Nvidia GTX 560 Ti, il ritorno del Titanium

Il produttore di GPU californiano lancia l'ennesima iterazione della sua fortunata linea di schede grafiche. Questa volta tenta la colonizzazione della fascia media
Il produttore di GPU californiano lancia l'ennesima iterazione della sua fortunata linea di schede grafiche. Questa volta tenta la colonizzazione della fascia media

Dopo aver ridefinito i vertici prestazionali nel campo della grafica accelerata su PC con GTX 580 , NVIDIA è ora pronta a commercializzare l’ennesima revisione della sua architettura di GPU “Fermi” con il nome commerciale di GeForce GTX 560 “Ti” . La nuova scheda migliora le prestazioni con i giochi basati su API DirectX 11, e stando a quanto sostiene NVIDIA straccia la concorrenza così come la precedente generazione di GeForce Fermi. PcTuner e DinoX PC hanno già provato un esemplare della VGA in questione.

La produttrice di GPU ha sviluppato la GTX 560 Ti – con quel Ti a rimandare il ricordo alle antiche GeForce 3 e 4 “Titanium” uscite a cavallo degli anni 2000 – come sostituto ideale della scheda GTX 460 commercializzata mesi addietro. La nuova GeForce integra una GPU con core a 822 MHz, 8 tessellation engine e 384 core CUDA con clock a 1,64 GHz, e può inoltre vantare chip di memoria da 5 Gbps rispetto a quelli da 4 Gbps montati sulla GTX 460.

Ma soprattutto la GeForce GTX 560 Ti è dotata di un sistema di raffreddamento migliorato e di tutti vantaggi che ogni salto architetturale porta con sè : riduzione dei consumi e maggiore efficienza nel consumo energetico in primis. Il risultato pratico di tutte queste migliorie, dice NVIDIA, è una performance superiore del 33 per cento rispetto a GTX 460, con un incremento ancora più marcato (il 65 per cento) nei giochi pensati per sfruttare le librerie grafiche incluse nelle API DirectX 11 di Microsoft.

Sul fronte della concorrenza con AMD, GTX 560 Ti si candida a battagliare con la scheda Radeon HD 6950 presentata da Sunnyvale nel periodo pre-natalizio. In Italia il costo ufficiale della GTX 560 si aggira sui 250 euro, anche se i vari parner commerciali di NVIDIA presenteranno come al solito un’offerta variegata nelle caratteristiche come nel prezzo all’utente finale.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

27 01 2011
Link copiato negli appunti