Microsoft è standard a Bolzano e Perugia

Le piattaforme dell'azienda saranno il riferimento software anche per la Regione Marche. Migliaia le postazioni della PA interessate da un accordo triennale che pone al centro lo sviluppo e l'ottimizzazione dei servizi al cittadino


Roma – Tre importanti enti pubblici locali hanno scelto la tecnologia Microsoft per la strutturazione dei propri servizi interni ed esterni. Si tratta del Comune di Perugia, della Provincia Autonoma di Bolzano e della Regione Marche. Intese che per Microsoft rappresentano un segnale importante in un momento in cui con sempre maggiore frequenza gli enti locali guardano al software open source come alternativa a quello proprietario.

I nuovi accordi siglati da Microsoft con le tre amministrazioni prevedono una standardizzazione complessiva di oltre 5.000 postazioni PC e dell’infrastruttura server.

Il processo di standardizzazione è studiato per far sì che i tre enti possano adottare un’unica piattaforma tecnologica di riferimento che punti evidentemente all’ottimizzazione dei processi di lavoro interni e della fornitura di servizi ai cittadini.

L’accordo stretto dagli enti locali con Microsoft rientra in quello che l’azienda di Redmond definisce programma “Enterprise Agreement per la Pubblica Amministrazione”, un sistema di licenze che, secondo quanto dichiarato da Microsoft, tende a ridurre gli oneri per le Pubbliche Amministrazioni nell’acquisizione delle piattaforme software necessarie alle operazioni. Il contratto firmato dai tre enti locali prevede una fornitura di prodotti e aggiornamenti per i prossimi tre anni.

In particolare, l’accordo siglato dal Comune di Perugia prevede la standardizzazione di oltre 250 PC con Windows XP e Office XP Professional e dell’intera componente server di infrastruttura con Windows 2000 Server, Exchange Server per la posta elettronica e ISA Server per la sicurezza delle infrastrutture informatiche connesse a Internet.

Anche la Regione Marche ha uniformato la propria piattaforma desktop su tecnologia Microsoft, con oltre 600 PC aggiornati con Windows XP e Office XP Professional e dal lato server con Windows 2000 Server, Exchange Server, SharePoint Portal Server e SQL Server.

La Provincia Autonoma di Bolzano ha invece standardizzato più di 4.000 PC con Windows XP e Office XP Professional, aggiornando la piattaforma server con Windows 2000 e adottando Exchange Server come infrastruttura per la messaggistica.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Quando i diritti vengono calpestati
    Quando i diritti vengono calpestati dalla legge del profitto non c'è giustificazione a dare le colpe alla pirateria informatica,se,se essa,intendiamo scaricare programmi interi dalla rete o copiare cd musicali!Il copyright è over,la proprietà intelletuale un logico pretesto per avere più del dovuto!Basta brevetti,basta licenze,la pirateria c'è dove mancano i diritti dell'utente,che,a quanto pare,le major,vogliono farci passare per utonti!Per i cd musicali è diversa:se mi voglio comprare un album lo compro:ma che meriti di essere una buona spesa!
    • Anonimo scrive:
      Re: Quando i diritti vengono calpestati
      - Scritto da: antibsa!
      Quando i diritti vengono calpestati dalla
      legge del profitto non c'è giustificazione a
      dare le colpe alla pirateria
      informatica,se,se essa,intendiamo scaricare
      programmi interi dalla rete o copiare cd
      musicali!
      Il copyright è over,la proprietà
      intelletuale un logico pretesto per avere
      più del dovuto!
      Basta brevetti,basta licenze,la pirateria
      c'è dove mancano i diritti dell'utente,che,a
      quanto pare,le major,vogliono farci passare
      per utonti!
      Per i cd musicali è diversa:se mi voglio
      comprare un album lo compro:ma che meriti di
      essere una buona spesa!A suo tempo ho comprato palate di cd originali (40 mila lire l'uno), per poi scoprire che alla fin fine su 10 canzoni (si sono sprecati) solo un paio sono veramente belle.Mah, abbassassero i prezzi o li facessero meglio sti dischi.
  • Anonimo scrive:
    "Proprietà" Intellettuale
    Per quanto mi riguarda le case discografiche possono lagnarsi quanto vogliono: spero vivamente che la gente regali loro sempre meno soldi.E questo discorso vale non solo per le case discografiche, ma per esempio, anche per quelle cinematografiche.L'unico modo attraverso il quale possono sperare di continuare a spillare soldi col loro disgustoso modello di business e' rivedere completamente la loro politica sui prezzi dei CD e le spese di ingaggio degli artisti.E' indecente pagare 20 Euro un CD per permettere alla Britney Spears di turno di farsi il nuovo sandalo di Armani, la Limousine o al villa a Santa Voghera.Certo si potrebbe obiettare che non tutti gli artisti sono dei Michael Jackson e che non tutta la musica e' uguale: assolutamente vero. Ma la musica (la musica in generale non necessariamente quella legata al porcile qual e' l'industria dell'intrattenimento) e' essenzialmente cultura, e' informazione.Non si puo' trattare l'informazione e la cultura alla stregua di una macchina o di un vestito di marca. E questo in primo luogo per un motivo molto semplice: non e' un qualcosa di materiale.Posso riferire qualcosa che so a qualcun'altro, posso anche scriverla, registrarla su cassetta o immagazzinarla in una serie di byte in un computer. E cio' vale per qualsiasi tipo di conoscenza. Vale per una canzone cosi' come per la ricetta della nonna; per un libro cosi' come per la cura di una malattia; per una teoria scientifica come per il significato di un'opera d'arte. La proprieta' fondamentale dell'informazione e' che il suo trasferimento e la sua moltiplicazione e' possibile senza portar via niente dalla sorgente. Quando parlo di qualcosa con qualcun'altro non perdo niente da cio' che sto dicendo. Perdo solo un po' di saliva, di energia, ecc... =)L'informazione e la cultura inoltre non dovrebbe essere elitaria, dovrebbe essere alla portata di tutti; e non credo che 20 Euro a CD siano proprio accessibili a chiunque.Se il P2P ha fatto effettivamente calare le vendite dei CD come dicono beh... Ben venga! Vuol dire avere uno strumento in piu' per liberarsi dal giogo asfissiante dell'industria del copyright che si professa paladina della "DIFESA" della proprieta' intellettuale.Ma difendersi da cosa?!? Chi sta attaccando cosa? Se stiamo parlando del P2P, chi condivide informazioni in rete non lo fa certo per un qualche scopo di lucro. Se voglio riprodurre il brano musicale di qualcuno, allora prima di tutto devo conoscerlo (per esempio avendone lo spartito). Questo significa che quel brano non e' segreto. Se non e' un segreto, significa che era desiderio dell'autore che venisse conosciuto. Se voglio condividerlo con altri, come potrei mai stare attaccando quell'autore??? Con questo non voglio assolutamente dire che autori, scienziati e artisti non meritino un riconoscimento per le loro opere. Dico semplicemente che la logica della proprieta' intellettuale non e' piu', e probabilmente non e' mai stata, il modo migliore per garantire loro questo riconoscimento.Da questo punto di vista sono assolutamente daccordo con le idee espresse da Liberte' nel messaggio riportato a questo link.http://punto-informatico.it/pol.asp?mid=281388&fid=42020La logica della proprieta' intellettuale e il business ad essa legato e' solo un freno allo sviluppo culturale della nostra societa' e la diffusione della rete ci ha permesso finalmente di riflettere su questa situazione.---Se avete a cuore la questione della liberta' di diffusione dell'informazione o semplicemente desiderate approfondire l'argomento vi invito a visitare questo link che ospita un'interessante brano del Dr.Godfried-Willem Raes.http://www.logosfoundation.org/copyleft/copyrigh.html
    • Anonimo scrive:
      Re: "Proprietà" Intellettuale
      Sei un deficiente. Secondo la tua opinione infatti il prodotto di un gruppo di 1000 persone che lavorano per realizzare un software non ha nessun valore, mentre la costruzione di un'automobile o di una lavatrice sì, perché sono beni materiali, tangibili. Secondo il tuo ragionamento le auto non dovremmo comprarle, ma le dovremmo rubare. Sei proprio un emerito imbecille.Se vuoi che Jackson viva nella miseria, fai a meno di comprare i suoi CD e non ascoltare la sua musica. Ognuno è libero di decidere a quale prezzo vendere una sua creazione, sta al consumatore scegliere se comprarla o meno. Non c'è motivo per il quale un paio di Jeans firmati costi 10 volte tanto un paio di Jeans anonimi eppure la gente li compra lo stesso. Però non sento nessuno lamentarsi del prezzo e fare furti nei negozi.Tu sei un povero idiota, idiota al punto da non meritare una risposta. Ringraziami dunque se ho prestato quest'opera di bene.
      • Anonimo scrive:
        Re: "Proprietà" Intellettuale

        Sei un deficiente.Grazie...La pensi cosi' di chiunque abbia un'opinione differente dalla tua? Beh complimenti...
        Secondo la tua opinione
        infatti il prodotto di un gruppo di 1000
        persone che lavorano per realizzare un
        software non ha nessun valore, mentre la
        costruzione di un'automobile o di una
        lavatrice sì, perché sono beni materiali,
        tangibili.No ho detto che l'informazione non puo' essere considerata un bene materiale e che su di essa non si puo' estendere il concetto di proprieta'.
        Secondo il tuo ragionamento le
        auto non dovremmo comprarle, ma le dovremmo
        rubare.Dove avrei detto una cosa del genere???
        Sei proprio un emerito imbecille.Idem come sopra.
        Se vuoi che Jackson viva nella miseria, fai
        a meno di comprare i suoi CD e non ascoltare
        la sua musica.E' quello che spero faccia chiunque.
        Ognuno è libero di decidere a
        quale prezzo vendere una sua creazione, sta
        al consumatore scegliere se comprarla o
        meno.Se si tratta di un bene materiale sono daccordo. Ma come fai a vendere un qualcosa come un brano musicale, un'idea. Come puoi pensare di poter vendere la cultura?Ammesso che tu voglia e riesca a vendere una tua idea, un'informazione, con che diritto potresti mai esigere di impedirne e controllarne la diffusione. Pensa se una cosa del genere accadesse con la cura di una malattia.
        Non c'è motivo per il quale un paio di
        Jeans firmati costi 10 volte tanto un paio
        di Jeans anonimi eppure la gente li compra
        lo stesso. Però non sento nessuno lamentarsi
        del prezzo e fare furti nei negozi.Spiegami il nesso.
        Tu sei un povero idiota, idiota al punto da
        non meritare una risposta.Idem come sopra.
        Ringraziami
        dunque se ho prestato quest'opera di bene.UMPF...
      • Anonimo scrive:
        Re: "Proprietà" Intellettuale
        - Scritto da: Bertrand Russel
        Sei un deficiente. Secondo la tua opinione
        infatti il prodotto di un gruppo di 1000
        persone che lavorano per realizzare un
        software non ha nessun valore, mentre la
        costruzione di un'automobile o di una
        lavatrice sì, perché sono beni materiali,
        tangibili. Secondo il tuo ragionamento le
        auto non dovremmo comprarle, ma le dovremmo
        rubare. Sei proprio un emerito imbecille.
        Se vuoi che Jackson viva nella miseria, fai
        a meno di comprare i suoi CD e non ascoltare
        la sua musica. Ognuno è libero di decidere a
        quale prezzo vendere una sua creazione, sta
        al consumatore scegliere se comprarla o
        meno. Non c'è motivo per il quale un paio di
        Jeans firmati costi 10 volte tanto un paio
        di Jeans anonimi eppure la gente li compra
        lo stesso. Però non sento nessuno lamentarsi
        del prezzo e fare furti nei negozi.
        Tu sei un povero idiota, idiota al punto da
        non meritare una risposta. Ringraziami
        dunque se ho prestato quest'opera di bene.Cavolo, se avessi risposto io cosi' mi avrebbero già censurato e denunciato ai carabinieri. Che aspetta punto informatico a segarti il messaggio?Cmq vorrei proprio sapere dov'è che il nostro amico ha scritto ciò che tu affermi, mah... lavori alla SIAE? Anche tu andrai in pensione siae con 3 mila euro al mese? Lo sai che quando mi sono sposato la siae voleva pure i soldi perchè ho fatto suonare delle musiche popolari durante il banchetto? Continuiamo cosi', se poi uno dice che l'Italia è una nazione di merda gli danno del pessimista....
    • Anonimo scrive:
      Re: "Proprietà" Intellettuale
      L'assurdità del copyright?Sta nel fatto che dovrebbe essere l'autore stesso a dettare le condizioni di utilizzo affinchè i vincoli non siano economicamente ostacolo alla libera circolazione dell'informazione ed,invece a decidere sono sempre le majors!E' chiaro che l'autore non conta niente:è sotto l'occhio di chiunque!Se poi ci si mette a parlare dei costi del software,mi vien da chiedermi:ma chi glielo compra?Esempio:Photoshop 7 costa ? 1013,94 (secondo Computer Magazine):cacchio e che è Photoshop,d'oro?e potrei continuare all'infinito!Altra cosa quanto strapaga Microsoft per i suoi dipendenti per aver creato un sistema operativo pieno di bachi?Forse che è il caso che le majors invece di lamentarsi sulla pirateria si facciano un esame di coscienza?
  • Anonimo scrive:
    Mi piacerebbe...
    Mi piacerebbe chiudere definitivamente ogni forma di p2p per dimostrare che il mondo può vivere benissimo senza musica commerciale a quelli là.E che si rendano conto che un "bene" vale sul mercato quello che la gente (per lo meno la maggior parte) è disposta a pagarlo e non quanto il produttore vorrebbe incassare.Chissà a cosa si attaccherebbero dopo: tassa preventiva sulla "musica" che potresti potenzialmente produrre nel caso in cui ti cadesse un bicchiere per terra ? :-)
  • Anonimo scrive:
    Vergogna
    Confido nel vostro buon senso: smettiamola di usare il p2p, di questo passo le Major chiudono. Chi proteggerà a questo punto gli interessi di artisti e cantanti?Consideriamo poi che 20-21 euro per cd non sono poi molti: quanti id voi buttano via la stessa somma per uscire con la moglie in pizzeria?
    • Anonimo scrive:
      Re: Vergogna
      - Scritto da: Cesare Giocondi-Abb.sso
      Confido nel vostro buon senso: smettiamola
      di usare il p2p, di questo passo le Major
      chiudono. Chi proteggerà a questo punto gli
      interessi di artisti e cantanti?Dovranno cercare un sistema piu' valido ed efficente; o secondo te dovremmo ancora cucinare sui fuochi di legna solo per non togliere lavoro ai boscaioli ????
      Consideriamo poi che 20-21 euro per cd non
      sono poi molti: quanti id voi buttano via la
      stessa somma per uscire con la moglie in
      pizzeria?Dipende da quello che ne ho in cambio; per un CD che magari posso ascoltare anche alla radio, o che non posso portare in ufficio per ascoltarlo da PC sono un po' troppo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Vergogna
      - Scritto da: Cesare Giocondi-Abb.sso
      Confido nel vostro buon senso: smettiamola
      di usare il p2p, di questo passo le Major
      chiudono. Chi proteggerà a questo punto gli
      interessi di artisti e cantanti?

      Consideriamo poi che 20-21 euro per cd non
      sono poi molti: quanti id voi buttano via la
      stessa somma per uscire con la moglie in
      pizzeria?Ma fammi il piacere!1) Sul costo della pizza nonci vivono migliaia di parassiti che con lapizza non hanno niente a che fare. 2) Se compri una pizza non rischi di poterne mangiare 2 fette su 10, perchè le altre fette fanno c*gare ed il pizzaiolo non te lo aveva detto.3) Il costo della pizza non è 4/5 volte superiore al prezzo di mercato non gonfiato4) Nessuno ti fa pagare i diritti se ti fai una pizza in casa per il rischio che questa pizza "assomigli" a quella del pizzaiolo sotto casa!
      • Anonimo scrive:
        Re: Vergogna

        4) Nessuno ti fa pagare i diritti se ti fai
        una pizza in casa per il rischio che questa
        pizza "assomigli" a quella del pizzaiolo
        sotto casa!Hehehehe GRANDE! ;-)
    • Anonimo scrive:
      Re: Vergogna
      - Scritto da: Cesare Giocondi-Abb.sso
      Confido nel vostro buon senso: smettiamola
      di usare il p2p, di questo passo le Major
      chiudono. Chi proteggerà a questo punto gli
      interessi di artisti e cantanti?

      Consideriamo poi che 20-21 euro per cd non
      sono poi molti: quanti id voi buttano via la
      stessa somma per uscire con la moglie in
      pizzeria?Caro Cesare Giocondi-Abb.sso, sei talmente cazzaro che risponderti è quasi un'insulto alla pubblica morale, infatti ti ho risposto solo per chiederti, visto che a te non pesa, se tre o quattro volte al mese mi giri 20Euro cosi posso comprare i CD senza doverli scaricare a gratis!Che vuoi che siano per te 80Euro al mese, niente tu li guadagnerai in un minuto!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Vergogna
      - Scritto da: Cesare Giocondi-Abb.sso
      Confido nel vostro buon senso: smettiamola
      di usare il p2p, di questo passo le Major
      chiudono. Chi proteggerà a questo punto gli
      interessi di artisti e cantanti?

      Consideriamo poi che 20-21 euro per cd non
      sono poi molti: quanti id voi buttano via la
      stessa somma per uscire con la moglie in
      pizzeria?Ma dimmi, sei vero?? Possibile che esista ancora qualcuno al mondo che la pensa in questo modo?"Le povere major che fanno l'interesse degli artisti", e "21 euro non sono poi molti". Caro mio, vorrei farti notare che negli USA un CD costa 12 dollari, e gli americani hanno mediamente stipendi molto più alti degli italiani. Questo si chiama furto legalizzato, e merita tutt'altro che essere assecondato. Tanto stanne certo, la musica e gli artisti non finiranno certo se boicottiamo le major.Alberto Scala
    • Anonimo scrive:
      Re: Vergogna
      Ah.. io sono sicuro che tu stessi facendo dell'ironia!! Infatti ho riso soprattutto per l'ultima domanda.Spero di aver capito bene altrimenti sono veramente scemo io che nn capisco.per inciso io personalmetnte 20 euro me li spendo assai più volentieri con la mia "moglie" in pizzeria che da ricordi (mii... grrrr!!!come li odio!!!) con la BMG...
    • Anonimo scrive:
      Re: Vergogna
      - Scritto da: Cesare Giocondi-Abb.sso
      Confido nel vostro buon senso: smettiamola
      di usare il p2p, di questo passo le Major
      chiudono. Chi proteggerà a questo punto gli
      interessi di artisti e cantanti?

      Consideriamo poi che 20-21 euro per cd non
      sono poi molti: quanti id voi buttano via la
      stessa somma per uscire con la moglie in
      pizzeria?Bravo: invece di portare tua moglie in pizzeria, comprati un bel disco.Che tanto, mentre ti ascolti il disco, qualcun'altro si preoccupa di portare tua moglie in pizzeria...Ma poi...in pizzeria...che straccione...
    • Anonimo scrive:
      Re: Vergogna
      - Scritto da: Cesare Giocondi-Abb.sso
      Confido nel vostro buon senso: smettiamola
      di usare il p2p, di questo passo le Major
      chiudono. Chi proteggerà a questo punto gli
      interessi di artisti e cantanti?

      Consideriamo poi che 20-21 euro per cd non
      sono poi molti: quanti id voi buttano via la
      stessa somma per uscire con la moglie in
      pizzeria?Per carità, in pizzeria con la moglie, che schifo!!!Meglio pagare un cd schifoso 20 euro per arricchire il solito gruppo trash che ti riempie di volgarità e parolacce.
    • Anonimo scrive:
      Re: Vergogna

      Consideriamo poi che 20-21 euro per cd non
      sono poi molti: quanti id voi buttano via la
      stessa somma per uscire con la moglie in
      pizzeria?buttano 20 euro con la moglie?tu non sei normale, ragazzo, se non ti piace la topa, fatti curare...
  • Anonimo scrive:
    E I PROFITTI? ANCHE QUELLI IN ROSSO?
    Perchè parlano solo di numero di vendite? Se alzano i prezzi dei cd è ovvio che ne venderanno di meno!Se è vero che sono in crisi, perchè non cominciano a rivedere i compensi per gli artisti? Qualche anno fa i REM hanno stipulato un contratto da 100 milioni di dollari!Per non parlare delle varie cristina aguilera e britney spears, quest'ultima l'anno scorso ha stipulato un contratto da 195 milliardi di vecchie lire con la pepsi.Se vogliono far quadrare i conti, perchè non includono nei loro contratti anche lo sfruttamento dell'immagine?In fondo buona parte della popolarità dei cantanti è dovuta alle major che danno la possibilità di emergere come star.La verità è che vogliono trarre profitto dal giro di mp3 diffusi tramite p2p,solo che il 95% di quei file non girerebbe se fossero a pagamento.Se avessi dovuto pagare la musica che ho nel mio hard-disk a quest'ora avrei l'1% dei file che ho adesso
  • Anonimo scrive:
    W il P2p, ieri, oggi, sempre!
    Basta con questa facile equazione P2p= Pirateria, è una menzogna da avvocati delle cause perse. Da una vita condivido migliaia di file, ci sarà sempre un modo per scaricare musica da internet...Nonostante questo compro anche Cd originali, non capisco perché è tanto di moda accanirsi con i sistemi di file-sharing!
    • Anonimo scrive:
      Re: W il P2p, ieri, oggi, sempre!
      - Scritto da: Gio74
      Basta con questa facile equazione P2p=
      Pirateria, è una menzogna da avvocati delle
      cause perse. Da una vita condivido migliaia
      di file, ci sarà sempre un modo per
      scaricare musica da internet...Nonostante
      questo compro anche Cd originali, non
      capisco perché è tanto di moda accanirsi con
      i sistemi di file-sharing! Hai ragione! Oltretutto la gente che condivide non lo fa per lucrarci sopra, a differenza della pirateria gestita dalla mafia.Se vogliono combattere la pirateria perchè non cominciano a far sparire i cd pirata dalle strade?
  • Anonimo scrive:
    Una bella tassa sulla connessione internet
    Tra poco proporranno che parte delle tariffedi connessione telefonica vengano stornatealle majors. Visto che l'hanno propostoper i cdrom, perchè no? La presunzionedi certi soggetti è sconfinata.
    • Anonimo scrive:
      Re: Una bella tassa sull'udito
      - Scritto da: soluzione
      Tra poco proporranno che parte delle tariffe
      di connessione telefonica vengano stornate
      alle majors. Visto che l'hanno proposto
      per i cdrom, perchè no? La presunzione
      di certi soggetti è sconfinata.Secondo i loro principi sarebbe piu' logico mettere una tassa sull'udito. Chi ce l'ha puo' ascoltare musica violando le leggi sul copyright.
      • Anonimo scrive:
        Re: Una bella tassa sull'udito

        Secondo i loro principi sarebbe piu' logico
        mettere una tassa sull'udito. Chi ce l'ha
        puo' ascoltare musica violando le leggi sul
        copyright.A tassa sullu dito? Cu fu lu dito da tassare che lo mozzo?
      • Anonimo scrive:
        Re: Una bella tassa sull'udito
        - Scritto da: porco-informatico


        - Scritto da: soluzione

        Tra poco proporranno che parte delle
        tariffe

        di connessione telefonica vengano stornate

        alle majors. Visto che l'hanno proposto

        per i cdrom, perchè no? La presunzione

        di certi soggetti è sconfinata.

        Secondo i loro principi sarebbe piu' logico
        mettere una tassa sull'udito. Chi ce l'ha
        puo' ascoltare musica violando le leggi sul
        copyright.Ssssscc, zitti! Non date di questi suggerimenti altrimenti le grandi lobby del magna-magna lo fanno sul serio!!!
  • Anonimo scrive:
    Piu' comodo comprare online
    Davvero strano questo calo
  • Anonimo scrive:
    Ho comprato e continuero' a comprare
    Nel mio piccolo trovo molto utile lo shopping online, anche di musica. Credo pure che questo sia il futuro, quindi non mi preoccuperei. Gli artisti troveranno sempre un modo per vendere quello che producono.
  • Anonimo scrive:
    Rivoluzione
    Ormai si devono arrendere, siamo di fronte a una rivoluzione come quella avvenuta in francia qualche secolo fa, ci potrà magari essere una restaurazione ma prima o poi il mondo delle majors cadrà e il copyright tornerà ad essere un modo per essere proprietari dei crediti di un'opera e non un feudo su cui applicare gabbelle.La cosa più importante non è che i presidenti delle case discografiche e le loro star possano andare in giro con l'aereo privato e che guadagnino miliardi a palate... ma che si diffonda la conoscenza. La cosa più grave è che con uno strumento che ora permetet di diffondere il sapere a un costo irrisorio (cosa che prima non era possibile) non ci si preoccupi di allargalo, ma bensì di fare ostruzione, di eliminarlo.Musica, cinema e libri si diffonderanno sempre più attraverso il p2p ed è giusto che sia così.E' chiaro che uno si può chiedere:"ma un giorno chi finanzierà i produttori per fare film o dischi se nessuno li compra più?"La risposta è che chiaramente ora la situazione è confusa perché siamo di fronte a una cosa nuova, ma questa è solo un'evoluzione, quando le vendite crolleranno completamente qualcuno verrà fuori con un'idea geniale che riuscirà a mettere tutti d'accordo.Per esempio a Panama la compagnia telefonica statale guadagnava meno perché molti usavano servizi di telefonia su internet. E guardate come hanno risolto elegantemente la cosa:http://yro.slashdot.org/article.pl?sid=02/11/04/0252201&mode=thread&tid=95
    • Anonimo scrive:
      Re: Rivoluzione
      elegantemente... mavaff!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Rivoluzione
      si infatti lo gia detto e ripetuto:LA MUSICA E FATTA PER ESSERE SUONATA!!!mica per fare come quella M.... che fanno adesso canzonette fatte per esere vendute 6 mesi, solo grazie alla pub su MTV, poi si cambia p........ e si ricominciai musicisti, i cantanti, i DJ o quant'altro continueranno a lavorare..... magari guadagnando un po meno, e sarebbe solo un bene cosi vanno in giro a suonare ancora di piu: se non magnano
    • Anonimo scrive:
      Re: Rivoluzione
      Se foste coerenti non comprereste E BASTA!.Siete solo delle Locuste, che ricorre 'l'informazione libera' si muove facendosi un culo cosi' dando il PROPRIO lavoro di PROPRIA iniziativa GRATIS.Locuste.....
      • Anonimo scrive:
        Re: Rivoluzione
        Si ok, ma che c'entra con quello che ho scritto?Leggersi i post prima di replicare come scimmie ammaestrate è meglio
        • Anonimo scrive:
          Re: Rivoluzione
          - Scritto da: libertè
          Si ok, ma che c'entra con quello che ho
          scritto?
          Se la mia opinione ti da' fastidio allora e' segno che approvi le 'Locuste' pur sapendo che non rincorrono la liberta' di informazione ma ben altro.Ti pare quindi il caso di dire che:"Musica, cinema e libri si diffonderanno sempre più attraverso il p2p ed è giusto che sia così"Non credi che sia piu' giusto astenersi dal comprare se non si e' daccordo con la filosofia di chi vende piuttosto che Rubare?
          Leggersi i post prima di replicare come
          scimmie ammaestrate è meglio
          Offendere non ti servira' a dar forza alle tue argomentazioni.Ti sembra coerente la gente che si esalta di aver scaricato 80 Film a scrocco, dei quali ne vedra' due, e per avere 2000cd di mp3, dei quali ne ascoltera' 10.Locuste...E' gisto che sia cosi', certo. Barricandosi dietro la liberta' Rubano a chi ha. Moralmente meno deprecabile di chi ruba a chi non ha, certo...ma sempre deprecabile.Che ci trattino come capre da mungere e' uno schifo ma le Locuste del P2P certo non aiutano a cambiare le cose. Semmai a peggiorarle.il tutto IMHO.....
          • Anonimo scrive:
            Re: Rivoluzione
            Sia ben chiaro pero' che non demonizzo il mezzo ma chi lo usa a sproposito.
  • Anonimo scrive:
    per gli user FASTWEB
    protestate con il vostro gestore, potete scambiare solo tra voi e non è giusto!io non vi faccio più scaricare nulla se non mi mollate qualcosa anche voi ... non sono uno scambista ma voi che siete in quella rete bastarda, non è giusto che prendiate senza dare niente a nessuno!!!!!! :-(((((((
    • Anonimo scrive:
      Re: per gli user FASTWEB
      - Scritto da: trist-ANO
      protestate con il vostro gestore, potete
      scambiare solo tra voi e non è giusto!
      io non vi faccio più scaricare nulla se non
      mi mollate qualcosa anche voi ... non sono
      uno scambista ma voi che siete in quella
      rete bastarda, non è giusto che prendiate
      senza dare niente a nessuno!!!!!! :-(((((((Ho fastweb e da me su winmx scarica un sacco di gente. Forse non puoi scaricare da quelli fastweb perché anche tu hai settato la porta zero... due con la porta zero non possono scambiare. Se è così setta un'altra porta oppure amen...
      • Anonimo scrive:
        Re: per gli user FASTWEB
        - Scritto da: hey


        - Scritto da: trist-ANO

        protestate con il vostro gestore, potete

        scambiare solo tra voi e non è giusto!

        io non vi faccio più scaricare nulla se
        non

        mi mollate qualcosa anche voi ... non sono

        uno scambista ma voi che siete in quella

        rete bastarda, non è giusto che prendiate

        senza dare niente a nessuno!!!!!!
        :-(((((((

        Ho fastweb e da me su winmx scarica un sacco
        di gente. Forse non puoi scaricare da quelli
        fastweb perché anche tu hai settato la porta
        zero... due con la porta zero non possono
        scambiare. Se è così setta un'altra porta
        oppure amen...Scusate cosa e' la porta zero?
    • Anonimo scrive:
      Re: per gli user FASTWEB
      guarda che ti sbagli se ad esempio si usa winmx gli utenti fastweb possono benissimo scambiare con con gli "esterni" alla rete... io lo faccio regolarmente... nn mi sembra poi così orribile che si sia formata una comunità interna alla rete dove tra l'atro, e nn è una str*nz*t*, si è molto più disponibili alla condivisione senza necessità di scambio diretto, sul genere: "prendi se prendo anchio da te" (cosa per altro esplicitamente vietata dalle regole di alcuni serever della rete fastweb) Io invece nn trovo quasi mai nessuno dentro la rete wpnp che mi faccia scaricare, la tengo aperta perchè VOGLIO condividere...Per quanto riguarad la protesta contro fastweb ci sono ben altri problemi... vedi IP pubblico a pagamento e assoluta torbidità (contrario di trasparenza) nell'informativa data ai primi clienti fastweb (io ce l'ho da circa 1 anno e nulla sapevo dell'ip interno alla rete)
    • Anonimo scrive:
      Re: per gli user FASTWEB
      - Scritto da: trist-ANO
      protestate con il vostro gestore, potete
      scambiare solo tra voi e non è giusto!
      io non vi faccio più scaricare nulla se non
      mi mollate qualcosa anche voi ... non sono
      uno scambista ma voi che siete in quella
      rete bastarda, non è giusto che prendiate
      senza dare niente a nessuno!!!!!! :-(((((((ho la rete wpnp e una ventina di server opennap collegati 24h al giorno.ho 40 giga di roba in condivisioneil upload medio giornaliero supera il giga e mezzo.do sempre molto di più di quanto ricevo, e cosa più importante tengo sempre aperto il p2p anche se non me ne faccio nulla.Questo vale per tantissimi altri utenti FW, attacca il cervello prima di parlare un'altra volta, pleaze.
    • Anonimo scrive:
      Re: per gli user FASTWEB
      - Scritto da: trist-ANO
      protestate con il vostro gestore, potete
      scambiare solo tra voi e non è giusto!
      io non vi faccio più scaricare nulla se non
      mi mollate qualcosa anche voi ... non sono
      uno scambista ma voi che siete in quella
      rete bastarda, non è giusto che prendiate
      senza dare niente a nessuno!!!!!! :-(((((((Scambio senza problemi interi film con utenti non fastweb che vanno a meno di 4k/sec.I download e upload in questi casi durano giorni interi se non settimane (visto che il pc se non ci sono è spento).
  • Anonimo scrive:
    C'è crisi ovunque e danno la colpa al p2p
    Dappertutto c'è crisi, in tutti i settori, nessuno escluso.Si vende meno TUTTO.Inutile dare la colpa al p2p.Ricordiamoci invece che loro stessi non hanno mai voluto abbassare i prezzi ed anzi, hanno tenuto alti A TAVOLINO i prezzi, mettendosi d'accordo, alla faccia della "concorrenza" e quindi inculando di fatto il cliente.Pensate ... che cosa mettono al FANTASTICO prezzo di 10 euro? (20.000 lire) roba del 1970!!!!A CINQUE euro bisognava mettere quella.invece a cinque cosa mettono? La merda più merda che più merda non si può, quella che non era nemmeno vendibiel a 3 cent!Provate a trovare in offerta THE WALL oppure THE JOSHUA THREE ... oppure che so, LIKE A PRAYER ... ** NON ESISTE **
    • Anonimo scrive:
      Re: C'è crisi ovunque e danno la colpa al p2p
      io in offerta a 9,90 ho trovato (al mediaworld):Depeche mode - Black celebrationRadiohead - AmnesiacMarlene kuntz - ho ucciso paranoiaPlacebo - Placeboed altri dischi, tra cui molti quasi nuovi, che però non m'interessavano.resta il fatto che per me è stata dura decidere di comprarli, ce l'ho a morte con la siae ed il sistema discografico attuale, e li avrei agevolmente scaricati dalla rete. Dovevano metterli a 5?. E magari un DVD audio a 20?. che figata un dvd audio.ah... come sono stato debole... ho per un attimo abbandonato la causa e dimenticato di boicottare la siae. chiedo venia.avvelenato***piracy kills the market****** up the piracy ***
    • Anonimo scrive:
      Re: C'è crisi ovunque e danno la colpa al p2p
      quello e perche compri solo musica commercial delle major......nel nostro giro i CD (nuovi nuovi) costano da 8 a 12 ? (anche 20 nei negozi.....ma si sa quelli sono per la massa)
  • Anonimo scrive:
    RICORDIAMO IL CARTELLO DELLE MAJORS
    Vecchio articolo da ricordare sempre, IL CARTELLO DELLE MAJORS!E' inutile tirare fuori ogni 10 minuti che il p2p fa male alle vendite ... tengono alti i prezzi e poi si lamentano se la gente non compra!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: RICORDIAMO IL CARTELLO DELLE MAJORS
      - Scritto da: melomane

      Vecchio articolo da ricordare sempre, IL
      CARTELLO DELLE MAJORS!

      E' inutile tirare fuori ogni 10 minuti che
      il p2p fa male alle vendite ... tengono alti
      i prezzi e poi si lamentano se la gente non
      compra!!!prova....
  • Anonimo scrive:
    E winmx?
    Come mai nessuno tenta di chiuderlo?Ha qualche caratteristica tecnica che lo rende "legale" ?
    • Anonimo scrive:
      Re: E winmx?
      No, solo MOLTO difficile da boicottare.E poi cominciano dai più grossi .....DAI CHE RESISTIAMO !!!W il P2P !! ehehehehehehe
Chiudi i commenti