Movidius, la IA nella chiavetta USB

Un nuovo dongle realizzato dalla società promette di integrare funzionalità da intelligenza artificiale su dispositivi e applicazioni locali, senza alcun bisogno del cloud o della connettività a Internet

Roma – Movidius ha presentato Fathom Neural Compute Stick , un dongle USB che secondo la società rappresenta il “primo acceleratore discreto di deep learning al mondo”; in pratica, lo stick Fathom vuole fornire accesso a una unità computazionale specializzata in algoritmi di intelligenza artificiale che non ha bisogno di alcun cloud per processare le informazioni.

Fathom è un dispositivo stand-alone, a basso consumo energetico e che in teoria può essere utilizzato dovunque sia disponibile una porta USB di tipo A, un prodotto plug&play che include il chip Myriad 2 specializzato nel calcolo visivo e nel riconoscimento avanzato delle immagini.

Con Fathom/Myriad 2 sarà possibile implementare algoritmi di machine learning “ad hoc”, ha spiegato Cormac Brick di Movidius, con una mini-infrastruttura di calcolo specializzato che dovrebbe rappresentare l’ideale per lo sviluppo di droni, robot variamente assortiti, prodotti di sicurezza, realtà aumentata/virtuale e via elencando.

Il nuovo stick sarà anche economico, visto che si parla di un costo inferiore ai 100 dollari, mentre per quanto riguarda le promesse tecnologiche Movidius può vantare un’esperienza importante già accumulata nel settore e le partnership con Google o il produttore di droni DJI .

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • IoLoSo scrive:
    Come funzionano queste offerte aggiuntiv
    Dall'ufficio cassa dicono: 'aho, per fine mese mancano x milioni de euro. inventateve quarcosa!" e subito il reparto inventivo si mette all'opera.
  • iRoby scrive:
    Anche con l'ADSL
    Lo stanno facendo anche con l'ADSL.Nell'ultima bolletta gli utenti si sono visti offrire 60 minuti al mese di telefonate verso fissi e cellulari al costo di 3,28 euro al mese. Chi aveva il piano Absolute ADSL si è visto offrire un presunto piano Absolute+.L'unica alternativa che danno è recedere o migrare verso altro operatore senza costi di chiusura come prevede l'Art. 70 comma 4 del codice delle comunicazioni.
Chiudi i commenti