Microsoft, uno standard per la nuvola

Redmond annuncia l'adozione dello standard ISO per la protezione dei dati personali degli utenti intrappolati nel cloud. Promesse, promesse e ancora promesse di riservatezza, sicurezza e trasparenza

Roma – Nel tentativo di rafforzare la propria offerta cloud presso gli utenti meno irretiti dal marketing delle nuvole telematiche, Microsoft ha annunciato l’adozione dello standard ISO/IEC 27018 – uno standard nato proprio nel tentativo di offrire alcune garanzie ai succitati utenti mentre si incatenano ai silos remoti delle grandi corporazioni dell’IT.

Lo standard ISO/IEC 27018 stabilisce un approccio “uniforme e internazionale” alla difesa della riservatezza dei dati personali archiviati sui server cloud, dice Microsoft , e l’azienda di Redmond è la prima ad adottarlo per il trattamento delle cosiddette Personally Identifiable Information (PII).

La nuvola “standardizzata” di Redmond promette ora che gli utenti potranno controllare appieno i propri dati, e verranno informati in caso di spostamento delle informazioni da un server all’altro; la sicurezza nel trattamento delle PII è ovviamente un must, così come il divieto preciso di servirsi dei dati a scopi di advertising.

Un’altra importante promessa della nuvola ISO di Microsoft è poi il fatto che agli utenti verrà comunicato l’accesso ai propri dati da parte di terzi, in particolare quanto le PII verranno consultate dalle autorità e dai governi per qualsivoglia motivo.

Parole grosse, tutte da verificare soprattutto nell’ottica delle nuove proposte di legge sull’accesso ai server stranieri provenienti dagli USA : proprio Microsoft, dopo l’ affaire irlandese , è tra le aziende sostenitrici delle nuove leggi, soluzioni “di buon senso” pensate per affrontare un problema reale.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ego scrive:
    Corsa ad arm
    Previsione? Apple sarà la prima a correre dietro ai cortex a72 a 14nm samsungQuesto perché devono correre a rifilare il prima possibile gli arm nel retto dei macbook air, e così anche in quello degli utenti che lo acquisteranno
  • Il Pirla scrive:
    Ottimo
    Fra un po' Apple annuncerà che il suo nuovo proXXXXXre adotterà a tecnologia a 14 nanometri.Qualcuno vuole scommettere?
Chiudi i commenti