Oracle paga per chiudere con le mazzette

Accordo da 46 milioni di dollari con il Dipartimento di Giustizia per una questione ereditata da Sun Microsystems

Roma – Oracle si è accordata per una somma di 46 milioni di dollari per appianare la denuncia che la vedeva sul banco degli imputati per corruzione volta ad aggiudicarsi lavori governativi.

Il triangolo incriminato si è svolto tra il 1998 e il 2006: secondo l’accusa del Dipartimento di Giustizia, Sun Microsystem e altre aziende ICT avrebbero pagato mazzette ad Accenture PLC affinché questa raccomandasse alle agenzie federali i prodotti Sun. Anche in fase di stipulazione dei contratti, poi, Sun avrebbe fornito informazioni false e inaccurate agli ufficiali del governo.
Il giro d’affari riguardava contratti software per centinaia di milioni di dollari.

Con l’acquisto di Sun Microsystems lo scorso anno, Oracle ne ha ereditato anche gli oneri. Un caso simile aveva portato anche HP a pagare 55 milioni di dollari.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti