Microsoft brevetta i virtual desktop

O almeno ci prova. Con un documento che risale a qualche mese fa, Microsoft ha infatti richiesto la registrazione di un brevetto che copre una tecnologia alla base di molti virtual desktop manager grafici


Roma – Microsoft ha chiesto la registrazione di un brevetto relativo ad una tecnologia legata ai gestori di desktop virtuali, ossia a quei software che mettono a disposizione dell’utente più aree di lavoro in cui poter aprire finestre e applicazioni.

Il brevetto, la cui richiesta è stata presentata il 9 ottobre 2003, descrive “un metodo attraverso cui un utente può vedere l’anteprima di più desktop virtuali all’interno di un’interfaccia utente grafica”. In pratica Microsoft si riferisce a quell’area contenente le piccole miniature che mostrano il contenuto di ogni desktop virtuale: in genere quest’area serve anche per passare da un desktop all’altro o per “trascinare” delle finestre da una scrivania virtuale in un’altra.

Questa funzionalità, che si trova integrata in uno dei tool gratuiti per Windows che fa parte dei cosiddetti XP Powertoys, si trova anche alla base di moltissimi altri virtual desktop manager e, secondo molti, è nata insieme ad alcune interfacce grafiche per UNIX: come si può vedere in questo forum di Slashdot.org, però, sono molte le teorie relative alla nascita dei virtual desktop grafici e della relativa funzione di anteprima. Un po’ tutti sembrano tuttavia concordi nell’affermare che questa caratteristica è tutt’altro che innovativa e originale, due dei requisiti fondamentali per la registrazione di un brevetto. Si vedrà.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: ESISTONO GIA'
    - Scritto da: Anonimo
    nel 2002 , una delle mogli di bin laden e'
    stata uccisa nello
    yemen da un drone da combattimento predator,
    controllato da remoto , che ha sparato un
    missile hellfire contro l'auto su cui
    viaggiava .
    www.repubblica.it/online/mondo/ciaterror/nuov
    lab.dyne.org/rs051102Alta tecnologia per uccidere una donna, che onore :-(Salutoni da GiGiO
    • Larry scrive:
      Re: ESISTONO GIA'
      - Scritto da: Anonimo

      - Scritto da: Anonimo

      nel 2002 , una delle mogli di bin laden
      e'

      stata uccisa nello

      yemen da un drone da combattimento
      predator,

      controllato da remoto , che ha sparato
      un

      missile hellfire contro l'auto su cui

      viaggiava .caspiterina!un Hellfire contro un auto...i resti li sono andati a cercare vaporizzati nell'atmosfera circostante suppongo!il riconoscimento obbligatoriamente prima dell'esposione...
  • Anonimo scrive:
    Guerra simulata = utopia
    Vedo che si parla anche di guerra simulata, si cita Star Trek ma sinceramente un tale scenario e' pura utopia, almeno nei termini considerati.Lo scenario di una guerra virtuale e' possibile solamente se i 2 contendenti si trovano vincolati e impossibilitati ad agire diversamente da qualcosa di enormemente piu' pericoloso dello scontro diretto oppure se un terzo attore, molto piu' potente di loro, veglia sulla regolarita' della simulazione e impedisce uno scontro diretto.Il primo caso si verifica quando entrambi i contendenti non possono rischiare lo scontro diretto per la potenza delle armi di cui dispongono che porterebbe all'annientamento completo e reciproco. Tutto cio' lo abbiamo gia' visto nella storia, i due blocchi non potevano scontrarsi e lo stato di guerra veniva dissipato su una moltitudine di piccoli scontri collaterali senza scontro diretto. Questa situazione non garantisce comunque che un errore non possa innescare una catena di eventi che porti al collasso.Il secondo caso e' quello di due paesi coinvolti in trattative di pace, che in realta' non sono altro che una guerra virtuale di posizione, proposte, controproposte, diplomazia e mosse tattiche, il tutto solamente quando le 2 parti hanno compreso che lo sforzo bellico diretto non ha portato risultati e non ne puo' portare ma soprattutto quando una terza parte di potenza preponderante li costringe al tavolo e ne sorveglia le mosse! Anche questo lo abbiamo visto e lo vedremo ancora. Gli scenari alla Star Trek sono invece fantasia, perche' prenderli piu' sul serio dei motori a curvatura :-)
    • Anonimo scrive:
      Re: Guerra simulata = utopia
      ... dimenticavo ... Star Trek presenta sempre una umanita' cosi' evoluta che pare siano scomparsi tutti gli istinti piu' bassi e meschini, salvo poi riesumarli per rendere le puntate interessanti ... ;-)rob
    • Anonimo scrive:
      Re: Guerra simulata = utopia
      - Scritto da: Anonimo
      Vedo che si parla anche di guerra simulata,
      si cita Star Trek ma sinceramente un tale
      scenario e' pura utopia, almeno nei termini
      considerati.

      Lo scenario di una guerra virtuale e'
      possibile solamente se i 2 contendenti si
      trovano vincolati e impossibilitati ad agire
      diversamente da qualcosa di enormemente piu'
      pericoloso dello scontro diretto oppure se
      un terzo attore, molto piu' potente di loro,
      veglia sulla regolarita' della simulazione e
      impedisce uno scontro diretto.

      Il primo caso si verifica quando entrambi i
      contendenti non possono rischiare lo scontro
      diretto per la potenza delle armi di cui
      dispongono che porterebbe all'annientamento
      completo e reciproco. Tutto cio' lo abbiamo
      gia' visto nella storia, i due blocchi non
      potevano scontrarsi e lo stato di guerra
      veniva dissipato su una moltitudine di
      piccoli scontri collaterali senza scontro
      diretto. Questa situazione non garantisce
      comunque che un errore non possa innescare
      una catena di eventi che porti al collasso.

      Il secondo caso e' quello di due paesi
      coinvolti in trattative di pace, che in
      realta' non sono altro che una guerra
      virtuale di posizione, proposte,
      controproposte, diplomazia e mosse tattiche,
      il tutto solamente quando le 2 parti hanno
      compreso che lo sforzo bellico diretto non
      ha portato risultati e non ne puo' portare
      ma soprattutto quando una terza parte di
      potenza preponderante li costringe al tavolo
      e ne sorveglia le mosse! Anche questo lo
      abbiamo visto e lo vedremo ancora.

      Gli scenari alla Star Trek sono invece
      fantasia, perche' prenderli piu' sul serio
      dei motori a curvatura :)molti, molti, molti anni fa Galileo disse che poteva vedere Marte tramite il cannochiale sai cosa gli risposero "un utopia"fra molti, molti, molti anni la tua utopia potrebbe non essere taleutopia è un concetto legato che non regge il confronto con la dimensione spazio/tempo
  • Anonimo scrive:
    I terminator li abbatto con 1 scoreggia!
  • Anonimo scrive:
    Re: Niente di piu' prevedibile ...

    rispetto ad ora, e quindi ci sara' molta
    meno titubanza ad iniziare una guerra, il
    minimo pretesto potrebbe diventare una Figurati, questo accade da sempre ed accadra' sempre ... o almeno finche' ci saranno almeno 2 persone sulla terra!
    ti sembra un panorama cosi' gradevole :( ? Perche' tutti si preoccupano solo di dare giudizi morali? Non hanno importanza queste considerazioni, ho solo descritto quello che vedo, dove sembra che puntino le ricerche e le innovazioni in campo militare, inutile essere ipocriti, da quando esiste l'uomo lo sforzo bellico e' lo stimolo piu' potente per il progresso ... ma da dove credi che siano nati i computer, gli aeroplani ....ma andiamo pure indietro ... la metallurgia, le leghe ... :-)rob
  • Anonimo scrive:
    Re: Niente di piu' prevedibile ...
    Decisamente sì!!!E condivido, la guerra è l'espressione collettiva dell'aggressività del singolo essere umano... e l'uomo è intrinsecamente aggressivo e portato a cercare la supremazia su quanti gli stanno attorno. Se questo può avvenire con il minor spargimento di sangue possibile, tutto di guadagnato
  • Anonimo scrive:
    Moriremo tutti
    Se non ci ammazzeremo uno con l'altro con le nostre mani per futili motivi oppure avvelenandoci con i nostri rifiuti inquinanti allora ci penseranno questi robot a farci fuori, bel futuro ci aspetta!Fate l'amore non fate la guerra! La guerra la faceva Hitler perchè gli mancava una palla e allora si sfogava uccidendo, meditate gente meditate.
    • Anonimo scrive:
      Re: Moriremo tutti
      - Scritto da: Anonimo
      Se non ci ammazzeremo uno con l'altro con le
      nostre mani per futili motivi oppure
      avvelenandoci con i nostri rifiuti
      inquinanti allora ci penseranno questi robot
      a farci fuori, bel futuro ci aspetta!

      Fate l'amore non fate la guerra! La guerra
      la faceva Hitler perchè gli mancava
      una palla e allora si sfogava uccidendo,
      meditate gente meditate.ricordati che devi morire!!!!ricordati che devi morire!!!!si' si', mo me lo segno. mo me lo scrivo eh?
    • Anonimo scrive:
      Re: Moriremo tutti
      Scommettiamo che qualcuno bucherà anche quelli ;) ?Non esiste macchina che superi l'uomo, gli manca l'istinto di sopravvivenza...ce li magnamo a colazione.
    • Anonimo scrive:
      Re: Moriremo tutti
      Esageratoooo!
    • Anonimo scrive:
      Re: Moriremo tutti
      - Scritto da: Anonimo
      Se non ci ammazzeremo uno con l'altro con le
      nostre mani per futili motivi oppure
      avvelenandoci con i nostri rifiuti
      inquinanti allora ci penseranno questi robot
      a farci fuori, bel futuro ci aspetta!

      Fate l'amore non fate la guerra! La guerra
      la faceva Hitler perchè gli mancava
      una palla e allora si sfogava uccidendo,
      meditate gente meditate.Qui si crea un bel dilemma: se le creano di forma femminile che facciamo, le trombiamo o le annientiamo? :D
  • Anonimo scrive:
    Re: Il desitno dell' uomo

    Però figata se davvero non morisse
    più nessuno nelle guerre..Ma non sarebbe meglio che dopo 100.000 anni gli esseri umani imparassero a convivere in pace?-- ilGimmy
  • Anonimo scrive:
    La Soluzione?
    SABOTARE la catena di montaggio!Distruggere la Produzione!Sabbia non Olio negli ingranaggi della guerra...parola d'ordine SABOTAGGIO!!!Un Macchinista Ferroviere Giovane e Bello come Tutti Gli EROI
  • Anonimo scrive:
    costo
    mi viene in mente quel racconto di asimov della serie dei robot. per un compito veramente pericoloso veniva mandato un essere umano: i robot costavano troppo.
  • Anonimo scrive:
    AUTOMOBILI DI 100 ANNI FA'
    Paragoniamo una "vecchia signora" di 100 anni fà e una nuova auto di oggi.....sono e saranno sempre condotte dall'uomo.....quando avremo un auto cosciente di tutti i pericoli stradali.....anche di quelli improvvisi....saremo al punto di non ritorno......Oggi i robot (vedi AIBO) sono come loro 100 anni fà.....
  • Anonimo scrive:
    Voglio morire...
    sperando che privarmi del bene più prezioso serva a difendere una idea.Voglio vivere pensando mille volte a come difenderla senza dover o far morire.
    • Anonimo scrive:
      Re: Voglio morire...
      - Scritto da: Anonimo
      sperando che privarmi del bene più
      prezioso serva a difendere una idea.
      Voglio vivere pensando mille volte a come
      difenderla senza dover o far morire. "Panta rei" ... tutto scorre ... le idee durano piu' degli uomini, competono tra loro come in un ecosistema, quelle che durano poco vengono dette mode, quelle che durano di piu' vengono dette tradizioni, quelle che durano quanto l'universo e che esistevano prima dell'umanita' stessa sono dette matematica.rob
      • Anonimo scrive:
        Re: Voglio morire...
        - Scritto da: Anonimo

        "Panta rei" ... tutto scorre ... le idee
        durano piu' degli uomini, competono tra loro
        come in un ecosistema, quelle che durano
        poco vengono dette mode, quelle che durano
        di piu' vengono dette tradizioni, quelle che
        durano quanto l'universo e che esistevano
        prima dell'umanita' stessa sono dette
        matematica.

        robDa incorniciare! E' tua oppure l'hai letta da qualche parte? Fa da perfetto pendant alla frase "Le idee strumento degli uomini?! Semmai gli uomini strumento delle idee!"Memi che nascono, evolvono, sopravvivono o muoiono in sistemi senzienti, costituiti da singoli enti (animali intelligenti oggi, forse computer domani) o gruppi di enti (societa' oggi, cluster di computer forse domani), ognuno neurone di quello che e' un supercervello nascente, simile ad un baby che emette i primi vagiti... Dio non c'era prima dell'Universo, Dio e' nato dal Nulla, Dio ora sta crescendo. In questo senso Dio e' in ognuno di noi...Salutoni da GiGiO
  • Seek scrive:
    Ma secondo voi...
    ...chi può aver commisisonato una tale ricerca?Non ditemi che se la sono inventata esclusivamente per fars soldi...
  • Anonimo scrive:
    Re: leggi della robotica
    - Scritto da: Anonimo
    prego leggetevi "tutti i miei robot" di
    asimov, in modo da provare a vedere un po'
    le implicazioni LOGICHE delle leggi della
    robotica ... è molto "ingenuo" e
    all'antica ... ma meglio pensarci un po' suDa bambino mi appassionavo a sognare con le storie di Asimov.Se mio figlio ne leggesse qualcuna in molti casi penserebbe di leggere il giornale.Meglio dover crepare per la guerra! A volte serve a riflettere.
  • Anonimo scrive:
    ...
    Dove sarebbe la novità? Un missile non è forse una macchina da guerra con a bordo un sofisticato programma che gli consente di muoversi ed attaccare con estrema precisione un obbiettivo? Il drone (se mai dovesse esistere) sarebbe solo un'alra arma, nemmeno lontanamente efficente quando un missile probabilmente.Purtroppo questo tipo di notizie ci mette invece davanti ad un'altra realtà: i potenti della terra usano sempre meno uomini nelle loro guerre, come risultato una guerra e sempre più spesso vissuta come un film piuttosto che come una catastrofe umanitaria.Non meravigliamoci dunque del proliferare dei camicaze: un "guerriero" all'antica che affronta in campo aperto il nemico non può più esistere, oggi uomini in carne ed ossa si trovano ad affrontare le macchine. Non deve essere molto divertente morire, ma ancor meno divertente morire cercando di smontare un pezzo di ferro invece del nemico. Un camicaze risolve il problema, uccide all'occorenza anche innocenti, ma colpisce sempre il nemico al cuore, come le macchine del resto. Un camicaze è un uomo trasformato in macchina in fondo, mi sa che i veri droni li ha inventati Billaden, non l'australia, il brevetto va dato a lui.
  • warrior666 scrive:
    Re: Il desitno dell' uomo
    Boh però io lo vedo bene che due paesi si fanno la guerra e non muore nessuno, si hanno solo perdite di mezzi..Poi sofisticando la tecnica si potrebbe sperare che un domani le guerre verrano fatte solo virtualmente con una megaplaystation on line.. il problema è che dopo magari vogliono la rivincita e non ci stanno ad avere perso..adducendo che c'era un bug nel software e la guerra non è valida!Però figata se davvero non morisse più nessuno nelle guerre..Per quanto riguarda la preoccupazione che le macchine prendano il controllo sull'uomo..mi sembra irreale perchè ameno di non dire che lo spirito di sopravvivenza sia il loro protocollo primario e quindi mettano in secondo piano il valore della vita umana.. che cazzo gliene frega ad una macchina di controllare un branco di umani???Tutti i film di fantascienza basati su queste paure, sono delle cagate per quanto emozionanti, nel senso che la cosa più spietata e al tempo stesso però anche più bella che c'è è proprio la mente umana! Io credo nell'esistenza di altre forme di vita, ma penso anche che se si fanno lo sbatti di attraversare le galassie e venire fino a qui, e di conseguenza hanno una tecnologia della madonna, non penso che la prima cosa che pensino è "facciamo arrosto quel pianeta lì" Pensate a noi che troviamo la vita su marte, che cazzo è la prima cosa che facciamo è tirargli un'atomica addosso...perchè non si sa mai????;) w le guerre senza morti e w la megalaystation!! ps. anzi facciamole col box interattivo.......
  • Anonimo scrive:
    Bello, Moriranno solo i cattivi
    Oppure saranno subito squalificati in quanto non in possesso dei requisiti minimi.
    • Sandino scrive:
      Re: Bello, Moriranno solo i cattivi
      - Scritto da: Anonimo

      Oppure saranno subito squalificati in quanto
      non in possesso dei requisiti minimi.chi sono i cattivi?
      • Anonimo scrive:
        Re: Bello, Moriranno solo i cattivi

        chi sono i cattivi?Non spetta certo a te deciderlo !!!Prima ne discuteremo nei luoghi opportuni, poi, una volta deciso, manderemo delle comunicazioni ufficiali con tutti i timbri e le firme al posto giusto.Posso solo svelarti che uno dei criteri che adotteremo per la selezione, sara' il tipo di domande che il probabile "cattivo" si pone !e tanto per essere chiari, tu sei messo male !
        • Sandino scrive:
          Re: Bello, Moriranno solo i cattivi
          - Scritto da: Anonimo


          chi sono i cattivi?

          Non spetta certo a te deciderlo !!!

          Prima ne discuteremo nei luoghi opportuni,
          poi, una volta deciso, manderemo delle
          comunicazioni ufficiali con tutti i timbri e
          le firme al posto giusto.

          Posso solo svelarti che uno dei criteri che
          adotteremo per la selezione, sara' il tipo
          di domande che il probabile "cattivo" si
          pone !
          e tanto per essere chiari, tu sei messo male
          !ne ero certo..che io sarei statto un cattivocome sempre avverso al potere..come sempre coi dannati della terra che non sono Saddam e Bin Laden ma i bambini che vivono sotto i bombardamentiSempre Cattivo Sempre Sovversivo
          • Anonimo scrive:
            Re: Bello, Moriranno solo i cattivi

            Sempre Cattivo Sempre Sovversivoa rischio di retorica:un abbraccio !!!P.S. se fossi stato una Lei, persino un bacio :)
          • Anonimo scrive:
            Re: Bello, Moriranno solo i cattivi

            coi dannati della terra Wow che piglio da predicatore ;-) Comunque a proposito del caro Saddam, sara' pure un bravo ragazzo, ma ti faccio notare che, ad oggi, le fosse comuni trovate sono 270, si va da quelle con poche decine di scheletri, a quelle con diverse migliaia, e se permetti ritengo questi ritrovamenti ben piu' significativi di altri attesi invano.http://www.iraqcoalition.org/human_rights/iraq_mass_graves.pdf saluti
          • Sandino scrive:
            Re: Bello, Moriranno solo i cattivi
            - Scritto da: Anonimo


            coi dannati della terra

            Wow che piglio da predicatore ;)mi ispiro al "Magister Muntzer"

            Comunque a proposito del caro Saddam, sara'
            pure un bravo ragazzo, ma ti faccio notaremai detto che e' bravo
            che, ad oggi, le fosse comuni trovate sono
            270, si va da quelle con poche decine di
            scheletri, a quelle con diverse migliaia, e
            se permetti ritengo questi ritrovamenti ben
            piu' significativi di altri attesi invano.
            incredibile quante cose si scoprono quando non si fa piu finta di niente come si faceva negli anni 80 !
            www.iraqcoalition.org/human_rights/iraq_mass_fonte attendibile davvero(so che saddam e' un criminale ma vedere TUTTI i crimini ..non fa male e la coalizione non sembra l'organizzazione piu neutrale)...esistono fonti che sostengono che stalin era una brava persona che dici sono attendibili ?http://www.pmli.it
      • avvelenato scrive:
        Re: Bello, Moriranno solo i cattivi
        - Scritto da: Sandino

        - Scritto da: Anonimo



        Oppure saranno subito squalificati in
        quanto

        non in possesso dei requisiti minimi.

        chi sono i cattivi?chi perde è cattivo per definizione.(la definizione dei vincitori ovviamente)
  • Anonimo scrive:
    Guerra simulata
    Ma se le persone non schiattano piu' non conviene fare una cosa tipo war games? almeno il bilancio dello stato avrebbe un taglio enorme...
    • Anonimo scrive:
      Re: Guerra simulata
      - Scritto da: Anonimo
      Ma se le persone non schiattano piu' non
      conviene fare una cosa tipo war games?
      almeno il bilancio dello stato avrebbe un
      taglio enorme...in effetti ricordo una puntata di star trek in cui si ipotizzava una cosa del genere. e forse qualche altro racconto o film di fantascienza.ma in realta', sarebbe un ritorno alle origini. la guerra ritualizzata (o virtuale se preferisci il termine piu' moderno) e' storicamente la prima forma di guerra che appare ed e' ancora praticata da alcune tribu' primitive. il passaggio dalla guerra di uccisione alla guerra ritualizzata sarebbe un'involuzione interessante della specie umana.
      • Anonimo scrive:
        Re: Guerra simulata

        in effetti ricordo una puntata di star trek
        in cui si ipotizzava una cosa del genere. e
        forse qualche altro racconto o film di
        fantascienza.
        ma in realta', sarebbe un ritorno alle
        origini. la guerra ritualizzata (o virtuale
        se preferisci il termine piu' moderno) e'
        storicamente la prima forma di guerra che
        appare ed e' ancora praticata da alcune
        tribu' primitive. il passaggio dalla guerra
        di uccisione alla guerra ritualizzata
        sarebbe un'involuzione interessante della
        specie umana.Era star trek, ma la cosa che ti sei scordato di dire è che se un missile vituale colpiva una abitazione reale, allora tutte le persone virtualmente morte dovevano suicidarsi davvero. La conclusione era che una guerra virtuale durava molto di più, perchè non consumava tante risorse come la guerra normale, che invece sarebbe finita prima. Carina la scena di quando un missile virtuale colpiva l'entrprise e veniva chiesto al nostro capitano di suicidare tutto l'equipaggio :)Secondo me gli alieni ci stanno influenzando e portando all'auto distruzione...
  • Anonimo scrive:
    Bello, chissà che sistema operativo....
    ...verrà utilizzato! :D :D :D
    • Anonimo scrive:
      Re: Bello, chissà che sistema operativo.
      Spero non Windows :-D
      • Anonimo scrive:
        Re: Bello, chissà che sistema operativo.
        - Scritto da: Anonimo
        Spero non Windows :Ddi norma usano VxWorks o QNX
      • Anonimo scrive:
        Re: Bello, chissà che sistema operativo.
        E' una questione di classi di rischio....nell'ingegneria del sw, ciascun progetto appartiene ad una classe di rischio.se il sistema informatico viene usato in situazioni in cui guastandosi potrebbe portare alla morte di persone, siamo in classe di rischio 1. In questi casi il s.o. usato e' di tipo real time e basato (ad esempio) su vxworks o linuxRT. I test di validazione vengono fatti fino all'ultimo bit e per tutti i casi possibili (ed impossibili).Vien da se che il sistema operativo per l'utente medio e' in classe di rischio -(meno)800 per cui i test di validazione lo fanno gli utenti stessi (mi viene in mente windows (i vari service pack), ma anche linux (patch a go-go))Detto questo, vi ricordate il robot bipede di robocop (ed-209 mi sembra) che si sbaglia ed ammazza uno della mega riunione?Sergio
      • Anonimo scrive:
        Re: Bello, chissà che sistema operativo.
        - Scritto da: Anonimo
        Spero non Windows :Dte lo immagini.. mentre si è in un punto cruciare della guerra appare la schermata bluahahahah viva uindous
  • Anonimo scrive:
    Gatling
    - Scritto da: Terra2

    - Scritto da: Anonimo

    Sebbene tecnicamente possibile, il
    futuro

    descritto da matrix e da decine di altri

    racconti, terminator incluso (inteso
    come

    idea di fondo, cioe' che le macchine
    possano

    prendere il controllo sull'uomo)

    difficilmente potrebbe concretizzarsi

    L'errore più grande che si possa
    commettere è quello di supporre che
    esistano limiti alla sfiga :)

    I robot sono utili se verniciano una auto,
    se vanno a caccia di mine, se esplorano
    marte e se ti portano il cane a pisciare...
    ma l'idea di mettere nelle loro mani una
    GatlingL'URL corretto è questo (nel tuo ci è finita la parentesi chiusa):http://manta.univ.gda.pl/~kazik/tools/zdjecia/weapon/gatling.jpg
  • Anonimo scrive:
    Niente di piu' prevedibile ...
    Appunto, piu' che prevedibile, siamo passati da bombardieri che lasciavano cadere decine di bombe a caduta e radevano al suolo una area di molti Km2 per distruggere un unico obietivo, a missili a guida laser, ai nuovi missili che usano il GPS e che si disattivano in caso di mancato bersaglio.Sull'altro versante si e' passati dai ricognitori umani a droni volanti, terrestri, sottomarini che pattugliano, rilevano coordinate, e ultimamente anche attaccano.Il tutto coordinato da centri di comando e controllo C3 a cui fanno capo tutti i rilevameni nel campo di battaglia, i sensori remoti, i satelliti, gli awacs etc.Sono allo studio perfino aerei senza pilota a guida GPS in grado di portare le truppe ovunque in automatico anche a diecimila miglia di distanza.Quanto alle truppe sono state potenziate con armi avanzate e visori notturni, localizzatori satellitari, mappe digitali, in futuro con sensori biometrici che consentiranno il monitoraggo remoto di tutti i parametri vitali, gia' ora comunque in costante contatto telematico con i centri di controllo. Sono persino ormai routine pastiglie che tengono svegli ed in condizione di allerta per 36 ore ... sono allo studio composti in grado di portare lo stato di veglia vigile a 72 ore e perfino ad una settimana!Un assaggio di come si e' trasformata la guerra lo abbiamo visto tutti recentemente, come abbiamo visto tutti come i danni siano stati davvero contenuti, e' la prima volta in assoluto che una conquista di un intero paese viene completata in cosi' poco tempo e con un tasso di distruzione del territorio e di perdite talmente basso!Ora se ci domandiamo quale sara' il prossimo passo non ci sono dubbi che consistera' nel rimpiazzare l'elemento umano sul campo di battaglia. Un macchina ha indubbiamente piu' forza e resistenza, chi preme per l'inserimento di opportune modifiche fisiologiche nella linea germinale ribatte che un cervello umano e' comunque imbattibile, ma a tutto cio' si puo' ovviare con tecniche di telepresenza! In definitiva e' ben piu' fattibile mettere in campo droni e robot con una limitata IA certo ma controllabili da remoto. I vantaggi sono evidenti, anche in una guerra che ha riscritto i manuali i malumori per i caduti sono stati non pochi, piu' la nostra societa' avanza e piu' e' difficile tollerare dei caduti, non era certo cosi' nel '45 quando le battaglie costavano centinaia di migliaia di caduti, poi si e' passati a mal sopportare le decine di migliaia, poi le migliaia ... ora disturbano le centinaia.Inoltre un soldato di oggi costa un lungo periodo di training, di know-how, non si rimpiazza dal giorno alla sera! Una fanteria di droni invece e' rimpiazzabile in breve tempo, un eventuale upgrade puo' essere subito implementato nell'intera armata, un cambio di strategia puo' essere uploadato in pochi minuti all'intero esercito!Il software di controllo remoto potrebbe girare su un mainframe che rilevando i sensori sul campo di ogni drone, implementando dati satellitari, valutando le perdite in real time e calcolando milioni di varianti tattiche al secondo sarebbe in grado di muovere all'unisono milioni di droni: questa e' fantascienza ma ci siamo vicini!Ultimo innegabile vantaggio e' l'instabilita' dell'elemento umano, anche un professionista puo' trovarsi ad avere paura, o non riuscire ad operare per svariati motivi, ad esempio e' noto che e' difficilissimo uccidere guardando negli occhi il nemico ma diventa man mano piu' facile se questo viene mediato da sistemi d'arma ... insomma era dura per un soldato napoleonico vedere gli occhi di chi si stava per infilzare con una baionetta, era dura sentire la lama che entrava, le ossa che sfregavano, il sangue che ti sporcava, una esperienza del genere cambia le persone: ben diverso e' controllare degli asettici schermi tattici e istruire il computer sugli obiettivi.Il mondo e' cambiato parecchio da quando Napoleone aspettava ore per vedere con il binocolo da una collina se l'ordine era arrivato alla cavalleria, e se veniva eseguito correttamente e se nel frattempo le cose erano cambiate ed era perfino un suicidio eseguirlo, dalla sua collina vedeva in anticipo come sarebbe finita, impotente a modificare gli eventi in tempo reale ... altri tempi, l'unica cosa che non cambiera' mai perche' profondamente connaturata all'uomo e' la guerra stessa :-)rob
    • Anonimo scrive:
      Re: Niente di piu' prevedibile ...
      Rob, perché non ti arruoli? Fallo. Spero che tu venga asetticamente fatto a pezzi da un missile autodisattivatosi perché ha fallito il proprio bersaglio.
      • Anonimo scrive:
        Re: Niente di piu' prevedibile ...
        - Scritto da: Anonimo
        Rob, perché non ti arruoli?
        Fallo. Spero che tu venga asetticamente
        fatto a pezzi da un missile
        autodisattivatosi perché ha fallito
        il proprio bersaglio.Sei diventato il mio idolo :-)
      • Anonimo scrive:
        Re: Niente di piu' prevedibile ...
        complimenti... tutto qui quello che riseci ad esprimere per controbattere?? definirti (troll) offenderebbe solamente i (troll)(troll)(troll)(troll)(troll)
      • Anonimo scrive:
        Re: Niente di piu' prevedibile ...
        - Scritto da: Anonimo
        Rob, perché non ti arruoli?
        Fallo. Spero che tu venga asetticamente
        fatto a pezzi da un missile
        autodisattivatosi perché ha fallito
        il proprio bersaglio. Non capisco l'astio? Nemmeno mi conosci, mi sono limitato a fotografare la situazione ed a provare ad individuarne gli sviluppi, senza nemmeno fare voli pindarici perche' in buona parte sta gia' succedendo tutto. Puo' piacere o meno ma questo e' irrilevante. :-)rob
    • Anonimo scrive:
      Re: Niente di piu' prevedibile ...

      per i caduti sono stati non pochi, piu' la
      nostra societa' avanza e piu' e' difficile
      tollerare dei caduti, non era certo cosi'
      nel '45 quando le battaglie costavano
      centinaia di migliaia di caduti, poi si e'
      passati a mal sopportare le decine di
      migliaia, poi le migliaia ... ora disturbano
      le centinaia.
      Ultimo innegabile vantaggio e'
      l'instabilita' dell'elemento umano,
      [...]
      ben
      diverso e' controllare degli asettici
      schermi tattici e istruire il computer sugli
      obiettivi.E tu in queste cose ci vedi solo vantaggi ?Ha considerato il fatto che se mai le cose diverranno come tu le hai descritte, questo significhera' anche che il PREZZO da pagare per fare un guerra (opinione pubblica tanto cara ai politici ad esempio) sara' irrisorio rispetto ad ora, e quindi ci sara' molta meno titubanza ad iniziare una guerra, il minimo pretesto potrebbe diventare una valida scusa se ci saranno interessi economici di mezzo...tanto niente caduti, niente traumatizzati, l'opinione pubblica e' contenta, solo i cattivissimi nemici crepano, e intanto si arricchisce il paese.ti sembra un panorama cosi' gradevole :( ?
    • Anonimo scrive:
      Re: Niente di piu' prevedibile ...
      FLY DOWN!Prima di diffondersi questa "tecnologia" ci sarà la CORSA!L'Italia sarà sicuramente tra le ultime per ovvi motivi... ovvero: lo siamo sempre!Qui nessuno ha detto che TU (rob) non devi fare il militare perchè i militari saranno robot e quindi non serve più la leva.Qui si dice soltanto che gli altri paesi hanno cominciato a pianificare la TUA (rob) uccisione futura tramite un "chirurgo remoto modificato" per potersi (loro, australiani/giapponesi/americani) godersi il colosseo senza quei italiani tanto fastidiosi...Sai come si dice: "Napoli è bella, ma i napoletani..."E sapendo che in italia per motivi economici si "useranno" soldati in carne ed ossa contro soldati invasori esteri in titanio e silicio non dovrebbe essere tanto bello...Il tuo punto di vista è "io sarò tra quelli al comando". Ma ne sei tanto sicuro? Io credo che non sarà proprio così. Ma chi sei? Chi ti credi di essere? Gente come te (e me, ovvero gente comune) sarà sempre in prima fila, quindi...FLY DOWN!
  • Terra2 scrive:
    Re: Il desitno dell' uomo
    - Scritto da: Anonimo
    Dalla "Peter's Evil Overlord List" ovvero
    "Le 100 cose che farò quando
    diverrò un Signore del Male"Grazie :) questa fonte di idiozia mi era ancora ignota!
  • Anonimo scrive:
    chi controlla il computer ...
    Mi domando che succedera` quando un gruppo eversivo prendera` il controllo dell'esercito computerizzato.Forse si potra` finalmente avverare il mio progetto di conquistare il mondo!!
    • Anonimo scrive:
      Re: chi controlla il computer ...
      - Scritto da: Anonimo
      Mi domando che succedera` quando un gruppo
      eversivo prendera` il controllo
      dell'esercito computerizzato.Forse non e' chiaro che chi li sta' progettando E' gia' un gruppo eversivo.
  • Anonimo scrive:
    E chi non li avrà?
    Cosa farà ?Chi ha soldi potrà fare guerre senza utilizzare soldati e quindi nessuno protesterà per le vittime.........ma chi non li avrà sarà costretto ha combattere ugualmente....Spero che i soldati rimangano in carne ed ossa altrimenti la guerra non sarà più così brutta e quindi sarà sempre più facile giustificarla.Riflettiamoci.ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: E chi non li avrà?
      - Scritto da: Anonimo
      Cosa farà ?
      Tranquillo, li avranno tutti prima o poi ... cert oc'e' sempre un gap ... ma poi quando si costruiranno i modelli di terza generazione si svenderanno all'usato quelli di prima ... non meno letali probabilmente. Guardati attorno, le armi del 20 secolo, quelle micidiali come il vaiolo, la peste, il carbonchio, il Vx etc. che sembravano esclusiva delle 2 superpotenze, incedibili, chiuse a chiave al sicuro ora circolano ... e dire che mesi fa eravamo tutti nella preoccupazione che potessero essercene a Baghdad, oddio, sappiamo che c'erano 10 anni fa, ora viene fuori che non le troviamo piu' ed invece di preoccuparci del fatto che cose del genere non spariscono nel nulla e domandarci a chi siano finite in mano, festeggiamo lo scampato pericolo :-) beata miopia e dabbenaggine! Quel che voglio dire e' che indipendentemente da quanto sia pericolosa o micidiale un arma, alla fine arriva a tutti ed e' statistico perfino che qualcuno prima o poi la usi, purtroppo questa e' la situazione.rob
  • Terra2 scrive:
    Re: il vero pericolo delle macchine
    - Scritto da: Anonimo
    le macchine non hanno una coscienzaE anche in quelli che li producono la coscienza non abbonda
    • Anonimo scrive:
      Re: il vero pericolo delle macchine


      le macchine non hanno una coscienza

      E anche in quelli che li producono la
      coscienza non abbondal'unico modo per gli umani e di andarsene dalla terranei remoti spazi dell'unvierso none cosi facile controllarli e annientarli quindipurtroppo lo stato pietoso della tecnologia non permetteprepariamoci per il futuro quindi
  • Anonimo scrive:
    MORIREMO TUTTI
  • Anonimo scrive:
    terminator aibo
    credo che l'unico robot possibile sia qualche costoso giocattolo alla aibogli aerei robot al massimo andranno bene come ricognitori, ma le decisioni ultime saranno sempre degli umani in base ai dati che i robot forniscono.l'utilità dei robot sarà quella di far evitare certi lavori rischiosi, cosa ottima, ma non credo che neanche fra mille anni avremo robot capaci di qualsiasi iniziativa.tutto quello che faranno sarà solo dietro ordine umano e al primo imprevisto si bloccheranno
    • Anonimo scrive:
      Re: terminator aibo
      Le ultime parole famose.- Scritto da: max59 ma non credo che
      neanche fra mille anni avremo robot capaci
      di qualsiasi iniziativa.

      tutto quello che faranno sarà solo
      dietro ordine umano e al primo imprevisto si
      bloccheranno
      • Anonimo scrive:
        Re: terminator aibo
        - Scritto da: Anonimo
        Le ultime parole famose.

        - Scritto da: max59

        al primo imprevisto si bloccheranno per te ne ho ancora due : meno cinema :p
    • avvelenato scrive:
      Re: terminator aibo
      - Scritto da: max59
      credo che l'unico robot possibile sia
      qualche costoso giocattolo alla aibo

      gli aerei robot al massimo andranno bene
      come ricognitori, ma le decisioni ultime
      saranno sempre degli umani in base ai dati
      che i robot forniscono.

      l'utilità dei robot sarà
      quella di far evitare certi lavori
      rischiosi, cosa ottima, ma non credo che
      neanche fra mille anni avremo robot capaci
      di qualsiasi iniziativa.

      tutto quello che faranno sarà solo
      dietro ordine umano e al primo imprevisto si
      bloccherannoadesso forse.ma tra qualche decade, se vi saranno investimenti, sarà perfettamente possibile.io spero che non vi saranno investimenti.
    • Anonimo scrive:
      Re: terminator aibo
      - Scritto da: max59
      credo che l'unico robot possibile eehhh ragazzo mio tu non immagini nemmeno che bolle in pentola, lo sai, 3 mesi fa ho visto una persona che a prima vista sembra una persona qualsiasi, non indovineresti mai il mestiere che fa, vuoi sapere che sta combinando? Sta sostituendo una parte del cervello di primati con dei circuiti allo stato solido, ha passato anni a studiare ed a modellare matematicamente quella porzione di encefalo, ora il circito risponde come la rete neurale che deve essere sostituita. Ingenuamente potresti pensare che noi umani si abbia chissa' quale misterioso principio che ci rende intelligenti e soprattutto coscienti ... ma dietro il mito che ci protegge ci sono molte sorprese :-) Sai, molto tempo fa ci si cullava nel mito di una chimica del vivente profondamente diversa da cio' che era inanimato, abbaimo persino conservato nella terminologia il retaggio di questa antica convinizione, chimica organica ed inorganica! Si pensava ad un "principio vitale" immanente alla chimica organica. Alla fine questa illusione e' miseramente finita, si e' visto che e' sempre e solamente chimica :-) seppur la complessita' dei composti e delle interazioni sia enormemente maggiore! Si e' fatto di nuovo l'errore con le cellule, fino a risolverle in un preciso ed integrato sistema di molecole organiche che segue le leggi della termodinamica. Si e' ora tentati da piu' parti di rifare lo stesso errore con le funzioni intellettive, ci vorra' di piu' ma gia' si intravede la fine che fara' questo ennesimo mito, per carita', abbiamo bisogno di proteggerci dalla realta' a volte ma non possiamo proprio fare a meno alla fine di oltrepassare le colonne d'Ercole e piu' forte di noi tutto considerato ;-)
  • Anonimo scrive:
    TARGET
    Se hanno un bug... Possono essere addestrati a sparare ai loro creatori...
    • Anonimo scrive:
      Re: TARGET
      - Scritto da: Anonimo
      Se hanno un bug... Possono essere addestrati
      a sparare ai loro creatori...li fanno in australia non a redmond
  • Anonimo scrive:
    Guerra virtuale ...reale!
    in una puntata di Star Trek due pianeti avevano virtualizzato la guerra, ma "terminavano" i morti che c' erano stati nella simulazione.la guerra era stata trasformata in qualcosa di "pulito" e "comodo" ! così come sarebbe coni soldati robot !per interrompere questo assurdo massacro c' è voluta la paura di una guerra vera !
  • Anonimo scrive:
    Re: Tecnologia bellica = Intelligenza sp
    Certo, pienamente d'accordo, ma perchè prima devono morire, i civili?N.B. Non sono un pacifista estremista, perchè penso che anche una soluzione bellica per risolvere certi problemi, per esempio legati al terrorismo, sia (in extremis) fattibile.Però non mi va giù che molti dei fondi dei governi (senza eccezione alcuna) vengano spesi in ricerca tecnologica pro-bellica e non nella sanità o nelle infrastrutture civili.
    • Akiro scrive:
      Re: Tecnologia bellica = Intelligenza sp

      Però non mi va giù che molti
      dei fondi dei governi (senza eccezione
      alcuna) vengano spesi in ricerca tecnologica
      pro-bellica e non nella sanità o
      nelle infrastrutture civili.forse perkè appropriarsi di territori del "nemico" è sempre molto allettante, vuol dire nuove risorse, nuova materia prima, nuova forza lavoro...eppoi, si dice che l'erba del vicino è sempre più verde.byez
  • Anonimo scrive:
    ESISTONO GIA'
    nel 2002 , una delle mogli di bin laden e' stata uccisa nelloyemen da un drone da combattimento predator, controllato da remoto , che ha sparato un missile hellfire contro l'auto su cui viaggiava .http://www.repubblica.it/online/mondo/ciaterror/nuovo/nuovo.htmlhttp://lab.dyne.org/rs051102
  • gerry scrive:
    Re: Il desitno dell' uomo
    - Scritto da: Anonimo
    Dalla "Peter's Evil Overlord List" ovvero
    "Le 100 cose che farò quando
    diverrò un Signore del Male" (ora non
    ricordo la url del sito"http://www.eviloverlord.com/lists/overlord.htmlGiusto?
  • gerry scrive:
    Re: Il desitno dell' uomo
    - Scritto da: Anonimo
    Consiglio "The Invincible" di Stanislaw Lem.Io Ghost in The Shell, Masamune Shirow/Mamoru Oshii
  • Anonimo scrive:
    Re: Meglio le macchine che gli insetti...
    Una merda di mosca è sicuramente biocompatibile e biodegradabile, ma una goccia d'olio sintetico che una macchina potrebbe perdere non lo è..risultato : la terra non sara sporca di merda (che è il concime per l'insalata che ognuno di noi mangia ) ma sarà una discarica di rifiuti tecnologici.Bel panorama ...
    • Anonimo scrive:
      Re: Meglio le macchine che gli insetti...
      Hai ragione ma limitatamente al pianeta terra ....essendo macchine potranno colonizzare lo spazio meglio di noi... e vivere in luoghi dove la biologia manco esiste ..ma solo materia (vedi asteroidi )Chiaramente dopo migliaia di anni di evoluzione e dopo che l'uomo gli avra lasciato nel loro silicio (o qualsiasi altra cosa che utilizzeranno come cervello) l'imprinting per esplorare lo spazio cosa che mi sembra abbastanza naturale visto l'utilizzo attuale della migliore tecnologia robotica proprio nell'esplorazione spaziale.
  • Anonimo scrive:
    leggi della robotica
    prego leggetevi "tutti i miei robot" di asimov, in modo da provare a vedere un po' le implicazioni LOGICHE delle leggi della robotica ... è molto "ingenuo" e all'antica ... ma meglio pensarci un po' su
  • Anonimo scrive:
    Meglio le macchine che gli insetti...
    Avete presente quanto caga una mosca ...Tra 1000 anni avremo una terra pulitissima...e l'evoluzione fa il suo corso...
  • Anonimo scrive:
    Re: Il desitno dell' uomo
    Dalla "Peter's Evil Overlord List" ovvero "Le 100 cose che farò quando diverrò un Signore del Male" (ora non ricordo la url del sito"- "Non costruirò mai un computer con intelligenza artificiale più furbo di me"
  • Anonimo scrive:
    Re: Il desitno dell' uomo
    Consiglio "The Invincible" di Stanislaw Lem.
  • Anonimo scrive:
    Vivo o morto...
    tu verrai con me!Asta la vista... baby!Sigmund
  • Anonimo scrive:
    che gioia
    Bello, i bambini saranno felici di essere trucidati da bombe intelligenti e robot soffisticatissimi inveceche da obsoleti soldati umani.bella cosa la tecnologia.
  • Anonimo scrive:
    Re: Il desitno dell' uomo
    per me ne bastano 30-35 per vedere le prime macchine in grado di apprendere e con l'autocoscienzal'unica cosa e' che gli umani non permetterebbero mai che un robot possa "ribellarsi" ai padroni. Esisterebbe sempre una via d'uscita, o almeno spero :Pcmq vedremo...Secondo me un uso piu' intelligente dei robot potrebbe essere quello della colonizzazione di marte....chissa :Dora vado a dormire che le sto' sparando grosse :Pciao!
  • avvelenato scrive:
    Re: il vero pericolo delle macchine
    - Scritto da: Anonimo
    le macchine non hanno una coscienza, il
    soldato perfetto quindie oltretutto il fatto che per una guerra si dovesse pianificare un certo costo in vite umane, costituiva un deterrente emotivo notevole, che viene così infranto, garantendo ai guerrafondai un'opposizione minore da parte del popolo (si spera di molto poco)==================================Modificato dall'autore il 27/02/2004 1.59.55
    • Anonimo scrive:
      Re: il vero pericolo delle macchine
      Possiamo mandare i Terminator a combattere in Iraq cosi nn ci scappano i morti. eh he! ;)
      • avvelenato scrive:
        Re: il vero pericolo delle macchine
        - Scritto da: Anonimo
        Possiamo mandare i Terminator a combattere
        in Iraq cosi nn ci scappano i morti. eh he!
        ;)i nostri morti. Dei civili iracheni che ci dovessero scappare... chissenefrega. :che mondo triste....
        • Anonimo scrive:
          Re: il vero pericolo delle macchine
          - Scritto da: avvelenato

          - Scritto da: Anonimo

          Possiamo mandare i Terminator a
          combattere

          in Iraq cosi nn ci scappano i morti. eh
          he!

          ;)

          i nostri morti. Dei civili iracheni
          che ci dovessero scappare... chissenefrega.
          :

          Mi frega adesso dei civili iracheni tanto quanto fregava a Voi degli stessi prima della guerra, quando venivano trucidati da Saddam e quelli come Voi stavano a casa ad aspettare l' intervento degli Stati Uniti per scendere in piazza.
          che mondo triste....Vero triste, i pacifisti a senso unico poi sono ancora più tristi.Perchè non siete andati a fare gli scudi umani durante la repressione in Kurdistan o nella zone di Kerbala dopo la prima guerra del golfo? Forse perchè sapevate che Saddam Vi sarebbe passato sopra come uno schicciasassi?
          • avvelenato scrive:
            Re: il vero pericolo delle macchine
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: avvelenato



            - Scritto da: Anonimo


            Possiamo mandare i Terminator a

            combattere


            in Iraq cosi nn ci scappano i
            morti. eh

            he!


            ;)



            i nostri morti. Dei civili iracheni

            che ci dovessero scappare...
            chissenefrega.

            :




            Mi frega adesso dei civili iracheni tanto
            quanto fregava a Voi degli stessi prima
            della guerra, quando venivano trucidati da
            Saddam e quelli come Voi stavano a casa ad
            aspettare l' intervento degli Stati Uniti
            per scendere in piazza.

            che mondo triste....
            Vero triste, i pacifisti a senso unico poi
            sono ancora più tristi.non sono mai stato contrario ad un intervento militare Onu, ma era evidente che il desiderio di fare del bene per gli us era solo una copertura per poter svolgere impuniti il comodo di privati. (e in america hanno un conflitto d'interessi che altro che noi....)

            Perchè non siete andati a fare gli
            scudi umani durante la repressione in
            Kurdistan o nella zone di Kerbala dopo la
            prima guerra del golfo? Forse perchè
            sapevate che Saddam Vi sarebbe passato sopra
            come uno schicciasassi?la retorica di destra è sempre più pietosa: potevi cercare meglio su warnews, o no?non sono tenuto assolutamente, non è il mio lavoro, a prendere posizione su ogni guerra del mondo o solamente a conoscerle tutte.Ciò non esclude che io possa prendere posizione in merito ad una guerra che conosco, e sulle quali motivazioni addotte al fine di attuarla dissento caldamente. O no?Tu con la tua critica non hai criticato la mia idea, ma il mio diritto di esprimermi liberamente, e questo solo perché non conosco altre guerre che tra l'altro non c'entrano assolutamente nulla con questa. (e poi è chiaro che sono per la pace, ma non escludo a priori interventi militari se inevitabili ). Retorica di 4°ordine.Povero Voltaire, a leggere certi interventi e certa retorica oscurantista, si rivolterebbe nella tomba di sicuro!
  • toponzo scrive:
    Re: il vero pericolo delle macchine
    - Scritto da: Anonimo
    le macchine non hanno una coscienza, il
    soldato perfetto quindile macchine non stuprano
    • avvelenato scrive:
      Re: il vero pericolo delle macchine
      - Scritto da: toponzo

      - Scritto da: Anonimo

      le macchine non hanno una coscienza, il

      soldato perfetto quindi

      le macchine non stupranofinquando non vengono programmate per.ti sembra tanto strano che possa succedere?come strumento per umiliare non lo vedo affatto inefficace.
  • Anonimo scrive:
    Re: Il desitno dell' uomo
    Sebbene tecnicamente possibile, il futuro descritto da matrix e da decine di altri racconti, terminator incluso (inteso come idea di fondo, cioe' che le macchine possano prendere il controllo sull'uomo) difficilmente potrebbe concretizzarsi, perche' la macchina non e' in grado di avere l'autocoscienza, puo' simulare l'intelligenza umana, pure in modo molto complesso (vedi reti neurali) ma non rappresenta un essere vivente.L'idea pero' potrebbe trasformarsi in: "spirito di sopravvivenza", se a una macchina autosufficiente, venisse "insegnata" l'idea di sopravvivere (cioe' di continuare a funzionare, come protocollo PRIMARIO tra le sue funzioni) e' possibile pensare che (per errore) possa mettersi contro i suoi stessi inventori pur di continuare a svolgere le proprie funzioni.Resta comunque FANTASCIENZA.
    • ElfQrin scrive:
      Re: Il desitno dell' uomo
      - Scritto da: Anonimo
      Resta comunque FANTASCIENZA.Mah, non so... molta fantascienza del passato si è già verificata.Pensa alle stazioni spaziali MIR e ISS, i robottini che passeggiano su Marte, e tutte le trovate orwelliane che ci circondano (telecamere con riconoscimento facciale, data retention, ecc.)Date a questa nuova fantascienza un altro centinaio di anni...
    • Terra2 scrive:
      Re: Il desitno dell' uomo
      - Scritto da: Anonimo
      Sebbene tecnicamente possibile, il futuro
      descritto da matrix e da decine di altri
      racconti, terminator incluso (inteso come
      idea di fondo, cioe' che le macchine possano
      prendere il controllo sull'uomo)
      difficilmente potrebbe concretizzarsiL'errore più grande che si possa commettere è quello di supporre che esistano limiti alla sfiga :)I robot sono utili se verniciano una auto, se vanno a caccia di mine, se esplorano marte e se ti portano il cane a pisciare... ma l'idea di mettere nelle loro mani una Gatling (http://manta.univ.gda.pl/~kazik/tools/zdjecia/weapon/gatling.jpg) non mi sembra una idea geniale...
    • Anonimo scrive:
      Re: Il desitno dell' uomo
      x un pazzo con i soldi non potrà esser più fantascienza a breve..
  • Anonimo scrive:
    il vero pericolo delle macchine
    le macchine non hanno una coscienza, il soldato perfetto quindi
  • Anonimo scrive:
    Il desitno dell' uomo
    è già segnato. Avete presente matrix...bè non è una situazione tanto inverosimile se ci pensate...o magari ci siamo gia dentro!
Chiudi i commenti