Open source, la spinta francese

Il premier transalpino vuole un maggiore impiego di tecnologie open nella PA. Con LibreOffice e PostgreSQL a guidare il gruppo

Roma – Un nuovo pacchetto di linee guida per favorire l’utilizzo di software libero nelle pubbliche amministrazioni in terra francese . Ad annunciarlo è stato il premier transalpino Jean-Marc Ayrault, che ha invitato tutte le organizzazioni statali a trovare alternative open source nelle fasi di sviluppo e aggiornamento delle varie applicazioni IT.

Nella visione illustrata da Ayrault, l’introduzione di tecnologie legate al software libero permetterà un significativo abbattimento dei costi di licenza , aumentando allo stesso tempo il livello di flessibilità e competitività nel mercato IT. Il Primo Ministro francese ha invocato una maggiore collaborazione con l’intera comunità degli sviluppatori a codice aperto.

Per aumentare il livello di competitività nel settore, Ayrault ha incoraggiato l’adozione di piattaforme come LibreOffice e PostgreSQL . Ad oggi, il 15 per cento del budget per la spesa pubblica nei servizi IT viene utilizzato per implementare tecnologie open source nelle varie organizzazioni della PA.

Sull’importanza del codice aperto nelle istituzioni comunitarie è intervenuto anche il vicepresidente della Commissione Europea Neelie Kroes: almeno il 5 per cento dei fondi destinati all’innovazione dovrebbe essere utilizzato per alimentare lo sviluppo di piattaforme aperte e votate alla collaborazione dei programmatori.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • shevathas scrive:
    a cosa serve la stampa 3D
    Principalmente a stampare prototipi per test di usabilità e verifiche di ingombro, o modellini per verificare l'aerodinamica.Al più ti puoi stampare i pupazzetti di warharmer 40K e basta.Non è un oggetto che ha molti usi per un utente casalingo, a parte fare sboronate con gli amici.Saltiamo a piè pari l'idiozia di stampare gli edifici.
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: a cosa serve la stampa 3D
      - Scritto da: shevathas
      Principalmente a stampare prototipi per test di
      usabilità e verifiche di ingombro, o modellini
      per verificare
      l'aerodinamica.Anche i masterizzatori in origine servivano solo per preparare il master (vale a dire, il prototipo da duplicare poi, con altre tecnologie, sui cd destinati alla vendita).Inoltre, una ventina di anni fa, le stampanti (intendo quelle normali, che all'epoca erano in genere a matrice di punti o a margherita) stampavano bene solo il testo, e sembrava idiota l'idea di usarle per stampare fotografie in casa.
    • Surak 2.0 scrive:
      Re: a cosa serve la stampa 3D
      Per l'utente casalingo sarà come avere un trapano.Mediamente lo userà una volta l'anno (non parlo degli hobbysti) ma credo che grossomodo ce ne sia uno in tutte le case proprio perchè prima o poi serve, ci fosse più senso della comunità e della roba comune, magari basterebbe che ce ne fosse uno per condominio così come qualunque atrezzatura del genere.Credo che varrà anche per queste stampanti, quando i prezzi saranno comunemente abbordabili (magari a discapito della precisione raggiunta in quel momento, quindi uno di "fascia bassa")ma prima ci saranno copisterie 3d (e qualcuna si trova in rete)Per quanto riguarda gli usi, dipende... chiaramente ci sono ancora dei limiti che riducono le possibilità (non mi sembra si possano fare robe trasparenti) ma per le dimensioni limitate magari si può ovviare facendo più parti, quindi in teoria e accontentandosi (nel senso che chiaramente bisogna adattarsi) con un po' di astuzia si potrebbe fare un arredamento completo. Altrettanto chiaro, sorvolando sui costi che non è dato sapere.I ragazzini poi, almeno quelli di una volta, ci passerebbero ore a fare oggetti e prototipi di vario genere, anche se quelli di oggi sembrano preferire "i premasticati" in tutto, pure nelle idee. Se così fosse, l'apprendimento dei concetti di modellizzazione sarebbe diffuso e questo sarebeb un bene già di per se
    • FDG scrive:
      Re: a cosa serve la stampa 3D
      - Scritto da: shevathas
      Saltiamo a piè pari l'idiozia di stampare gli
      edifici.Se riesci a trovare un materiale in grado di sostituire l'accoppiata calcestruzzo e acciaio, ti basta una stampante sufficientemente grande. Via impalcature, ponteggi e manodopera. Dove sta l'idiozia?
  • Sborone di Rubikiana memoria scrive:
    Una cosa così stupenda...
    ...e non ci sono nemmeno l'1% dei commenti per un articolo sull'iPhone.Tristezza. :'(
  • Surak 2.0 scrive:
    Un coso fatto così e cosà
    Un articolo dovrebbe dare un minimo di informazioni utili a farsi un'idea di a che a punto siamo con quella tecnologia rispetto ad altre.Quanto costa il materiale liquido? Quanto tempo di impiega a formare un prodotto standard (un oggetto identico per le varie macchine in modo da avere paragoni confrontabili)? Quanto costa la realizzazione dell'oggetto?Perchè anche se la macchina costa poco più di altre che usano la fusione dell'abs a vantaggio di una maggior precisione, se il prodotto costa varie volte di più, allora il mercato è molto più di nicchia.Tra l'altro qualcuno conosce progetti italiani di stampanti 3d visto che si decanta tanto la creatività italiana e la piccola impresa, e questo settore è uno di quelli alla portata anche di picole imprese tipiche di questo Paese. Oppure la creatività italiana si riduce al mettere delle borchie ganze ad una scarpa?
    • krane scrive:
      Re: Un coso fatto così e cosà
      - Scritto da: Surak 2.0
      Un articolo dovrebbe dare un minimo di
      informazioni utili a farsi un'idea di a che a
      punto siamo con quella tecnologia rispetto ad
      altre.
      Quanto costa il materiale liquido? Quanto tempo
      di impiega a formare un prodotto standard (un
      oggetto identico per le varie macchine in modo da
      avere paragoni confrontabili)? Quanto costa la
      realizzazione
      dell'oggetto?
      Perchè anche se la macchina costa poco più di
      altre che usano la fusione dell'abs a vantaggio
      di una maggior precisione, se il prodotto costa
      varie volte di più, allora il mercato è molto più
      di
      nicchia.
      Tra l'altro qualcuno conosce progetti italiani di
      stampanti 3d visto che si decanta tanto la
      creatività italiana e la piccola impresa, e
      questo settore è uno di quelli alla portata
      anche di picole imprese tipiche di questo Paese.
      Oppure la creatività italiana si riduce al
      mettere delle borchie ganze ad una scarpa?http://italianvalley.wired.it/news/2012/04/20/sharebot-stampante-3d-italia-93517.html
      • Surak 2.0 scrive:
        Re: Un coso fatto così e cosà
        - Scritto da: krane
        http://italianvalley.wired.it/news/2012/04/20/sharOk, visto grazie.Vedendo il sito e gli esempi, sembra un po' più grossolano nell'opera ma almeno c'è qualcosa che si muove pure in questo Paese.
        • Leguleio scrive:
          Re: Un coso fatto così e cosà
          - Scritto da: Surak 2.0
          - Scritto da: krane



          http://italianvalley.wired.it/news/2012/04/20/shar

          Ok, visto grazie.Io segnalo anche questo articolo che è piuttosto critico sulla convenienza di oggetti fabbricati con stampanti casalinghe: il pezzo fabbricato in serie costerà comunque di meno, al prezzo di fabbrica.http://www.keinpfusch.net/2012/06/stampanti-3d.htmlSo che fra i vari tipi di stampante c'è quella del progetto Arduino, ma non saprei dirti se è al 100 % italiano, al di là del nome.
          • krane scrive:
            Re: Un coso fatto così e cosà
            - Scritto da: Leguleio
            - Scritto da: Surak 2.0

            - Scritto da: krane
            http://italianvalley.wired.it/news/2012/04/20/shar

            Ok, visto grazie.
            Io segnalo anche questo articolo che è piuttosto
            critico sulla convenienza di oggetti fabbricati
            con stampanti casalinghe: il pezzo fabbricato in
            serie costerà comunque di meno, al prezzo di
            fabbrica.
            http://www.keinpfusch.net/2012/06/stampanti-3d.htmCapitan ovvio ha colpito ancora !!
          • Leguleio scrive:
            Re: Un coso fatto così e cosà
            - Scritto da: krane
            il pezzo
            fabbricato
            in

            serie costerà comunque di meno, al prezzo di

            fabbrica.



            http://www.keinpfusch.net/2012/06/stampanti-3d.htm

            Capitan ovvio ha colpito ancora !!Non sarei tanto sicuro che è ovvio. Questo articolo, e altre altrettanto acriticamente entusiasti, lasciano nel lettore l'idea che avere una stampante 3D in casa faccia risparmiare chissà che.
          • krane scrive:
            Re: Un coso fatto così e cosà
            - Scritto da: Leguleio
            - Scritto da: krane


            il pezzo

            fabbricato

            in


            serie costerà comunque di meno, al
            prezzo
            di


            fabbrica.







            http://www.keinpfusch.net/2012/06/stampanti-3d.htm



            Capitan ovvio ha colpito ancora !!

            Non sarei tanto sicuro che è ovvio. Questo
            articolo, e altre altrettanto acriticamente
            entusiasti, lasciano nel lettore l'idea che avere
            una stampante 3D in casa faccia risparmiare
            chissà che.Fa risparmiare sui costi di una piccola fabbrica !!!(rotfl)
          • Surak 2.0 scrive:
            Re: Un coso fatto così e cosà
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: Leguleio


            http://www.keinpfusch.net/2012/06/stampanti-3d.htm

            Capitan ovvio ha colpito ancora !!Direi più "Capitan Spam", perchè a me rimanda ad una confusionaria e sciocca pagina di un forum di bambini oppure ad un immagine sconcia
          • krane scrive:
            Re: Un coso fatto così e cosà
            - Scritto da: Surak 2.0
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: Leguleio






            http://www.keinpfusch.net/2012/06/stampanti-3d.htm



            Capitan ovvio ha colpito ancora !!

            Direi più "Capitan Spam", perchè a me rimanda ad
            una confusionaria e sciocca pagina di un forum
            di bambini oppure ad un immagine
            sconciaMi e' andata bene, ho beccato la seconda (rotfl)
          • Surak 2.0 scrive:
            Re: Un coso fatto così e cosà
            - Scritto da: krane
            Mi e' andata bene, ho beccato la seconda (rotfl)Appare la seconda se ci clicchi direttamente, ma se fai copiaincolla si ferma alla prima (avrai notato il mezzosecondo di reindirizzamento).Dato che sembrava che rispondevi seriamente credevo che ci fosse un problema con il mio browser (ecc)
          • krane scrive:
            Re: Un coso fatto così e cosà
            - Scritto da: Surak 2.0
            - Scritto da: krane

            Mi e' andata bene, ho beccato la seconda
            (rotfl)
            Appare la seconda se ci clicchi direttamente, ma
            se fai copiaincolla si ferma alla prima (avrai
            notato il mezzosecondo di reindirizzamento).
            Dato che sembrava che rispondevi seriamente
            credevo che ci fosse un problema con il mio
            browser
            (ecc)Ammetto di aver cliccato dopo aver risposto... Si ci sono caduto come un poppante (rotfl)(rotfl)(rotfl)
          • Surak 2.0 scrive:
            Re: Un coso fatto così e cosà
            - Scritto da: krane
            Ammetto di aver cliccato dopo aver risposto... Si
            ci sono caduto come un poppante
            (rotfl)(rotfl)(rotfl)Vista l'immagine, direi che avresti stare attento alle parole che usiCiao!
  • lol scrive:
    zeitgeist
    il venus project si avvicina sempre più... hahaahhaha
Chiudi i commenti