MySpace, luci e ombre sul prossimo futuro

La nuova dirigenza del social network californiano ha comunicato le novità che caratterizzeranno il nuovo MySpace. Nonostante le persistenti difficoltà finanziarie, c'è la volontà di sfidare servizi di streaming come Pandora e Spotify

Roma – Prima la crisi , poi le trattative di vendita, infine il passaggio di proprietà e i successivi piani per la rinascita : nonostante gli entusiami iniziali dovuti al “cambio di gestione”, gli affari per MySpace sembrano essere ancora molto lontani dal segno positivo, stando agli ultimi aggiornamenti relativi alle performance commerciali. Secondo le stime , il social network di proprietà di Specific Media guadagnerà quest’anno 15 milioni di dollari (11,7 milioni di euro) rispetto ai 9 milioni del 2011.

Si tratta di cifre poco promettenti se si tiene presente che MySpace ha registrato una perdita di oltre 40 milioni di dollari (oltre 31 milioni di euro) nel 2012 , con previsioni di ulteriori perdite (25 milioni di dollari) per il prossimo anno. Nel frattempo, Specific Media, ora conosciuta come Interactive Media Holding, ha subito un calo sensibile delle entrate pubblicitarie, passate dai 42 milioni di dollari (32,8 milioni di euro) del 2011 ai 35 milioni (27,3 in euro) previsti nel 2012.

Nonostante i venti finanziari non accompagnino la risalita del social network, i piani di rilancio puntano a trasformarlo in un competitor diretto di servizi di web streaming musicale come Spotify e Pandora. Una scommessa che, secondo gli osservatori, potrebbe rivelarsi vincente data l’associazione diretta tra il marchio MySpace e la musica, oltre che per il fatto che il 50 per cento dello streaming trasmesso proviene da artisti a cui l’azienda non deve corrispondere compensi.

Rispetto alle incertezze che hanno accompagnato la presentazione della nuova versione in beta del social network californiano, è ora chiaro che i fratelli Vanderhook e Justin Timberlake puntino a sfidare la concorrenza in fatto di servizi musicali on demand .

MySpace punterà dunque sulla libreria composta da 27 milioni di brani musicali trasmessi a costo zero, un servizio che aziende come Pandora e Spotify hanno scelto di ignorare. Inoltre, tra le novità che andranno a caratterizzare la nuova piattaforma vi è anche un servizio e-commerce , che includerà il merchandise degli artisti, la vendita di biglietti per i concerti e brani da scaricare.

Cristina Sciannamblo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Aniello Caputo scrive:
    ...
    ma che me ne frega a me di king kong
  • ThEnOra scrive:
    Hahahaha
    Stupendo il tipo "incantato" nel tentativo di far scorre lo schermo!!!(rotfl)(rotfl)(rotfl)
  • Paolo T. scrive:
    Facile realizzare una GUI, neh?
    Questo, tanto per svegliare un po' quelli che sostengono che certe cose non si possono brevettare, sono ovvie, si fanno praticamente da sé.
    • ThEnOra scrive:
      Re: Facile realizzare una GUI, neh?
      Infatti, cio che è ovvio, prima non lo era.
      • FDG scrive:
        Re: Facile realizzare una GUI, neh?
        - Scritto da: ThEnOra
        Infatti, cio che è ovvio, prima non lo era.Shhhh... ora sei un macaco
      • sbertuccia scrive:
        Re: Facile realizzare una GUI, neh?
        - Scritto da: ThEnOra
        Infatti, cio che è ovvio, prima non lo era.Come dire, chi ha inventato la ruota se avesse avuto il brevetto per la sua invenzione avrebbe lasciato a piedi tutti gli altri per sempre! La verità è che se ci fosse stato il brevetto sulla ruota, nessuno avrebbe apportato innovazioni per migliorare l'invenzione, e così allo stesso modo i brevetti sulle interfacce rischiano di bloccare seriamente l'innovazione.
    • Izio01 scrive:
      Re: Facile realizzare una GUI, neh?
      - Scritto da: Paolo T.
      Questo, tanto per svegliare un po' quelli che
      sostengono che certe cose non si possono
      brevettare, sono ovvie, si fanno praticamente da
      sé.Guarda che quello è un esperimento andato male, e infatti è collassato su se stesso. Non è certo l'UNICO di quegli anni, e no, Apple non ha inventato tutto quello che credi tu, l'ha solo brevettato.http://izismile.com/2012/08/29/what_did_apple_really_invent_9_pics.html
    • sbertuccia scrive:
      Re: Facile realizzare una GUI, neh?
      - Scritto da: Paolo T.
      Questo, tanto per svegliare un po' quelli che
      sostengono che certe cose non si possono
      brevettare, sono ovvie, si fanno praticamente da
      sé.Nulla si fa da sè, occorre sempre un (bel) pò di lavoro. Tuttavia, proprio come il proverbiale "uovo di Colombo", una volta scoperto il trucco non è pensabile che nessuno lo riutilizzi, lo rielabori o addirittura lo migliori!
  • abecedario scrive:
    lol
    avevo letto il brutto ricordo di kimcome kim doctom
  • succhiasago me scrive:
    lol
    lol praticamente spazzatura allo stato puro!
    • giulio scrive:
      Re: lol
      concordo, comunque avrebbero potuto testare qualcos'altro a parte il cambio pagina.. do un bel 3 pure ai tester..
      • aracosta scrive:
        Re: lol
        - Scritto da: giulio
        concordo, comunque avrebbero potuto testare
        qualcos'altro a parte il cambio pagina.. do un
        bel 3 pure ai
        tester..Se provi una auto ed il cambio gratta e i freni non funzionano, continui il collaudo e verifichi anche le rifiniture dei sedili o la mandi indietro ?
Chiudi i commenti