Microsoft dichiara guerra ai criminali online

Presentato a Redmond il centro specializzato contro i crimini informatici. Oltre cento esperti riuniti per frenare furti d'identità, malware e pedopornografia

Roma – Serrare i ranghi e giocare di squadra per battere un nemico spesso invisibile. Questa la ricetta di Microsoft, che per placare l’ascesa dei crimini informatici ha presentato il Cybercrime Center, centro specializzato nel rilevare le azioni cybercriminali più diffuse e consentire agli utenti di utilizzare i dispositivi elettronici con maggiore sicurezza. Non potendo lottare da soli per estirpare un fenomeno che si espande a macchia d’olio, Microsoft punta sulla condivisione delle competenze e su un team allargato destinato a crescere nel tempo.

“Ogni anno ci sono circa 400 milioni di vittime del crimine informatico, un problema che assume dimensioni sempre più grandi e che costa ai consumatori 113 miliardi di dollari l’anno”, è il monito di David Finn, ex procuratore federale di New York e attuale numero uno dell’Unità per la lotta al crimine digitale di Microsoft. La squadra assoldata dall’azienda di Redmond conta al momento quasi cento profili differenti tra analisti, esperti di sicurezza, banchieri, ricercatori, investigatori e avvocati riuniti sotto lo stesso tetto insieme ai tecnici di Microsoft e a terze parti come forze dell’ordine e professori universitari, che potranno unirsi agli altri se e quando lo vorranno.

Realizzato all’interno del quartier generale di Microsoft, il centro è un investimento milionario che la società ha finanziato con il denaro recuperato con un recente accordo stipulato all’indomani della scoperta di una delle maggiori organizzazioni criminali scoperte dall’azienda di Redmond. I bersagli prediletti del quartier generale contro la criminalità digitale spaziano dai malware alla pedopornografia online, con particolare attenzione ai sempre più diffusi furti d’identità, che fanno piangere milioni di utenti spesso troppo approssimativi nel proteggere i propri dati personali in Rete.

Per riuscire nell’impresa il folto team reclutato da Microsoft può contare su alcune tecnologie innovative come PhotoDNA, già adottato da Facebook e Twitter per combattere la pedopornografia in rete, il sistema Cyberforensic per scovare furti d’identità e truffe virtuali, e la mappatura in tempo reale per rilevare le reti criminali attive assicurata da SitePrint, grazie al quale è stato certificato che una delle cellule più pericolose si snoda tra Russia e Ucraina.

Strumenti disponibili in uffici da film che, tra grandi schermi tattili a tutta parete e ampie vetrate trasparenti e opache, ricalca le stanze ammirate in CSI. “Sembra un set cinematografico ma qui non si recita, perché le minacce sono reali e i nemici non hanno un volto”, chiosa Finn.
Effetti speciali a parte, la nascita di un centro specializzato e la volontà di sfruttare capacità differenti ma ugualmente determinanti in maniera costante rappresenta un passo di rilievo nella lotta al crimine informatico. Un merito per Microsoft, che ha finora centrato risultati importanti contro le minacce digitali.

Alessio Caprodossi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • tucumcari scrive:
    Rinasce Cyrix
    Il produttore di CPU Cyrix, che faceva un po' da terzo contendente nella gara fra AMD e Intel, torna a produrre:http://www.alaska.net/~akusedpc/pages/cyrix/6x-tb.htm
  • pentolino scrive:
    E' ufficiale, addio concorrenza
    AMD getta la spugna sul settore alte prestazioni; si ritorna al monopolio Intel. Non prevedo nulla di buono...
    • iRoby scrive:
      Re: E' ufficiale, addio concorrenza
      In quello che resta del mercato desktop...Le alte prestazioni servono alle worstatione agli enthusiast, spesso videogiocatori.Per il desktop generico vanno bene le APU A8 e A10. Sono allineate alle prestazioni dei Pentium Dual Core ed agli i3.
      • pentolino scrive:
        Re: E' ufficiale, addio concorrenza
        ci mancherebbe, figurati che io per uso desktop casalingo vado bene con un Atom N2800; dico solo che, mentre fino a qualche anno fa il top delle prestazioni era una lotta tra AMD e Intel, mi sembra evidente che AMD abbia abbandonato la corsa, spostandosi su embedded e mainstream.In buona sostanza siamo tornati alla situazione commerciale del 1995, sono bel lontani i fasti degli Athlon. :-(
        • iRoby scrive:
          Re: E' ufficiale, addio concorrenza
          Sul desktop le prestazioni le fa il disco.Da quando ci sono gli SSD i vantaggi sono innegabili.Per cui desktop com A8, A10, Pentium Dual Core o i3 ed un SSD su Sata3.Io per aggiornare il mio desktop su mini-itx ho preso il Pentium G3430 ed un ssd Sandisk Ultra da 128gb coadiuvato da un HD Toshiba da 1tb.
          • pentolino scrive:
            Re: E' ufficiale, addio concorrenza
            sicuramente una soluzione con APU Amd, disco SSD ed una buona dotazione di RAM risulta più equilibrata che non una con proXXXXXre sparato a mille.E' solo che mi fa un po' tristezza vedere come negli ultimi anni Intel (lato CPU) sia andata avanti a soli ritocchini, dato che non aveva grandi avversari da affrontare.
          • uTonto scrive:
            Re: E' ufficiale, addio concorrenza
            - Scritto da: pentolino
            sicuramente una soluzione con APU Amd, disco SSDMa le SSD sono "mature", sapevo che rispetto al vecchio HD un SSD ha molti anni in meno di vita
          • iRoby scrive:
            Re: E' ufficiale, addio concorrenza
            Sì, ma con il trim attivo ed alcuni accorgimenti se ne prolunga la vita di alcuni anni. Nell'uso desktop vivrà più di quando diverrà obsoleto il PC.Ovviamente per quelle persone che lo cambiano o aggiornano con ragionevole frequenza.
    • ziovax scrive:
      Re: E' ufficiale, addio concorrenza
      Queste dovrebbero fare concorrenza ai bay-trail, nel settore degli ultraportatili.
      • pentolino scrive:
        Re: E' ufficiale, addio concorrenza
        senza dubbio, il mio intervento era riferito alla parte dell'articolo in cui dice che non si prevedono novità per il 2014 nel settore alte prestazioni. La vedo come segno inequivocabile della resa rispetto all'oggettiva ed, a quanto pare, incolmabile superiorità dell'hyper threading Intel.
        • uTonto scrive:
          Re: E' ufficiale, addio concorrenza
          - Scritto da: pentolino
          La vedo come segno inequivocabile della resa
          rispetto all'oggettiva ed, a quanto pare,
          incolmabile superiorità dell'hyper threading
          Intel.Ricordati di questohttp://news.cnet.com/8301-13579_3-9882376-37.htmlOggi Amd dal mio punto di vista offre una piattaforma piu equilibrata ProXXXXXre/Scheda video che per un uso domestico base va bene, considerando che i giochi che vanno di "moda" sono quelli dei tablet/smarphone che sono programmini "leggeri" per un qualsiasi desktop attuale.La cosa assurda che poi noto che le riviste che dovrebbero essere specializzate quando confrontano i proXXXXXri AMD A8 A10 li confrontano volutamente con un I3, considerano solo la parte della CPU e non la GPU, quindi per l'utente medio AMD top di gamma inferiore o uguale a un i3.Quando questa generazione è un mix di CPU+GPU, certo io penso male ma conoscendo la "storia" del rivale di AMD,non mi sorprenderei di aver ragione....
          • iRoby scrive:
            Re: E' ufficiale, addio concorrenza
            Con Intel per avere prestazioni GPU che si avvicinano alla soluzione APU di AMD devi prendere un top di gamma i7 Haswell.
          • pentolino scrive:
            Re: E' ufficiale, addio concorrenza
            concordo sul fatto che la soluzione AMD sia più equilibrata, mentre quella intel è decisamente sbilanciata lato CPU; come scrive giustamente iroby una GPU integrata intel in grado di competere con le controparti AMD si trova solo sui top di gamma.Dico solo che, dove conta principalmente la CPU (ad esempio i server, ma non solo) Intel è senza dubbio molto più avanti; per uso desktop casalingo va bene un po' tutto, sono uno di quelli che ritiene che la maggior parte dei PC comprati negli ultimi 5 anni (netbook e soluzioni ultraeconomiche escluse) non abbiano bisogno di grossi upgrade, se non un aumento della RAM ed eventualmente, budget permettendo, un SSD.
          • Phronesis scrive:
            Re: E' ufficiale, addio concorrenza
            ciao.Ho letto un pò tutti i commenti ... mi lego al tuo.- Scritto da: pentolino
            concordo sul fatto che la soluzione AMD sia più
            equilibrata, mentre quella intel è decisamente
            sbilanciata lato CPU; come scrive giustamente
            iroby una GPU integrata intel in grado di
            competere con le controparti AMD si trova solo
            sui top di
            gamma.Se guardiamo però nel complesso la direzione che sta, vuole o deve (dipende dai punti di vista) prendere AMD ciò che adesso chiamiamo equilibrata porterà ad un grosso vantaggio tecnico/prestazionale.Ovvero la piattaforma "software" e tecnica che AMD vuole affiancare alle APU.huma su tutte, ma anche mantle http://www.hwupgrade.it/news/cpu/con-huma-architettura-di-memoria-unificata-per-le-apu-amd_46848.htmlChe poi il primo abbozzo e proprio nei soc delle console.Poichè io considero gli i7 fascia entusiasm non high end poichè anche il videogiocatore appassionato tende a preferire un i5 e di riversare il risparmiato su altro (GPU RAM ssd) la fascia che AMD non riesce tecnicamente proprio a coprire dove intel domina è sulla carta una "piccola" parte.Dico sulla carta perchè il mercato entusiasm traina anche per nomea hight endPoi finalmente sembra che abbia migliorato il suo apporto con la comunità open che imho diventerà la base dei futuri desktop come li intendiamo oggi.Perchè MS e Apple sembra si stiano spostando sul mobile.
            Dico solo che, dove conta principalmente la CPU
            (ad esempio i server, ma non solo) Intel è senza
            dubbio molto più avanti; per uso desktop
            casalingo va bene un po' tutto, sono uno di
            quelli che ritiene che la maggior parte dei PC
            comprati negli ultimi 5 anni (netbook e soluzioni
            ultraeconomiche escluse) non abbiano bisogno di
            grossi upgrade, se non un aumento della RAM ed
            eventualmente, budget permettendo, un
            SSD.Sicuro. la forza bruta è dalla parte di intel.però se consideriamo i quattro settoriCPU Server, CPU Mobile, CPU Desktop e sistemi Embedded.I server sembra si stiano avvicinando agli ARM. AMD ha anche una licenza.CPU mobile, per quanto si sforzino (sia AMD che intel) imho possono pocola CPU desktop (ho espresso prima che fama a parte conti alla mano imho potrebbero darsi battaglia) sistemi Embedded qui è imprevedibile, l'embedded è particolare perchè cerca certamente il risparmio energetico (router nas televisori) quindi diciamo AMD ma nel mercato aziendale/fabbriche l'embedded è legato anche una serie di porte/standard ecc che tendono a evolversi poco quindi non saprei chi può farla da padrona.Tutto questo per dire che lo strapotere intel sui proXXXXXri è relativo, può essere un gigante con i piedi di argilla ma non perchè AMD lo mina o lo ha minato ma perchè il monopolio Win-intel sta crollando, il mercato PC sta crollando, il mercato mobile ha altre esigenze, il mercato server sta cambiando.Certo intel come ho avuto modo di dire altre volte, è sicuramente pronta ad piazzarsi nei nuovi mercati con forti acquisizioni o proposte fatte in casa e non produce solo proXXXXXri ma una serie di tecnologie e brevetti legati al mond informatico, in oltre a le mogliori fab del mercato quindi nel complesso è messa meglio di amd.
          • Phronesis scrive:
            Re: E' ufficiale, addio concorrenza
            - Scritto da: Phronesis
            sistemi Embedded qui è imprevedibile,
            l'embedded è particolare perchè cerca certamente
            il risparmio energetico (router nas televisori)
            quindi diciamo <b
            ARM </b
            ma ...correzione
          • pentolino scrive:
            Re: E' ufficiale, addio concorrenza
            la tua analisi ci sta, ma penso che passerà ancora qualche anno prima che si vedano dei server ARM realmente competitivi rispetto ai top di intel; al momento sono molto lontani, proprio in termini di performance per watt.Forse sono un nostalgico che ha vissuto con passione la corsa al Ghz di un po' di anni fa, ma mi dispiace che intel corra sola sull'high end. Io stesso per lavoro ho bisogno di un computer potente, ma preferisco orientare il budget su SSD e RAM piuttosto che sulla CPU, soldi spesi molto meglio!
          • iRoby scrive:
            Re: E' ufficiale, addio concorrenza
            Ho fatto lo stesso di te.Ho preso una CPU media che garantisce buone prestazioni per i miei usi, ed ho messo più ram ed un ssd a coadiuvare un discreto hard disk.
    • Dr Doom scrive:
      Re: E' ufficiale, addio concorrenza
      - Scritto da: pentolino
      AMD getta la spugna sul settore alte prestazioni;
      si ritorna al monopolio Intel. Non prevedo nulla
      di
      buono...puoi sempre metter su tu la fabbrichetta e far l'imprenditur :D
      • pentolino scrive:
        Re: E' ufficiale, addio concorrenza
        sì guarda attendevo giusto questo momento per tirare fuori dal cassetto il mio prodotto rivoluzionario :)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 18 novembre 2013 13.59-----------------------------------------------------------
    • Sg@bbio scrive:
      Re: E' ufficiale, addio concorrenza
      Speriamo di no, anche perchè i proXXXXXri intel sono tra i più sovraprezzati del mondo.
    • collione scrive:
      Re: E' ufficiale, addio concorrenza
      - Scritto da: pentolino
      AMD getta la spugna sul settore alte prestazioni;
      si ritorna al monopolio Intel. Non prevedo nulla
      di
      buono...c'è da vederele 2 nuove console danno l'idea di cosa AMD abbia in mente, ovvero puntare sul gpu computing, più che su cpu ultrapompateil grosso problema è che i processi produttivi si approssimano al loro limite fisico, dunque bisogna migliorare le architettureAMD ha imho deciso di seguire la strada di ARM, ovvero creare architetture ottimizzate, possibilmente sistemi eterogenei con svariati tipologie di asic per accelerare i più svariati casi d'uso
      • pentolino scrive:
        Re: E' ufficiale, addio concorrenza
        dipende molto dal contesto; sicuramente in una console da gioco molto si basa su grafica dettagliato, sonoro coinvolgente, gestione della fisica, metodi di controllo evoluti, IA... tutte cose distribuibili tra proXXXXXri dedicati, che funzionerebbero molto meglio di un grosso proXXXXXre general purpose.Ma in altri settori tipo i server tale divisione viene fatta a livello di processi/thread sullo stesso proXXXXXre, cosa su cui un bel proXXXXXre potente aiuta.
Chiudi i commenti