Non è un'Università, è una signorina dialer

Accade con i domini degli istituti italiani o, meglio, con domini che sono in tutto e per tutto quelli degli atenei, salvo un piccolo... errore di battitura
Accade con i domini degli istituti italiani o, meglio, con domini che sono in tutto e per tutto quelli degli atenei, salvo un piccolo... errore di battitura

Scrive Paolo B.: “Caro Punto Informatico, forse non è una novità, ma questi giorni ho notato una cosa interessante. Se voi prendete il generico indirizzo di una università italiana, es. www.unipd.it o www.unive.it e togliete la i di “uni” andrete inevitabilmente a un sito sul genere hard che tenta di installare dialer ed altro.
Apparentemente la stessa cosa succede per molte università italiane (es. bologna, milano, ecc)”.

È un fenomeno che si conosceva e che si è esteso. “Anche Libero – scrive Paolo – ha lo stesso problema, provate a togliere la “i” di Libero”. Tutti domini estremamente simili ad altri domini molto noti, che incanalano il traffico su un sito che propone dialer.

Paolo: “Saltare una i scrivendo l’indirizzo della propria università è un attimo, considerate poi il numero di volte che viene scritto quell’indirizzo, considerate inoltre quanti studenti lo fanno da casa, e quanti studenti grazie alle felice politica delle nostre Telecom devono ancora ricorrere al classico modem e quindi sono esposti all’utilizzo dei dialer.
Ma le considerazioni possono aumentare, considerando che magari il PC è pure usato da minori, o che semplicemente che la prima pagina che mio figlio vede quando si siede davanti a un PC sia di tale tipo, non mi entusiasma per niente per quanto liberale possa essere come genitore o nelle mie convinzioni”.

Ecco, no, non è entusiasmante. Ma le università che dicono?

– Le regole sulla registrazione di domini italiani sono qui in pdf. Sarebbe utile probabilmente dare una scorsa all’art. 16 comma 7.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

31 08 2006
Link copiato negli appunti