Cloud: continua investimento delle aziende

Cloud: continua investimento delle aziende

Negli ultimi due anni a causa del Covid-19 il passaggio al cloud si è accelerato, per rispondere a una nuova dinamica aziendale e sociale.
Negli ultimi due anni a causa del Covid-19 il passaggio al cloud si è accelerato, per rispondere a una nuova dinamica aziendale e sociale.

Le aziende italiane stanno investendo sempre di più nel cloud. Ossia, nella possibilità di archiviare i dati online. Una necessità anche per stare al passo con le altre aziende internazionali. Oltre che per una questione di aggiornamento tecnologico.

Interessante, a tal proposito, è un recente report di Gartner, dal titolo “Market Impact: Cloud Shift — 2022 Through 2025“.

Secondo quest’ultimo, entro i prossimi tre anni, più della metà della spesa IT aziendale passerà al clouding, e già nel 2022, con questo passaggio, ci saranno in gioco più di 1,3 trilioni di dollari di spesa IT aziendale, che cresceranno fino a quasi 1,8 trilioni di dollari nel 2025.

Vediamo altri dati interessanti del report.

Aziende italiane si affidano sempre più al Cloud

Per Gartner, rispetto al 41% del 2022, tra tre anni il 51% della spesa IT aziendale, all’interno dei mercati che si occupano di software applicativo, di software infrastrutturale, di servizi di processo aziendale e dell’infrastruttura di sistema, passerà da soluzioni tradizionali al public cloud.

Quest’ultimo è un modello su cloud che offre risorse di elaborazione di un provider di terze parti condivise tra più organizzazioni.

Non solo, entro il 2025, quasi i due terzi (65,9%) della spesa per i software applicativi saranno destinati alle tecnologie cloud, rispetto al 57,7% del 2022.

Secondo Michael Warrilow, research vice president presso Gartner, negli ultimi due anni a causa del Covid-19 il passaggio si è accelerato, poiché le organizzazioni hanno risposto a una nuova dinamica aziendale e sociale.

L’importanza del Cloud

Sempre secondo Gartner, l’adozione da parte delle aziende del distributed cloud, un servizio di tipo public che viene eseguito in più luoghi, ha il potenziale per accelerare ulteriormente il passaggio perché porta i servizi public cloud in domini che non lo sono. Espandendo di fatto il mercato.

Le organizzazioni, infatti, lo stanno valutando per la sua capacità di soddisfare i requisiti di location-specific, come la sovranità dei dati, la bassa latenza e la larghezza di banda.

Per sfruttare il passaggio al cloud, Gartner consiglia ai technology e services provider di rivolgersi ai segmenti di mercato dove il passaggio si sta già realizzando in modo più aggressivo.

Dove trovare servizio migliore

Il Clouding è comunque un passaggio delicato. Perché si mettono in rete dati sensibili per privati ed aziende. Affidarsi ad una società leader resta la cosa migliore da fare. E OVH Cloud può essere la scelta ideale. Scopri di più sul servizio da questo link.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 15 feb 2022
Link copiato negli appunti