Musica, DRM e gratis fanno a pugni

L'unico vero concorrente di Apple introduce gli audiobook a prezzi stracciati, il nuovo SpiralFrog, invece, parla di musica gratis, ma solo se blindata, perdipiù in un modo curioso. Ormai siamo alle convergenze parallele

Roma – L’ultimo, nuovo e fiammante tentativo di portare gli utenti del peer-to-peer verso contenuti protetti dal DRM si chiama SpiralFrog.com . Il servizio basato su web offre musica e video gratuiti al prezzo di qualche spot pubblicitario , ingabbiandoli però, appunto, in quelle maglie DRM che persino tra le major iniziano a perdere colpi. Ed è curioso che proprio in queste ore, invece, il premiato store di mp3 anti-DRM, eMusic , provi a diversificare l’offerta vendendo audiobook a prezzi concorrenziali .

Le ambizioni di SpiralFrog sono quelle di “cambiare il modo in cui scopri la musica”, e in funzione di questo obiettivo la startup , il cui servizio è ancora in fase di beta disponibile agli abitanti di Stati Uniti e Canada (vedi in fondo), mette a disposizione il suo catalogo in maniera gratuita benché supportata dagli spot, dividendo i proventi con i detentori del copyright .

SpiralFrog è “una notevole alternativa ai siti pirata” secondo Joe Mohen, presidente e fondatore della società, perché quanto offerto sul portale garantisce agli utenti l’assoluta mancanza di spiacevoli sorprese come talvolta può al contrario succedere con i download dal P2P.

“Con SpiralFrog sapete cosa ottenete… non ci sono minacce di virus, adware o spyware” continua Mohen sicuro della proposta vincente della sua società. Di certo sono le major a sapere cosa ottengono, considerando che molti dei servizi “accessori” integrati nella piattaforma sono tutti per loro: in primis l’advertising, personalizzato sulle esigenze particolari degli utenti secondo uno screening che seleziona le reclame più adatte analizzando l’età, il sesso e il codice postale inseriti negli account.

I contenuti inoltre sono “lucchettati” per mezzo di tecnologie DRM piuttosto stringenti , che condizionano pesantemente l’utilizzo dei contenuti scaricati: l’utente deve eseguire il login al sito almeno una volta al mese, altrimenti i file scaricati diventano inutilizzabili in locale; non è possibile copiare i brani su CD audio; i pezzi si possono trasferire solo su un massimo di due lettori multimediali o smartphone (ma non sull’iPod di Apple, il lettore multimediale più diffuso al mondo).

Limitazioni decisamente invalidanti, ma che non hanno impedito a SpiralFrog di stringere un accordo con Universal Music Group , che fornisce in sostanza la stragrande maggioranza delle 800mila tracce e i 3.500 video finora disponibili sul portale. Universal ha recentemente reso nota la propria volontà di non rinnovare il contratto con Apple e iTunes a causa dell’eccesso di controllo da parte della Mela sulle modalità di distribuzione dei contenuti, mentre SpiralFrog si avvicina evidentemente di più agli obiettivi strategici della casa discografica.

Largo all’audiobook
Di accesso libero e assolutamente trasparente ai propri acquisti parla al contrario l’ultima iniziativa di eMusic, il negozio di musica alternativa che, caso AllofMP3 a parte , si è guadagnato lo status di secondo store di musica digitale dietro l’inarrivabile iTunes . Lo shop, che ha raggiunto i 300mila utenti ad aprile, offre download di alta qualità privi di qualsivoglia restrizione dietro il pagamento di un abbonamento mensile: da quest’oggi, eMusic offrirà alla sua clientela anche una selezione di audiolibri.

Un migliaio i titoli attualmente in catalogo, incluso “The Audacity of Hope” letto da Barack Obama, il senatore americano che concorre per la nomination come candidato alla Presidenza per le elezioni USA del 2008. Allo stesso modo dei brani musicali, gli audiobook di eMusic offriranno anche il vantaggio del prezzo sui corrispondenti prodotti di iTunes : l’audiolibro di Obama costerà ad esempio 9,99 dollari, cifra di gran lunga inferiore allo stesso titolo venduto a 18,95 dollari sullo store Apple.

eMusic che riesce a vendere il doppio di quanto facciano i servizi di Wal-Mart, Napster, Rhapsody ed altri, quelli cioè “benedetti” dagli accordi con le grandi sorelle del disco, e questo nonostante le major snobbino lo store per via della sua politica anti-DRM . Non a caso quindi la storia del suo successo proprio in questi giorni viene ripercorsa da un servizio del New York Times che, tra le altre cose, sottolinea la particolare connotazione degli utenti di eMusic, generalmente poco inclini alla pirateria e ben contenti di pagare il dovuto per ottenere contenuti di qualità. Che sono liberi di utilizzare a piacimento.

Alfonso Maruccia

l'avviso sulla home del nuovo SpiralFrog

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • fsdfs scrive:
    fsdffs
    [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-datejust-c-2]Rolex DateJust watches[/url], Rolex DateJust watches [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-day-date-c-3]Rolex Day Date watches[/url], Rolex Day Date watches [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-daytona-c-4]olex Daytona watches[/url], Rolex Daytona watches [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-explorer-c-5]Rolex Explorer watches[/url], Rolex Explorer watches [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-gmt-c-6]Rolex GMT watches[/url], Rolex GMT watches [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-masterpiece-c-7]Rolex Masterpiece watches[/url], Rolex Masterpiece watches [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-milgauss-c-8]Rolex Milgauss watches[/url], Rolex Milgauss watches [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-prince-c-9]Rolex Prince watches[/url], Rolex Prince watches
  • Marco scrive:
    c'è in Italia 1 class action contro 3 ?
    Per le recenti modifiche dei piani tariffari? In pratica mi sembra di capire che la tre - h3g ha aumentato in modo sproporzionato (anche del 20%) i propri piani tariffari, quindi a cosa servono certi decreti bersani se poi queste multinazionali fanno come gli pare?Io ho un videotelefono in comodato e nonostante abbiano cambiato unilateralmente le proprie condizioni mi hanno detto che se voglio passare ad un altro gestore devo pagare la penale...Ovviamente tutti dormono e tutti illudono, altrimenti povera 3 che non ci guadagna niente..Spero che punto informatico si occupi oltre che della microsoft, anche della 3 dando tra l'altro i propri consigli su come muoversi con questi aumenti o se gli appaiono al 100% legali.
  • la verità scrive:
    Mah
    Secondo me quello studentello cinese dovrebbe considerare il Microsoft WGA l'ultimo dei suoi problemi in fatto di diritti lesi... Più probabile che tutta la vicenda sia una macchianzione del regine con gli occhi a mandorla.
  • Re Kahr scrive:
    Disinstalazione del WGA
    Il WGA è stato introdotto unicamente per far si che gli utenti che disponessero di una copia pirata di windows l'acquistassero mettendosi in regola. E questo per Microsoft ha significato un introito di una certa importanza. Tuttavia Microsoft sa bene che se fa un passo falso o se inizia a muoversi nella direzione sbagliata, come era accaduto ad un certo punto negli anni novanta, rischia di perdere gradualmnete fette di mercato, come era accaduto alla fine degli anni novanta dove linux iniziava a crescere in popolarità. Insomma, Microsoft sa bene che non deve mettere troppo i bastoni tra le ruote agli utenti e per questo ha parallelamente pubblicato anche le istruzioni per la disinstallazione del WGA: http://support.microsoft.com/kb/921914/itInsomma, il motto sembra essere "meglio una compia autentica di windows ma meglio una copia pirata che non un linux o altro ancora".
  • Pinco Pallino scrive:
    le bugie di m$
    Se andate sul sito di windowsupdate vi viene proposto un aggiornamento obbligatorio così descritto:"Windows UpdatePer utilizzare la versione più recente di Windows Update, è necessario aggiornarne alcuni componenti. Questa versione include i seguenti miglioramenti al servizio offerto:Installazione rapida e personalizzata: Scegliere solo gli aggiornamenti critici più recenti o effettuare una scelta tra tutti gli aggiornamenti disponibili. Download intelligenti: Se il download viene interrotto, la prossima volta che si scarica tale aggiornamento il processo riprenderà dal punto di interruzione. Download ridotti: Vengono scaricati solo i file necessari per il computer, riducendo il tempo di download e i costi di connessione. Una sola versione: Vengono offerti solo gli aggiornamenti più recenti. Visualizzazione selettiva: È possibile nascondere gli aggiornamenti che non si desidera visualizzare. Notizie sugli aggiornamenti: Nella Home Page di Windows Update è disponibile una sezione in cui vengono visualizzati suggerimenti e le ultime novità di Microsoft. "Peccato che questo sia falso: se cliccate su "dettagli" scoprirete che invece state per installare la nuova versione di "Strumento di verifica dell'originalità dei prodotti Windows"A casa mia questa è una menzogna...
    • Gianni l'ottimist a scrive:
      Re: le bugie di m$
      Se volessero mentirti non ci scriverebbero sotto "Strumento di verifica dell'originalità dei prodotti Windows", ma semplicemente ci scriverebbero "questa patch risolve un problema di sicurezza" e tanti saluti.Se poi volessero spiarti non lo farebbero di certo con il sistema wga che lo odiano tutti, ma con un processo anonimo come svchost che ce ne sono sempre 5 o 6 aperti contemporaneamente...
    • neu scrive:
      Re: le bugie di m$
      - Scritto da: Pinco Pallino
      A casa mia questa è una menzogna...e' singolare come l'approccio ms sia cambiato nel tempo... fatto, ms ha un monopolio di fatto derivante tra le altre cose dalla pirateria, non a caso nel 1991 nel preventivo per un 386 fatto da computer discount la voce windows & office eccecc erano assenti ma presenti sull'hd...fatto, il wga è solo un fastidio, aggirabile se si hanno un minimo di conoscenze, quindi per l'utente, legittimo, son solo rogne e fastidi...fatto assurdo, nn si critica ma si difende... perchè attaccare ms e' moda fa notizia eccecc... cambiano i tempi cambiano le argomentazioni, cambiano le mode ma l'idiozia umana permane e perdura... e non mi interessa il lamento laconico/isterico alla "anche apple/sun/oracle/novel/sony/*.*" lo fa... solo in un epoca barbara si ha legittimazione dal comportamento illegale/parassitario/virale altruicordialmente...
  • Lemon scrive:
    La privacy!
    Che bella parola da mettersi in bocca in ogni occasione!Vorrei ricordare che per le leggi Europee non c'è violazione di privacy se non c'è associazione tra le informazioni e la persona fisica.In altre parole le informazioni "maschio, bisex, ebreo, 2 figli, ha l'amante" non costituiscono nessuna violazione della privacy finchè non so a chi sono associate.Bisognerebbe quindi dimostrare che MS detenga dati su i possessori dei PC, ad esempio il nome e cognome o forse basterebbe anche l'indirizzo mail.Anticipo già che l'indirizzo IP non è sufficiente per identificare un utente da parte di MS (a meno di IP statici registrati a proprio nome).Quindi il problema si riassume se credere nell'avviso della MS che dice che nessun dato personale verrà raccolto oppure no.MS sostiente questo: http://www.microsoft.com/genuine/downloads/PrivacyInfo.aspx?displaylang=it&sGuid=379c320a-4933-488f-9ec5-0e79e06655bbCrederci o no?
    • krane scrive:
      Re: La privacy!
      - Scritto da: Lemon
      Che bella parola da mettersi in bocca in ogni
      occasione!
      Vorrei ricordare che per le leggi Europee non c'è
      violazione di privacy se non c'è associazione tra
      le informazioni e la persona
      fisica.

      In altre parole le informazioni "maschio, bisex,
      ebreo, 2 figli, ha l'amante" non costituiscono
      nessuna violazione della privacy finchè non so a
      chi sono associate.
      Bisognerebbe quindi dimostrare che MS detenga
      dati su i possessori dei PC, ad esempio il nome e
      cognome o forse basterebbe anche l'indirizzo
      mail.Ecco, sta a M$ dimostrarlo...
      Anticipo già che l'indirizzo IP non è sufficiente
      per identificare un utente da parte di MS (a meno
      di IP statici registrati a proprio
      nome).

      Quindi il problema si riassume se credere
      nell'avviso della MS che dice che nessun dato
      personale verrà raccolto oppure
      no.
      MS sostiente questo:
      http://www.microsoft.com/genuine/downloads/Privacy

      Crederci o no?
      • Lemon scrive:
        Re: La privacy!


        Ecco, sta a M$ dimostrarlo...
        Si perchè si chiama MS vero? Noi ci fidiamo tutti i giorni di decine e decine di aziende, purtroppo non c'è altro da fare a meno di avere prove certe per fare una denuncia. In alcuni casi ci sono organi garanti (e non so se è peggio), in altri casi invece o li cogli in fallo oppure te la mangi.Non puoi pretendere il sorgente del WGA da MS, però se li becchi con il tuo nome in mano....A me ad esempio la MS non fa paura in quanto azienda, più che altro mi fa paura come "potenza" americana, non so se mi spiego.
        • Cryon scrive:
          Re: La privacy!
          .. quoto ed aggiungo che poi la stessa gente che si lamenta magari scarica ed installa programmi vari di dubbia provenienza che cissà quanta "privacy" fa passare ;)
          • well scrive:
            Re: La privacy!
            di fatto, con un GUID univoco (assegnato da cosa? e dove è immagazzinato??) come da istruzioni microsoft, praticamente loro possono collegare il mio hardware (e il mio bios, combinazione piuttosto univoca) con il mio ip ogni volta che visito un sito che a loro si appoggia o ogni volta che il loro schiavetto updater si collega a loro.certo, non hanno magari dati più restrittivi, ma bastano per bussare a casa.
  • MeX scrive:
    privacy...
    ma la privacy riguarda la sfera dei "dati sensibili" il numero di serie del tuo XP, del tuo HD e del tuo processore... o i tipi di driver installati sul tuo PC... non sono dati sensibili che rientrano nella "privacy"...
    • pabloski scrive:
      Re: privacy...
      - Scritto da: MeX
      ma la privacy riguarda la sfera dei "dati
      sensibili" il numero di serie del tuo XP, del tuo
      HD e del tuo processore... o i tipi di driver
      installati sul tuo PC... non sono dati sensibili
      che rientrano nella
      "privacy"...no rientrano nella sfera della privacy tutti i dati univoci....per esempio se io tramite spoofing assegno alla mia scheda di rete il MAC address della tua e poi mi collego tramite una hotspot wi-fi anonimo e crakko il Pentagono, molto probabilmente ti ritroverai i marines in casa in 20 minutiè questo il puntoquei dati possono essere utilizzati per svolgere attività criminali, di tracciamento, di spionaggio e quant'altro e pertanto sono dati sensibili
  • Ciccio scrive:
    [OT] Di nuovo! "Istallazione"
    "istallazione" è errato, eppure continuo a trovarlo negli articoli. Fosse scritto su un quotidiano qualsiasi allora ok, ma su PI non lo riesco a tollerare.installazione va scritto con la N!!!!!!!!!!!!!! :$ :$ :$ :$ :$ :$ :@
    • Ico Bellungi scrive:
      Re: [OT] Di nuovo! "Istallazione"
      Istallare è un verbo della lingua italiana, variante accettata di "installare". Sui dizionari più importanti c'è. quindi si può usare
  • Fabrizio scrive:
    Se fosse un'azienda seria....
    ........ dopo tutte queste critiche rilascerebbe i sorgenti del tool WGA per far vedere a tutti che le accuse sono infondate. Forse ha qualcosa da nascondere?
    • iceman81 scrive:
      Re: Se fosse un'azienda seria....
      - Scritto da: Fabrizio
      ........ dopo tutte queste critiche rilascerebbe
      i sorgenti del tool WGA per far vedere a tutti
      che le accuse sono infondate. Forse ha qualcosa
      da
      nascondere?togli il forse.ah... se passassero tutti a linux...
      • pappappero pappa scrive:
        Re: Se fosse un'azienda seria....

        ah... se passassero tutti a linux...si tornerebbe indietro di 20 anni.... ah, che bello!!
        • pabloski scrive:
          Re: Se fosse un'azienda seria....
          - Scritto da: pappappero pappa

          ah... se passassero tutti a linux...

          si tornerebbe indietro di 20 anni.... ah, che
          bello!!come si vede che non sai nemmeno di cosa stai parlandotorna a giocare col WinBOZZ bimbo
          • Sgabbio scrive:
            Re: Se fosse un'azienda seria....
            Hai pure la certificazione del tempax tra i capelli ? No perchè secondo me tu sei l'ennesimo trollino.
          • Lillo scrive:
            Re: Se fosse un'azienda seria....
            Dove lavoro io ti riderebbero in faccia, dato che è tutto Solaris, Linux, Oracle e apparati di rete Allied Telesis.Lo credo bene che difendi Micro$oft, se Winzozz affondasse si porterebbe dietro tutti i babbaloni che ci si sono venduti l'anima... :)
        • Re Kahr scrive:
          Re: Se fosse un'azienda seria....
          si con le macchine da scrivere :p
    • AndreaZ scrive:
      Re: Se fosse un'azienda seria....
      e certo...e secondo te anche vedendo dai sorgenti che le illazioni sono false, cose ti assicura che i sorgenti che ti fanno vedere non siano taroccati?
      • riddler scrive:
        Re: Se fosse un'azienda seria....
        - Scritto da: AndreaZ
        e certo...

        e secondo te anche vedendo dai sorgenti che le
        illazioni sono false, cose ti assicura che i
        sorgenti che ti fanno vedere non siano
        taroccati?Se ti danno il progetto visual studio del wga puoi compilarlo e ottenere esattamente gli stessi file che loro distribuiscono.
        • AndreaZ scrive:
          Re: Se fosse un'azienda seria....
          - Scritto da: riddler
          - Scritto da: AndreaZ

          e certo...



          e secondo te anche vedendo dai sorgenti che le

          illazioni sono false, cose ti assicura che i

          sorgenti che ti fanno vedere non siano

          taroccati?

          Se ti danno il progetto visual studio del wga
          puoi compilarlo e ottenere esattamente gli stessi
          file che loro
          distribuiscono.beata innocenza...sai vero che l'unico modo per essere certi che il progrmma compilato rispecchi effettivamente il sorgente, tutta la catena dei software in ballo deve essere a sorgente aperto?e poi sicuramente la micro$oft permettera' la modifica/compilazione di un componente cosi' importante per loro che controlla l'autenticita' dei loro software... come no...
          • soulista scrive:
            Re: Se fosse un'azienda seria....
            - Scritto da: AndreaZ
            - Scritto da: riddler

            - Scritto da: AndreaZ


            e certo...





            e secondo te anche vedendo dai sorgenti che le


            illazioni sono false, cose ti assicura che i


            sorgenti che ti fanno vedere non siano


            taroccati?



            Se ti danno il progetto visual studio del wga

            puoi compilarlo e ottenere esattamente gli
            stessi

            file che loro

            distribuiscono.

            beata innocenza...

            sai vero che l'unico modo per essere certi che il
            progrmma compilato rispecchi effettivamente il
            sorgente, tutta la catena dei software in ballo
            deve essere a sorgente
            aperto?

            e poi sicuramente la micro$oft permettera' la
            modifica/compilazione di un componente cosi'
            importante per loro che controlla l'autenticita'
            dei loro software... come
            no...quindi non solo sbagliano a fare i programmi... ma lo fanno anche APPOSTA!??
          • AndreaZ scrive:
            Re: Se fosse un'azienda seria....
            - Scritto da: soulista
            [...]

            quindi non solo sbagliano a fare i programmi...
            ma lo fanno anche
            APPOSTA!??a sbagliare probabilmente no... ma a infilarci (se lo fanno) gli spyware di sicuro che lo fanno apposta
        • Lillo scrive:
          Re: Se fosse un'azienda seria....
          Nel programma shared source che Micro$oft fece per governi e grandi aziende per mostrargli i sorgenti di Windows, ha omesso parecchie parti e non permetteva la compilazione (che ovviamente non avrebbe funzionato).Ci sono parecchi spyware in Winzozz.
    • Cryon scrive:
      Re: Se fosse un'azienda seria....
      ..così ogni volta che qualcuno vuole dei codici sorgenti di un software chiuso basta che fa una rischiesta/denuncia per la privacy ed il gioco è fatto no?io uso win ed ho utilizzato anche linux.. i primi anni di linux le distro erano troppo complesse per gli utenti "comuni" ora invece sono di facilissima installazione ed assomigliano molto a "win" quindi chi si lamenta perchè non inizia a pensare che forse è lui che sbaglia qualcosa?con questo non voglio dire che win "ha ragione".. xò nemmeno che bisogna per forza usarlo se non piace così tanto :)
      • pabloski scrive:
        Re: Se fosse un'azienda seria....
        il problema è che Windows te lo propinano a forza, non hai possibilità di scelta, è già installatoinoltre gli utenti, per quanto possa sembrare una brutta affermazione, sono analfabeti informatici, se trovano Windows preinstallato tendono a pensare che l'informatica=Windows=Bill Gates=inventore di Internet=DIO!!
        • Lemon scrive:
          Re: Se fosse un'azienda seria....
          - Scritto da: pabloski
          il problema è che Windows te lo propinano a
          forza, non hai possibilità di scelta, è già
          installato
          Ma se Dell vende Ubuntu? Ed è proprio di oggi la notizia che distribuisce pure le ISO?Io credo che la verità sia un pò nel mezzo: non c'è molta scelta ma la maggior parte comunque vuole quello. Un pò come guardare la TV con tutti quei programmi con litigi e reality: la gente vuole quello, non tutti ma molti.Chi ha gusti o esigenze diverse si è sempre dovuto arrangiare con più fatica rispetto alla massa.
          inoltre gli utenti, per quanto possa sembrare una
          brutta affermazione, sono analfabeti informatici,
          se trovano Windows preinstallato tendono a
          pensare che l'informatica=Windows=Bill
          Gates=inventore di
          Internet=DIO!!Io credo che gli utenti comuni non sappiano neppure chi è Bill Gates
          • krane scrive:
            Re: Se fosse un'azienda seria....
            - Scritto da: Lemon
            - Scritto da: pabloski

            il problema è che Windows te lo propinano a

            forza, non hai possibilità di scelta, è già

            installato
            Ma se Dell vende Ubuntu? Ed è proprio di oggi la
            notizia che distribuisce pure le ISO?Certo che Dell vende Ubuntu, basta ordinare in USA... Ordinandolo via internet posso comprare anche un Cray 2, ma l'uomo nella strada nei negozi non trova ne' i Cray2 ne' linux preinstallato sui computer.
            Io credo che la verità sia un pò nel mezzo: non c'è molta
            scelta ma la maggior parte comunque vuole quello.La maggior parte semplicemente non ha mai potuto vedere altro: nei vari megamercati hai mai visto postazioni linux ? Hai mai parlato con i commessi ? Sai che la maggior parte dei vari Trony non puo' preinstallare altro che microsoft altrimenti le vengono raddoppiati i prezzi delle licenze ?
            Un pò come guardare la TV con tutti quei programmi con
            litigi e reality: la gente vuole quello, non tutti ma
            molti.C'e' un solo canale: come puo' la gente volerne altri se non sa che possono esistere ?
            Chi ha gusti o esigenze diverse si è sempre dovuto
            arrangiare con più fatica rispetto alla massa.

            inoltre gli utenti, per quanto possa sembrare una

            brutta affermazione, sono analfabeti informatici,

            se trovano Windows preinstallato tendono a

            pensare che l'informatica=Windows=Bill

            Gates=inventore di

            Internet=DIO!!
            Io credo che gli utenti comuni non sappiano
            neppure chi è Bill GatesQuoto.
          • Lemon scrive:
            Re: Se fosse un'azienda seria....

            Certo che Dell vende Ubuntu, basta ordinare in
            USA... Ordinandolo via internet posso comprare
            anche un Cray 2, ma l'uomo nella strada nei
            negozi non trova ne' i Cray2 ne' linux
            preinstallato sui
            computer.
            Perchè il mercato non lo richiede. Non richiede cray2 e non richiede linux.

            La maggior parte semplicemente non ha mai potuto
            vedere altro: nei vari megamercati hai mai visto
            postazioni linux ? Hai mai parlato con i commessi
            ? Sai che la maggior parte dei vari Trony non
            puo' preinstallare altro che microsoft altrimenti
            le vengono raddoppiati i prezzi delle licenze
            ?
            Ma non è vero! se leggi la storia tristissima di ogni informatico di almeno 30 anni ti dirà: "A 8 anni mi sono fatto comprare il vic20, poil commodore 64, poi con i primi soldini mi sono comprato il Sinclair, poi ho avuto il notebook Apple, poi al lavoro ho visto il mio primo Unix...."Windows è arrivato molto dopo!!! E non parliamo di linux che è diventato usabile dagli utenti medi da non più di un anno e mezzo o due.Si, la situazione di monopolio c'è e MS di certo non ha agevolato i concorrenti, ma che alternative avevamo anche solo 5 anni fa?Riguardo Trony queste sono le solite leggende metropolitane: trony rivende altri marchi, al limite sarebbe HP o Acer e altri a subire il ricatto da parte MS. Però che strano vedere Dell che vende Ubuntu e non ha alzato i prezzi dei PC con Windows, o anche solo il negozio vicino casa mia che vende PC con linux e continua a comprare licenza OEM Windows allo stesso prezzo... qualche dubbio lo ho.

            Un pò come guardare la TV con tutti quei
            programmi con


            litigi e reality: la gente vuole quello, non
            tutti
            ma

            molti.

            C'e' un solo canale: come puo' la gente volerne
            altri se non sa che possono esistere
            ?
            Non è vero, tutti i canali propongono la stessa TV spazzatura esattamente come tutti i rivenditori, negozi, supermercati rivendono PC con Windows: la gente vuole quello, fine del discorso.C'è chi vende PC con linux, anche in Italia, non mi pare che stiano facendo i miliardi.
          • soulista scrive:
            Re: Se fosse un'azienda seria....
            - Scritto da: Lemon

            Certo che Dell vende Ubuntu, basta ordinare in

            USA... Ordinandolo via internet posso comprare

            anche un Cray 2, ma l'uomo nella strada nei

            negozi non trova ne' i Cray2 ne' linux

            preinstallato sui

            computer.



            Perchè il mercato non lo richiede. Non richiede
            cray2 e non richiede
            linux.





            La maggior parte semplicemente non ha mai potuto

            vedere altro: nei vari megamercati hai mai visto

            postazioni linux ? Hai mai parlato con i
            commessi

            ? Sai che la maggior parte dei vari Trony non

            puo' preinstallare altro che microsoft
            altrimenti

            le vengono raddoppiati i prezzi delle licenze

            ?



            Ma non è vero! se leggi la storia tristissima di
            ogni informatico di almeno 30 anni ti dirà: "A 8
            anni mi sono fatto comprare il vic20, poil
            commodore 64, poi con i primi soldini mi sono
            comprato il Sinclair, poi ho avuto il notebook
            Apple, poi al lavoro ho visto il mio primo
            Unix...."
            Windows è arrivato molto dopo!!! E non parliamo
            di linux che è diventato usabile dagli utenti
            medi da non più di un anno e mezzo o
            due.
            Si, la situazione di monopolio c'è e MS di certo
            non ha agevolato i concorrenti, ma che
            alternative avevamo anche solo 5 anni
            fa?
            Riguardo Trony queste sono le solite leggende
            metropolitane: trony rivende altri marchi, al
            limite sarebbe HP o Acer e altri a subire il
            ricatto da parte MS. Però che strano vedere Dell
            che vende Ubuntu e non ha alzato i prezzi dei PC
            con Windows, o anche solo il negozio vicino casa
            mia che vende PC con linux e continua a comprare
            licenza OEM Windows allo stesso prezzo... qualche
            dubbio lo
            ho.parli di utenti che hanno già una qualche esperienza...che non sono pochi, ma sono comunque una minoranza.Ci sono utenti che sentono parlare i loro amici dell'internet e dell'imeil e allora quando gli capita per le mani un volantino di Mediaworld vedono un computer-macinino a 600 euro, quello comprano... Se la gente avesse un minimo di consapevolezza quando acquista un computer, avremmo sistemi più protetti, meno spam dovuto ad un utilizzo scriteriato dell'email e un'internet più snella... ma é intasata di idioti.Riguardo i negozi di informatica... beh... secondo un commesso il plasma all'interno del televisore era un liquido...ecco dove vanno a finire le donazioni!


            Un pò come guardare la TV con tutti quei

            programmi con




            litigi e reality: la gente vuole quello, non

            tutti

            ma


            molti.



            C'e' un solo canale: come puo' la gente volerne

            altri se non sa che possono esistere

            ?



            Non è vero, tutti i canali propongono la stessa
            TV spazzatura esattamente come tutti i
            rivenditori, negozi, supermercati rivendono PC
            con Windows: la gente vuole quello, fine del
            discorso.
            C'è chi vende PC con linux, anche in Italia, non
            mi pare che stiano facendo i
            miliardi.


            é come se anni di EEE e FUD non fossero mai esistiti per te... L'unica ad essere sopravvissuta, e forte, é Apple, tra l'altro alleandosi con Microsoft per un certo periodo.
        • Cryon scrive:
          Re: Se fosse un'azienda seria....
          E' vero che la maggior parte dei pc e portatili hanno preinstallato win.. vero anche che si può chiedere il rimborso se non erro(anche se macchinoso, palloso ecc ecc)però quello che dico.. l'alternativa c'è poi se non è comoda e non la si vuole scegliere non si ci può lamentare con un prodotto che però non si vuole cambiare.io ho provato varie distro di linux ed anche una bsd su un portatile(nn ti dico lo sbatti) però alla fine 90% delle volte uso win perchè è comodo(e x i giochi)della privacy sinceramente non me ne frega molto.. non mi pongo proprio il problema ma se continuo ad usare win pur sapendo i suoi lati negativi poi non me ne posso lamentare ;)
    • luciano iovine scrive:
      Re: Se fosse un'azienda seria....
      Ma tornatevene tutti quanti a sto c...o!!! di linux e lasciate in pace chi usa software originale windowsssssssss.
Chiudi i commenti