Mercato PC, Europa supera USA

Il continente europeo, per la prima volta dopo tanto tempo, supera quello americano nella vendita di PC. I paesi asiatici danno una mano a raggiungere il record


Roma – Buone notizie dal vecchio continente per quel che riguarda la vendita dei PC: l’Europa ha battuto il Nord America nelle vendite di sistemi informatici staccandosi di ben 5 milioni di unità .
In Europa, nel corso del 2005, sono stati venduti più di 72 milioni di PC, circa il 33% dell’intero mercato, mentre sul suolo statunitense ne sono arrivati solamente 67 milioni, corrispondenti al 30% delle vendite totali.

L’Europa allargata, alla quale fanno riferimento i dati espressi fino ad ora, conta tra le sue fila non solo i principali paesi del vecchio continente, ma anche le regioni nord africane e l’Asia centrale. Dati del genere sono sorprendenti in quanto si tratta della prima volta che l’America viene battuta su questo campo. Questo non è dovuto ad una fase di saturazione del mercato statunitense, ancora piuttosto fiorente e con una crescita stimata nell’ordine del 7,5% annuo, ma ad un boom tecnologico che ha investito i paesi europei nel corso del 2005. Il boom, che ha fatto crescere il mercato del 17%, arriva in larga misura dai paesi dell’Est asiatico che si affacciano sul bacino del Pacifico e che, da soli, hanno raggiunto un quantitativo di dispositivi informatici pari a circa 50 milioni di unità .

La crescita del segmento PC riguarda in particolar modo l’ambito della portabilità. Infatti, non è più un mistero che si vendono più portatili che PC desktop. Ad avvantaggiarsi di questa situazione sono le varie aziende che dispongono di un catalogo ampio e di una distribuzione ben radicata e presente sul territorio. La taiwanese Acer è stata sicuramente una delle più grandi beneficiarie del boom di vendite che ha investito il territorio europeo. Infatti, grazie i suoi tassi di crescita impressionanti (addirittura il 50% di vendite in più nel 2005 rispetto all’anno precedente), è da considerarsi oramai uno dei produttori più attivi sul mercato dei notebook.

In attesa dei risultati di metà anno, che sapranno indicare se il trend delle vendite europee continuerà a crescere o subirà un brusco stop dovuto alla saturazione, le varie aziende produttrici di PC desktop e notebook sono intenzionate a lanciare nuovi modelli per ricercare nicchie di mercato ancora poco coperte e con offerta inadeguata.

Dario Panzeri

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    innovazione?
    io ho preso un lg che ha come unica differenza la velocità di scittura dei doble layer a 8x anzichè 10x.visto che costa 40 euro in meno ed è pure dotato di tecnologia lightscribe ci si chiede se si paga più la marca che altro... la vera innovazione per me è il fronatlino beige.
    • lroby scrive:
      Re: innovazione?
      - Scritto da: Anonimo
      io ho preso un lg che ha come unica differenza la
      velocità di scittura dei doble layer a 8x anzichè
      10x.
      visto che costa 40 euro in meno ed è pure dotato
      di tecnologia lightscribe ci si chiede se si paga
      più la marca che altro... la vera innovazione per
      me è il fronatlino beige.non ci si chiede... te lo chiedi tu e basta..Mai sentito parlare di qualità del prodotto? Non parlo dei numeri 8x oppure 10x , parlo proprio dei risultati.Inoltre la LG ti ha mai mandato un CD-RW o DVD-RW nuovo in cambio del tuo guasto a 3 SOLI GIORNI lavorativi dalla spedizione del guasto alla casa madre?Al massimo se proprio si vuole un ottimo dvd-rw senza arrivare a queste cifre..l'alternativa + valida è il Pioneer 110D a 48 euro..e scusate se è poco. :)
    • Anonimo scrive:
      Re: innovazione?
      - Scritto da: Anonimo
      io ho preso un lg che ha come unica differenza la
      velocità di scittura dei doble layer a 8x anzichè
      10x.
      visto che costa 40 euro in meno ed è pure dotato
      di tecnologia lightscribe ci si chiede se si paga
      più la marca che altro... la vera innovazione per
      me è il fronatlino beige.Ho letto bene? UNICA DIFFERENZA 8x vs.10x?E' come sostenere che una Lada è uguale a una Mercedes perchè ha gli stessi cavalli, o poco meno........Non è la sola velocità che differenzia Plextor dagli altri marchi. Magari una lettura approfondita dei vari test comparativi che ci sono in rete potrà chiarirti le idee! (sai, per molti utenti è più importante l'affidabilità dei dati memorizzati piuttosto che risparmiare una cinquantina di euro).
    • Anonimo scrive:
      Re: innovazione?
      :p io ho un plextor pa716s (serial ata) e và da dio!!!! é vero forse lo paghi un'pò di più di un'altro masterizzatore dvd però bisogna vedere la compatibilità dei dvd masterizzati ed il livello di errori che uno scrive in questo caso l'abito non fà il monaco!!! occhio quando diamo un giudizio su di un hardware che non conosciamo. grazie a tutti
    • Anonimo scrive:
      Re: innovazione?
      Prova a chiamare l'assistenza LG (ma... esiste ?) e quella Plextor. Verifica i ritorni di prodotti con difetti LG e quelli Plextor, e la tempistica sulla sostituzione/riparazione dei prodotti in RMA.La qualità si paga; e neanche tanto di più.
Chiudi i commenti