Parte la firma digitale italiana

Il primo periodo di sperimentazione riguarda nove Camere di commercio, poi si estenderà e toccherà i cittadini e gli operatori interessati
Il primo periodo di sperimentazione riguarda nove Camere di commercio, poi si estenderà e toccherà i cittadini e gli operatori interessati


Roma – La firma digitale che l’Italia ha incluso nelle proprie leggi con largo anticipo sulla grande maggioranza dei paesi dell’Unione europea esce finalmente dalle norme ed entra nella realtà. E ‘ infatti partito un primo progetto pilota che prevede il coinvolgimento iniziale di nove Camere di commercio.

L’idea di fondo è di verificare da qui al prossimo aprile 2000 il funzionamento, i problemi e i vantaggi della firma digitale e quindi dei documenti elettronici validi agli effetti di legge. Da quel momento il progetto si estenderà non solo ad altre Camere di commercio ma anche agli operatori, come notai, commercialisti e via dicendo, interessati dal provvedimento.

Il supporto per l’uso della firma digitale è la smart card e riguarderà per il momento Bari, Brescia, Catania, Cuneo, Ferrara, Lucca, Pisa, Taranto e Trieste. Infocamere, che si occupa del progetto, conta di consegnare 800mila smart card entro la fine del prossimo anno.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

21 12 1999
Link copiato negli appunti