OLPC nella striscia di Gaza

Poco più di duemila XO in bianco e verde consegnati alle Nazioni Unite. Per un progetto più ampio: dotare di piccoli laptop circa mezzo milione di bambini palestinesi entro tre anni. Per farlo si torna a Sugar
Poco più di duemila XO in bianco e verde consegnati alle Nazioni Unite. Per un progetto più ampio: dotare di piccoli laptop circa mezzo milione di bambini palestinesi entro tre anni. Per farlo si torna a Sugar

Poco più di 2mila laptop , consegnati di recente nelle mani delle Nazioni Unite impegnate in uno speciale progetto per un’educazione più tecnologizzata dei bambini palestinesi. A spedirli l’organizzazione One Laptop Per Child (OLPC), che da tempo si batte per l’introduzione di dispositivi informatici semplificati nelle aree più povere del mondo.

2mila laptop che le Nazioni Unite distribuiranno nell’area della Striscia di Gaza, con il più generale intento di dotare di postazioni computerizzate circa mezzo milione di piccoli studenti entro tre anni . Postazioni che si sono così andate ad aggiungere agli altri 1.500 laptop XO distribuiti da OLPC nelle scuole di Ramallah, nella West Bank.

I computer arrivati in Palestina hanno inoltre segnato una sorta di ritorno alle origini per l’organizzazione fondata e gestita da Nicholas Negroponte. Dopo aver implementato la piattaforma software di Windows XP, gli ormai noti computer bianco-verdi hanno scelto di rimettere a bordo l’open source della suite Sugar , sviluppata da Sugar Labs .

Mauro Vecchio

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

30 04 2010
Link copiato negli appunti