NBA, il fair use nel cesto

Mancato l'accordo tra NBA e l'associazione dei giocatori. D'ora in poi i siti ufficiali delle squadre e quello di NBA dovranno eliminare tutte le immagini relative alle stelle della pallacanestro

Roma – Non più Kobe Bryant, né LeBron Kames, tantomeno Kevint Durant. D’ora in poi, nessuna immagine dei giocatori NBA sarà più visibile sul sito ufficiale del campionato di basket a stelle e strisce e sui siti delle singole squadre. Questa la conseguenza del mancato accordo tra la National Basketball Association (NBA) e l’associazione dei cestisti.

Dopo tre ore di incontro , David Stern (commissario NBA) e Billy Hunter (capo della National Basketball Players Association) non sono riusciti a trovare un punto di incontro nel tentativo di evitare la mancata chiusura del contratto tra le due parti per la stagione 2011-12.

Le 400 immagini delle stelle del firmamento NBA presenti sui siti web ufficiali saranno così sostituite da quelle di cheerleader e mascotte. Il che significa che la National Basketball Association non potrà trarre profitti economici postando online le immagini dei giocatori.

Secondo gli osservatori, una simile decisione coinvolge nodi come quello del fair use , il diritto alla pubblicazione e, in maniera parziale, il copyright . Secondo le stesse squadre, le zone d’ombra ritagliate dal provvedimento sarebbero molteplici. Ci si chiede, ad esempio: “Come ci si deve comportare di fronte all’immagine di un fan dei Lakers che indossa la maglia numero 24 di Kobe Bryant?” E ancora: come ci si comporta con le pubblicazioni via social network, con tweet e post su Facebook che citano i nomi dei giocatori?

Nessuno sembra avere risposte certe. Quel che è certo, almeno secondo i diversi staff chiamati a gestire gli spazi web delle squadre, è che non sarà facile eliminare dai siti ufficiali tutte le foto relative alle stelle della pallacanestro.

Cristina Sciannamblo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • cdi scrive:
    all'erta...
    si scrive allerta...
  • scettico scrive:
    Ma cosa è??
    Scusate, ma non ho capito. Siccome a me sembra che sia stata scoperta l'acqua calda, vi chiedo qualcosa.Cito dal link che c'è nell'articolo:"SleepWell is a piece of software that helps maximize download efficiency by alerting the wifi device in your phone when a download is finished on a neighboring device"Si scarica uno alla volta? Alla faccia della "fairness""Most wifi devices have to stay awake while waiting for their turn to download, draining a good deal of battery in the process"Ma scusate, secondo lo standard wifi il dispositivo non entra in modalità sleeping e si sveglia solo durante l'intervallo di beacon per capire se ci sono frame per lui dal Traffic Indication Message?"The proximity of wireless devices affects their performance as well, with longer download times in more crowded areas, like cities"Appunto in città se ci sono tanti dispositivi, quanto devo aspettare in coda?"This means you might have to wait a couple minutes to watch your video, but that could be a productivity boon anyway".Ah ecco...Beh ma non si sapeva già maggior risparmio=maggior ritardo?Ora, a parte che si parla solo di download, quindi se il dispositivo ha bisogno di trasmettere qualcosa la batteria la usa comunque, ma che differenza fa con l'allungare il TIM interval? Perché a me pare che faccia proprio quello: "il segreto dell'ottimizzazione delle connessioni wireless risiede nella riduzione dei tempi entro i quali i dispositivi sono costretti a restare 'all'erta'"."No word yet on when SleepWell will be released" ma sarà un grande sucXXXXX! :S
  • ruppolo scrive:
    Cose che noi utenti iPad abbiamo da
    sempre.Un mese di stand by mentre riceve notifiche e posta...
    • mr_caos scrive:
      Re: Cose che noi utenti iPad abbiamo da
      Ce l'hai da meno di un anno, e l'hai già lasciato un mese in standby senza toccarlo? Quindi come dico sempre, non serve proprio a una mazza
      • Asparago scrive:
        Re: Cose che noi utenti iPad abbiamo da
        Ma nooooo.... E' sempre connesso via psiche....
      • ruppolo scrive:
        Re: Cose che noi utenti iPad abbiamo da
        - Scritto da: mr_caos
        Ce l'hai da meno di un anno, e l'hai già lasciato
        un mese in standby senza toccarlo? Quindi come
        dico sempre, non serve proprio a una
        mazzaHai presente l'indicatore del livello della benzina? Se da pieno va a metà in 300Km, significa che più o meno ne puoi fare altrettanti.Che intelligenza, eh?Domani ti spiegherò come funziona per il quarto di serbatoio.
    • Nome e cognome scrive:
      Re: Cose che noi utenti iPad abbiamo da
      Mi sa che non hai capito di cosa parla l'articolo..................
      • Papple scrive:
        Re: Cose che noi utenti iPad abbiamo da
        - Scritto da: Nome e cognome
        Mi sa che non hai capito di cosa parla
        l'articolo..................Stai parlando di Ruppolo, lui non capisce mai
    • hermanhesse scrive:
      Re: Cose che noi utenti iPad abbiamo da
      Non hai capito una mazza.Come al solito. Anzi, ultimamente sei peggio del solito. Tutto ok?
Chiudi i commenti