Musica, i primi frutti di iTunes Match

Versati 10mila dollari nei primi due mesi di attività della piattaforma sulla nuvola di Apple. Un modello che sembra funzionare, per la gioia di etichette e musicisti

Roma – Circa 10mila dollari nei primi due mesi di vita del servizio musicale in the cloud iTunes Match . È l’ammontare delle royalty ricevute da etichette e musicisti per l’ascolto degli utenti a stelle e strisce sulla nuova piattaforma targata Apple.

Come ormai noto , il colosso di Cupertino richiede un abbonamento annuale di 25 dollari per il servizio rilasciato con la versione 10.5.1 di iTunes . Gli utenti statunitensi possono scaricare e riscaricare i singoli brani, oppure scegliere lo streaming on demand.

E il modello lanciato dalla Mela sembra dare i primi frutti : ogni volta che un abbonato ascolta una canzone – in streaming oppure in download – le relative royalty vengono garantite ai detentori dei diritti d’autore. (M.V.)

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti