Microsoft licenzia HTC

Una misteriosa tecnologia brevetta sarebbe stata concessa agli apparecchi Android prodotti dall'azienda taiwanese. Preludio a una nuova battaglia a suon di cause in tribunale?
Una misteriosa tecnologia brevetta sarebbe stata concessa agli apparecchi Android prodotti dall'azienda taiwanese. Preludio a una nuova battaglia a suon di cause in tribunale?

Microsoft e HTC hanno stretto un accordo in base al quale alcune tecnologie sviluppate a Redmond e brevettate potranno essere utilizzate anche nei dispositivi Android .

L’accordo, che permetterà a HTC e altre aziende produttrici degli apparecchi Android di utilizzare alcune tecnologie di Microsoft in cambio del pagamento di royalties, permette a Redmond di smarcarsi rispetto all’atteggiamento offensivo preso da Apple (che ha da poco avviato una causa nei confronti di HTC per i medesimi prodotti): la decisione di concedere in licenza le proprie tecnologie rappresenterebbe una soluzione diversa alla medesima questione che ha spinto Cupertino ad adire le vie legali per l’ utilizzo di tecnologie protette da proprietà intellettuale da parte dei dispositivi Android, in particolare quelli di HTC.

L’accordo coincide , infatti, con la dichiarazione da parte di Microsoft secondo cui il sistema operativo Android violerebbe la sua proprietà intellettuale . La decisione di HTC di pagare le royalty, riconoscendo dunque la proprietà di tali tecnologie, potrebbe inoltre costituire per Redmond un’arma in più in una eventuale battaglia contro Android .

Questo potrebbe d’altra parte significare (ma non sono stati ancora divulgati i brevetti interessati dall’accordo) che Microsoft intenda mobilitare il suo portafoglio brevettuale nella guerra degli smartphone , che vede attualmente Apple attaccare HTC e indirettamente Google. Big da parte sua non avrebbe titoli di privativa in questo settore tali da resistere alla potenza di fuoco di Cupertino.

Claudio Tamburrino

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti