Net neutrality, l'industria contro la riclassificazione

Appello alla FCC contro la riclassificazione di Internet come un servizio di interesse pubblico: secondo una coalizione di colossi dell'IT, l'operazione porterebbe a una significativa riduzione degli investimenti nel settore

Roma – Un’impressionante coalizione di aziende impegnate nell’IT – impressionante sia per il numero che per il “peso” dei brand presenti – ha scritto alla Federal Communications Commission (FCC) statunitense, esortando l’organizzazione a ripensare il proposito di riclassificazione dei provider Internet come utility pubbliche.

Al centro del contendere c’è la solita questione della net neutrality a stelle e strisce, con la Casa Bianca che si è espressa a favore dell’imposizione di regole e norme più stringenti per il rispetto delle opportunità di accesso degli utenti – derivanti dalla riclassificazione di cui sopra – e la presidenza della FCC allineata su posizioni simili.

Stando alla petizione inviata alla FCC, però, colossi tecnologici del calibro di Intel, IBM, Qualcomm, Alcatel-Lucent, D-Link e molti altri temono sinceramente che trattare gli ISP come provider da ” Titolo II ” ridurrebbe drasticamente gli investimenti economici per la crescita e lo sviluppo del settore.

L’impatto delle decisioni di FCC – attese per gennaio e non più prorogabili dopo l’intervento di Washington – a favore di una net neutrality rafforzata sarebbe “severo e immediato”, dice la petizione, con i provider che sarebbero disincentivati a investire nello sviluppo infrastrutturale.

Le aziende dell’IT si lamentano di una net neutrality “troppo” neutrale, ma intanto gli ISP continuano a spendere per nuove infrastrutture come se niente fosse: AT&T, nemica giurata della neutralità della rete, ha lanciato un nuovo network in fibra nella Carolina del Nord, mentre il management di Verizon si contraddice e ammette che no, la net neutrality non ha nulla a che fare con gli investimenti nella rete. Gli utenti, per il momento, si mobilitano e protestano.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • mah scrive:
    copertura ?
    voglio vedere chi riuscirà a collegarsi al mio modem, quando abilito il wifi riesco a malapena ad usarlo nella stanza vicina a quella dove sta il modem ... giusto il vicino di casalo stesso varrà per me fuori casa, dovrò entrare in casa di qualche utente per collegarmi ...
  • blah blah scrive:
    idea nota
    In Francia lo fanno tutti i gestori telefonici da anni ormai. Chiunque abbia un abbonamento Free o SFR può usare gli access point degli altri clienti dello stesso operatore.
Chiudi i commenti