MS AntiSpyware? Chiamatelo Defender

Il giovane tool antispyware di Microsoft, attualmente disponibile in versione beta, cambierà presto il proprio nome e, con l'occasione, introdurrà una nuova interfaccia e nuove funzionalità. Farà parte di Windows Vista
Il giovane tool antispyware di Microsoft, attualmente disponibile in versione beta, cambierà presto il proprio nome e, con l'occasione, introdurrà una nuova interfaccia e nuove funzionalità. Farà parte di Windows Vista


Redmond (USA) – A difendere gli utenti di Windows da alcune delle più diffuse minacce alla privacy e alla sicurezza ci penserà Windows Defender, nuovo nome di battesimo di quel tool gratuito di Microsoft , Windows AntiSpyware , attualmente in fase di beta testing.

Il cambio di nome avverrà in occasione del rilascio, tra la fine di quest’anno e l’inizio del prossimo, della seconda beta del programma: la prima è disponibile sul sito di Microsoft dallo scorso gennaio. Windows Defender, basato sull’analogo tool che Microsoft ha acquisito lo scorso anno da Giant , includerà un rinnovato motore di scansione in grado di rilevare una più ampia tipologia di malware, inclusi rootkit e keylogger .

Microsoft conta di rilasciare la versione finale del proprio antispyware non molto tempo dopo il debutto della beta 2 per Windows XP. A differenza di quella attuale, la prossima release del software si integrerà più strettamente con Windows XP: il motore di scansione diverrà un servizio di Windows e gli aggiornamenti saranno distribuiti attraverso Microsoft Update e Windows Server Update Services. Il team di sviluppo migliorerà anche l’interfaccia grafica del tool e inizierà a lavorare sul look and feel della versione per Longhorn.

Windows Defender farà infatti parte integrante di Windows Vista, ma il big di Redmond lascerà all’utente la facoltà di utilizzare, se lo desidera, tool di terze parti. Ciò non toglie che, insieme a Windows Firewall, il nuovo programma gratuito di Microsoft sia destinato a minacciare ancor più da vicino il business delle società che sviluppano soluzioni di sicurezza consumer. Non va poi dimenticato come il gigante di Redmond entrerà presto in competizione con i produttori di antivirus anche con software e servizi a pagamento come Client Protection, Windows OneCare e Antigen.

Microsoft conta di integrare Windows Defender già nella prossima Community Technology Preview di Windows Vista, attesa per la fine dell’anno. Al momento non è chiaro se, in futuro, il nuovo strumento antispyware andrà a rimpiazzare l’attuale Malicious Software Removal Tool .

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

08 11 2005
Link copiato negli appunti