Microsoft, accordo con il troll

Accordo per la licenza di 74 brevetti di Acacia, famigerato attore di numerose cause brevettuali contro i giganti dell'ICT

Roma – Microsoft ha ottenuto in licenza 74 brevetti relativi alla produzione di smartphone.

I diritti su questi 74 brevetti, molti originariamente concessi al creatore del software alla base dei device Palm Treo, sono stati ottenuti con un accordo con Acacia Research. Acacia è un’azienda giapponese che ha acquistato nel 2005 PalmSource, il produttore dell’OS Palm e che gestirebbe la proprietà intellettuale per Access, Palm, PalmSource, Bell Communications Research e Geoworks, lo sviluppatore del sistema operativo utilizzato prima del 2002 nei dispositivi Palm.

Fama da patent troll, grande esperienza in fatto di acquisizione di piccole aziende con portafogli brevettuali di varia natura e in fatto di iniziative legali offensive con al centro questa proprietà intellettuale, Acacia vede tra le sue file alcuni ex manager di Microsoft , fatto che potrebbe aver agevolato una risoluzione pacifica di un eventuale conflitto brevettuale.

Non sono stati divulgati i termini del contratto, ma quel che è probabile è che il portafoglio brevettuale di Microsoft nel settore smartphone sarà arricchito e alcune delle cause che la vedono coinvolta saranno abbandonate. Alcuni dei brevetti ottenuti in licenza da Microsoft, peraltro, sono gli stessi interessati da un procedimento avviato a marzo da Acacia contro Apple, RIM, Samsung e Motorola.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti