chiama Rocket Science. É roba tosta per atleti del pensiero, non per sfigati cantinari.
Chiudi i commenti