Microsoft e Amazon, insieme per gli assistenti vocali

Quella nata tra i due colossi hi-tech è un'insolita collaborazione. L'obiettivo sarà quello di unire gli sforzi per far interagire Cortana e Alexa

Roma – Entro la fine dell’anno sarà possibile evocare Cortana, l’assistente vocale di Microsoft, attraverso Alexa, l’epigono di Amazon, e viceversa : si tratta del risultato di una collaborazione frutto di rapporti sottotraccia intessuti dai vertici delle due aziende Jeff Bezos e Satya Nadella .

È fuor di dubbio che quello degli assistenti vocali sia uno dei settori in cui la tecnologia si sta muovendo con più velocità: negli ultimi anni sono diventati una presenza costante ed utile in diversi tipi di dispositivi, dagli smartphone ai device ad hoc pensati per la casa come quelli di Amazon. Per questo l’inusuale collaborazione stretta da due accaniti concorrenti ha spiazzato gli osservatori.

D’altra parte, la concorrenza è agguerrita , come dimostrano gli investimenti – anche in termini pubblicitari – profusi da Apple e Google per Siri e Google Assistant: il tutto si lega poi ai vari progetti a lungo periodo collegati con lo sviluppo di intelligenze artificiali per migliorare le capacità di assistenza dei computer ai propri utenti.

Bezos e Nadella, insomma, temono da un lato di rimanere indietro, dall’altro stanno agendo nella convinzione che ben presto non si parlerà di una Intelligenza Artificiale, ma di diverse AI in diretta competizione tra loro o meglio, adite in diverse occasioni dagli utenti, proprio come si potrebbe fare con i propri amici quando si è alla ricerca di un consiglio. In questo senso Cortana avrebbe dalla sua la superiore integrazione con Outlook e con le altre applicazioni della suite Office e quindi un ruolo rilevante dal punto di vista dell’organizzazione del lavoro; Alexa un ruolo più rilevante nelle faccende domestiche.

La visione di Bezos e Nadella è in realtà comprensiva e non esclusiva: a domanda diretta il CEO di Amazon dice che sarebbe pronto a collaborare anche con Apple e Google e che spera anzi di ispirarli in questo senso.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • sandrin scrive:
    di parte
    la prima soluzione verrà introdotta con iOS 11 e iPhone 8,mentre la seconda necessiterà di Android 7.0 e di un gadget compatibile gadget. GADGET.perche l'utonto sà che solo ifogne è uno smartphone.
  • meh scrive:
    ma dai
    La realtà Apple l'aumenta così insieme al suo conto in banca[yt]I0xzDS7rcuc[/yt]
  • fantasia aumentata scrive:
    bella la realtà aumentata
    Utile come una presa per il XXXX.
    • bradipao scrive:
      Re: bella la realtà aumentata
      - Scritto da: fantasia aumentata
      Utile come una presa per il XXXX.Più o meno quello che penso anche io. E' un po' come gli assistenti vocali che avrebbero rivoluzionato la vita delle persone... poi vengono usati da 2 gatti e quasi solamente per convinzione personale, non per reale utilità.
      • Izio01 scrive:
        Re: bella la realtà aumentata
        - Scritto da: bradipao
        - Scritto da: fantasia aumentata

        Utile come una presa per il XXXX.

        Più o meno quello che penso anche io. E' un po'
        come gli assistenti vocali che avrebbero
        rivoluzionato la vita delle persone... poi
        vengono usati da 2 gatti e quasi solamente per
        convinzione personale, non per reale
        utilità.Io non sono d'accordo.Una radio nuova compatibile con Android Auto (e sicuramente vale la stessa cosa per Apple Car Play) ti permette di fare un sacco di cose usando il cellulare e comandandolo con la sola voce, attraverso l'assistente in questione.Sì, lo so, i comandi vocali nelle radio ci sono da mò. Per quanto mi riguarda, però, Android Auto è una spanna sopra tutto quello che ho visto prima.
      • FDG scrive:
        Re: bella la realtà aumentata
        - Scritto da: bradipao
        Più o meno quello che penso anche io. E' un po'
        come gli assistenti vocali che avrebbero
        rivoluzionato la vita delle persone... poi
        vengono usati da 2 gatti e quasi solamente per
        convinzione personale, non per reale
        utilità.E infatti tu guidi schiantandoti regolarmente al muro.Ok, gli assistenti digitali hanno un oggettivo problema di stupidità. Ma che siano assolutamente inutili è una razzata grossa.
  • khgkjghk scrive:
    penso male, ergo sum
    Apple e Google si daranno battaglia ma non certo a livello di strategia commerciale globale perché, pur non avendo uno straccio di prova, mi gioco le mutande di mia zia se le Big Data (compresi IBM, Cisco, Juniper, Oracle e altri) non fanno cartello.
  • brick scrive:
    another brick in the wall
    "iOS 11 arriverà sì con iPhone 8 ma verrà presumibilmente adottato molto velocemente da una fetta di utenza iOS significativa".[img]http://betanews.com/wp-content/uploads/2016/09/Bricked-iPhone.jpg[/img]https://www.engadget.com/2016/09/13/ios-10-update-bricked-my-iphone/Yuhuuuuuuu.
Chiudi i commenti