Nuova certificazione Microsoft

Microsoft Certified Application Developer


Microsoft ha varato un nuovo percorso di certificazione chiamato Microsoft Certified Application Developer (MCAD) che si rivolge a tutti coloro che sviluppano e gestiscono applicazioni su piattaforma Microsoft.NET, componenti Web e servizi di back end.

Rispetto ai singoli esami MCP focalizzati su un singolo prodotto o soluzione, il percorso di certificazione MCAD attesta una preparazione più ampia su differenti tecnologie, con significativi benefici in termini di riqualificazione professionale.

Microsoft ha spiegato che ottenendo la certificazione MCAD, gli sviluppatori possono acquisire le competenze necessarie per intraprendere la professione di Software Engineer, Analista programmatore o Sviluppatore di applicazioni Software.

I professionisti, con almeno uno o due anni di esperienza nello sviluppo di applicazioni, che desiderano ottenere la certificazione MCAD, devono superare presso i Testing Center presenti in tutta Italia tre esami: due fondamentali tra quelli disponibili nelle aree ?Application Development? e ?XML Web Service and Server Components Development?, e una prova a scelta tra un?ampia gamma di esami sui diversi prodotti Microsoft, tra cui SQL Server 2000, BizTalk Server 2000 e Commerce Server 2000, a seconda dell?area di specializzazione dei candidati.

Per prepararsi agli esami previsti dal nuovo percorso di certificazione, i candidati possono seguire i corsi di formazione già disponibili presso i Microsoft CTEC (Certified Technical Education Center), strutture qualificate ad erogare formazione sulla tecnologia Microsoft, oppure seguire la strada dell?auto-apprendimento utilizzando i numerosi testi Microsoft Press disponibili.

Maggiori informazioni sul nuovo percorso di certificazione MCAD sono disponibili qui .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • rimoun rezk scrive:
    video audio
    nansy agram
  • Anonimo scrive:
    $ 42,99
    E dovrei anche pagarlo?Questi sono tutti suonati!
    • Anonimo scrive:
      Re: $ 42,99
      C'è anche la versione Basic gratuita, pirlotta! ;-)- Scritto da: Anakin
      E dovrei anche pagarlo?
      Questi sono tutti suonati!
  • Anonimo scrive:
    Non c'è in italiano
    Sono andato sul sito italy.real.com ma nontrovo la versione italiana di RealOne Playerinfatti sul sito c'è ancora il (vecchio)lettore 8.Si saranno sbagliati quelli di Punto Informatico.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non c'è in italiano
      Infatti qualcosa di sbagliato c'era..... il linkquesto è quello giustohttp://italy.real.com/freeplayer_r1p.html
      • Anonimo scrive:
        Re: Non c'è in italiano
        Prima di scrivere cavolate informati bene: questo è il link alla versione 1.0- Scritto da: Nicola
        Infatti qualcosa di sbagliato c'era..... il
        link

        questo è quello giusto

        http://italy.real.com/freeplayer_r1p.html
        • Anonimo scrive:
          Re: Non c'è in italiano
          Cara la nostra sapientona , mi sa che le cavolate le scrivi tu! non credere di parlare con un pivello. Hai fatto un giro sul link (ora attivo) posto dalla redazione? al click "scarica il lettore gratuito" a che indidirizzo ti porta??....La prossima volta guarda bene tu prima di scrivere cavolate :-P
    • Anonimo scrive:
      Re: Non c'è in italiano
      I PR di RealNetwork ci hanno comunicato stamattina che la nuova versione ha ritardato qualche ora ad essere messa on-line rispetto alla ricezione del comunicato stampa. Ora i link si trovano direttamente nella home page: la versione Plus è quella a pagamento, mentre la versione Basic è quella gratuita (e a cui nella notizia si fa riferimento come a RealOne Player 2.0).Purtroppo ritardi e qualche ambiguità nei nomi non sono dipesi dalla nostra volontà! ;-)La Redazione- Scritto da: andreanet86
      Sono andato sul sito italy.real.com ma non
      trovo la versione italiana di RealOne Player
      infatti sul sito c'è ancora il (vecchio)
      lettore 8.

      Si saranno sbagliati quelli di Punto
      Informatico.
Chiudi i commenti