Nokia fa pace con gli azionisti

Tramonta la class action avviata da Robert Chmielinski per la presunta frode nei confronti degli shareholder. L'attore rinuncia alla causa. Ora Espoo deve sperare che il passaggio a Windows Phone dia i frutti sperati

Roma – Un sospiro di sollievo per il gigante Nokia, in un breve comunicato stampa dal quartier generale di Espoo. L’azionista Robert Chmielinski ha lasciato cadere le accuse nei confronti del produttore finlandese , accusato di aver creato false aspettative sulle previsioni di vendita dei dispositivi mobile Lumia.

Nella accusa sostenuta dalla class action avviata da Chmielinski, i vertici di Nokia avrebbero architettato una vera e propria truffa ai danni degli shareholder , diffondendo falsi documenti sui futuri guadagni nel mercato degli smartphone . Il passaggio a Windows Phone non avrebbe prodotto alcun risultato utile, danneggiando gli azionisti inizialmente rassicurati sui profitti imminenti.

Chmielinski ha ora accettato la fine delle ostilità, rinunciando a qualsiasi pretesa di natura economica per i danni subiti dagli azionisti in un periodo tra l’ottobre 2011 e l’aprile di quest’anno . Nokia potrà tornare più serena a tentare di attirare la massa critica degli utenti verso i suoi dispositivi basati sull’OS di Microsoft. ( M.V. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti