Partito Pirata e Anonymous uniti nella lotta

Le compagini britanniche e statunitensi chiedono la fine di Operation Payback. Basta agli attacchi DDoS. La violenza favorisce i sostenitori del copyright, occorre un dialogo

Roma – Il Partito Pirata ha chiesto ufficialmente la fine di Operation Payback . In una lettera indirizzata agli autori degli attacchi DDoS contro siti che difendono gli interessi dei detentori dei diritti, gli esponenti britannici e statunitensi dell’organizzazione chiedono la fine delle ostilità: sostenendo che il proseguimento dei sabotaggi digitali da parte di alcuni membri di 4Chan non otterrebbe altro risultato che quello di giocare a favore di coloro che piegano la legge sul diritto d’autore a scopi personali , ostacolando la battaglia per la riforma della legge attraverso vie legittime.

In uno stralcio della missiva si legge: “chiediamo di cessare immediatamente gli attacchi DDoS e di trovare, invece, un metodo legale utile e esprimere la frustrazione e l’inquietudine nei confronti dell’industria del copyright e le sue perversioni”. L’appello del Partito Pirata, per la verità, arriva proprio nel momento in cui il collettivo di cyberattivisti chiamati Anonymous pare aver deciso di deporre le armi, rinunciare alla manomissione dei siti considerati nemici e percorrere la strada del dialogo.

Il nuovo approccio “non violento” da parte degli Anonymous prevede la creazione di una lista di richieste rivolte ai governi di tutto il mondo, allo scopo di essere inclusi nel dibattito politico sui temi della cultura libera, brevetti, privacy e copyright e per chiedere la riforma della legge sul diritto d’autore e la fine delle azioni legali contro i pirati. “Ciò che stiamo tentando di fare ora – si legge su TorrentFreak – è ordinare le idee e far sì che siano ascoltate e realizzate”.

La svolta “pacifista” degli Anonymous non è di certo passata inosservata tra gli osservatori, soprattutto perché si conforma agevolmente alla politica intrapresa dal Pirate Party britannico e statunitense. Questi ultimi, infatti, sembrano essere riusciti a comunicare il messaggio per il quale la continuazione delle attività di pirateria e azioni di cracking regalerebbe ai legislatori un buon motivo per ignorare le istanze a favore del fair copyright e della libertà di parola.

Per il momento, da Anonymous sembrano aver accolto l’appello alla pace.

Cristina Sciannamblo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • spacevideo scrive:
    invito la redazione ad approfondire
    Movie On Demand è un progetto italiano con soldi italiani e ricavi che rimangono in italia, pensiamo di aver dato il lancio a quello che sarà uno dei progetti più apprezzati, come da oggetto invito la redazione ad approfondire su questo discorso e a monitorera il progetto.Basti pensare che nonostante i pochissimi film disponibili oggi, continuiamo ad avere ogni giorno registrazioni, i numeri non sono ancora divulgabili, ma sono numeri di tutto rispetto.Giusto il 13 Dicembre abbiamo avuto un incontro nella sede torinese di confesercenti e ci sono in merito comunicati stampa.
  • Funz scrive:
    Ma tanto in Italia non c'è
    Noi ci abbiamo le videoteche, siamo trooppoo avanti!
    • Rouge scrive:
      Re: Ma tanto in Italia non c'è
      Anche da noi ci sono stati servizi simili, come Filmacasa o DVDNetRent.Però sono rapidamente falliti...un pò per il nostro servizio postale disastroso, un pò per i furti nei depositi postali, un pò per una poca trasparenza degli utenti...Peccato
    • ottomano scrive:
      Re: Ma tanto in Italia non c'è
      - Scritto da: Funz
      Noi ci abbiamo le videoteche, siamo trooppoo
      avanti!Beh, dai no. Se hai un TV LG hai Netcast che ha servizi come Acetrax. Samsung con Internet@TV supporta Acetrax, così come Sony e Panasonic.Anche molti lettory bluray ormai lo supportano.I prezzi sono sensibilmente inferiori a Blockbuster e non devi uscire di casa, magari sotto la pioggia, per affittare un DVD che probabilmente non c'è.Acetrax ha un paio di problemi: la qualità solo SD, dovuta alle connessioni lente, ed un catalogo ancora abbastanza ristretto.Nicola
      • Dottore scrive:
        Re: Ma tanto in Italia non c'è
        In aggiunta ci sono anche XBOX live e playstation network che offrono lo stesso servizio.
      • Funz scrive:
        Re: Ma tanto in Italia non c'è
        - Scritto da: ottomano
        - Scritto da: Funz

        Noi ci abbiamo le videoteche, siamo trooppoo

        avanti!

        Beh, dai no. Se hai un TV LG hai Netcast che ha
        servizi come Acetrax. Samsung con Internet@TV
        supporta Acetrax, così come Sony e
        Panasonic.
        Anche molti lettory bluray ormai lo supportano.
        I prezzi sono sensibilmente inferiori a
        Blockbuster e non devi uscire di casa, magari
        sotto la pioggia, per affittare un DVD che
        probabilmente non
        c'è.Interessante, grazie (anche agli altri).
        Acetrax ha un paio di problemi: la qualità solo
        SD, dovuta alle connessioni lente, ed un catalogo
        ancora abbastanza
        ristretto.siamo un Paese in via di sviluppo... o di de-sviluppo.
    • spacevideo scrive:
      Re: Ma tanto in Italia non c'è
      a febbraio/marzo ci saranno novità anche in questo ambito, Movie On Demand sta decollando, per il momento disponibile per chi lo vuole provare con titoli non cero di richiamo, ma per tale data arriveranno titoli importanti, gli accordi sono chiusi, le Major hanno capito la validità del progetto che proprio grazie alle videoteche ha il suo punto di forza.
      • Funz scrive:
        Re: Ma tanto in Italia non c'è
        - Scritto da: spacevideo
        a febbraio/marzo ci saranno novità anche in
        questo ambito, Movie On Demand sta decollando,
        per il momento disponibile per chi lo vuole
        provare con titoli non cero di richiamo, ma per
        tale data arriveranno titoli importanti, gli
        accordi sono chiusi, le Major hanno capito la
        validità del progetto che proprio grazie alle
        videoteche ha il suo punto di
        forza.Mi permetto di essere scettico. Finché le major non ci mettono TUTTO il loro catalogo non ha senso, e non decollerà mai. E aspetto anche di vedere i prezzi, non mi aspetto niente di buono ;)
Chiudi i commenti