Opera tra licenziamenti e acquisizioni

Opera tra licenziamenti e acquisizioni

Il recente passaggio a WebKit coincide con l'allontanamento (pare volontario) del 10 per cento della forza lavoro di Opera, che però continua a spendere con la speranza di sfondare nel mobile
Il recente passaggio a WebKit coincide con l'allontanamento (pare volontario) del 10 per cento della forza lavoro di Opera, che però continua a spendere con la speranza di sfondare nel mobile

L’ annunciata adozione del layout engine WebKit non è l’unica novità recente riguardante Opera, visto che l’azienda norvegese è attiva sia sul fronte della ristrutturazione interna che su quello delle acquisizioni di società esterne. Il tutto all’insegna delle parole d’ordine del “nuovo” web: mobile e monetizzazione.

Stando a quanto evidenziato dai risultati finanziari pubblicati da Opera , abbandonare Presto – l’engine nativo del browser Opera – ha portato alla dismissione di 91 dipendenti variamente connessi con il progetto. La metà delle dismissioni è rappresentata da sviluppatori.

A quanto pare lo staff è stato accompagnato alla porta con un piano di incentivi su base “volontaria”, e la società giustifica questo importante snellimento con la necessità di razionalizzare lo sviluppo e la cura del business web secondo il nuovo corso.

Opera dice ora di avere il doppio delle risorse umane al lavoro sul browser desktop omonimo rispetto a prima, ma il focus principale della società norvegese è oramai il mobile . Prova ne sia l’ acquisizione – annunciata in seguito all’adozione di WebKit – di Skyfire, società specializzata in servizi “middleware” per l’ottimizzazione del traffico e dello streaming video sulle connessioni a banda ridotta come quelle dei gadget portatili e dei cellulari.

Tornando a WebKit, e alla possibilità che anche gli altri sviluppatori di browser web adottino l’engine supportato da Google e Apple, il CTO di Mozilla Brendan Eich esclude con forza questa possibilità nel caso di Firefox: Eich, che di web qualcosa capisce – è il creatore del linguaggio JavaScript – sostiene che la pluralità di piattaforme garantisce la salvaguardia dell’interoperabilità, e chi esorta a salire sulla barca di WebKit non avrebbe mai avuto a che fare con le condizioni imposte al mercato da una vera situazione di monopolio.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 19 feb 2013
Link copiato negli appunti