Backup del pc: i metodi automatici migliori e più affidabili

Qual è il miglior metodo di backup del pc?

Eseguire i backup spesso ci salva da scomode situazioni, ma richiede costanza e tempo, vediamo quali sono i metodi più pratici per farli in automatico
Eseguire i backup spesso ci salva da scomode situazioni, ma richiede costanza e tempo, vediamo quali sono i metodi più pratici per farli in automatico

La perdita di file personali dal proprio PC è un evento non così raro come si potrebbe pensare. Un guasto dell’unità di archiviazione presente sul computer, un virus o un qualsiasi errore durante le fasi di salvataggio e trasferimento possono compromettere per sempre foto, video e documenti rendendoli inutilizzabili.

Effettuare un backup periodico delle cartelle più importanti o dell’intero disco rigido rappresenta la soluzione più efficace per mettere al sicuro i propri ricordi digitali, i progetti di lavoro e i file che contengono informazioni preziose.

In questa guida vedremo come procedere per effettuare il backup del PC in modo semplice, attraverso una selezione dei migliori programmi e servizi cloud attualmente disponibili.

Backup: in locale o su cloud?

Prima di eseguire il backup del PC (o Mac, la sostanza non cambia) è necessario scegliere il “luogo” in cui custodire una copia dei propri documenti scegliendo tra un’unità di archiviazione esterna (in locale) oppure una delle tante piattaforme online (sul cloud).

Se si opta per un hard disk esterno è possibile utilizzare, come vedremo più avanti, uno degli strumenti già integrati nel sistema operativo oppure installare un programma di terze parti. Tale soluzione consente di selezionare in fase di salvataggio l’intero hard disk o alcune cartelle specifiche, decidere la periodicità con cui effettuare il backup e impostare eventuali password di protezione.

Se invece si preferisce il salvataggio su cloud è indispensabile per prima cosa individuare il servizio più adatto alle esigenze personali, selezionandone uno tra i tanti disponibili. Le piattaforme, dette cloud, custodiscono i file sui loro server online e li rendono raggiungibili in qualsiasi momento e da qualsiasi PC attraverso una connessione a Internet. Questi servizi offrono uno spazio gratuito di pochi GB con cui poter salvare una copia dei file più importanti, ma prevedono anche dei piani in abbonamento con una quantità di GB superiore per salvare documenti di grandi dimensioni o l’intero contenuto del disco.

Qual è il metodo migliore?

backup in locale

Ciascuno dei sistemi di backup sopra illustrati presenta pro e contro. Per quanto concerne il backup in locale, tra i principali vantaggi figura la rapidità con cui è possibile salvare e soprattutto leggere i file grazie alla velocità raggiunta dai dischi a stato solido (SSD). L’utente si troverà inoltre a dover affrontare una sola volta la spesa per l’acquisto dell’unità, che può essere gestita in modo autonomo anche in assenza di un collegamento alla rete.

L’utilizzo di un disco esterno porta però con sé tutti gli svantaggi di un qualsiasi componente hardware, essendo sottoposto a possibili malfunzionamenti e manifestando una vulnerabilità agli attacchi malware e ransomware con una conseguente perdita dei dati.

 

backup cloud

Analizzando invece i benefici dei servizi cloud spicca la semplicità d’uso con cui le piattaforme sono strutturate, particolarmente intuitive e in grado di sincronizzarsi alla perfezione con caselle mail, file e cartelle del PC. In più la protezione dei dati è sempre garantita attraverso sistemi di cifratura integrati e aggiornati periodicamente.

Gli elementi che potrebbero giocare contro questo tipo di soluzione sono rappresentati dai costi mensili o annuali, più elevati se si ha necessità di salvare una grande mole di dati, e dalle performance della rete domestica, da cui dipende la velocità di caricamento e successiva consultazione dei documenti.

Nulla vieta di utilizzare entrambe le procedure per avere una maggiore sicurezza che i dati importanti siano al sicuro. In tal caso avremo una copia in locale dei documenti, su un’unità esterna a nostra scelta, e una seconda copia sul cloud da raggiungere da qualsiasi PC connesso online.

 

I migliori programmi per il backup in locale

Se si utilizza un computer dotato di sistema operativo Windows o macOS si possiedono già tutti gli strumenti per effettuare il backup dei dati. In alternativa, è possibile utilizzare un software dedicato se si è alla ricerca di funzionalità specifiche.

Backup con Windows

Microsoft ha integrato nel sistema operativo Windows 10, e nelle versioni successive, la funzionalità Cronologia file con cui è possibile salvare su un’unità di memoria esterna una copia di backup delle cartelle Documenti, Musica, Immagini, Video e Desktop presenti sul PC.

Per accedere alle impostazioni di backup basta inserire nella casella di ricerca di Windows “Cronologia file” e cliccare sull’icona corrispondente. A questo punto è necessario collegare un’unità di memoria esterna al computer e selezionarla dalla apposita schermata. Cliccando su “Attiva” si darà inizio al backup.

Cliccando sulla voce “Impostazioni avanzate” è possibile impostare frequenza del backup e fino a quando il programma dovrà mantenere in memoria le diverse versioni dei file create nel tempo. Dal menù “Escludi cartelle” si può modificare l’elenco delle cartelle salvate in automatico, escludendo quelle superflue.

Backup con macOS

La funzionalità Time Machine è tra le più apprezzate dagli utenti Apple. Il suo funzionamento è semplice e intuitivo e consente di salvare una copia di backup di tutti i file presenti su Mac, comprese le versioni dei documenti create nel tempo. Dopo aver collegato un’unità di archiviazione esterna al computer basterà selezionare la voce “Utilizza come disco di backup” per accedere alle impostazioni di Time Machine.

Il programma provvederà a copiare file, applicazioni e impostazioni di sistema sul disco esterno e lo aggiornerà di default ogni ora. Se l’unità viene scollegata il sistema effettuerà un nuovo backup non appena l’hard disk torna disponibile tra le risorse.

EaseUS

Se si desidera un software specifico per effettuare il backup del PC EaseUS rappresenta una delle opzioni attualmente più valide. Il programma ha una versione gratuita completa, disponibile per sistemi Windows, che consente di gestire dati fino a 16TB.

La suite consente di gestire cartelle e file singolarmente, salvandoli su un’unità esterna o su cloud, e di avere sempre a disposizione le versioni precedenti di ogni documento. EaseUS permette inoltre di copiare l’intero disco, compreso sistema operativo e impostazioni, ed effettuare una migrazione completa su un altro PC. La versione a pagamento è compatibile anche con macOS.

AOMEI

AOMEI è un software gratuito indicato per effettuare copie di backup su sistemi Windows. L’interfaccia è intuitiva e consente di programmare il backup di singole cartelle o dell’intera memoria interna del PC, comprese applicazioni e impostazioni del sistema operativo.

È compatibile con unità esterne USB, NAS o cloud. AOMEI consente inoltre di ripristinare i documenti cancellati per sbaglio e di migrare l’intero contenuto dell’HDD, compreso il sistema operativo i software a bordo, su un secondo computer in caso di necessità.

 

Le migliori soluzioni di backup su cloud

Il cloud è diventato parte integrante dei principali servizi di posta elettronica, con cui è possibile disporre di una decina di GB gratuiti su cui salvare i file più importanti. A fronte di un abbonamento mensile o annuale i GB a disposizione aumentano, fino a diventare dei veri e propri archivi omnicomprensivi disponibili online.

Microsoft OneDrive

Si tratta della piattaforma cloud integrata nei principali software Microsoft, tra cui Windows, Office e Outlook, che consente di salvare documenti, foto e video direttamente online. Per accedervi è necessario creare un account Microsoft che comprende 5GB di spazio gratuiti, a cui è possibile aggiungere fino a 6TB attivando uno degli abbonamenti disponibili.

La cartella OneDrive è già presente su Windows: basterà inserire le credenziali del proprio account e trascinare al suo interno i file che si desiderano copiare per avviare una copia di backup su cloud. La sincronizzazione avviene in tempo reale, ogni volta che si modificano i documenti all’interno della cartella OneDrive sul PC.

Apple iCloud

È il servizio che unisce tutti i dispositivi di casa Apple, compresi gli iPhone e gli iPad. Con iCloud è possibile salvare foto, video, documenti, note e molto altro semplicemente attivando la spunta nelle impostazioni di backup di macOS dopo aver creato il proprio account.

Anche in questo caso sono 5 i GB messi a disposizioni gratuitamente, con la semplice sottoscrizione di un account, a cui si aggiungono le opzioni premium che arrivano fino a 2TB di spazio online.

Google Drive

Google Drive e il servizio cloud abbinato a Gmail e diventato popolare per la sua semplicità d’uso. È tra i più generosi attualmente in circolazione, con 15GB di spazio completamente gratuiti da gestire al momento dell’iscrizione. Google Drive è in realtà una piattaforma molto più articolata, che consente di salvare allegati di grosse dimensioni, foto e video, effettuare backup da smartphone Android, lavorare da remoto alla stesura di documenti e tanto altro.

L’applicazione per PC desktop, disponibile per Windows e macOS, permette di vedere Google Drive con una vera e propria unità di archiviazione tra le risorse del computer in cui basterà trascinare i file di cui si intende eseguire il backup. I piani in abbonamento mettono a disposizione fino a 2TB di spazio.

Dropbox

Pioniere tra le piattaforme di backup su cloud, Dropbox mette oggi a disposizione una serie di servizi tutti dedicati alla copia in sicurezza dei dati online tra i quali è difficile non individuare quello adatto alle personali esigenze. I suoi punti di forza sono rappresentati dalla particolare attenzione alla sicurezza dei dati con autenticazione a due fattori e crittografia AES a 256 bit.

Una volta attivato il servizio, per utilizzarlo basterà trascinare all’interno della cartella Dropbox i file di cui si desidera effettuare il backup. Tutti i documenti saranno sincronizzati sul cloud, che conserverà anche le modifiche degli ultimi 30 giorni.

Dropbox supporta i sistemi operativi Windows, macOS, Android e iOS e offre 2GB gratuiti nella versione basic. È possibile aumentare lo spazio a disposizione partendo da 2TB con un costo di 9,99 euro al mese.

MEGA

Interfaccia minimale e comandi intuitivi costituiscono il biglietto da visita di MEGA, servizio di cloud storage accessibile tramite browser. MEGA mette a disposizione dell’utente ben 20GB gratuiti per archiviare file, foto e video online e creare cartelle personalizzate.

La piattaforma è utilizzabile tramite estensione del browser, app per dispositivi mobili e desktop. In particolare, l’app per PC consente di visualizzare direttamente in esplora risorse la cartella MEGA con cui gestire e sincronizzare i documenti presenti sul cloud. I documenti sono protetti da cifratura end-to-end. I prezzi di abbonamento partono da 4,99 euro al mese per 400GB di spazio.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 29 dic 2021
Link copiato negli appunti