P2P, la Nuova Zelanda prepara la ghigliottina

Approvata in Parlamento la famigerata sezione 92A della nuova legge kiwi a tutela del copyright. Uno specifico tribunale potrà sanzionare gli scariconi con multe fino a 9mila euro. E obbligare gli ISP a sospendere gli account per 6 mesi

Roma – 111 voti a favore, appena 11 contrari . Così si è espresso il Parlamento della Nuova Zelanda, che ha dunque approvato le controverse previsioni del famigerato Copyright (Infringing File Sharing) Amendment Bill . Ovvero il disegno di legge volto ad una significativa riscrittura delle disposizioni locali a tutela del diritto d’autore.

La nuova sezione 92A entrerà così in vigore a partire dal prossimo primo settembre, definitivamente approvata in Parlamento dopo un iter a dir poco travagliato. La ghigliottina neozelandese si era infatti inceppata nel corso del 2009, sulle vibranti proteste da parte di utenti e fornitori di connettività.

Il fuoco delle polemiche è dunque tornato a divampare, una vera e propria sinfonia di cinguettii su Twitter. Gli utenti neozelandesi neozelandesi sospettati di violazione del copyright verranno sottoposti ad un meccanismo molto simile a quello in vigore in Francia, basato su tre notifiche inviate dai vari provider su segnalazione da parte dei legittimi detentori dei diritti .

Gli stessi utenti verranno considerati colpevoli fino a prova contraria , rischiando sanzioni pecuniarie fino a 15mila dollari neozelandesi (circa 9mila euro). Ma non è tutto: i giudici del Copyright Tribunal potranno obbligare i vari ISP a sospendere gli account recidivi per un periodo massimo di 6 mesi .

Le proteste sono dilagate in Rete , in particolare a proposito dell’urgenza con cui i legislatori neozelandesi hanno approvato la sezione 92A. C’è chi ha sottolineato come la legge sia stata concepita unicamente per offrire ai detentori dei diritti una strada a scorrimento veloce per combattere tutti quegli utenti colti in attività di file sharing e P2P.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Orfheo scrive:
    USA
    Gli USA non hanno avuto mai nulla da ridire, recentemente, sui sistemi di cifratura ed in particolare su Skype.Chissa' perche'? ;-)Orfheo.
Chiudi i commenti