Nuova megapatch per Internet Explorer

Microsoft rilascia una patch cumulativa per le versioni attualmente supportate di Internet Explorer con nuovi e vecchi fix. Interessato anche WinServer 2003

Redmond (USA) – Con il nuovo bollettino di sicurezza MS03-020 Microsoft ha reso disponibile una megapatch per Internet Explorer che, oltre a contenere le correzioni di tutte le precedenti vulnerabilità di sicurezza, mette una toppa a due nuove falle scoperte in tutte le versioni ancora supportate del browser: la 5.01, la 5.5, la 6.0 e la 6.0 per Windows Server 2003.

Il primo problema di sicurezza consiste in un buffer overrun causato dalla non corretta identificazione, da parte di IE, del tipo di un oggetto – come un documento di Office o un file multimediale – inglobato in una pagina Web. Microsoft spiega che un aggressore potrebbe sfruttare il bug per far girare sul computer vulnerabile del codice a propria scelta.

“Se un utente visita un sito Web dell’aggressore – si legge nel bollettino di Microsoft – quest’ultimo potrebbe essere in grado di sfruttare la vulnerabilità senza altra azione da parte dell’utente”. L’aggressore potrebbe sfruttare la falla anche attraverso una e-mail HTML.

La seconda vulnerabilità di sicurezza è invece causata, secondo quanto spiega Microsoft, dal fatto che “IE non implementa un appropriato blocco nella casella di dialogo relativa al download dei file”. Un aggressore può sfruttare questa debolezza per far partire un download in automatico e mandare in esecuzione il file scaricato sul sistema della vittima. Anche in questo caso l’exploit può essere incluso in una pagina Web o in una e-mail HTML.

Entrambe le vulnerabilità sono state classificate da Microsoft con il massimo grado di rischio, “crucial”, su tutte le versioni di Windows tranne l’edizione Server 2003: qui il rischio viene considerato come “moderate”. Il big di Redmond afferma infatti che Windows Server 2003, nella sua configurazione predefinita, non è vulnerabile agli attacchi descritti in precedenza. Il merito, secondo Microsoft, è delle strategie di sicurezza seguite nello sviluppo del nuovo sistema operativo: fra queste “Secure by Default”, ossia il tentativo di ridurre la “superficie di attacco” attraverso la disattivazione, per default, di tutte le funzionalità potenzialmente pericolose (demandandone eventualmente l’attivazione all?utente) e l’utilizzo dei privilegi minimi richiesti per il funzionamento di un servizio.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Skaven scrive:
    Re: Ma non lo fa già il TCP ??!?

    che di default e' sempre meglio disattivare
    perche' altrimenti alcuni firewall
    impediscono l'accesso.
    Esempio: prova ad abilitare l'ECN e vedi se
    con il tuo browser riesci ancora ad accedere
    alla pagine di PI..avevo segnalato questo problema a PI taaanto taaanto tempo fa.. poi mi sono arreso e ho disabilitato io l'ecn. È ancora cosi oggi?
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma non lo fa già il TCP ??!?

    A prescindere dal discorso sul TCP, il
    Tanenbaum fa davvero schifo come libro di
    testo universitario. Spiega cose di 30 anni
    fa, e male.Tieni conto che il TCP ha 30 anni :-)
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma non lo fa già il TCP ??!?
    - Scritto da: Anonimo
    [...]
    Toh... E il mio libro di telematica che
    pensava che il controllo di flusso fosse
    presente già nel TCP "normale"..... Forse
    'sto sig Tanenbaum è un pò ignorante... LOLAndy Tanenbaum, quello che qualche anno or sono diceva a Linus Torvalds che linux non avrebbe mai avuto successo? =)
  • T4n0Maid3N scrive:
    Re: Ma non lo fa già il TCP ??!?
    Finalmente in mezzo a tanti interventi acefali un commento serio.....lasciate questi articoli ai ragazzetti del doppio click, chi conosce bene il funzionamento dell'internetworking su compatisce chi scrive questi articoli.Comunque concordo il TCP fa il conreollo di flusso ed il windowing gia dalla versione Tahoe e l'ha migliorato con la Rino. Saluti a Tanembaun amico di lunghi anni universitari.
  • paulatz scrive:
    Re: A cosa serve FAST TCP/IP - A NIENTE!
    - Scritto da: Anonimo
    ti diranno:
    a fare questo, a fare quello,In effetti e così
    a fare grid computing per i laboratori di analisi,Internet si è diffuso così
    per la difesa, Aimé Internet è nato così
    per il telelavoro, Che non esiste
    per la pubblica amministrazione.Tra 200 anni
    ah si?Se insisti
    Allora che chi vuole fare ricerca, le pa, la
    difesa e chi altri SE LO PAGHINO LORO la
    costruzione del nuovo internet, la ricerca
    per nuovi protocolli, la posa di cavi con
    più banda, i server di rete ecc ecc...A parte l'italiano la frase e delirante, nessuno ti ha chiesto soldi, se c'è l'hai così tanto con la ricerca scientifica ti auguro di morire di orecchioni o di malaria o meglio ancora di tetano per non esserti vaccinato.
    Se le leggi sul copiright continueranno ad
    ignorare che copiare è diverso da rubare
    (taglia-incolla è diverso da copia-incolla!
    un oggetto digitale è diverso da uno
    materiale!)Che cavolo c'entra la scienza con la legge?
    e l'internet di oggi non potrà
    più esistere, non vedo perchè la gente
    comune, chiamati offensivamente "quelli del
    tuttoaaggratis", debba continuare a pagare
    abbonamenti ai provider, abbonamenti a
    servizi, chiamate verso i provider o
    abbonamenti adsl, modem nuovi, piccì più
    potenti e capienti, masterizzatori ecc...Non pagarli! Non è obbligatorio
    Rendetevi conto che è questa gente che paga
    e che tiene in vita la rete, e se col
    copyright continueranno a rompere in questo
    modo, vedrete se questi "pirati" pagano o
    no, sei i soldi che spendono in mille
    maniere per accedere all'internet "gratis" e
    "pirata" sono pochi o molti!Non dimenticare che la rete GARR (la spina dorsale del'internet italiano) viene tenuta in piedi dalle università su base spesso letteralmente volontaria.
    Volete la nuova internet? Fatela voi vostri
    soldi con le vostre regole e navigateci solo
    voi, vedrete quanti clienti, vedrete quanta
    gente comprerà più device elettronici!Ma tu cosa hai letto?
    Ma ho paura che con tutte queste balle di
    e-governament di qua e-commerce di là prima
    o poi riusciranno a rendere la vita
    impossibile a chi non entrerà nella nuova
    ottica di internet e così l'"alternativa"
    sarà pagare pagare pagare!questo è un'altro paio di maniche e non posso che concordare
  • Anonimo scrive:
    Re: davvero?
    - Scritto da: Sky
    Probabilmente il discorso era focalizzato
    sul throughput a livello di backbone: se
    tento l'esperimento con il 56k di casa il
    primo ostacolo lo incontro sull'ampiezza di
    banda della seriale ;-)))si ma messo come e' nel articolo sembra che per magia cambiare protocollo ti aumenti la banda passante (al limite ti permette di ottimizzarne l'uso)
    E' comunque vero che, anche su un link
    telefonico "tradizionale", l'ampiezza di
    banda teorica del mezzo è ben superiore ai
    3,5KHz che Telecom garantirebbe (maschera
    per i 2400baud): dovrebbe arrivare fino ai
    100Mbps (tant'è che se ti attivano ADSL a
    casa NON ti cambiano il cavo del telefono e
    NON ti portano a casa un cavetto STP, coax o
    ottico).questo perche' il segnale telefonico (che usano anche i modem analogici) si tiene sotto i 3000Khz mentre la banda passante del doppino telefonico e' ben superiore.
  • paulatz scrive:
    [OT] New Scientist
    Alcuni anni fa uscì in Italia l'edizione tradotta di New scientist dal Titolo "Scienza Nuova", fu un'ottima rivista e coniugò informazione non fantascientifica (alla Focus) e non noiosa (tipo alcuni articoli di Le Scienze), tuttavia alcuni mesi dopo fallì.Questo esempio rimarca di cultura scientifica degli Italiani è quanto meno scarsa, tuttavia non si hanno scrupoli ad armare un popolo di ignoranti con la potente arma referendaria su un argomento che ha un forte valenza scientifica.
  • Sky scrive:
    Re: davvero?
    - Scritto da: Anonimo

    il contenuto di un DVD potrà essere trasmesso

    nel giro di pochi secondi
    davvero? quindi non dipende dalla banda
    passante, qualunque fesso con un 56k basta
    che utilizzi tale protocollo e scarica Gbyte
    su Gbyte in pochi secondi...ma per
    favore!!!! Ma chi li scrive sti articoli
    gianni e pinotto?Probabilmente il discorso era focalizzato sul throughput a livello di backbone: se tento l'esperimento con il 56k di casa il primo ostacolo lo incontro sull'ampiezza di banda della seriale ;-)))E' comunque vero che, anche su un link telefonico "tradizionale", l'ampiezza di banda teorica del mezzo è ben superiore ai 3,5KHz che Telecom garantirebbe (maschera per i 2400baud): dovrebbe arrivare fino ai 100Mbps (tant'è che se ti attivano ADSL a casa NON ti cambiano il cavo del telefono e NON ti portano a casa un cavetto STP, coax o ottico).
  • Anonimo scrive:
    Re: Semplice spiegazione tecnica sul TCP
    - Scritto da: avvelenato
    una spiegazione forse un po' tecnica per chi
    come me non è addetto ai lavori, però tutto
    sommato semplice e concisa. ti ringrazio. :)Mi permetto si semplificare/spiegare l'idea:
    In sintesi:
    - il TCP usa un meccanismo di congestion-control a
    finestre; Immaginati la finestra come una lista della spesa che contiene pacchetti dei quali non siamo sicuri la trsmissione sia andata a buon fine o che sono ancora da trasmettere.Ovviamente questa in RAM ed occupa spazio.
    - i meccanismi a finestre per riuscire a sfruttare la
    capacita' teorica del canale devono usare finestre (cioe'
    buffer, nella implementazione pratica) di dimensioni pari
    _almeno_ al prodotto banda*RTT della rete; Che dimensione deve avere questa finestra (quanti pacchetti devono stare im memoria)?Ovviamente non ha senso metterne meno di quanti ce ne entrano nella rete. Immagina la rete come un tubo, il suo volume e' dato dall'area della base per la lunghezza. Queste dimensioni in informatica sono dati dalla larghezza di banda (che sarebbe l'area della base, ovvero quanti dati entrano nella largheza del tubo) * il tempo che i dati impiegano ad arrivare a destinazione per 2 (RTT, Round Trip Time). Si moltiplica per 2 perche' si prende il tempo per il dato per andare in la e il tempo per ricevere la ricevuta di buona trasmissione in qua'.Va dasse' che piu' banda ha la rete piu' dati devi tenere in memoria.
    - nel caso della rete usata al Caltech, si ha RTT~0.2s,
    banda~1Gbps;
    - il TCP standard dovrebbe quindi usare un buffer di circa
    200Mbit=25Mbyte (!) per riuscire ad usare completamente
    la capacita' del canale; Dato l'uso di una grete a larga banda la finestra occupa uno sfacelo di RAM. (Considera inoltre che la finestra molte volte sta nello spazio kernel).
    - ovviamente, non e' possibile implementare un buffer di
    25Mbyte nello stack TCP/IP di un PC (!!);
    - tipicamente invece il TCP usa finestre di congestione
    molto piu' piccole (circa 65Kbyte nei PC desktop, fino a
    circa 1Mbyte nei casi di server ad alte prestazioni
    configurati ad-hoc).
    Conclusione: il TCP non e' in grado di funzionare
    efficientemente su di una rete con 200Mbyte di prodotto
    banda*RTT.
    Funziona invece benissimo su una LAN FastEthernet,
    perche' in questo caso banda*RTT = 100Mbps*0.001s =
    0.1Mbit = 100Kbit = 12.5Kbyte.
    Il FastTCP semplicemente sfrutta un meccanismo di
    congestion-control di tipo diverso (non a finestre,
    immagino), che non ha bisogno di buffer enormi per
    funzionare efficientemente su tale tipo di reti.
    Nota: questa non e' fantascienza, e' banale ed assodato
    know-how di TLC.
    Ciao Penso che chiariti quei 2 termini tecnici il resto sia molto piu' chiaro.Ciao, Krecker
  • Anonimo scrive:
    Re: A cosa serve FAST TCP/IP
    scaricare film e' solo un esempio (rimane comunque il fatto che scaricare film e' una cosa tutt'ora in voga, e non smettera' certo qualcuno, solo per il fatto che e' illegale....)quando la cosa prendera' piede permettera un aumento della velocita' , sfruttabile in ogni campo, che sia posta email, o immagini, o programmi, o per giocare su un mmorph, o lavorare con un cluster WAN.....
  • Anonimo scrive:
    Re: A cosa serve FAST TCP/IP
    non hai considerato varie cose:- questa tecnologia avrà bisogno di qualche anno prima di funzionare e per allora sono certo che il masterizzatore dvd costerà quanto un masterizzatore cdr e, anzi, forse sarà anche già superato.- quando ho scritto "scaricare un film dopo averlo pagato", intendevo qualcosa di simile al videonoleggio: io pago per un film, che una volta scaricato, funziona per un paio d'ore e poi automaticamente si disattiva. Senza uscire di casa, puoi vedere, come con la ppv quello che vuoi pagando.. naturalmente avrai le stesse possibilità di copiare il film che adesso hai comprando quei videoregistratori/lettoridvd e noleggiando un dvd da blockbuster.NOTA: il tcp-fast non si sta progettando solo per i film! Adesso non concentriamoci su questo! Nasceranno sicuramente altre applicazioni più che valide... l'articolo aveva fatto solo UN ESEMPIO per far capire il vantaggio anche alle persone più a digiuno di informatica...
  • Anonimo scrive:
    Re: A cosa serve FAST TCP/IP
    - Scritto da: PincoPallino
    A cosa serve poter scaricare un film in
    pochi secondi se ormai scaricare film è
    diventato illegale? Ma era solo un esempio per farci capire quanto è veloce questo nuovo sistema.
  • Anonimo scrive:
    Re: A cosa serve FAST TCP/IP
    - Scritto da: Anonimo
    Ma dico.... con tutta la potenzialità di
    internet la vogliamo limitare a scaricarsi
    un film?E' vero, ma se escludi lo streaming commerciale le necessita' di superconnessioni si riducono al lumicino. Il che mi rende alquanto freddo nei confronti degli annunci di queste nuove prospettive tecnologoiche
    sulle tecnologie esistenti...
    Iniziamo a risparmiare....Mmm... Se ci tenete a buttare i soldi...Comunque Il futuro non mi sembra denso di grandi conquiste economiche, e temo che dovrete risparmiare per ben altro.holacrack
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma non lo fa già il TCP ??!?

    Toh... E il mio libro di telematica che
    pensava che il controllo di flusso fosse
    presente già nel TCP "normale"..... Forse
    'sto sig Tanenbaum è un pò ignorante... LOLA prescindere dal discorso sul TCP, il Tanenbaum fa davvero schifo come libro di testo universitario. Spiega cose di 30 anni fa, e male.
  • avvelenato scrive:
    semi.ot: fantasticando...
    internet è nata principalmente come strumento di comunicazione fra centri di ricerca...adesso molti credono internet serva soprattutto a scaricare films e canzoni (nonchè pornazzi :P)a manetta, scrivere buoiate sui forum, spedirsi le cazzatine via email etc etce in fondo è innegabile, adesso internet serve anche a questo.probabilmente ci vorranno davvero taaaanti anni perchè il comune utonto abbia bisogno di una banda capace di scambiare i giga al secondo... tuttavia la mia domanda/fantasticheria è: quando saranno disponibili all'utonto queste tecnologie, adesso riservate unicamente a centri di ricerca o per lo spostamento on demand di dati?si accettano scommesse. avvelenato che pensa sarebbe realmente bello possedere una banda infinita.
  • avvelenato scrive:
    Re: Semplice spiegazione tecnica sul TCP
    una spiegazione forse un po' tecnica per chi come me non è addetto ai lavori, però tutto sommato semplice e concisa. ti ringrazio. :) avvelenato che pensa certe persone farebbero bene a non postare commenti idioti su argomenti che non riguardano le loro competenze.
  • NeutrinoPesante scrive:
    Semplice spiegazione tecnica sul TCP
    Allora,tra tutti gli interventi NON ho ancora visto citato il vero e semplice motivo per cui il TCP ha problemi su reti molto veloci (e con latenza relativamente elevata).Per chi e' interessato alla (semplice) spiegazione tecnica, riassumo i termini della questione:In sintesi:- il TCP usa un meccanismo di congestion-control a finestre;- i meccanismi a finestre per riuscire a sfruttare la capacita' teorica del canale devono usare finestre (cioe' buffer, nella implementazione pratica) di dimensioni pari _almeno_ al prodotto banda*RTT della rete;- nel caso della rete usata al Caltech, si ha RTT~0.2s, banda~1Gbps;- il TCP standard dovrebbe quindi usare un buffer di circa 200Mbit=25Mbyte (!) per riuscire ad usare completamente la capacita' del canale;- ovviamente, non e' possibile implementare un buffer di 25Mbyte nello stack TCP/IP di un PC (!!);- tipicamente invece il TCP usa finestre di congestione molto piu' piccole (circa 65Kbyte nei PC desktop, fino a circa 1Mbyte nei casi di server ad alte prestazioni configurati ad-hoc).Conclusione: il TCP non e' in grado di funzionare efficientemente su di una rete con 200Mbyte di prodotto banda*RTT.Funziona invece benissimo su una LAN FastEthernet, perche' in questo caso banda*RTT = 100Mbps*0.001s = 0.1Mbit = 100Kbit = 12.5Kbyte.Il FastTCP semplicemente sfrutta un meccanismo di congestion-control di tipo diverso (non a finestre, immagino), che non ha bisogno di buffer enormi per funzionare efficientemente su tale tipo di reti.Nota: questa non e' fantascienza, e' banale ed assodato know-how di TLC.Ciao
  • shimitar scrive:
    Re: Ma non lo fa già il TCP ??!?
    TCP ignora bellamente il bit di congestione.
  • Anonimo scrive:
    davvero?

    Un articolo rivela nuovi dettagli su Fast TCP, uno dei
    protocolli su cui potrebbe poggiare l'Internet del futuro, una
    rete dove il contenuto di un DVD potrà essere trasmesso
    nel giro di pochi secondidavvero? quindi non dipende dalla banda passante, qualunque fesso con un 56k basta che utilizzi tale protocollo e scarica Gbyte su Gbyte in pochi secondi...ma per favore!!!! Ma chi li scrive sti articoli gianni e pinotto?
  • Anonymous scrive:
    Re: Ma non lo fa già il TCP ??!?
    - Scritto da: Anonimo
    Un esempio di questi sistemi è l'Explicit
    Congestion Notification (ECN)...che di default e' sempre meglio disattivare perche' altrimenti alcuni firewall impediscono l'accesso.Esempio: prova ad abilitare l'ECN e vedi se con il tuo browser riesci ancora ad accedere alla pagine di PI..Anonymous
  • Anonimo scrive:
    Re: A cosa serve FAST TCP/IP
    - Scritto da: PincoPallino
    A cosa serve poter scaricare un film in
    pochi secondi se ormai scaricare film è
    diventato illegale?"on demand"scaricare film COPERTI DA DIRITTO D'AUTORE è illegale.scaricare il filmino di te e tua morosa che fate le cose in cui dichiarate che non vi frega dei diritti d'autore, quello puoi farmelo scaricare.che sia poco pelosa, grazie.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma non lo fa già il TCP ??!?
    - Scritto da: fDiskolo
    - Scritto da: Anonimo

    Argh! lo sapevo hanno inventati i software

    veggenti! Si salvi chi può il dominio
    delle

    macchine ha inizio! LOL

    questo esiste da anni:

    si veda il bit di congestione in decnet.certo e alla caltech sono tutti idioti, come no.
  • Anonimo scrive:
    le cose che disse asimov si avverano.
    - Scritto da: Anonimo
    Ma chi sono sti qui?
    Vogliono vendere fumo negli occhi come fanno
    sempre!caro amico, sei il re dei produttori di strafalcioni.si dice "vendere fumo"oppure "è fumo negli occhi"
  • Anonimo scrive:
    Che fine ha fatto internet-2 ?
    ipsec?ipv6?tutta questa roba ... si usa o no?
  • Anonimo scrive:
    Re: A cosa serve FAST TCP/IP - A NIENTE!
    - Scritto da: PincoPallino
    A cosa serve poter scaricare un film in
    pochi secondi se ormai scaricare film è
    diventato illegale?ti diranno:a fare questo, a fare quello, a fare grid computing per i laboratori di analisi, per la difesa, per il telelavoro, per la pubblica amministrazione.ah si?Allora che chi vuole fare ricerca, le pa, la difesa e chi altri SE LO PAGHINO LORO la costruzione del nuovo internet, la ricerca per nuovi protocolli, la posa di cavi con più banda, i server di rete ecc ecc...Se le leggi sul copiright continueranno ad ignorare che copiare è diverso da rubare (taglia-incolla è diverso da copia-incolla! un oggetto digitale è diverso da uno materiale!) e l'internet di oggi non potrà più esistere, non vedo perchè la gente comune, chiamati offensivamente "quelli del tuttoaaggratis", debba continuare a pagare abbonamenti ai provider, abbonamenti a servizi, chiamate verso i provider o abbonamenti adsl, modem nuovi, piccì più potenti e capienti, masterizzatori ecc...Rendetevi conto che è questa gente che paga e che tiene in vita la rete, e se col copyright continueranno a rompere in questo modo, vedrete se questi "pirati" pagano o no, sei i soldi che spendono in mille maniere per accedere all'internet "gratis" e "pirata" sono pochi o molti!Volete la nuova internet? Fatela voi vostri soldi con le vostre regole e navigateci solo voi, vedrete quanti clienti, vedrete quanta gente comprerà più device elettronici!Ma ho paura che con tutte queste balle di e-governament di qua e-commerce di là prima o poi riusciranno a rendere la vita impossibile a chi non entrerà nella nuova ottica di internet e così l'"alternativa" sarà pagare pagare pagare!
  • Anonimo scrive:
    Re: STORIELLA USCITA DA UN LIBRO DI ASIMOV
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    Ma chi sono sti qui?

    California Institute of Technology = Caltech

    In ordine decrescente di importanza (x
    l'informatica) le università americane sono:

    MIT
    Caltech
    ...Appunto, ma perché la gente deve sempre scrivere partendo dal presupposto che la notizia riguardi: truffatori o imbecilli
  • Anonimo scrive:
    Re: A cosa serve FAST TCP/IP
    - Scritto da: Anonimo
    Se ho pagato il film pretendo almeno che il
    venditore me lo dia su supporto DVD a
    massima qualità. Non vado certo a scaricare
    fino a 9GB e più, ed in più spendere per i
    supporti DVD scrivibili per masterizzarlo (e
    magari prima per il non certo economico
    masterizzatore DVD).Ma avete tutti questo bisogno di tenere il film su un cd?I film mica sono come le canzoni che le ascolti più volte anche per anni.Se lo fanno scaricare a un prezzo basso, lo vedi e lo cancelli.
  • Anonimo scrive:
    Re: A cosa serve FAST TCP/IP
    - Scritto da: Anonimo
    ok tu lo paghi e lo scarichi, lo metti su un
    supporto digitale (quale che sia) e poi
    viene un tuo amico che dice:

    DAI PRESTAMELO IO NE "COMPRO" UN ALTRO COSI
    LI SCAMBIAMO.... Basta non avere amici e il problema è risolto
  • Anonimo scrive:
    Re: quanto durera' ?
    - Scritto da: Anonimo
    A parte la citazione di Forde che si sente
    in vari spot il resto del tuo discorso è
    senza senso*La "e" attaccata a Ford mi è partita per sbaglio
  • Anonimo scrive:
    Re: quanto durera' ?
    - Scritto da: Anonimo
    Una innovazione non è tale se non l'ho è per
    tutti!
    Al posto di migliorare quello già scoperto
    si cerca altro e si perde un sacco di
    tempo,su questo pianeta ci sono limiti che
    nessun uomo potrà mai superare,questa è la
    realtà!A parte la citazione di Forde che si sente in vari spot il resto del tuo discorso è senza senso
  • Anonimo scrive:
    Re: A cosa serve FAST TCP/IP
    - Scritto da: Anonimo
    Beh... scaricare un film che prima hai
    pagato nn è illegale...Se ho pagato il film pretendo almeno che il venditore me lo dia su supporto DVD a massima qualità. Non vado certo a scaricare fino a 9GB e più, ed in più spendere per i supporti DVD scrivibili per masterizzarlo (e magari prima per il non certo economico masterizzatore DVD).
  • Anonimo scrive:
    Re: A cosa serve FAST TCP/IP
    15-20 anni fa facevamo così con le musicassette e i vinili: avevamo pochi soldi (studentelli da scuole medie e superiori e non avevamo certo le "paghette" odierne, degne di aspiranti milionari) , e ci dividevamo in 5-6 i dischi da comprare....il resto lo faceva la mitica cassettina da 90 min. su cui stavano quasi sempre 2 album
  • Anonimo scrive:
    Re: A cosa serve FAST TCP/IP
    - Scritto da: Anonimo
    guarda che internet non è nato per scaricare
    i film...infatti, per scaricare porno... :D(ok scusate la battuta :D)
  • Anonimo scrive:
    Re: A cosa serve FAST TCP/IP
    Ma dico.... con tutta la potenzialità di internet la vogliamo limitare a scaricarsi un film?Beh allora compriamo l'occorrente per diventare ciabattini esperti :)Comunque il problema secondo me non sta tanto nel "predire", in quanto già il TCP ha versioni più o meno sviluppate di controllo....Del resto se ci collegheremo a un sito o ftp o archivio che si voglia che utilizza una connessione lenta o è configurato come un carciofo sotto sale....noi possiamo esser veloci quanto volete ma avremo sempre risposte "a piccione viaggiatore"!La cosa che mi preoccupa è i futuri costi...ci credo poco che lo implementino sulle tecnologie esistenti...Iniziamo a risparmiare....
  • Anonimo scrive:
    Re: A cosa serve FAST TCP/IP

    Beh... scaricare un film che prima hai
    pagato nn è illegale...ok tu lo paghi e lo scarichi, lo metti su un supporto digitale (quale che sia) e poi viene un tuo amico che dice:DAI PRESTAMELO IO NE "COMPRO" UN ALTRO COSI LI SCAMBIAMO.... e cosi' via via via all'infinitoche risultato raggiungerai?avrai anke compraot 10 film, BRAVO! e quei 100 o magari 1000 film che hai avuto dagli altri amici? Non sono sempre copie "pirata"? a te una risposta.....
  • Anonimo scrive:
    Re: A cosa serve FAST TCP/IP
    - Scritto da: Anonimo
    guarda che internet non è nato per scaricare
    i film...Infatti! È nata per scambiarsi le immagini porno via posta elettronica :)
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma non lo fa già il TCP ??!?
    ultimamente sono stati progettati sistemi di prediezione di situazione di congestione, implementate anche in parte sui router dotati di code attive (cioè capaci di analizzare in qualche modo il loro contenuto). Naturalmente Reno, New Reno e SACK (cercateli sul tanenbaum) non implementano questo di default...Un esempio di questi sistemi è l'Explicit Congestion Notification (ECN)...
  • Anonimo scrive:
    Re: A cosa serve FAST TCP/IP
    - Scritto da: PincoPallino
    A cosa serve poter scaricare un film in
    pochi secondi se ormai scaricare film è
    diventato illegale?Beh... scaricare un film che prima hai pagato nn è illegale...
  • Anonimo scrive:
    Re: quanto durera' ?
    - Scritto da: Anonimo
    Una innovazione non è tale se non lo è per
    tutti!sembra un pò la pubblicità del TDci della Ford sulla Fiesta :)
  • Anonimo scrive:
    Re: A cosa serve FAST TCP/IP
    - Scritto da: Anonimo
    guarda che internet non è nato per scaricare
    i film..."Immaginate una connessione ad Internet così veloce da permettervi di scaricare un intero film nel giro di pochi secondi"
  • Anonimo scrive:
    Re: A cosa serve FAST TCP/IP
    guarda che internet non è nato per scaricare i film...
  • MemoRemigi scrive:
    Ma PI, cosa mi combini ?
    tta così tale notizia porta a credere che con questo miracoloso protocollo saremo in grado di scaricare un dvd via modem in 10 secondi !Il punto è che i non esperti ci credono !Sinceramente mi aspettavo un livello di dettaglio maggiore nell'esposizione dei fatti da parte di un autorevole sito web come PI !Sembra un articolo di repubblica !
  • fDiskolo scrive:
    Re: Ma non lo fa già il TCP ??!?
    - Scritto da: Anonimo
    Argh! lo sapevo hanno inventati i software
    veggenti! Si salvi chi può il dominio delle
    macchine ha inizio! LOLquesto esiste da anni:si veda il bit di congestione in decnet.
  • Anonimo scrive:
    Re: Propaganda....
    - Scritto da: Maik
    Fast TCP è un notevole miglioramento del
    protocollo TCP. Ma presentarlo come lo
    presenta New Scientist è pura propaganda.
    Il nuovo protocollo potrà migliorare i tempi
    di attesa, ma la velocità è principalmente
    determinata dal tipo di collegamento, non
    dal protocollo. I modem a 28 kbps e le DSL a
    ....Inesatto: TCP cerca di utilizzare al massimo la banda disponibile aumentando linearmente il rate di trasmissione finche' non supera la capacita' del mezzo trasmissivo (per cui si ha una perdita di uno o piu' pacchetti) quindi il mittente se ne accorge a seguito di diversi timeout, riduce di un fattore moltiplicativo il rate (0.5-0.7) e ricomincia a spedire partendo dai pacchetti disperesi, aumentando il rate linearmente finche' non si ha un' altra perdita; questo ciclo di "salita lenta" e "discesa rapida" del rate di trasmissione continua per tutta la durate del collegamento.Se rappresenti in un grafico l'uso della banda in rapporto al tempo risulta evidente che il protocollo e' in grado di utilizzare solo una parte della banda disponibile.Fast dovrebbe riuscire a prevenire (in parte) la perdita di pacchetti quindi mantenere il rate di trasmissione vicino al massimo possibile.Ciao.
  • Anonimo scrive:
    Per chi ha fastweb
    .è iniziata una discussione nel forum di adunanza, http://adunanza.homeip.net/index.php?act=ST&f=7&t=2281&st=0 partecipate numerosi... in un network con la fibra ottica gli incrementi di velocità si prospettano molto alti... :D :DPs:agli altri che non hanno fastweb, ho avuto la 56K per quasi 3 anni, vi capisco in pieno :(
  • Anonimo scrive:
    Re: Propaganda....
    Io credo che probabilmente sti tizzi hanno trovato qualcosa che potrebbe rendere più efficiente il TCP. Bisognerebbe vedere se questo non è ottenuto su determinate condizioni assiomatiche che, magari, non sempre sono realizzabili.Comunque, credo anche che sti tizi tentino di farsi pubblicità con l'ennesima sparata ad effetto. Ma tant'è le UNI e i ricercatori americani hanno sta tendenza a volere i riflettori puntati addosso onde beccare fondi e sovvenzioni. Cos'ì anche il boiler per l'acqua calda con le cifre in cirillico (che serve a poco) diventa la grande notiziona del giorno.Se ci pensate, più in generale, la nostra società è talmente affamate (o assetata) di notizie che anche le fesserie vengono pompate a dismisura senza curarsi di verificare se siano di qualche reale valore.Comunque, caro amico, credo che se c'è qualosa di buono in questo nuovo proto lo vedremo ben presto implementato in Linux o FreeBSD e quindi, noi tutti, ne potremo usufruire.Come dice il vecchio adagio... ai posteri l'ardua sentenza!Ciao!
  • Anonimo scrive:
    Re: Propaganda....
    - Scritto da: Maik
    Fast TCP è un notevole miglioramento del
    protocollo TCP. Ma presentarlo come lo
    presenta New Scientist è pura propaganda.
    Il nuovo protocollo potrà migliorare i tempi
    di attesa, ma la velocità è principalmente
    determinata dal tipo di collegamento, non
    dal protocollo. I modem a 28 kbps e le DSL a
    2 megabps hanno velocità nemmeno
    comparabili, eppure il protocollo è sempre
    TCP. Stai confondendo 2 parametri molto diversi tra loro:da un lato hai la banda del canale e dall'altro hai l'utilizzazione di questa banda.Il problema è che all'aumentare della banda diventa sempre più difficile avere una alta percentuale di utilizzazione.Giusto per darti un esempio estremizzato di come TCP funzioni:Supponi di imporre l'attesa del ACK ad ogni pacchetto (la cosa è possibile giocando con i parametri).E' evidente che, indipendentemente da quanta banda hai, la quantità di byte che trasferisci dipende solamente dal tempo che il pacchetto impiega ad arrivare dall'altra parte (questo tempo è grossomodo indipendente dalla banda).In pratica, per amentare l'utilizzo del canale devi aumentare le finestre di ACK e le conseguenti bufferizzazioni.Quello che dicono al CalTech è che in questo modo si creano instabilità nel protocollo attuale (nato quando i 10 Mbit/sec erano la massima banda disponibile) e che, per sfruttare canali da diversi Gbit/s, è necessario cambiarlo.Vi suggerisco la lettura di questo documento:http://netlab.caltech.edu/pub/papers/fast-030401.pdfCiaoMichele
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma non lo fa già il TCP ??!?
    - Scritto da: shimitar
    Il TCP si accorge "dopo" che la perdita è
    successa usando timersss

    a quanto pare invece questo protocollo si
    accorge "prima"Argh! lo sapevo hanno inventati i software veggenti! Si salvi chi può il dominio delle macchine ha inizio! LOL
  • PincoPallino scrive:
    A cosa serve FAST TCP/IP
    A cosa serve poter scaricare un film in pochi secondi se ormai scaricare film è diventato illegale?
  • shimitar scrive:
    Re: Ma non lo fa già il TCP ??!?
    Il TCP si accorge "dopo" che la perdita è successa usando timersssa quanto pare invece questo protocollo si accorge "prima"
  • Anonimo scrive:
    Re: quanto durera' ?
    - Scritto da: Anonimo
    Una innovazione non è tale se non l'ho è per
    tutti!
    Al posto di migliorare quello già scoperto
    si cerca altro e si perde un sacco di
    tempo,su questo pianeta ci sono limiti che
    nessun uomo potrà mai superare,questa è la
    realtà!A uno che stava da solo giocando col fuoco hanno detto ....a scemo che stai facendo ....torna sull'albero con noi a raccogliere banane .....noi si che impegniamo bene il nostro tempo !!(troll)
  • Anonimo scrive:
    Ma non lo fa già il TCP ??!?
    "Questo - scrive il New Scientist - rivela i ritardi sulla linea avvertendo in anticipo di eventuali pacchetti persi. Il software Fast TCP utilizza questo per predire il massimo data rate che la connessione può supportare senza perdere dati".Toh... E il mio libro di telematica che pensava che il controllo di flusso fosse presente già nel TCP "normale"..... Forse 'sto sig Tanenbaum è un pò ignorante... LOL
  • Anonimo scrive:
    Re: STORIELLA USCITA DA UN LIBRO DI ASIMOV
    - Scritto da: Anonimo
    Ma chi sono sti qui? California Institute of Technology = CaltechIn ordine decrescente di importanza (x l'informatica) le università americane sono:MITCaltech...
  • Anonimo scrive:
    Re: quanto durera' ?
    Una innovazione non è tale se non l'ho è per tutti!Al posto di migliorare quello già scoperto si cerca altro e si perde un sacco di tempo,su questo pianeta ci sono limiti che nessun uomo potrà mai superare,questa è la realtà!
  • Anonimo scrive:
    STORIELLA USCITA DA UN LIBRO DI ASIMOV
    Ma chi sono sti qui? Vogliono vendere fumo negli occhi come fanno sempre!Tecnicamente siamo ancora nella preistoria a livello globale e questi parlano di TCP fast,....si il fast per gonfiare le gomme bucate per 5 minuti! Troppi libri di ASIMOV per chi fa queste dichiarazioni!
  • Maik scrive:
    Propaganda....
    Fast TCP è un notevole miglioramento del protocollo TCP. Ma presentarlo come lo presenta New Scientist è pura propaganda. Il nuovo protocollo potrà migliorare i tempi di attesa, ma la velocità è principalmente determinata dal tipo di collegamento, non dal protocollo. I modem a 28 kbps e le DSL a 2 megabps hanno velocità nemmeno comparabili, eppure il protocollo è sempre TCP. Scaricare un DVD in pochi secondi non sarà possibile nemmeno protocollo e collegamento permettendo, perchè i colli di bottiglia da eliminare sono tanti altri. Ne' l'USB ne' l'Ethernet a cui il modem sarà collegato hanno la banda necessaria, per non parlare dei normali hard disk, che non sono fisicamente in grado di salvare i dati di un DVD in pochi secondi. A raccontarla come la dice New Scientist si vorrebbe far credere che Fast TCP e le nuove reti iper performanti saranno disponibili per il grande pubblico, mentre è evidente che le nuove fantomatiche reti ultra veloci verranno utilizzate per connessioni di altro tipo. Nessuna sorpresa, comunque: su una qualsiasi dorsale la banda è ben più grande di quella necessaria per trasmettere il contenuto di un DVD in pochi secondi. Non si capisce quale sarebbe il miracolo di Fast TCP e perchè questo entusiasmo di New Scientist.
  • Anonimo scrive:
    Re: quanto durera' ?
    - Scritto da: Anonimo
    sapendo che oggi i lettori/masterizzatori
    DVD stanno entrando in ogni nuovo PC
    (portatile o desktop), e che tra 5 o 10 anni
    gli stessi DVD saranno superati perche' con
    l'evoluzione attuale delle memorie di massa
    e dello spazio occupato dai software si sta
    correndo come pazzi verso dimensioni
    "mostruose" (chi avrebbe mai detto, 10 anni
    fa, che sui desktop di oggi chiunque avrebbe
    potuto avere un disco da 100 Giga).... e'
    lecito domandarsi... ma questo nuovo Super
    TCP non sara' gia superato ora che verra'
    reso "standard" ?Hai ragione. Visto che qualsiasi innovazione è destinata a durare poco tempo smettiamo di farne:-)
  • Anonimo scrive:
    quanto durera' ?
    sapendo che oggi i lettori/masterizzatori DVD stanno entrando in ogni nuovo PC (portatile o desktop), e che tra 5 o 10 anni gli stessi DVD saranno superati perche' con l'evoluzione attuale delle memorie di massa e dello spazio occupato dai software si sta correndo come pazzi verso dimensioni "mostruose" (chi avrebbe mai detto, 10 anni fa, che sui desktop di oggi chiunque avrebbe potuto avere un disco da 100 Giga).... e' lecito domandarsi... ma questo nuovo Super TCP non sara' gia superato ora che verra' reso "standard" ?
Chiudi i commenti