Microsoft, spin-off a codice aperto

Redmond dedica all'open source una nuova società sussidiaria. L'obiettivo è "costruire ponti" tra il mondo Microsoft e le tecnologie aperte: sul lungo periodo i vantaggi saranno per tutti

Roma – Microsoft ha annunciato la nascita di Microsoft Open Technologies , una spin-off composta da un piccolo nucleo di dipendenti Microsoft che avrà come unico obiettivo quello di lavorare assieme con la community del software e delle soluzioni a codice aperto.

A guidare MOT sarà Jean Paoli, già co-creatore di XML 1.0 per il W3C e attualmente responsabile dell’Interoperability Strategy Team presso Microsoft. Il team di Paoli, un gruppo di 50-75 persone, rappresenterà il cuore pulsante della nuova società.

Certo si tratta di dimensioni molto ridotte rispetto all’enorme numero di dipendenti Microsoft complessivi, nondimeno è un inizio: MOT renderà “più facile e veloce l’iterazione e la distribuzione di software open source, la partecipazione in progetti open source esistenti, e l’accettazione di contributi provenienti dalla community”.

Dopotutto molto è cambiato da quando, 10 anni fa, Steve Ballmer definì Linux “un cancro” per l’industria del software, Microsoft stessa è indicata tra i 20 principali sviluppatori del kernel di Linux e Paoli ricorda le “migliaia di standard aperti” supportati direttamente da Redmond – oltre a Linux Hadoop, MongoDB, Drupal, Joomla e altri ancora.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Funz scrive:
    Vedremo...
    ...se i regimi totalitari riusciranno a imporsi come auspica il nostro amico Get real, oppure se verranno trascinati a fondo pure loro dal collasso economico mondiale. Staremo a vedere.
  • fabio Duma scrive:
    la censura
    in Cina è fortissima, ma anche qui non funziona più il tasto share di twitter. PI vuole tagliare il microblogging?! :D
Chiudi i commenti