Microsoft testa il suo BitTorrent

Il gigante di Redmond ha rilasciato la preview tecnologica di un tool P2P studiato per il download, da parte degli utenti consumer, di grossi file. Molte le somiglianze con BitTorrent

Redmond (USA) – Microsoft ha rilasciato una versione preliminare di Secure Content Downloader (MSCD), un tool di file-sharing il cui principio di funzionamento è all’apparenza molto simile a quello di BitTorrent.

Attualmente utilizzabile per fare il download di Visual Studio 2008 Beta 2, MSCD viene descritto da BigM come un “peer-assisted download manager capace di scaricare in modo sicuro specifici file”. Più nel dettaglio, MSCD si connette agli altri client attraverso connessione peer-to-peer formando quella che BigM chiama “cloud”, ossia un “nugolo” di client.

“Le porzioni di file che state scaricando vengono trasmesse sia attraverso connessioni paritetiche tra client sia attraverso connessioni con il file server”, spiega Microsoft sul proprio sito. “Nei confronti degli altri membri del cloud il vostro computer agisce contemporaneamente sia come client che come server”.

A differenza di BitTorrent, una volta completato il download MSCD scollega l’utente dal cloud e, di conseguenza, interrompe ogni connessione da e verso la rete P2P: ciò significa che gli utenti condividono i propri file solo per il tempo necessario a scaricarli integralmente.

Microsoft avverte che il proprio tool P2P è pensato per gli utenti consumer, e potrebbe non funzionare dietro ad un firewall aziendale.

L’attuale Community Technology Preview di SCD scade il 23 agosto.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Ken Shiro scrive:
    Chissà...
    ...quando sarà possibile utilizzare l'accelerazione 3d dentro una macchina virtuale, per l'opengl esiste già un driver sperimentale per utilizzare nativamente tale accelerazione, quando sarà possibile utilizzare anche direct3d dentro una macchina virtuale, per quanto mi riguarda, non avrà piu senso dedicare una partizione a questo sistema operativo e invece si potra utilizzare, quando mi verrà voglia di giocare, dentro una macchina virtuale su linux; a meno che wine non dia un'ottima compatibilità alle applicazioni win, perche ho visto che ultimamente il team di wine si sta dando molto da fare. Chi vivrà vedrà ;)
Chiudi i commenti