Mumba, la botnet olimpica

AVG identifica un nuovo network malevolo che ruba informazioni sensibili e si serve del noto trojan Zeus per spiare e carpire dati sui PC infetti. Decine di migliaia gli zombi coinvolti

Roma – Forse non sarà estesa come Mariposa , ma l’ultima botnet individuata dai ricercatori della società di antivirus AVG ha comunque i suoi numeri: il network malevolo ha infettato decine di migliaia di PC , ne ha presi di mira altrettanti e si è servita del noto trojan Zeus per portare a termine la sua nefasta consegna e il furto di informazioni sensibili.

La botnet Mumba, questo il nome scelto da AVG per identificare il network malevolo, comprende qualcosa come 35mila PC zombi e ne ha presi di mira altri 55mila distribuiti tra Stati Uniti, Germania e Spagna. Il “bottino” di Mumba consiste in 60 Gigabyte di dati sensibili inclusivi di numeri di carte di credito, email, credenziali di accesso ai portali di social networking, account bancari e altro.

AVG ha inoltre identificato almeno quattro varianti del trojan Zeus operanti all’interno della botnet : il cavallo di Troia compilato per mezzo del noto toolkit sviluppa-malware serve appunto a inviare spam, rubare informazioni e dati finanziari e condurre attacchi di tipo DDOS.

Un altro segno distintivo della botnet Mumba è l’impiego di una tecnica di fast flux per la sostituzione veloce dell’indirizzo IP corrispondente a un nome di dominio – un meccanismo di ridondanza che permette la ricollocazione del server di comando e controllo in caso di controffensiva da parte dell’industria IT e degli esperti di sicurezza.

Stando a quanto sostiene AVG, infine, Mumba è un’operazione riconducibile al collettivo Avalanche Group , un gruppo di cyber-criminali specializzati in siti di phishing e veicolazione di malware. “La botnet Mumba è probabilmente una delle prime a gestione Avalanche per l’host dei suoi beni rubati così come i malware” scrive AVG, notando come l’operazione possa rappresentare “un altro passo nella infinita corsa agli armamenti tra l’industria della sicurezza e i cyber-criminali”.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Romifesto scrive:
    Giri
    Non credo che girerà a 7200 rpm, probabilmente saranno 5400.
  • W.O.P.R. scrive:
    E l'affidabilità?
    Nell'articolo non sene parla. Ma non è che aumentando sempre più le densità di memorizzazione si rischia troppo sull'affidabilità? e la vita media di quanto si acorcia?
  • ephestione scrive:
    Insomma, sul prezzo non ci siamo tanto
    Il western digital serie green da 2TB che ho comprato un paio di mesi fa per eliminare i 5kg di dischi ottici con relative valigie, mi costò 127euro. I 119 dollari che in italia diventeranno non meno di 120 (+iva?), per quanto il disco abbia una densità di memorizzazione maggiore, con suppongo meno rumore (ma anche il mio WD è molto più silenzioso dei maxtor da 500GB che ho da parte), meno consumo di corrente e maggiore performance nell'acXXXXX casuale, mi sembrano troppi.
    • sburrantola to scrive:
      Re: Insomma, sul prezzo non ci siamo tanto
      e non comprarlo se ti sembrano troppi... io ne prendo 4 da mettere in raid 5
Chiudi i commenti