OLPC, XO sbarca in Europa

La Children's Machine è finalmente disponibile per gli acquirenti europei, che dovranno comunque sobbarcarsi un costo doppio per finanziare le donazioni nei paesi in via di sviluppo. Negli States intanto donano advertising

Roma – Dopo aver fatto il giro del mondo, contribuendo a portare una scintilla di informatizzazione in paesi come Afghanistan, Cambogia, Iraq, Libano, Perù e Uruguay, il laptop di Nicholas Negroponte sbarca finalmente anche in Europa . Dove il piano Give 1 Get 1 sarà attivo di default: il prezzo di ogni OLPC acquistato da queste parti ne finanzierà due.

Come prevede il meccanismo di donazione dell’iniziativa G1G1, uno dei due laptop acquistati nei 27 paesi comunitari verrà spedito a un bambino nelle nazioni in via di sviluppo, aiutando in tal modo la Children’s Machine a fronteggiare una concorrenza sempre più agguerrita fatta di netbook , Classmate ma anche di soluzioni basate su virtual machine .

Come già anticipato qualche tempo addietro, della distribuzione di XO in Europa si incaricherà Amazon, e la versione commercializzata sarà quella canonica con il sistema operativo basato su Linux piuttosto che la più recente edizione XP-powered .

Al momento, dice il NY Times , nel mondo ci sono 500mila XO e altrettanti sono in via di distribuzione o produzione, e per dare una spinta in più alla diffusione della Children’s Machine e della filosofia che anima l’intero progetto OLPC è in avvio una campagna pubblicitaria a opera dei grandi media statunitensi .

La campagna , che prevede donazioni di spazi in tv e magazine, è orchestrata dall’agenzia pubblicitaria Taxi che negli spot mette in risalto l’importanza dell’educazione (e quindi dell’informatizzazione) in luoghi del mondo in cui i bambini vengono fatti lavorare come schiavi, sono costretti a prostituirsi o, nella migliore delle ipotesi, devono imbracciare le armi per uccidere se vogliono vivere un giorno in più delle vittime.

Negroponte è intenzionato a coinvolgere in questa “pubblicità progresso” anche Yoko Ono, per l’utilizzo di ricostruzioni digitali del “Beatle” John Lennon in uno scenario che evochi la possibilità di annullare, naturalmente grazie a XO, il divario digitale tra ricchi e poveri .

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Fai il login o Registrati scrive:
    Collegare la cam al cervello
    Perchè non collegare tutto al nervo che porta l'immagine al cervello?
    • painlord2k scrive:
      Re: Collegare la cam al cervello
      - Scritto da: Fai il login o Registrati
      Perchè non collegare tutto al nervo che porta
      l'immagine al cervello?Perché attualmente non si può fare.Ci sono problemi ancora da superare al riguardo dell'interfaccia tra silicio e neuroni (tende a formarsi del tessuto cicatriziale che impedisce il passaggio dei dati).Una o due persone che hanno un impianto can telecamera collegato direttamente al cervello hanno una visione di 8x8 pixel (che è pochino). Si sta lavorando per avere risoluzioni più elevate (64x64) ma ci vuole tempo e comunque siamo lontani dalla risoluzione di un occhio sano.L'artista ha ancora un occhio sano, quindi non ha motivo di farsi fare un buco nel cranio per una cosa ancora così misera.In futuro, magari....
  • Giustamente interessat o scrive:
    L'alimentazione
    Ma per alimentare l'occhio cosa fa? Lo toglie e lo mette in carica?
    • painlord2k scrive:
      Re: L'alimentazione
      - Scritto da: Giustamente interessat o
      Ma per alimentare l'occhio cosa fa? Lo toglie e
      lo mette in carica?Si può ricaricare wireless, volendo.Niente di nuovo sotto il sole.
  • 5Lire scrive:
    trovata pubblicitaria...
    chiaramente è una trovata pubblicitaria...o l'inizio dei cyborg boy/girl? :Dsecondo me è chiaramente una trovata pubblicitaria, confermata dal fatto che questa qui non pensa a recuperare l'occhio ma al suo bel reality...cosa non si farebbe per fama e successo?
  • enrico scrive:
    quale dei 2 è finto sulla foto
    ma su quella foto quale dei 2 occhi è finto?
  • Marco Morello scrive:
    Bertrand Tavernier
    "La morte in diretta" di Bertrand Tavernier nel 1980 raccontava di Harvey Keitel che girava con una telecamera nel cervello. Te pensa.
    • emmeesse scrive:
      Re: Bertrand Tavernier
      Film bellissimo. Terribile.Ma se non vado errato anche Almodovar aveva fatto qualcosa di simile.Insomma l'idea non e' nuova.E' solo disgustosa IMHO(l'arte deve essere anche disgustosa, sia chiaro)
  • Preoccuposo scrive:
    Ma non avrà effetti collaterali?
    Voglio dire, un coso bluetooth a pochi millimetri dal cervello 24h su 24...
    • Dti Revenge scrive:
      Re: Ma non avrà effetti collaterali?
      Guarda il lato positivo.Ha una MicroSd card da 4GB espandibile.... chissà quante foto (rotfl)(rotfl)(rotfl)
      • GoldenBoy scrive:
        Re: Ma non avrà effetti collaterali?
        ma poi tutto per...raccontare la sua vita in un REALITY...ma va va, nemmeno fosse per qualcosa di piu sensato...sta qua sta a pensare ai reality...bah...
        • Funz scrive:
          Re: Ma non avrà effetti collaterali?
          - Scritto da: GoldenBoy
          ma poi tutto per...raccontare la sua vita in un
          REALITY...ma va va, nemmeno fosse per qualcosa di
          piu sensato...sta qua sta a pensare ai
          reality...bah...Dipende da quanto la pagano, no?
          • Vendicator3 scrive:
            Re: Ma non avrà effetti collaterali?
            - Scritto da: Funz
            - Scritto da: GoldenBoy

            ma poi tutto per...raccontare la sua vita in un

            REALITY...ma va va, nemmeno fosse per qualcosa
            di

            piu sensato...sta qua sta a pensare ai

            reality...bah...

            Dipende da quanto la pagano, no?Esatto.
        • Occhio scrive:
          Re: Ma non avrà effetti collaterali?
          Mi scandalizzerei un po' solo se qualcuno volesse cavarsi un'occhio per metterci una telecamera, ma lei l'occhio già non l'ha più. Così come noi vogliamo fare quel che ci pare con i nostri occhi, pure vederei reality, così mi pare giusto che lei voglia fare quel che vuole con il suo occhio mancante.
          • Duiunou scrive:
            Re: Ma non avrà effetti collaterali?
            Se l'occhio è mancante in quanto tale non può farci proprio niente! Semmai con la cavità oculare, quella ce l'ha ancora...
          • iride scrive:
            Re: Ma non avrà effetti collaterali?
            potrebbe alloggiare anche un videoregistratore in testa, dato che a quanto pare mancando il cervello c'è altro spazio utilizzabile per batterie e unità di storage.
Chiudi i commenti