RiskIQ è la nuova acquisizione di Microsoft per la sicurezza?

RiskIQ è la nuova acquisizione Microsoft (update)

Mezzo miliardo di dollari per ampliare il portfolio di servizi dedicati alla sicurezza: Microsoft e la presunta acquisizione di RiskIQ.
Mezzo miliardo di dollari per ampliare il portfolio di servizi dedicati alla sicurezza: Microsoft e la presunta acquisizione di RiskIQ.

Fondata nel 2019, con un organico composto da 265 dipendenti (secondo LinkedIn) e specializzata nello sviluppo di soluzioni dedicate alla gestione degli attacchi, RiskIQ potrebbe essere la nuova acquisizione messa a segno da Microsoft. A riportarlo è stata la redazione di Bloomberg, citando un investimento economico quantificato in oltre 500 milioni di dollari.

Microsoft ha comprato RiskIQ per la sicurezza?

Al momento utilizzare il condizionale è d'obbligo, poiché mancano conferme (e smentite) ufficiali. Con sede a San Francisco, la società si pone come obiettivo quello di estendere la cybersecurity oltre il firewall, occupandosi di condurre indagini sulle minacce a livello glonale e scoprirne di sconosciute. Ha raccolto finanziamenti per 15 milioni di dollari nel giugno 2020. periodo in cui la crisi sanitaria e la conseguente adozione su larga scala dello smart working hanno concentrato l'attenzione su quanto concerne il tema della sicurezza, anche e soprattutto in ambito aziendale.

RiskIQ propone un software che analizza l'intera infrastruttura informatica controllata da un'impresa al fine di individuare eventuali punti deboli che potrebbero mostrare il fianco ad attacchi. Tra i suoi clienti alcuni nomi importanti come quelli di BMW AG, American Express Co., Box Inc., BNP Paribas e U.S. Postal Service.

L'annuncio ufficiale dell'acquisizione potrebbe arrivare entro pochi giorni. Non si tratterebbe della prima mossa di questo tipo da parte del gruppo di Redmond: il mese scorso ha allungato le mani su ReFirm Labs e lo scorso anno su CyberX, con il medesimo obiettivo.

Aggiornamento (13/07/2021): come previsto, l'acquisizione è stata confermata in via ufficiale da Microsoft.

Fonte: Bloomberg
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti