Michelle Obama: niente Facebook per le mie figlie

La first lady dichiara di essere contraria all'uso del social network in tenera età. Una scelta educativa, oltre che di sicurezza. E in linea con le condizioni d'uso del sito in blu

Roma – Vietare l’uso di Facebook ai propri figli fa notizia, soprattutto se le adolescenti in questione si chiamano Sasha e Malia e il genitore intransigente Michelle Obama. In un’ intervista al Today Show , la first lady statunitense ha dichiarato di non essere una grande fan dei ragazzi con un profilo Facebook .

Sebbene le due figlie del Presidente Obama non vivano alla Casa Bianca e siano costrette a un discreto numero di restrizioni per motivi di sicurezza, Michelle si è detta convinta che Facebook non è qualcosa di cui le sue due figlie abbiano bisogno.

Michelle Obama, che dal suo insediamento a Washington si è sempre distinta per essere una madre attenta oltre che un’impeccabile first lady, ha confessato di voler seguire per le proprie figlie il modello educativo adottato dalle sue precedenti: Laura Bush, Hillary Clinton e Caroline Kennedy.

Il motivo principale per il quale la signora Obama è giunta alla decisione drastica di vietare il social network a Malia e Sasha, rispettivamente di 12 e 9 anni, è in linea con le misure di sicurezza che circondano il Presidente degli Stati Uniti e la sua famiglia.

E alla domanda su un futuro addolcimento del regime di restrizioni riguardanti l’uso dei social media, la risposta è stata lapidaria: “Dipenderà da quando lasceremo la Casa Bianca e da quanti anni avranno le bambine”.

Tuttavia, oltre alle ovvie esigenze di sicurezza richieste dalla famiglia presidenziale, la prima donna della Casa Bianca non ha esitato a precisare che il divieto di Facebook per le sue due figlie sarebbe valido anche se il loro padre non fosse Barack Obama, il primo presidente statunitense a porre al centro della propria comunicazione proprio i social network.

A ben vedere, le condizioni d’uso del sito in blu stabiliscono che il limite minimo di età per creare un profilo è 13 anni , soglia non ancora raggiunta da alcuna delle eredi Obama.

Cristina Sciannamblo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • xxx scrive:
    Re: i professori di una volta...
    forse perchè una volta c'erano studenti normali e i bulli... oggi sono tutti bulli ed è difficile capire chi fa cosa...E una volta c'erano i sassi per per ginocchia e la bacchetta...
    • lol scrive:
      Re: i professori di una volta...

      E una volta c'erano i sassi per per ginocchia e
      la
      bacchetta...i buoni prof lo capiscono ugualmente.questione di stile.
  • quello che penso scrive:
    Perché i perni?
    Perché i perni? Non poteva mettere la telecamera su di un cappello?Evidentemente aveva problemi di testa anche prima dell'intervento!
    • Cuco di Bulo scrive:
      Re: Perché i perni?
      Perché una sola? Io ne avrei messe altre due ai lati ed una in alto. Avrei poi messo, a tutela della privacy del campus, un cartello in petto e uno sulla schiena per segnalare la presenza delle fotocamere, nonché un piccolo altoparlante nella parte posteriore dei calzoni che avvertisse con un segnale sonoro l'imminenza degli scatti.
      • SardinianBoy scrive:
        Re: Perché i perni?
        mmm...forse la telecamera poteva infilarsela in posto diverso! Però se glielo viene a sapere J.C.Van Damme credo che lo prenderebbe a calci nel sedere ! hihihihihihih (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
    • Funz scrive:
      Re: Perché i perni?
      - Scritto da: quello che penso
      Perché i perni? Non poteva mettere la telecamera
      su di un
      cappello?

      Evidentemente aveva problemi di testa anche prima
      dell'intervento!Ma poi sulla nuca? Cosa riprende, quello che succede dietro di lui?
  • sentinel scrive:
    Ha detto: "Questa non è la fine"
    Ha detto: "Questa non è la fine"Infatti, è l'inizio della fine.
  • dexter scrive:
    dexter says:
    non ne vedo l'utilità, se è del tutto indipendente dall'ospite tanto vale che se la faceva attaccare con lo scotch, sarebbe stato piu interessante se fosse stato il prof ad azionarla, magari col pensiero..
  • ephestione scrive:
    Steroidi??
    Non è che vi siete sbagliati a tradurre "cortisonici"?Che poi è strano, perché in inglese si dice sempre "cortisone"...A meno che l'intenzione non sia quella di fare sollevamento pesi coi muscoli fasciali della calotta cranica...
    • ChREBP scrive:
      Re: Steroidi??
      I corticosteroidi sono anti infiammatori, ma in generale, quando senti parlare di steroidi tieni presente che con questo termine ci si riferisce a tutti gli ormoni derivati dal colesterolo, quindi glucocorticoidi, mineralcorticoidi, estrogeni ed androgeni. Solo gli androgeni, il cui rappresentante principale è il testosterone, hanno effetti anabolizzanti e sono usati in modo fraudolento come doping. Spero di essere stato ultile :-)
      • ephestione scrive:
        Re: Steroidi??
        Mi mancava... in quel caso tocca passargli l'espressione, anche se rimango della convinzione che nonostante non sia un errore, sarebbe stato più opportuno scrivere "cortisonici" :)
        • ChREBP scrive:
          Re: Steroidi??
          Cortisonici non è necessariamente più corretto visto che il cortisone non è l'unico anti infiammatorio steroideo, ce ne sono anche altri come il prednisone adesempio
  • Prof di Demenza Applicata scrive:
    No sense
    Ma c'era bisogno di impiantarsela nel cranio?Ah già, se usava un modo più sensato, non faceva spettacolo e notizia.
    • Joshthemajor scrive:
      Re: No sense
      - Scritto da: Prof di Demenza Applicata
      Ma c'era bisogno di impiantarsela nel cranio?
      Ah già, se usava un modo più sensato, non faceva
      spettacolo e
      notizia.Già, non avrebbe avuto più senso posizionarla sul colletto?
Chiudi i commenti