OLPC e XO, primavera orientale

Un quarto di milione di notebook da 200 dollari finiranno nelle mani di altrettanti studenti. Saranno milioni per la fine dell'anno. Il rilancio del progetto di Nicholas Negroponte comincia in India

Roma – L’India c’ha provato a vendere come buona la favola del laptop da 10 dollari , ma alla fine ha dovuto calare le carte sul tavolo dimostrando che non di computer propriamente detto si trattava e aveva comunque un costo parecchio superiore ai 10 dollari di cui sopra. In una inversione a U piuttosto inaspettata ora il governo indiano decide di rivolgersi a OLPC , l’organizzazione non-profit che produce e distribuisce la Children’s Machine , anche nota come XO o laptop da 100 dollari (che poi sono 200).

Inizialmente scettiche sulla validità dell’offerta di OLPC, le autorità indiane si sono dunque ricredute e hanno comunicato l’intenzione di adottare 250mila XO-1 in 1.500 diverse scuole, tanto per cominciare, con l’obiettivo dichiarato da parte della branca indiana dell’associazione di arrivare a distribuire 3 milioni di laptop per la fine di quest’anno.

Secondo quanto rivelato da Satish Jha, presidente e CEO di OLPC India, in realtà l’ostracismo nei confronti di XO non era affare che riguardasse il governo nel suo complesso ma soltanto il ministro dell’educazione, che nel 2006 aveva bollato come “pedagogicamente sospetta” la fornitura di un mini-laptop a ogni singolo bambino del paese.

Assieme alla commissione indiana, OLPC farà la sua comparsa anche in Sierra Leone con 5mila esemplari, anche se alcuni ricercatori africani hanno stabilito che in realtà XO sarebbe una “terza scelta”, dopo l’Eee PC di Asus e il Classmate di Intel, per chi si troverà a usare un PC nelle zone rurali del continente nero.

I 250mila XO pronti per sbarcare in India rappresentano a ogni modo un importante boccata d’ossigeno per il progetto OLPC, che recentemente ha subito i contraccolpi della crisi economica e di risultati non proprio all’altezza della “vision” propagandata da Negroponte. In futuro le cose dovrebbero migliorare grazie all’impiego di CPU economiche prodotte da VIA , assieme alla materializzazione del rinnovato XO 2.0 in tempo per il 2010.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Biggus Dikkus scrive:
    retrocompatibile con gli standard vecchi
    I supporti senza cartuccia intorno a proteggeli sono tutti una fregatura. tempo alcuni anni e diventano illeggibili (metà dei cd che ho masterizzato nel 1986 li ho buttati nel giro di 10 anni perchè erano diventati illeggibili).non posso pensare di pagare 50 euro un supporto che la prima volta che mi cade si graffia e va buttato.o ricominciano a creare supporti seri, racchiusi in robuste cartucce (e al diavolo la compatibilità: basta un caddy dedicato come una volta in cui mettere il supporto) o tutte ste promesse resteranno tali.Chi è disposto a predere 500gb di dati per un graffio?
    • Enjoy with Us scrive:
      Re: retrocompatibile con gli standard vecchi
      - Scritto da: Biggus Dikkus
      I supporti senza cartuccia intorno a proteggeli
      sono tutti una fregatura. tempo alcuni anni e
      diventano illeggibili (metà dei cd che ho
      masterizzato nel 1986 li ho buttati nel giro di
      10 anni perchè erano diventati
      illeggibili).
      non posso pensare di pagare 50 euro un supporto
      che la prima volta che mi cade si graffia e va
      buttato.
      o ricominciano a creare supporti seri, racchiusi
      in robuste cartucce (e al diavolo la
      compatibilità: basta un caddy dedicato come una
      volta in cui mettere il supporto) o tutte ste
      promesse resteranno
      tali.
      Chi è disposto a predere 500gb di dati per un
      graffio?Beh che Io sappia la tecnologia olografica dovrebbe essere molto meno sensibile ai graffi di quella attuale, quanto ai CD illeggibili dopo 20 anni, mi suona un pò strano, visto che anche Io ne ho diversi, masterizzati personalmente da me e i supporti non erano certo dei Verbatim e tranne un paio che comunque sono riuscito a recuperare non ho avuto problemi...
  • attonito scrive:
    beh, solita tecno fuffa?
    Mah, sembra che G.E. sia votata, con quensto progetto al fallimento, visto l'attuale capacita' di dischi magnetici.2Terabyte di storage adesso constano parecchio, ma nel 2012 dovrebbero essere degli entry level nei desktoip del supermercato.Qui bisogna avere una proprozione come quella del 1985 dove avevi l'hard disk da 60Mega e il cdrom da 700Mega.Serve una nuova tecnologia di archiviazione con un fattore di scala superiore, altrimenti lo storage su cd/dvd/olografico perde sempre piu' senso rispetto ad hard disk e memorie allo stato solido.
  • The Winner scrive:
    Comincino a lavorare sull'affidabilità
    Se continuano sulla strada dei cd/dvd/bd non andiamo bene. A che servono supporti che dopo 3 anni non si ha la sicurezza di poterli leggere?E' vero, alcuni DVD (i migliori) durano anche 10-15 anni. Altri, magari stessa marca solo 5. Va a fortuna. Gli affidereste dati importanti? E allora a che serve?Il bello è che venivano venduti come suppoti che durano 100 anni.
  • Enjoy with Us scrive:
    Notizia interessante invece!
    Questi al contrario di tutti gli altri almeno fanno una data 2011-2012 per la commercializzazione, si tratta di general elettric una grande azienda, se hanno una ragionevole serietà non credo che si siano lanciati in proclami miracolistici per il solo gusto di farlo, tra l'altro hanno anche indicato un prezzo probabile per il loro disco (50$) e non stanno promettendo capacità miracolose, 500Gb sono alla portata di qualsiasi HD, ma assolutamente in linea con quanto auspicabile per il 2011-2012 per un tale tipo di supporto se non vuole essere spazzato via dalle memorie flash... staremo a vedere se questa volta oltre al consueto fumo c'è anche l'arrosto!-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 29 aprile 2009 07.55-----------------------------------------------------------
    • si ma scrive:
      Re: Notizia interessante invece!
      con 50 prendo un HD da 500GB oggi :
      • Enjoy with Us scrive:
        Re: Notizia interessante invece!
        - Scritto da: si ma
        con 50 prendo un HD da 500GB oggi :Anche i primi CD scrivibili uscirono a prezzi simili.... dopo sono rapidamente scesi sotto l'euro...
Chiudi i commenti