Monitor HD alla prova dei fatti: grande quanto?

Abbiamo provato dieci modelli di Full HD dotati di pannelli da 24 e 27 pollici. Tutti offrono una buona qualità di visualizzazione, ma solo uno vince la sfida

Disporre di un display di grosse dimensioni può rendere più piacevole non solo il divertimento ma anche il lavoro stesso. Non occorre fare continuamente clic per leggere la posta, si possono tenere sott’occhio le e-mail mentre si scrive un documento in Word. C’è spazio perfino per una sidebar con le notizie. E se dopo ci si vuole rilassare con un bel film o un gioco, uno schermo gigante lo valorizza al meglio.

Come abbiamo avuto modo di discutere in passato, a tutto questo oggi si abbina anche una ulteriore buona notizia: ci sono in vendita schermi da 24 pollici o superiori a partire da soli 180,00 euro. L’articolo che vi proponiamo oggi prende in considerazione ben dieci modelli in formato 16:9 e tutti in grado di visualizzare 1.920 x 1.080 pixel (risoluzione Full HD). Sono quindi adatti anche alla riproduzione di film ad alta risoluzione, come quelli dei Blu-ray Disc.

Questi i modelli testati:

  • ACER S243HLAbmiii
  • AOC e2437Fh
  • ASUS VE248H
  • ASUS VE278Q
  • BENQ EW2430
  • IIYAMA ProLite E2473HDS
  • IIYAMA ProLite E2710HDS
  • LG W2442PE-SF
  • SAMSUNG SyncMaster BX2450 LED
  • SAMSUNG SyncMaster P2770FH

Maggiore area, più divertimento

In questo nostro test abbiamo incluso monitor di due dimensioni:

  • 24 pollici: questi esemplari offrono una diagonale di circa 60-61 centimetri;
  • 27 pollici: tre modelli provati hanno una diagonale di 68,6 centimetri. Forniscono il 27per cento di spazio in più rispetto ai 24.

Gli schermi da 27 pollici visualizzano lo stesso numero di pixel di quelli a 24 pollici ma hanno una superficie superiore, quindi riproducono tutti gli elementi grafici, come i caratteri e le icone, più grandi. Per esempio, un testo risulta ben riconoscibile anche alla distanza di visione consigliata di 60 centimetri. Anche sui monitor più piccoli è possibile impostare una visualizzazione più grande, ma in tal caso l’interfaccia di Windows conterrà meno elementi. Inoltre, i film e i giochi sono più divertenti su uno schermo più grande: con un ricevitore TV, collegato al monitor tramite un cavo HDMI, lo si può usare anche come secondo televisore.

Ma i modelli da 27 pollici hanno anche degli svantaggi: costano almeno 50,00 euro in più rispetto ai 24. Occupano inoltre più spazio sulla scrivania, perché il telaio è 6 centimetri più largo. Per di più, i monitor giganti consumano molta elettricità: mentre i 24 pollici provati arrivano in media a 28 Watt in funzionamento, i colleghi da 27 pollici necessitano di circa 38 Watt.

Ecco le differenze pratiche tra i monitor da 24 e 27 pollici con la stessa risoluzione 1.920 x 1.080.

Nell’immagine seguente vedete una parte dell’interfaccia di Windows con le icone e a fianco la finestra del browser, su un monitor da 24 pollici.


24″ 1.920 x 1.080 pixel

Un monitor da 27 pollici offre una superficie molto più ampia rispetto a un modello da 24 pollici. L’immagine visualizzata è quindi più grande.


27″ 1.920 x 1.080 pixel

Ingrandendo la visualizzazione su un monitor da 24 pollici per portare le immagini alle stesse dimensione di quelle visibili su un 27 pollici, la leggibilità migliora. In tal caso viene però riprodotta una parte più piccola dell’immagine.


24″ 1.920 x 1.080 pixel, 125%

È possibile ingrandire l’immagine riducendo la risoluzione, per esempio a 1.600 x 900 pixel. In tal caso il monitor deve convertire l’immagine in una risoluzione non nativa e di conseguenza risulterà sfuocata e, su alcuni schermi, anche deformata (dipende dalla bontà dei circuiti elettronici interni al monitor).


24″ 1.600 x 900 pixel

Nella tabella seguente abbiamo raccolto le principali caratteristiche dei modelli in prova:


Specifiche tecniche

Tutti i monitor in prova offrono diversi ingressi per il segnale video: la maggior parte di essi possiede ingressi per i tre principali standard di connessioni. Oltre alla porta analogica VGA, sono disponibili una porta DVI ed una HDMI. L’Asus VE278Q ha anche una connessione che supporta la nuova tecnologia DisplayPort. Il 27 pollici Samsung è sprovvisto di porta VGA. I 24 pollici Acer e Samsung hanno una seconda connessione HDMI al posto della DVI.

Tranne il 27 pollici Samsung, tutti i monitor provati hanno diffusori integrati. Tuttavia, poiché sono di dimensioni minuscole, la qualità audio è tutt’al più sufficiente per i filmati di YouTube. Chi vuole ascoltare la musica al computer dovrebbe collegare al PC delle casse audio separate. Abbiamo eseguito, sui monitor in prova, una serie di test atta a valutarne prestazioni e qualità visiva utilizzando, allo scopo, strumenti professionali come colorimetri, speciali sistemi fotografici per la rilevazione delle immagini in movimento e sistemi per la misurazione delle radiazioni emesse.


Accuratezza dei dettagli

L’accuratezza dei dettagli indica quanti dettagli il monitor è in grado di riprodurre. Maggiore è tale valore, più l’immagine è nitida e la percentuale in tabella è alta. Da questo punto di vista l’ASUS VE248H e il Prolite E2710HDS di IIYAMA la fanno da padroni. Gli altri modelli sono tutti vicino alla media con il solo Samsung Syncmaster P2770FH a chiudere la classifica.


Fedeltà dei colori

Un apposito colorimetro indica la distanza della rappresentazione dei colori dello specifico monitor rispetto a quella ideale. Annoveriamo fra i migliori il Samsung SyncMaster P2770FH e le due proposte di IIYAMA. All’opposto troviamo il Samsung da 24 pollici ed il BENQ EW2430.


Luminosità massima

La luminosità massima è misurata in candele per metro quadro (cd/m 2 ). Più il valore è alto, più il monitor è luminoso: i primi della classe sono lo IIYAMA ProLite E2710HDS seguito, anche se a debita distanza, dall’ASUS VE278Q. Fra i peggiori annoveriamo, ancora una volta, il Samsung SyncMaster BX2450 e poi l’Acer S243HLAbmiii.


Differenze tra i livelli di grigio (inferiore è meglio)

Le differenze nella riproduzione dei livelli di grigio dovrebbero essere il più possibile contenute. Più il valore in percentuale è basso, più il monitor riproduce con precisione le diverse gradazioni di luminosità. In questo caso tutti i monitor in prova sono mediamente su valori simili con BENQ ed ASUS da 24 pollici fra i peggiori e LG ed AOC fra i più virtuosi.


Rapporto di contrasto

Per quanto riguarda il rapporto di contrasto, invece, un valore più alto corrisponde a un risultato migliore. Tranne il SAMUNG SyncMaster BX2450 e l’LG W2442PE, tutti hanno un rapporto superiore ai 1000:1. Acer e BENQ stupiscono in quanto capaci di raggiungere valori davvero eccezionali dovuti principalmente ad un livello di nero eccellente.


Differenze nella distribuzione di luminosità (inferiore è meglio)

Abbiamo misurato i valori di luminosità sull’intera superficie del monitor ed abbiamo rilevato le differenze esistenti fra una zona e l’altra. Nel grafico abbiamo riportato la differenza massima in termini percentuali. Samsung P2770FH ed ASUS VE278Q da una parte, quella dei migliori, e proprio Samsung SyncMaster BX2450 ed ASUS VE248H dall’altra, quella dei peggiori!


Riflessi (inferiore è meglio)

L’ottenimento di un elevato rapporto di contrasto lo si paga con un altrettanto elevato effetto di riflesso. I due monitor che avevamo visto in precedenza eccellere, ACER e BENQ, in questo caso risultano essere i peggiori del gruppo. Il rivestimento lucido del pannello genera, purtroppo, una elevata lucentezza con relativa riflettività. Tutti gli altri monitor sono mediamente sugli stessi valori.


Visione laterale (inferiore è meglio)

La perdita di luminosità nella visione laterale identifica la facilità di visione dell’immagine sul pannello quando non si perfettamente allineati al monitor.


Tempi di risposta (inferiore è meglio)

I tempi di risposta dei monitor in prova premiano i due modelli di casa Samsung ed i due modelli di casa ASUS. I peggiori sono rappresentati dalle due proposte firmate ACER e BENQ.


Tempo di risposta con immagini in movimento (inferiore è meglio)

Abbiamo misurato quanto il monitor è veloce nel riprodurre le immagini in movimento. A tale scopo, viene spostata sullo schermo una speciale immagine di test e nel frattempo viene misurato quanto tempo impiega il monitor per riprodurre l’immagine modificata. Più questo tempo è breve, meno si produce il cosiddetto “effetto scia” (detto anche sfocatura da movimento o “motion blur”) durante la visualizzazione delle immagini in movimento. In questo caso abbiamo ottenuto risultati non perfettamente chiari dove comunque continuano a spiccare i prodotti visti in precedenza (Samsung ed ASUS).


Consumi (inferiore è mglio)

Utilizzare dispositivi che offrano consumi contenuti costituisce un obiettivo ormai di tutti i consumatori. Fra i dieci monitor provati, i più virtuosi sono quelli da 24 pollici, anche se i modelli di LG, Acer e BENQ si avvicinano ai consumi medi dei modelli da 27 pollici. Fra quelli più grandi, l’ASUS VE278Q è quello più rispettoso delle tasche dell’utente. L’ Asus VE278Q da 27 pollici conquista il primo posto. Esso dispone di una dotazione ottimale: è l’unico modello provato che, oltre ai consueti ingressi (VGA, DVI e HDMI), ha una connessione con la nuova tecnologia DisplayPort (DP). Le uscite DP si trovano già su alcuni notebook e schede grafiche recenti.


Asus VE278Q

I cavi per i segnali video DVI e VGA sono forniti in dotazione, quelli per HDMI e DisplayPort no. I segnali audio che arrivano al monitor tramite DP o HDMI vengono riprodotti dai diffusori integrati. Un piccolo bonus è dato dalla funzione picture-in-picture che consente di visualizzare un ulteriore segnale video in una finestra, per esempio quello di un ricevitore TV collegato mediante HDMI.


Ingressi DisplayPort, HDMI, DVI e VGA

La qualità video di questo monitor è garantita dalla estrema velocità nella composizione dell’immagine – non si notano scie nemmeno nelle fulminee scene d’azione dei film e dei giochi. Altri punti a favore sono la buona riproduzione dei colori, l’illuminazione intensa e ricca di contrasto, così come la distribuzione relativamente uniforme della luminosità. Il giudizio complessivo per la qualità d’immagine è “buono”.

In funzionamento l’Asus si accontenta di 32 Watt. Su base annua si arriva a un costo di circa 12,00 euro per l’elettricità – davvero poco per un monitor da 27 pollici. Come tutti i modelli provati, l’Asus supera il test delle radiazioni. Il produttore fornisce tre anni di garanzia. Se il monitor dovesse risultare difettoso, viene sostituito presso il domicilio del cliente.

L’ AsusVE248H segue al secondo posto in quanto offre una qualità d’immagine di poco superiore alla media degli altri modelli provati. In particolare riproduce moltissimi dettagli: nessun altro modello offre un’immagine altrettanto nitida e priva di scie. La fedeltà dei colori è elevata e l’immagine risulta molto luminosa e ricca di contrasto. La dotazione è in linea con quella di altri modelli ma inferiore rispetto al fratello maggiore.


Asus VE248H

Il monitor LG W2442PE-SF risulta sconfitto di pochissimo dai primi due classificati. Fornisce un’immagine luminosa, ricca di contrasto e una buona riproduzione deicolori. Nel comporre l’immagine è veloce, ma non tanto quanto i due Asus. Gli costa qualche punto il consumo di energia relativamente alto, dovuto alla retroilluminazione a tubi fluorescenti (CCFL) invece che a LED.


LG W2442PE-SF

A differenza di tutti gli altri modelli provati, il monitor LG può essere usato anche in verticale (funzione Pivot) pur mantenendo la possibilità di regolazione in altezza.

Al quarto posto abbiamo inserito il monitor di IIYAMA da 27 pollici, modello Prolite E2710HDS . Questo riproduce moltissimi dettagli e come nitidezza di immagini è secondo solo all’Asus VE248H. Inoltre, si distingue per la riproduzione molto buona dei colori e per le immagini luminose e ricche di contrasto. È tuttavia più lento del rivale di casa ASUS nel comporre l’immagine: nelle rapide scene d’azione possono formarsi lievi scie.


IIYAMA Prolite E2710HDS

Come extra, lo IIYAMA offre diffusori integrati e un hub USB a 4 porte. Perde qualche punto a causa del consumo un po’ elevato dovuto, anche in questo caso, alla retroilluminazione a tubi fluorescenti (CCFL).


Tre ingressivideo: HDMI, DVI e VGA

Infine, in quinta posizione, troviamo il modello AOC E2437FH .Come la maggior parte dei concorrenti, l’AOC è perfettamente antiriflesso. La qualità d’immagine è complessivamente buona, ma nelle scene rapide dei film possono prodursi sfocature da movimento. Grazie alla retroilluminazione a LED, il monitor consuma pochissima corrente, misurata in appena 24 Watt.


AOC E2437FH

L’AOC non è sostenuto da un piedistallo, ma si appoggia sullo spigolo del telaio e su un piccolo supporto posto sul retro. Un simpatico gadget sono gli adesivi forniti in dotazione da applicare sulla cornice trasparente per abbellirla.


Appoggio di stile

I sensori consentono di selezionare le sorgenti per i segnali video e di regolare il volume


Sensori a sfioramento

Tutti i modelli di monitor provati sono adatti a svolgere le normali attività al computer. L’Asus da 27 pollici, vincitore del test, è tra i modelli più veloci nella composizione dell’immagine: è un ottimo prerequisito per l’utilizzo della periferica con i giochi e i film d’azione. La riproduzione migliore dei colori è fornita dal monitor da 27 pollici di Samsung. I modelli da 24 pollici Acer e Samsung ottengono invece la valutazione più bassa in questo specifico test. L’esemplare di Acer adotta uno schermo leggermente riflettente. Questo aspetto lo penalizza nell’uso in ambienti particolarmente luminosi dove non si potranno evitare lievi riflessi che potrebbero disturbare nelle lunghe sedute di lavoro o svago.

In aggiunta, tutti gli esemplari provati sono privi di errori relativi ai pixel in base allo standard ISO 13406-2 e superano il test di verifica delle radiazioni, incluse le prove standard TCO03 e standard CE.

  1. ASUS VE278Q . L’Asus VE278Q da 27" ha ottenuto la vittoria grazie ad una buona prova complessiva e alla ricca dotazione che include quattro ingressi video e altoparlanti incorporati. La qualità d’immagine è tra le migliori, anche se è il modello più costoso del test (300,00 euro). Fra i punti di forza consideriamo dunque l’alta fedeltà dei colori, le connessioni VGA, DVI, HDMI e DisplayPort, mentre fra quelli di debolezza annoveriamo la mancanza ci cavi HDMI e DP (non forniti in dotazione). Il rapporto qualità prezzo ci sembra ragionevole.
  2. ASUS VE248H . Al secondo posto grazie all’elevata precisione dei dettagli ed alla velocità di risposta che garantisce una composizione rapida dell’immagine. Anche con questo modello ASUS non include un cavo HDMI.  Il rapporto qualità prezzo ci sembra molto conveniente.
  3. LG W2442PE . Assieme all’ASUS da 24″, anche l’LG con stessa diagonale, il W2442PE, va la vittoria per il miglior rapporto qualità/prezzo. Per questo modello bastano 190,00 euro grazie ai quali si può acquistare un prodotto veloce nella composizione delleimmagini in movimento, dotato di un ampio parco connessioni e regolabile in altezza. Di contro mostra consumi elevati e non include, nella dotazione, un cavo HDMI
  4. IIYAMA ProLite E2710HDS . Alta precisione dei dettagli, fedeltà dei colori molto elevata e parco connessioni comprendente VGA, DVI e HDMI sono i principali motivi di acquisto per questo monitor. Il cavo HDMI non è incluso mentre il rapporto qualità prezzo ci sembra ragionevole.
  5. AOC e2437Fh . Fra gli aspetti positivi consideriamo la disponibilità di connessioni VGA, DVI e HDMI, oltre ai consumi di corrente ridotti. La velocità nel comporrel’immagine è invece una nota dolente. Il rapporto qualità prezzo ci sembra conveniente.
  6. IIYAMA ProLite E2473HDS . Una soluzione dalla buona qualità d’immagine, che offre connettori VGA, DVI e ben 2 HDMI ma nessun cavo HDMI incluso. Rapporto prezzo/prestazioni conveniente.
  7. SAMSUNG SyncMaster P2770FH . Buona la qualità dell’immagine ed il rispetto per l’ambiente ma un po’ carente per quel che concerne le connessioni. Ovviamente nessun cavo HDMI incluso nella confezione ed un rapporto qualità/prezzo solo ragionevole.
  8. SAMSUNG SyncMaster BX2450 LED . Deludente per alcuni aspetti nei test effettuati, offre tutto sommato una discreta qualità delle immagini ed una connettività che non prevede alcun attacco DVI (sono però presenti ingressi VGA e due HDMI). Il rapporto qualità prezzo risulta essere ragionevole.
  9. BENQ EW2430 . Qualità video solo discreta abbinata comunque ad una buona dotazione in termini di connettività. Il rapporto qualità prezzo è ragionevole.
  10. ACER S243HLAbmiii . Ci troviamo di fronte ad un monitor di qualità video discreta che manca di una connessione DVI sostituita da due di tipo HDMI. Il rapporto qualità prezzo è però conveniente per essere un modello da 27 pollici.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • uno qualsiasi scrive:
    Un po' tardi...
    Queste tecnologie erano già propagandate come "presto sui vostri desktop" qualche anno fa.Ma adesso, l'era del disco ottico è al tramonto. Un disco a stato solido da 500 giga non costa molto, ed è molto più versatile di un disco ottico (visto che puoi cancellare e modificare i singoli files).
    • Prozac scrive:
      Re: Un po' tardi...
      - Scritto da: uno qualsiasi
      Un disco a stato solido da 500 giga non costa
      molto, ed è molto più versatile di un disco
      ottico (visto che puoi cancellare e modificare i
      singoli
      files).Il disco ottico serve proprio in quei casi dove, una volta masterizzato, non sia possibile modificarne il contenuto.
    • max scrive:
      Re: Un po' tardi...
      - Scritto da: uno qualsiasi
      Queste tecnologie erano già propagandate come
      "presto sui vostri desktop" qualche anno
      fa.

      Ma adesso, l'era del disco ottico è al tramonto.sai che in alcuni casi si usa ancora il nastro magnetico come memoria d'archivio?

      Un disco a stato solido da 500 giga non costa
      molto????alla faccia! e quanto costa secondo te?ed è molto più versatile di un disco
      ottico (visto che puoi cancellare e modificare i
      singoli
      files).non sempre si vuole poter modificare i files...
    • Quaraquaqua scrive:
      Re: Un po' tardi...
      - Scritto da: uno qualsiasi
      Queste tecnologie erano già propagandate come
      "presto sui vostri desktop" qualche anno
      fa.

      Ma adesso, l'era del disco ottico è al tramonto.

      Un disco a stato solido da 500 giga non costa
      molto, ed è molto più versatile di un disco
      ottico (visto che puoi cancellare e modificare i
      singoli
      files).attualmente un SSD da 250Gb costa tra i 450 e i 500 euro....se ti pare poco...
      • Guybrush scrive:
        Re: Un po' tardi...
        - Scritto da: Quaraquaqua[...]
        attualmente un SSD da 250Gb costa tra i 450 e i
        500 euro....se ti pare
        poco...Solo? Consideralo dimezzato entro dicembre... o meglio, considera dequartato il costo per giga entro dicembre.Non e' male.Pero' la memoria olografica si presta bene per l'archiviazione.Considera che 500GB e' solo la prima release della tecnologia.La stessa tecnologia consente di ri-scrivere nella stessa posizione un nuovo dato senza cancellare il vecchio, basta cambiare l'angolo tra il fascio di riferimento e quello del segnale.Insomma piu' livelli di scrittura nello stesso spazio.Hai idea di quanto materiale puoi salvare sul solito disco?Metti che hai a disposizione "solo" 4 angoli possibili (il limite e' dato dal materiale utilizzato) fanno 2 terabyte su un supporto singolo.Niente strati che si possono scollare, un solo diodo laser per leggere tutto (i due fasci vengono creati con un prisma semitrasparente) e tanto spazio quanto ne ha l'hard disk piu' capiente presente in commercio.Lento a scrivere? Si, per ora. Sappiamo bene che anche i primi masterizzatori erano piuttosto lentucci, ma si sono accelerati in fretta.GT
        • Enjoy with Us scrive:
          Re: Un po' tardi...
          - Scritto da: Guybrush
          - Scritto da: Quaraquaqua
          [...]

          attualmente un SSD da 250Gb costa tra i 450
          e
          i

          500 euro....se ti pare

          poco...
          Solo? Consideralo dimezzato entro dicembre... o
          meglio, considera dequartato il costo per giga
          entro
          dicembre.
          Non e' male.
          Mah sarà Io non sarei così ottimista, sicuramente i prezzi scenderanno, ma dubito di vedere un SSD da 120 Gb sotto i 100 euro per dicembre!
          Pero' la memoria olografica si presta bene per
          l'archiviazione.
          Considera che 500GB e' solo la prima release
          della
          tecnologia.
          Anche a me sembra una tecnologia molto promettente, tra l'altro la rapidità di acXXXXX la si può ottenere in modo piuttosto banale aumentando il numero di testine in lettura/scrittura
          La stessa tecnologia consente di ri-scrivere
          nella stessa posizione un nuovo dato senza
          cancellare il vecchio, basta cambiare l'angolo
          tra il fascio di riferimento e quello del
          segnale.
          Insomma piu' livelli di scrittura nello stesso
          spazio.
          Hai idea di quanto materiale puoi salvare sul
          solito
          disco?
          Qui parlano di 500 Gb, che non sono poi tantissimi visto che ci sono HD da 2Tb a 70 euro, ma come prima implementazione se non sparano cifre assurde per driver e supporti ci si può accontentare, sicuramente molto meglio dei Blu Ray, una tecnologia che rischia di morire prima del vero sucXXXXX commerciale!
          • Guybrush scrive:
            Re: Un po' tardi...
            - Scritto da: Enjoy with Us
            - Scritto da: Guybrush[...]
            Mah sarà Io non sarei così ottimista, sicuramente
            i prezzi scenderanno, ma dubito di vedere un SSD
            da 120 Gb sotto i 100 euro per
            dicembre!Il costo per giga scendera'. Molto probabilmente ci saranno modelli da 320 o addirittura 500GB.Per cui i prezzi saranno comunque alti, ma meno alti di adesso fino al limite di un disco da 500 che paghi quanto adesso paghi quello da 250.
            Anche a me sembra una tecnologia molto
            promettente, tra l'altro la rapidità di acXXXXX
            la si può ottenere in modo piuttosto banale
            aumentando il numero di testine in
            lettura/scritturacredo sia piu' facile scrivere un intero ologramma con un "colpo" di laser.

            La stessa tecnologia consente di ri-scrivere[...]



            Qui parlano di 500 Gb, che non sono poi
            tantissimi visto che ci sono HD da 2Tb a 70 euro,Iva ed equo compenso esclusi.Se ce li carichi il prezzo sale: 20 euro per un HDD da 2TB a cui aggiungi l'iva: fanno 108 euro, se il prezzo e' 70.Se, come ti ho detto, cambi l'angolo tra fascio di riferimento e fascio dati puoi scrivere un nuovo dato nello stesso posto del vecchio, senza cancellare il vecchio.Per cui 2TB e' una dimensione tutt'altro che irraggiungibile e, sospetto, si possa arrivare anche a 4.
            ma come prima implementazione se non sparano
            cifre assurde per driver e supporti ci si può
            accontentare, sicuramente molto meglio dei Blu
            Ray, una tecnologia che rischia di morire prima
            del vero sucXXXXX
            commerciale!Per quel che mi riguarda e' stramorta.Mi costa meno una pennetta da 8GB (15 euro) di un disco BluRay vuoto(25 euro), certo la capienza e' inferiore, ma è riutilizzabile in piu' modi, meno ingombrante e di durata maggiore.GT
          • Enjoy with Us scrive:
            Re: Un po' tardi...
            - Scritto da: Guybrush
            - Scritto da: Enjoy with Us

            - Scritto da: Guybrush
            [...]

            Mah sarà Io non sarei così ottimista,
            sicuramente

            i prezzi scenderanno, ma dubito di vedere un
            SSD

            da 120 Gb sotto i 100 euro per

            dicembre!
            Il costo per giga scendera'. Molto probabilmente
            ci saranno modelli da 320 o addirittura
            500GB.500 Gb sotto i 100 euro da qui a dicembre? Scusami, ma torno a ripetere che mi sebra molto improbabile!
            Per cui i prezzi saranno comunque alti, ma meno
            alti di adesso fino al limite di un disco da 500
            che paghi quanto adesso paghi quello da
            250.Cioè allora a 450 euro? Non sono esattamente i 100 euro di prima ti pare?



            Anche a me sembra una tecnologia molto

            promettente, tra l'altro la rapidità di
            acXXXXX

            la si può ottenere in modo piuttosto banale

            aumentando il numero di testine in

            lettura/scrittura
            credo sia piu' facile scrivere un intero
            ologramma con un "colpo" di
            laser.





            La stessa tecnologia consente di
            ri-scrivere
            [...]






            Qui parlano di 500 Gb, che non sono poi

            tantissimi visto che ci sono HD da 2Tb a 70
            euro,
            Iva ed equo compenso esclusi.Mah veramente su ebay o su altri negozi on line li trovi anche sotto i 70 euro spese di spedizione incluse, certo si tratta di prodotti green cioà non il massimo delle prestazioni, però i prezzi sono quelli!
            Se ce li carichi il prezzo sale: 20 euro per un
            HDD da 2TB a cui aggiungi l'iva: fanno 108 euro,
            se il prezzo e'
            70.Toh guarda questo link!http://cgi.ebay.it/HARD-DISK-HDD-HD-INTERNO-2000-GB-2000GB-SATA-3-5-2TB-/250851644156?pt=Hard_Disk_per_PC_e_Server&hash=item3a67ec52fcmeno di 62 euro + 6 euro di spese di spedizione!
            Se, come ti ho detto, cambi l'angolo tra fascio
            di riferimento e fascio dati puoi scrivere un
            nuovo dato nello stesso posto del vecchio, senza
            cancellare il
            vecchio.
            Per cui 2TB e' una dimensione tutt'altro che
            irraggiungibile e, sospetto, si possa arrivare
            anche a
            4.


            ma come prima implementazione se non sparano

            cifre assurde per driver e supporti ci si può

            accontentare, sicuramente molto meglio dei
            Blu

            Ray, una tecnologia che rischia di morire
            prima

            del vero sucXXXXX

            commerciale!

            Per quel che mi riguarda e' stramorta.
            Mi costa meno una pennetta da 8GB (15 euro) di un
            disco BluRay vuoto(25 euro)http://cgi.ebay.it/DVD-Blu-Ray-BD-R-SL-25GB-4x-Jewel-/230609065668?pt=DVD_Registrabili&hash=item35b15f16c4direi che se ne trovano a poco più di 4 euro, sempre un furto in ogni caso!, certo la capienza e'
            inferiore, ma è riutilizzabile in piu' modi, meno
            ingombrante e di durata
            maggiore.

            GTgià però un disco blu ray ti consente di archiviare ad esempio un film in HD e di poterlo vedere su lettori stand alone che incominciano ad essere diffusi... il punto è proprio questo, se questa tecnologia olografica mantiene le promesse e vede il mercato in tempi rapidi entro fine 2012 - inizio 2013 spazzerà via i blu ray che si troveranno ancora a lottare con i DVD!
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Un po' tardi...

            500 Gb sotto i 100 euro da qui a dicembre?
            Scusami, ma torno a ripetere che mi sebra molto
            improbabile!Ok, forse hai ragione. Ma, da qui a dicembre, dimmi a che prezzo potrai acquistare il masterizzatore olografico con relativi dischi.... quando arriverà sul mercato (se mai ci arriverà), i prezzi degli hard disk SD potrebbero essere scesi parecchio.
    • Enjoy with Us scrive:
      Re: Un po' tardi...
      - Scritto da: uno qualsiasi
      Queste tecnologie erano già propagandate come
      "presto sui vostri desktop" qualche anno
      fa.

      Ma adesso, l'era del disco ottico è al tramonto.

      Un disco a stato solido da 500 giga non costa
      molto, ed è molto più versatile di un disco
      ottico (visto che puoi cancellare e modificare i
      singoli
      files).Ah no non costa molto? Evidentemente diamo un valore diverso ai soldi, visto che con quello che spendi per un SSD da 500 Gb ci prendi un PC completo!
      • ninjaverde scrive:
        Re: Un po' tardi...

        Ah no non costa molto? Evidentemente diamo un
        valore diverso ai soldi, visto che con quello che
        spendi per un SSD da 500 Gb ci prendi un PC
        completo!Dipende anche in che ambito lavori e che macchine usi...Nel settore militare un Pc ha un valore nettamente superiore, almeno 4 volte o giù di lì, (forse anche oltre) ma anche le caratteristiche sono ben altre rispetto all'ambito domestico.
        • Enjoy with Us scrive:
          Re: Un po' tardi...
          - Scritto da: ninjaverde

          Ah no non costa molto? Evidentemente diamo un

          valore diverso ai soldi, visto che con
          quello
          che

          spendi per un SSD da 500 Gb ci prendi un PC

          completo!

          Dipende anche in che ambito lavori e che macchine
          usi...
          Nel settore militare un Pc ha un valore
          nettamente superiore, almeno 4 volte o giù di lì,
          (forse anche oltre) ma anche le caratteristiche
          sono ben altre rispetto all'ambito
          domestico.Si certo, ma qui si stava sostenendo che un SSD da 500 Gigabyte fosse dopotutto abbastanza economico... volevo solo far notare che non è così!
    • ... scrive:
      Re: Un po' tardi...
      tanto non se ne farà nulla comunque :)sono almeno 10 anni che annunciano tecnologie di storage rivoluzionarie che cambieranno la vita e saranno pronte entro 5 anni, ma stiamo ancora coi cd/dvd e quando va bene bluray...facciamocene una ragione, finché non ci avranno venduto l'ennesimo clone del cd (dvd, bluray, hd-dvd, chiamatelo come vi pare), ma un po' più grande, per altri 20 anni, non si arriverà a nulla di nuovoqualcuno ha mai visto i dvd da 18 gb che dovevano cambiare la vita? eppure appena uscì il dvd tutti a parlare di questi fantomatici dvd a doppio strato e doppia faccia, qualcuno li ha mai visti? io mai e di dvd ne ho usati.. ho visto una volta in vita mia quelli a doppia faccia ma singolo strato da 9gb
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: Un po' tardi...

        qualcuno ha mai visto i dvd da 18 gb che dovevano
        cambiare la vita? eppure appena uscì il dvd tutti
        a parlare di questi fantomatici dvd a doppio
        strato e doppia faccia, qualcuno li ha mai visti?
        io mai e di dvd ne ho usati.. ho visto una volta
        in vita mia quelli a doppia faccia ma singolo
        strato da
        9gbPer questo ho evitato il bluray. Hanno fatto un sacco di promesse, senza mantenerle. Parlano delle potenzialità del bluray.... ma non hanno mai sviluppato le potenzialità del dvd, perciò probabilmente non lo faranno nemmeno con il bluray.Meglio ignorarli, e prendere chiavette e hard disk: le potenzialità ce le scopriamo da soli.
  • Enjoy with Us scrive:
    Molto interessante!
    500 GbDisco molto resistente agli insulti del tempoSe uniscono queste due caratteristiche ad un prezzo di commercializzazione paragonabile a quello dei DVD recorder e dei relativi supporti, anche la lentezza di acXXXXX passa su di un piano secondario, poi è sempre lecito aspettarsi dei miglioramenti nel tempo, ad esempio potrebbero moltiplicare le testine (che so magari sistemarne 10 o 20 su un'unico braccio e dotarle di un micromotore individuale per consentire comunque la copertura complessiva della superficie dati in modo da tagliare le latenze e moltiplicare la banda disponibile...
  • attonito scrive:
    accettabile
    se questo nuovo formato garantisce bassi costi del lettore/scrittore (49E) ed un basso costo del supporto (49 Centesimi) posso anche passarci sopra al problema della lentezza. Penso a situazioni di backup e/o archiviazione da dedicare unicamente a cosultazione(db storici, versione "olografica" di wikipedia da tenere sempre con se, backup di dischi rigidi, ghost di dischi in caso di analisi forense, etc etc)
    • .. .. scrive:
      Re: accettabile
      Concordo, come archivio non sarebbe niente male, se costa poco ed il supporto è duraturo, ben venga!!!
    • developer scrive:
      Re: accettabile
      - Scritto da: attonito
      se questo nuovo formato garantisce bassi costi
      del lettore/scrittore (49E) ed un basso costo del
      supporto (49 Centesimi) Dovresti aggiungere anche un "Se si trova facilmente all'estero" perchécon 500 GB l'equo compenso non scherza
      • Succhiolo scrive:
        Re: accettabile
        cos'erano? 8 o 20 euro sui tagli da 500??un disco da 50 cent + 20 euro di "equo compenso"???rido va, che sennò mi inXXXXX.
        • Guybrush scrive:
          Re: accettabile
          - Scritto da: Succhiolo
          cos'erano? 8 o 20 euro sui tagli da 500??

          un disco da 50 cent + 20 euro di "equo
          compenso"???

          rido va, che sennò mi inXXXXX.Bravo, meglio prenderla a ridere che prenderla altrove.Anche se in questo caso è meglio prendere altrove i supporti.GT
    • Prozac scrive:
      Re: accettabile
      - Scritto da: attonito
      Penso a
      situazioni di backup e/o archiviazione da
      dedicare unicamente a cosultazione(db storici,
      versione "olografica" di wikipedia da tenere
      sempre con se, backup di dischi rigidi, ghost di
      dischi in caso di analisi forense, etc
      etc)D'accordo al 100%. Nelle forensi, ora come ora, devo masterizzare un sacco di DVD (visto che ormai i dispositivi da periziare hanno capacità enormi) da consegnare in Procura. Sto iniziando ad utilizzare i Blu-ray Disc, solo che non sono ancora molto diffusi. Questi dischi sarebbero i ben venuti :)
      • ninjaverde scrive:
        Re: accettabile


        D'accordo al 100%. Nelle forensi, ora come ora,
        devo masterizzare un sacco di DVD (visto che
        ormai i dispositivi da periziare hanno capacità
        enormi) da consegnare in Procura. Sto iniziando
        ad utilizzare i Blu-ray Disc, solo che non sono
        ancora molto diffusi. Questi dischi sarebbero i
        ben venuti
        :)Al supermercato non ho ancora visto un solo Blu-rayDovrei andare in un discount-computer e forse lì li trovo.Di sicuro l'equo canone scoraggia chiunque a comprarli.Meglio un HD esterno con la sua USB, è molto più capiente e veloce.Di certo però è un peccato che questa tecnologia oggi da noi serva solo per i giochi.
        • Prozac scrive:
          Re: accettabile
          - Scritto da: ninjaverde
          Al supermercato non ho ancora visto un solo
          Blu-ray
          Dovrei andare in un discount-computer e forse lì
          li
          trovo.
          Di sicuro l'equo canone scoraggia chiunque a
          comprarli.
          Meglio un HD esterno con la sua USB, è molto più
          capiente e
          veloce.
          Di certo però è un peccato che questa tecnologia
          oggi da noi serva solo per i
          giochi.Sono d'accordo con te. A parte quando DEVI consegnare i dati su supporti NON RISCRIVIBILI. Questi nuovi dischi tornerebbero utili quando si ha una grande quantità di dati da consegnare.
Chiudi i commenti