Microsoft denuncia i cracker del DRM

I creatori di Windows hanno sporto denuncia contro gli ignoti autori di FairUse4WM, software che permette di eliminare i lucchetti digitali di Windows Media dai file multimediali

Redmond (USA) – Microsoft è partita all’assalto degli autori di FairUse4WM , software sviluppato da hacker anonimi che permette di eliminare le protezioni Windows Media DRM, utilizzate dalla maggior parte dei content provider che vogliono proteggere l’integrità dei propri audiovisivi messi in vendita su Internet sfruttando la piattaforma Microsoft.

Per i creatori di Windows si tratta del secondo tentativo di consegnare alla giustizia i programmatori del software antiDRM: recentemente, l’azienda fondata da Bill Gates aveva diffidato i siti Web che permettono di scaricare FairUse4WM e rendere inefficaci i “lucchetti digitali” di Microsoft. La posta in gioco è alta, in quanto il sistema WMDRM viene utilizzato da grossi nomi, come Napster , URGE e Yahoo! Music , tra i più noti negozi online di musica digitale.

Gli autori di FairUse4WM si potrebbero nascondere sotto il soprannome di Viodentia , tuttavia non è ancora certo se si tratta di un gruppo o di un singolo individuo. In base alle ipotesi formulate dagli esperti di Microsoft, l’autore (o gli autori) del crack lavorerebbero all’interno dell’azienda poiché sono in grado di aggiornare e mantenere attivo FairUse4WM anche dopo il rilascio di apposite patch pensate per rendere più sicuro il sistema DRM.

Gli inquirenti statunitensi sono già sulle tracce di Viodentia, apparso tra l’altro in un’intervista su Engadget . Secondo l’anonimo (o gli anonimi) cracker, “non sono stati utilizzati alcun tipo di codici sorgenti sottratti a Microsoft” per realizzare FairUse4WM. Viodentia non si troverebbe negli Stati Uniti, il che rende la sua cattura potenzialmente più difficile. Microsoft ha ribadito in un recente comunicato che il software antiDRM è stato realizzato grazie all’uso di Windows Media Development Kit, un set di strumenti disponibili soltanto ad una ristrettissima cerchia di programmatori.

Tommaso Lombardi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    privacy: indispensabile.
    in uno scenario simile vi rendete conto che l'intercettazione di massa non è che un grosso impiccione, un curioso, un guardone spione, un voyeur morboso che fa la scansione continua di TUTTO quello che vi dite, da ciccipucci a bambinamia , a "oggi mi sono cagato nelle mutande" a "c'ho il marchese, quindi preferiremo il rapporto orale, caro" proseguendo per amanti, figli , ragazzi, fidanzate, amici, amiche, gay e lesbiche, politica, libero pensiero, religionetutto.se ci accorgiamo che le nostre comunicazioni, ieri da bocca ad orecchio, oggi passano per dei cavi... quei cavi devono essere protetti PER NOI e secondo le NOSTRE regole
    • Anonimo scrive:
      Re: privacy: indispensabile.
      e sti cazzi...intercettatemi tanto non ho niente da nasconderee non credo agli altri freghi qualcosa dei miei appuntamenti
      • Anonimo scrive:
        Re: privacy: indispensabile.

        e sti cazzi...
        intercettatemi tanto non ho niente da nascondere
        e non credo agli altri freghi qualcosa dei miei
        appuntamentiboh, secondo me ci sei proprio.
      • Anonimo scrive:
        Re: privacy: indispensabile.
        - Scritto da:
        e sti cazzi...
        intercettatemi tanto non ho niente da nascondere
        e non credo agli altri freghi qualcosa dei miei
        appuntamentiPosso dirti che la tua è una considerazione assolutamente idiota?Tutto quello che hai da dire che sia da nascondere o meno viene statisticizzato.Nel momento in cui nel tuo pensiero e le cose che dici, di cui pensi di non avere nulla da nascondere, contiene molte riccorrenze della parola scarpe, o automobile, o cena in pizzeria, i grandi guardoni conoscono le cose che fai più spesso, che ti piacciono di più.Unite a quelle di altri milioni come te con gli stessi gusti e interessi indirizzano le lobby del commercio, dell'alimentazione ecc. Per monopolizzare o controllare o comunque alzare i prezzi di quei settori di massiccio interesse.Lo vuoi capire che per questi interessi economici noi presi non singolarmente ma statisticizzati in macro-gruppi di consumatori siamo solo un gregge di pecore da guidare coi cani da pastore (istituzioni, polizia e leggi) ora al campo a brucare (a lavorare produrre), ora all'ovile (a casa a guardare la TV), ora alla tosatura (a fare shopping), ora al macello (abbandonati quando non abbiamo più un centesimo da spremere)?E qualsiasi focolaio di "anarchia" o consapevolezza di essere solo un gregge, e desiderio di organizzarsi per cambiare le cose, può essere schiacciato sul nascere.
    • Anonimo scrive:
      Re: privacy: indispensabile.

      "c'ho il marchese, quindi preferiremo
      il rapporto orale, caro" :s I gusti sono gusti ma io preferisco aspettare che passi, prima di lanciarmi in un rapporto orale. :s :s
  • Anonimo scrive:
    Internet Life
    Nella mia scuola di informatica mi sono inventato un corso che si chiama Internet Life.La vita (e la sopravvivenza) nell'era di Internet.Insegno a famiglie o singoli individui a:Usare P2P (in maniera legale)Rippare CD (che ancora non è illegale)Masterizzare CD/DVD (video, musica, dati)Usare i lettori mp3Fare affari su eBayUsare la fotocamera digitaleProcurarsi software libero e/o gratuitoDifendere i minori dalla pornografia e altre aberrazioniTrovare lavoro o l'anima gemella su InternetPubblicare propri contenuti o il proprio blog su InternetTelefonare col VoIPE usare Internet un po' per tutto, dalle ricette di cucina alle enciclopedie libere come Wikipedia ecc.E devo dire sta avendo parecchio successo rispetto al solito corso base/avanzato di Wincesso e i prodotti Microzot in genere.
    • Anonimo scrive:
      Re: Internet Life

      Trovare lavoro o l'anima gemella su InternetDici niente! Trovare è un po' diverso da cercare;)
      E devo dire sta avendo parecchio successoE ci credo:D
    • Anonimo scrive:
      Re: Internet Life
      - Scritto da:
      Nella mia scuola di informatica mi sono inventato
      un corso che si chiama Internet
      Life.
      La vita (e la sopravvivenza) nell'era di Internet.

      Insegno a famiglie o singoli individui a:

      Usare P2P (in maniera legale)
      Rippare CD (che ancora non è illegale)
      Masterizzare CD/DVD (video, musica, dati)
      Usare i lettori mp3
      Fare affari su eBay
      Usare la fotocamera digitale
      Procurarsi software libero e/o gratuito
      Difendere i minori dalla pornografia e altre
      aberrazioni
      Trovare lavoro o l'anima gemella su Internet
      Pubblicare propri contenuti o il proprio blog su
      Internet
      Telefonare col VoIP
      E usare Internet un po' per tutto, dalle ricette
      di cucina alle enciclopedie libere come Wikipedia
      ecc.

      E devo dire sta avendo parecchio successo
      rispetto al solito corso base/avanzato di
      Wincesso e i prodotti Microzot in
      genere.
      insomma, tutte robe inutili da nerd informaticiviva l'italia
      • medioman scrive:
        Re: Internet Life
        - Scritto da:


        insomma, tutte robe inutili da nerd informatici

        viva l'italiatrollallero trollalla'. Detto cio' ti faccio notare che sono le cose per cui la gente normale considra internet qualcosa di utile, anziche' un accozzagli di cavi che arrivano da non si sa sove e vanno dove non si sa. Ora che ci sia bisogno di un corso per raccapezzarsi non e' sicuramente necessario per chi scrive qua sopra, ma in Italia siamo 56 milioni, non tutti nati col computer gia' innestato nella placenta. hola
    • Anonimo scrive:
      Re: Internet Life
      Bravo, mi associo a farti i complimenti.In fondo sono queste cose che spingono a voler conoscere meglio l'informatica.
  • Anonimo scrive:
    Web 2.0 risorsa per manager
    http://emptybottle.org/bullshit/
Chiudi i commenti